Politica 12 Novembre 2020

Medicina del territorio, Lazzari (CNOP): «Il 90% delle Regioni non ha assunto psicologi nelle Usca»

In Commissione Sanità al Senato l’audizione di David Lazzari, il Presidente del CNOP: «In ambito psicologico i cittadini ricevono risposte in un caso su 5, un tasso molto basso. Il bisogno di assistenza psicologica al contrario aumenta: il 90% dei cittadini vorrebbe gli psicologi nei servizi pubblici»

Medicina del territorio, Lazzari (CNOP): «Il 90% delle Regioni non ha assunto psicologi nelle Usca»

«È mancata da sempre una messa a sistema della psicologia nei servizi territoriali: serve un investimento complessivo in questo campo». Davanti ai senatori della Commissione Sanità che stanno lavorando all’Affare assegnato sul potenziamento e la riqualificazione della medicina territoriale nell’epoca post Covid, il Presidente del Consiglio Nazionale Ordine Psicologi, David Lazzari, ha ripetuto quello che va ripetendo da tempo: alla crescita dei bisogni psicologi della popolazione non è seguita un’adeguata risposta dei servizi pubblici, soprattutto là dove c’era più bisogno, cioè nella medicina del territorio. Il documento.

USCA SENZA PSICOLOGI

Un cambiamento in questo senso sembrava rappresentato dalle USCA, le Unità Sanitarie di Continuità Assistenziale: il Dl Rilancio prevede che le Regioni possano assumere psicologi per integrare questi team sino al 31 dicembre 2021. Ma al momento il Dl è rimasto lettera morta: «Così non è stato – ha sottolineato Lazzari – perché il 90% delle regioni non ha inserito psicologi nelle USCA».

IL BISOGNO PSICOLOGICO CRESCE

Il ragionamento del Presidente del CNOP parte da dati preoccupanti: «Sappiamo che per quanto riguarda i LEA in ambito psicologico i cittadini ricevono risposte in un caso su 5, un tasso molto basso – spiega Lazzari -. Il bisogno di assistenza psicologica al contrario aumenta: il 90% dei cittadini vorrebbe gli psicologi nei servizi pubblici».

Un bisogno che, inevitabilmente, è cresciuto molto in tempi di pandemia: «Lo psicologo si occupa degli equilibri adattativi. Oggi si usa molto la parola resilienza, lo psicologo è promotore di resilienza».

Nonostante le tante leggi che evidenziano l’importanza del sostegno psicologico («Anche nel Piano nazionale della cronicità che comporta una revisione dell’assistenza è previsto un ruolo importante dell’assistenza psicologica», ricorda Lazzari), la realtà normativa non ha seguito questa esigenza crescente dei cittadini: «Serve un investimento complessivo in questo campo – spiega il Presidente CNOP -. Per poter assicurare la trasversalità propria dello psicologo le risorse professionali devono essere gestite in maniera integrata e coordinata. Gli psicologi sono pochi dal punto di vista numerico e non hanno nessuna possibilità di autogestione: in molte regioni possono operare solo nell’ambito di determinati servizi. Un Direttore di Asl che volesse distribuire le competenze psicologiche non ha questa possibilità: nell’80% delle Asl manca questo livello di coordinamento».

L’INTEGRAZIONE TRA LE PROFESSIONI

Lazzari però non pensa a uno psicologo scollegato dagli altri professionisti della sanità, ma anzi lo immagina all’interno di un lavoro di équipe: «Siamo una figura che promuove l’integrazione con le altre professioni. La persona è un organismo psicobiologico. Secondo noi questa deve essere l’occasione perché ci sia un allineamento tra la missione della professione e la realtà del sistema. C’è un gap molto forte, la psicologia è cresciuta ma non c’è stato un pensiero che ha messo a sistema tutto ciò. Non abbiamo avuto voce in capitolo. Non rivendichiamo una separatezza, ma integrazione tra le discipline».

Lazzari ha poi ricordato alcune buone pratiche che possono essere da esempio: il protocollo INAIL – CNOP, tra gli altri, a cui però è mancata la fase attuativa, e anche le linee guida elaborate con l’ISS per la teleassistenza. E poi ha posto l’accento sulla situazione dell’infanzia, resa preoccupante dalla chiusura delle scuole: «Il 20 novembre è la Giornata dell’infanzia e dell’adolescenza – ha ricordato Lazzari -. Nei prossimi giorni vedrò la ministra Azzolina per capire l’impatto della situazione della scuola sui bambini».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Una giornata in un Covid hotel di Milano, dove i posti stanno per terminare
All'hotel Baviera del gruppo Mokinba forze dell’ordine, operatori sanitari e senza tetto aspettano in isolamento la negatività al virus
di Federica Bosco
Riforma medicina territoriale, Scotti (Fimmg): «Microteam e contratti legati al raggiungimento di obiettivi»
In Senato le audizioni di SIMG e FIMMG per riscrivere l’assistenza territoriale del futuro
Covid-19 e USCA, il “Comitato cure domiciliari” diffida la Regione Lazio ad implementarle
  Nel Lazio invece di una unità di una unità speciale ogni 50mila abitanti nel Lazio ce ne sarebbe una ogni 326.600. Per questo il Comitato per il diritto alla cura tempestiva domiciliare nell’epidemia di Covid-19” guidato dall’avvocato Grimaldi ha diffidato la Regione ad implementare ed attivare tempestivamente il numero delle USCA
Tar Lazio: «Visite domiciliari a malati Covid compito esclusivo delle Usca». Le reazioni
La sentenza accoglie in parte il ricorso di Smi: le visite domiciliari ai malati Covid non dovrebbero essere compito dei medici di famiglia. Appoggio anche da FNOMCeO, che ricorda i morti per mancanza di protezioni. Contraria l'Unità di Crisi Lazio
Covid-19, Boldrini (Pd): «USCA fondamentali ma tante regioni hanno difficoltà a trovare medici e infermieri»
La capogruppo del Pd in Commissione Sanità: «Tra quota 100 e blocco del turn over non è stato facile reclutare gli operatori sanitari. Proporrò un emendamento per allargare il numero di accessi a scienze infermieristiche»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 dicembre, sono 65.277.100 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.507.323 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 4 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli