Salute 4 Febbraio 2021 13:33

Mascherine a scuola, dopo la decisione del Consiglio di Stato il pediatra ribadisce: «Sono necessarie»

Bernardo (Direttore Medicina dell’Infanzia Fatebenefratelli-Sacco-Buzzi): «Il buon senso deve andare oltre la legge, ma opportuno dotare le scuole di un saturimetro per monitorare l’ossigenazione del sangue»

di Federica Bosco
Mascherine a scuola, dopo la decisione del Consiglio di Stato il pediatra ribadisce: «Sono necessarie»

Niente mascherina in classe se questa dà problemi respiratori. A stabilirlo è il Consiglio di Stato che ha accolto il ricorso dei genitori di una bambina di 9 anni che al termine delle lezioni presentava una ossigenazione al 92%. Per i magistrati, il Ministero della Salute non ha fornito prova della validità scientifica della mascherina ai fini del contenimento della diffusione del virus. Un giudizio che spacca l’opinione pubblica: sono infatti oltre 500 i genitori di minori che hanno creato un gruppo contro le misure adottate, mentre i medici invitano alla prudenza.

«Sì alla mascherina chirurgica»

Luca Bernardo, Direttore del Dipartimento di Medicina dell’Infanzia e dell’Età Evolutiva dell’ASST Fatebenefratelli-Sacco-Buzzi di Milano e consulente del Miur, spiega il corretto utilizzo della mascherina chirurgica: «Il mio consiglio è che vada portata – sottolinea Bernardo -. Non entro nel merito del Consiglio di Stato, che è la massima autorità, però credo che la maschera chirurgica sia molto importante da portare indipendentemente dall’età».

«Certo – aggiunge – non mi riferisco ai bambini molto piccoli, ma per quelli in età scolare è utile perché protegge chi è positivo, e non sa di esserlo, ma è ugualmente contagioso. Ricordo, infatti, che la trasmissione può avvenire da adulti a bambini, e viceversa. Si è visto addirittura che i bambini possono trasmettere il virus più facilmente degli adulti. Quindi a volte il buon senso deve andare oltre la legge».

Mascherina necessaria per chi soffre di patologie croniche

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità da 0 a 5 anni la mascherina non deve essere indossata, dai 6 agli 11 anni occorre tenere conto della situazione epidemiologica scolastica, oltre i 12 anni è obbligatoria come per gli adulti. Sempre necessaria, inoltre, per minori che soffrono di patologie croniche, fibrosi cistica, immunodeficienze e tumori. In questi casi per monitorare un’eventuale insufficienza respiratoria per uso prolungato della mascherina, il professor Bernardo suggerisce per le scuole l’adozione di un saturimetro.  

Quando diventa un problema psicologico

«La presenza di uno strumento per rilevare l’ossigenazione nel sangue sarebbe molto utile per capire quando esiste una reale difficoltà respiratoria o quando invece, nonostante una saturazione normale (98,99%), il bambino mostra malessere – spiega il medico -. Allora il problema potrebbe essere di natura psicologica. Di fronte a tale eventualità, è indispensabile rassicurare il bambino, tranquillizzarlo e spiegare perché è utile indossarla. In ogni caso il saturimetro permette, insieme al controllo della temperatura, di avere due dati importanti per l’ingresso a scuola», conclude Bernardo.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Sequestro mascherine, Cisl Medici Lazio: «Nostre richieste rimaste inascoltate»
«La Cisl Medici Lazio ha notizia che a seguito del decreto di sequestro della Guardia di Finanza di Gorizia le Asl e le Aziende ospedaliere del Lazio stanno in queste provvedendo all’urgente ritiro di alcune tipologie di mascherine, alla immediata sospensione dell’utilizzo delle stesse e alla riconsegna di tali mascherine ai magazzini». È quanto si […]
Nuovo report Cabina di Regia: «Scende incidenza ma terapie intensive ancora sopra soglia critica»
Brusaferro: «Rt in decrescita. L’occupazione delle terapie intensive è ancora sopra il 41% e quella delle aree mediche è superiore al 44%». Rezza: «Variante inglese non può essere più definita variante: è il nuovo ceppo»
Studio Tsunami, il plasma non riduce rischio di peggioramento o morte dei malati Covid
Intervista al coordinatore dello studio Francesco Menichetti: «Debole segnale di vantaggio solo in pazienti senza grave insufficienza respiratoria»
di Federica Bosco
Covid-19, Draghi: «I vaccini ci sono. Priorità ai più fragili per riaprire tutto»
Locatelli: «Fiducia su AstraZeneca. Eventi avversi estremamente rari»
Terapie domiciliari Covid, Senato approva Odg che impegna governo ad aggiornare protocolli e linee guida
Una mozione della Lega è stata trasformata in Ordine del giorno sottoscritto da tutti i partiti. Previsto anche un tavolo di monitoraggio ministeriale. Soddisfazione da parte di Erich Grimaldi, Presidente del Comitato Terapie Domiciliari
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 aprile, sono 136.063.656 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.937.096 i decessi. Ad oggi, oltre 773,55 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...