Salute 19 Agosto 2020 09:57

Mascherina sì o no? Due studi confermano la necessità di tenerla anche nei bagni pubblici

La mascherina nei bagni pubblici è molto più utile di quel che si pensi. Da Sidney e da Yangzhou due studi lo confermano e analizzano anche l’influsso dell’umidità

Mascherina sì o no? Due studi confermano la necessità di tenerla anche nei bagni pubblici

Tornata obbligatoria dopo le 18 anche all’aperto e tacciata di essere uno “strumento di controllo” dai movimenti no-mask, la mascherina mostra via via di essere sempre più utile. Ad affermarlo stavolta sono alcuni studi scientifici provenienti da varie parti del mondo, che si concentrano principalmente sui rischi legati all’umidità e ai bagni pubblici. Proprio lì, infatti, nel luogo privato per antonomasia, la mascherina sembra rivelarsi più utile che mai.

MASCHERINA E UMIDITÀ

Da Sidney arriva una prima conferma che vede nella presenza di minore umidità un terreno fertile per l’aumento della trasmissione di Sars-CoV-2. La ricerca stima che, per una diminuzione dell’1% dell’umidità relativa, i casi potrebbero aumentare del 7-8%. La stima è di circa 2 volte l’aumento delle notifiche di Covid-19 per un calo del 10% dell’umidità relativa. «Quando l’umidità è più bassa, l’aria è più secca e rende gli aerosol più piccoli e questi possono rimanere sospesi nell’aria più a lungo. Ciò aumenta l’esposizione per le altre persone». Questa è la tesi. La conclusione è comunque una sola: è necessario che le persone «indossino la mascherina, sia per prevenire la fuoriuscita di aerosol infettivi nell’aria nel caso siano infetti, sia per l’esposizione ad aerosol infettivi altrui».

MASCHERINA E BAGNI PUBBLICI

Mentre da Yangzhou una ricerca pubblicata su Physics of Fluids si concentra sui pericoli degli orinatoi e sull’essenzialità della mascherina in quei casi. Lo sciacquone – hanno dimostrato gli scienziati con tanto di simulazioni – sarebbe in grado di sprigionare una “nuvola” carica di virus inalabile e anche il lavaggio dei sanitari produrrebbe lo stesso effetto.

«Abbiamo utilizzato un metodo di fluidodinamica computazionale per modellare il movimento delle particelle che si verifica con l’atto del lavaggio», spiega l’autore Xiangdong Liu. La scoperta è che la traiettoria delle minuscole particelle espulse «manifesta un tipo di diffusione esterna, con oltre il 57% delle particelle che si allontanano dall’orinatoio». Ed è in grado di raggiungere il soggetto più vicino in 5,5 secondi al massimo, rispetto ai 35 dello sciacquone.

Secondo gli esperti la mascherina in questi casi sarebbe da ritenersi obbligatoria, da sistemare aderente a bocca e naso prima di entrare nei bagni pubblici. Le toilette sono in più usate estremamente di frequente e, con questa capacità di contagio, rappresentano «una seria sfida di salute pubblica».

Articoli correlati
Covid-19, ogni 100 contagi professionali, 70 riguardano le donne
Giuseppe Carbone, Segretario generale Fials: «Drammatica disparità di genere. Numeri drammatici che ci allarmano e destano preoccupazione per questa terza ondata»
Covid e scenari futuri, l’infettivologo Stefano Vella: «Immunità di gregge? Meglio trovare strategie di convivenza»
«Vaccinare i fragili in via prioritaria. Un altro lockdown nazionale porterebbe al tracollo finanziario, l'Italia non può permetterselo»
Nel 2020 mai così tanti morti dal secondo dopoguerra in Italia. Pubblicato il quinto rapporto sui decessi ISTAT-ISS
Il documento fa, inoltre, il punto sulle principali caratteristiche dell’epidemia e i loro effetti sulla mortalità totale, distinguendo tra la prima (febbraio-maggio 2020) e la seconda (ottobre-gennaio 2021) ondata epidemica
Giornata Europea della Logopedia, Rossetto (FLI): «La tele-riabilitazione può aiutare l’85% dei pazienti»
“Così lontani, così vicini”: cinque giorni di consulti on-demand. I logopedisti italiani saranno a disposizione di pazienti, famiglie e insegnanti per domande o dubbi sulla logopedia a distanza dall’8 al 12 marzo
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 marzo, sono 115.618.088 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.569.422 i decessi. Ad oggi, oltre 275,84 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolt...
Voci della Sanità

Covid-19, Comitato Cure Domiciliari vince ancora al Tar: «Medici devono poter prescrivere farmaci che ritengono opportuni»

Sconfessata la nota Aifa del 9 dicembre 2020 contente i “principi di gestione dei casi Covid-19 nel setting domiciliare”, che prevede nei primi giorni di malattia la sola “vigile att...