Salute 4 Febbraio 2021 13:33

Mascherine a scuola, dopo la decisione del Consiglio di Stato il pediatra ribadisce: «Sono necessarie»

Bernardo (Direttore Medicina dell’Infanzia Fatebenefratelli-Sacco-Buzzi): «Il buon senso deve andare oltre la legge, ma opportuno dotare le scuole di un saturimetro per monitorare l’ossigenazione del sangue»

di Federica Bosco
Mascherine a scuola, dopo la decisione del Consiglio di Stato il pediatra ribadisce: «Sono necessarie»

Niente mascherina in classe se questa dà problemi respiratori. A stabilirlo è il Consiglio di Stato che ha accolto il ricorso dei genitori di una bambina di 9 anni che al termine delle lezioni presentava una ossigenazione al 92%. Per i magistrati, il Ministero della Salute non ha fornito prova della validità scientifica della mascherina ai fini del contenimento della diffusione del virus. Un giudizio che spacca l’opinione pubblica: sono infatti oltre 500 i genitori di minori che hanno creato un gruppo contro le misure adottate, mentre i medici invitano alla prudenza.

«Sì alla mascherina chirurgica»

Luca Bernardo, Direttore del Dipartimento di Medicina dell’Infanzia e dell’Età Evolutiva dell’ASST Fatebenefratelli-Sacco-Buzzi di Milano e consulente del Miur, spiega il corretto utilizzo della mascherina chirurgica: «Il mio consiglio è che vada portata – sottolinea Bernardo -. Non entro nel merito del Consiglio di Stato, che è la massima autorità, però credo che la maschera chirurgica sia molto importante da portare indipendentemente dall’età».

«Certo – aggiunge – non mi riferisco ai bambini molto piccoli, ma per quelli in età scolare è utile perché protegge chi è positivo, e non sa di esserlo, ma è ugualmente contagioso. Ricordo, infatti, che la trasmissione può avvenire da adulti a bambini, e viceversa. Si è visto addirittura che i bambini possono trasmettere il virus più facilmente degli adulti. Quindi a volte il buon senso deve andare oltre la legge».

Mascherina necessaria per chi soffre di patologie croniche

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità da 0 a 5 anni la mascherina non deve essere indossata, dai 6 agli 11 anni occorre tenere conto della situazione epidemiologica scolastica, oltre i 12 anni è obbligatoria come per gli adulti. Sempre necessaria, inoltre, per minori che soffrono di patologie croniche, fibrosi cistica, immunodeficienze e tumori. In questi casi per monitorare un’eventuale insufficienza respiratoria per uso prolungato della mascherina, il professor Bernardo suggerisce per le scuole l’adozione di un saturimetro.  

Quando diventa un problema psicologico

«La presenza di uno strumento per rilevare l’ossigenazione nel sangue sarebbe molto utile per capire quando esiste una reale difficoltà respiratoria o quando invece, nonostante una saturazione normale (98,99%), il bambino mostra malessere – spiega il medico -. Allora il problema potrebbe essere di natura psicologica. Di fronte a tale eventualità, è indispensabile rassicurare il bambino, tranquillizzarlo e spiegare perché è utile indossarla. In ogni caso il saturimetro permette, insieme al controllo della temperatura, di avere due dati importanti per l’ingresso a scuola», conclude Bernardo.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Mascherine e caldo, gli esperti: «Via l’obbligo per gli alunni a scuola». Codacons fa ricorso al Tar
Triassi (Federico II): «Nella stagione delle allergie il disagio è notevole. Ma vietato abbassare troppo la guardia»
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
Se togliamo le mascherine ci ammaleremo tutti?
Cascio (infettivologo): «Eliminare completamente l’obbligo delle mascherine sin da ora, il virus non è più aggressivo. Somministrare antivirali, anche in assenza di sintomi, a tutti i ricoverati. In autunno somministrare la quarta dose di un vaccino anti-Covid che contenga gli antigeni delle ultime varianti circolanti»
Gimbe: «Diminuiscono nuovi casi ma circolazione virale resta elevata. Mantenere mascherine al chiuso»
«Scendono contagi (-8,9%), terapie intensive (-10,5%), ricoveri ordinari (-6,1%) e decessi (-7%). Scoperte quasi 2,7 mln di persone per terza dose, quarta dose al ralenti. Circolazione del virus elevata e ampiamente sottostimata»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 maggio, sono 526.097.252 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.278.679 i decessi. Ad oggi, oltre 11,44 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Vaiolo delle scimmie, la “profezia” di Bill Gates e il bioterrorismo

Bill Gates aveva parlato pubblicamente del rischio di future pandemia e di bioterrorismo, facendo riferimento a possibili attacchi con il vaiolo. Spazio per nuove teorie del complotto