Salute 4 Febbraio 2021 13:33

Mascherine a scuola, dopo la decisione del Consiglio di Stato il pediatra ribadisce: «Sono necessarie»

Bernardo (Direttore Medicina dell’Infanzia Fatebenefratelli-Sacco-Buzzi): «Il buon senso deve andare oltre la legge, ma opportuno dotare le scuole di un saturimetro per monitorare l’ossigenazione del sangue»

di Federica Bosco
Mascherine a scuola, dopo la decisione del Consiglio di Stato il pediatra ribadisce: «Sono necessarie»

Niente mascherina in classe se questa dà problemi respiratori. A stabilirlo è il Consiglio di Stato che ha accolto il ricorso dei genitori di una bambina di 9 anni che al termine delle lezioni presentava una ossigenazione al 92%. Per i magistrati, il Ministero della Salute non ha fornito prova della validità scientifica della mascherina ai fini del contenimento della diffusione del virus. Un giudizio che spacca l’opinione pubblica: sono infatti oltre 500 i genitori di minori che hanno creato un gruppo contro le misure adottate, mentre i medici invitano alla prudenza.

«Sì alla mascherina chirurgica»

Luca Bernardo, Direttore del Dipartimento di Medicina dell’Infanzia e dell’Età Evolutiva dell’ASST Fatebenefratelli-Sacco-Buzzi di Milano e consulente del Miur, spiega il corretto utilizzo della mascherina chirurgica: «Il mio consiglio è che vada portata – sottolinea Bernardo -. Non entro nel merito del Consiglio di Stato, che è la massima autorità, però credo che la maschera chirurgica sia molto importante da portare indipendentemente dall’età».

«Certo – aggiunge – non mi riferisco ai bambini molto piccoli, ma per quelli in età scolare è utile perché protegge chi è positivo, e non sa di esserlo, ma è ugualmente contagioso. Ricordo, infatti, che la trasmissione può avvenire da adulti a bambini, e viceversa. Si è visto addirittura che i bambini possono trasmettere il virus più facilmente degli adulti. Quindi a volte il buon senso deve andare oltre la legge».

Mascherina necessaria per chi soffre di patologie croniche

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità da 0 a 5 anni la mascherina non deve essere indossata, dai 6 agli 11 anni occorre tenere conto della situazione epidemiologica scolastica, oltre i 12 anni è obbligatoria come per gli adulti. Sempre necessaria, inoltre, per minori che soffrono di patologie croniche, fibrosi cistica, immunodeficienze e tumori. In questi casi per monitorare un’eventuale insufficienza respiratoria per uso prolungato della mascherina, il professor Bernardo suggerisce per le scuole l’adozione di un saturimetro.  

Quando diventa un problema psicologico

«La presenza di uno strumento per rilevare l’ossigenazione nel sangue sarebbe molto utile per capire quando esiste una reale difficoltà respiratoria o quando invece, nonostante una saturazione normale (98,99%), il bambino mostra malessere – spiega il medico -. Allora il problema potrebbe essere di natura psicologica. Di fronte a tale eventualità, è indispensabile rassicurare il bambino, tranquillizzarlo e spiegare perché è utile indossarla. In ogni caso il saturimetro permette, insieme al controllo della temperatura, di avere due dati importanti per l’ingresso a scuola», conclude Bernardo.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Ogni anno di studio aumenta l’aspettativa di vita
Ogni anno trascorso a scuola o all’università migliora l’aspettativa di vita. Al contrario non frequentare ha tassi di mortalità pari al fumare o al bere molto. Almeno questo è quanto emerso dal primo studio sistematico che collega direttamente l’istruzione al guadagno in longevità, pubblicato sulla rivista The Lancet Public Health
“Movember”: la Società Italiana di Urologia in Senato per promuovere informazione e prevenzione sui tumori maschili
La Siu ha presentato la sua campagna di informazione e sensibilizzazione sui tumori della prostata e dei testicoli. Al centro del dibattito la necessità di un cambiamento culturale nella percezione che gli uomini hanno della propria salute ma anche le difficoltà dei clinici ad agire senza una normativa specifica che ne tuteli le scelte e le azioni. Il contrappasso è il rischio di una medicina difensiva costosa e inutile.
Rientro a scuola: dai pediatri consigli per ritornare sereni tra i banchi
Mai saltare la colazione ed evitare l'uso dello smartphone prima di andare a dormire. Sono due dei principali consigli diffusi dai pediatri della Federazione italiana medici pediatri (Fimp), rivolti agli oltre 8 milioni di bambini e ragazzi che tra meno di una settimana ritorneranno a scuola
Scuola: logopedisti, in vacanza passatempi in famiglia per prepararsi alla Primaria
Il passaggio dalla scuola dell’infanzia alla “scuola dei grandi” può essere favorito dalla preparazione alle abilità di letto-scrittura, a vantaggio di un migliore rendimento scolastico o dell’intercettazione di piccoli con difficoltà di apprendimento. La Federazione dei Logopedisti (www.fli.it) sensibilizza alla problematica, invitando questa estate mamma, papà e bimbi a fare tanti giochi in famiglia
Covid, alcune persone potrebbero aver perso l’olfatto per sempre? L’ipotesi allarmante in uno studio
La perdita dell'olfatto a causa di Covid-19 potrebbe durare a lungo o addirittura per sempre. Uno studio rivela che una persona su 20 non l'ha recuperato dopo 18 mesi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Salute

In Italia l’obesità uccide 4 volte in più degli incidenti d’auto

Nel nostro paese l'obesità è in aumento esponenziale e sempre più "killer", con un numero di morti all'anno 4 volte superiore a quello degli incidenti d'auto, e una previsione, en...