Voci della Sanità 15 Maggio 2020 14:55

Dl Rilancio, in arrivo 600 assistenti sociali per le USCA. Il CNOAS: «Testo da migliorare ma riconoscimento importante»

Le nuove unità saranno destinate alle Unità speciali di continuità assistenziale per il dopo Covid19. Il Presidente del CNOAS Gianmario Gazzi: «Pur comprendendo l’attuale obbligo finanziario di delimitare la durata delle assunzioni al dicembre 2020, lavoreremo perché non si torni indietro a considerare improduttive la spesa sanitaria e la spesa sociale»

Circa 600 assistenti sociali saranno assunti in tutta talia “ai fini della valutazione multidimensionale dei bisogni dei pazienti e dell’integrazione con i servizi sociali e socio sanitari territoriali, le aziende e gli enti del Servizio sanitario nazionale a supporto delle Unità speciali di continuità assistenziale”. È questo uno dei punti più importanti contenuti nel cosiddetto “Decreto Rilancio” approvato durante l’ultimo Consiglio dei Ministri e che ora passerà al vaglio del Parlamento.

«Abbiamo tenuto un proficuo confronto con i decisori politici perché il dopo Covid19 non si trasformasse in una catastrofe anche per le persone sopravvissute alla pandemia e tornate nelle loro abitazioni, spesso sole e senza assistenza – spiega il presidente del CNOAS, Consiglio Nazionale Ordini Assistenti Sociali, Gianmario Gazzi – Questo provvedimento riconosce il ruolo degli Assistenti sociali nel sistema socio-sanitario con un investimento specifico destinato alla loro presenza nelle neonate USCA. Pur comprendendo l’attuale obbligo finanziario di delimitare la durata delle assunzioni al dicembre 2020, lavoreremo perché non si torni indietro a considerare improduttive la spesa sanitaria e la spesa sociale».

LEGGI ANCHE: ASSISTENTI SOCIALI, GAZZI (CNOAS): «IN 10 ANNI 3MILA PROFESSIONISTI IN MENO. CRESCE LA POVERTÀ, VA RAFFORZATA INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA»

«Assieme a questa importante innovazione sono previsti specifici interventi per sostenere il Terzo settore ed in particolare i servizi a favore delle persone – aggiunge Gazzi – Un problema questo che coinvolge circa 7200 Assistenti sociali impegnati in queste organizzazioni. Non ultimo viene previsto un meccanismo più agile per utilizzare i Fondi Povertà e Politiche sociali (circa un miliardo di euro) per il 2020, ovvero circa 300 milioni in più dello scorso anno».

«Vogliamo ringraziare il ministero della Salute per l’attenzione posta alle nostre proposte che derivano dal nostro lavoro sul campo, sempre a fianco dei più fragili, resi ancora più indifesi da questa Pandemia – conclude – Continueremo a lavorare in sede di conversione del Decreto per migliorare, dove possibile, le diverse misure previste».

LEGGI ANCHE: FAME D’ARIA – CAPITOLO 1

Articoli correlati
Assistenti sociali, l’allarme del CNOAS: «Età media in sanità è più di 50 anni, serve ricambio generazionale. Sfruttare PNRR»
Il Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Assistenti Sociali festeggia l’ingresso nel ruolo sociosanitario della professione. La responsabile Sanità Mirella Silvani: «Ora declinare bene quali sono le funzioni, le attività, le competenze di chi entra a far parte di questo ruolo»
Carnevali (Pd): «Riconosciuto il diritto al corretto nome dell’inquadramento di assistenti sociali, sociologi ed OSS»
«La Camera dei deputati in sede di conversione del decreto “Sostegni bis” ha approvato l’emendamento, a mia prima firma, che riconosce finalmente il giusto inquadramento normativo agli assistenti sociali, sociologi ed operatori sociosanitari dipendenti del SSN istituendo, così, il ruolo sociosanitario ed affrancandoli dalla vetusta e inidonea collocazione nel ruolo tecnico, in cui erano confinati […]
Giovani, Gazzi (Cnoas): «Stop a depauperamento servizi. Non c’è salute senza sociale»
Il presidente degli Assistenti sociali alla Bicamerale infanzia e adolescenza: «Prevenire e intervenire insieme o ci perdiamo i ragazzi»
PNRR, CNOAS in audizione: «Basta con il Welfare a progetto. Mettere al centro i minorenni e le famiglie»
Audizione degli assistenti sociali alla Bicamerale Infanzia e adolescenza. Il presidente Gazzi: «Ci sono realtà che hanno avuto strumenti e persone e altre dove le colleghe e i colleghi hanno sopperito anche con mezzi propri alla mancanza di tutto»
Servizi pubblici, assistenti sociali figura più richiesta secondo relazione del CNEL
Gazzi (CNOAS): «Per l’85% di dirigenti, amministratori e cittadini intervistati siamo necessari alla ripartenza»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 4 agosto, sono 199.570.445 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.246.242 i decessi. Ad oggi, oltre 4.15 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Salute

Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva

Chi ne è esentato? E cosa deve fare chi è guarito? Intervista a Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva