Salute 5 Novembre 2020 08:05

Covid, lo studio Eurodap: le conseguenze psicologiche della pandemia dipendono dalla nostra personalità

Se si hanno tratti narcisistici ci si ritiene “superiori” al virus, con personalità ossessiva si sviluppano comportamenti maniacali, con tratti paranoidi si crede di più alle teorie del complotto

Covid, lo studio Eurodap: le conseguenze psicologiche della pandemia dipendono dalla nostra personalità

Emergenza sanitaria è anche emergenza psicologica per tantissimi italiani. Ma pochi sanno che i risvolti emotivi delle paure da pandemia dipendono anche dalla nostra personalità. Secondo un sondaggio dell’Eurodap (Associazione europea per il disturbo da attacchi di panico), che ha indagato su ciò che più spaventa il paese con l’arrivo della seconda ondata.

«La situazione di emergenza medica e socio-economica che stiamo vivendo può portare alla comparsa di una sintomatologia psicologica anche molto severa – spiega Eleonora Iacobelli, psicologa, presidente di Eurodap -. Il continuo stress e l’incertezza a cui siamo sottoposti non ci fa sentire sicuri, l’impatto emotivo e psicologico è devastante».

PERSONALITÀ E APPROCCIO AL VIRUS SONO CONNESSI

«Chi presenta tratti ossessivi seguirà con precisione le regole su detersione delle mani, distanza di sicurezza e mascherine – aggiunge -. Chi presenta tratti borderline da una parte soffrirà le restrizioni, ma dall’altra ne comprenderà la necessità. Tutti presentiamo in maniera più o meno evidente alcuni di questi tratti».

Con dei tratti narcisistici è più probabile sentirsi “superiore” al virus e sfidare anche lo norme per proteggersene. Mentre se si ha una tendenza paranoide è più facile cadere nella rete delle teorie complottistiche. Se si è invece una personalità “evitante”, la necessità di ridurre i contatti suonerà come un vero sollievo.

I RISULTATI DEL SONDAGGIO

Nell’indagine sono state coinvolte 629 persone. Per il 57% di loro la conseguenza psicologica più evidente resta la paura di essere contagiati o di poter contagiare gli altri senza saperlo. Un ulteriore 25% teme il ritorno del lockdown generale. Il restante 18% ha paura delle possibili conseguenze socio-economiche della situazione.

Alla domanda sull’emozione da cui si sentono dominati, il 79% ha risposto di sentirsi preoccupato e agitato. Solo il 7% ha assicurato di essere calmo e tranquillo. Inoltre, nonostante l’81% ammetta la possibilità di risvolti psicologici, solo il 43% pensa di poter migliorare grazie a un supporto psicologico.

Dall’indagine emergono alcuni consigli per gestire bene la propria salute psicologica nei prossimi mesi:

  • Attenersi rigorosamente alle indicazioni a tutela della salute pubblica, poiché sono finalizzate alla salvaguardia di ognuno di noi;
  • Evitare di controllare l’ansia attraverso la ricerca spasmodica d’informazioni;
  • Mantenere la calma poiché ansia e panico non aiutano nella gestione dell’emergenza, anzi, hanno l’effetto opposto e diminuendo le difese immunitarie ci espongono maggiormente al contagio;
  • Evitare di percepire le misure cautelative come una limitazione della libertà personale e sforzarsi, invece, di mantenere un atteggiamento psicologico positivo;
  • Non aver paura di chiedere aiuto qualora se ne abbia necessità. Più a lungo la sintomatologia viene ignorata maggiori sono le possibilità che diventi cronica.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato 

 

Articoli correlati
Nel mondo oltre 10 milioni di bambini orfani per la pandemia
A causa della pandemia, oggi nel mondo ci sono circa 10 milioni e mezzo di bambini senza genitori o tutori. L'allarme è stato lanciato da uno studio internazionale, secondo cui servono interventi urgenti
I nuovi virus che spaventano la comunità scientifica internazionale
Dal poliomavirus LsPyV KY187 alla febbre del pomodoro. Le preoccupazioni degli esperti
di Stefano Piazza
Pronto soccorso in crisi, la ricetta di Monti (Dir. PS): «Occorre forte coordinamento ospedale-territorio»
«Oggi molte persone si rivolgono al Pronto soccorso perché si trovano in difficoltà, noi dobbiamo dare una riposta» spiega Manuel Monti, Direttore del Pronto soccorso dell’ospedale di Gubbio-Gualdo Tadino
di Francesco Torre
Albenga (Savona), l’appello del sindaco Tomatis: «Ridateci il Pronto Soccorso»
Chiuso durante il Covid, il punto di primo intervento della cittadina ligure non ha riaperto dopo la pandemia. I cittadini hanno dato vita al movimento “senzaprontosoccorsosimuore”, raccolto firme e scritto al Presidente della Regione Liguria, mentre il Pronto Soccorso del Santa Corona a Pietra Ligure ora è al collasso
In due anni 16 milioni di contagi e oltre 160 mila morti: l’impatto del Covid-19 sul sistema ospedaliero italiano
Per la prima volta, grazie ad una collaborazione tra Istat e Agenas, è stato analizzato l’impatto della pandemia da SARS-CoV-2 sul sistema ospedaliero italiano. Il Rapporto, oltre a descrivere gli effetti sul complesso dei ricoveri attraverso un confronto con i dati pre-pandemia, esamina le caratteristiche salienti dei ricoveri per Covid-19. Ecco i risultati
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi