Salute 30 Aprile 2020 12:16

Meteo e Covid-19, lo scienziato Scafetta: «Tra i 4°C e i 12°C l’epidemia diventa più aggressiva»

Il caldo non uccide il virus, ma ne rende più difficile la trasmissione. Il professore di Scienze della Terra dell’università Federico II di Napoli: «Queste temperature non contribuiscono a “tenere in vita” il Covid-19, ma ne facilitano il passaggio da una persona all’altra. Se il caldo fosse sufficiente ad annientare il virus, allora non sopravvivrebbe nemmeno nel corpo umano»

di Isabella Faggiano

Cosa hanno in comune Wuhan e le province a nord di Milano? Temperature e tasso di umidità, almeno nei periodi in cui è esplosa la pandemia. A dimostrarlo uno studio di Nicola Scafetta, professore di Scienze della Terra, dell’Ambiente e delle Risorse all’università Federico II di Napoli, che correla la diffusione del Covid-19 a livello mondiale e le condizioni meteo.

«La mia ricerca – dice Nicola Scafetta – è cominciata osservando una similitudine di temperature tra i principali focolai dell’epidemia da Covid-19 nei periodi in cui i contagi hanno raggiunto il loro picco massimo di diffusione. La pandemia sembra peggiorare in presenza di temperature comprese tra i 4°C e i 12°C. Da gennaio a marzo, nella Cina Centrale, in Iran, in Turchia, nel bacino mediterraneo occidentale (Italia, Spagna e Francia), fino agli Stati Uniti d’America, sono proprio queste le temperature registrate. Da qui, continuando a monitorare l’andamento delle temperature da marzo ad aprile, è stato possibile constatare che le aree più colpite si sono rapidamente spostate verso il nord Europa, in zone come la Francia, l’Inghilterra, la Germania, i Paesi Bassi, fino alla Svezia. Contemporaneamente – aggiunge il professore di Scienze della Terra – è continuata la diffusione negli Stati Uniti con un forte incremento del numero di contagiati».

E se è vero che il virus si propaga meglio nelle zone dove le temperature sono comprese tra i 4 e i 12 gradi, è vero anche il contrario: «Tutte le regioni meridionali della Terra, dall’Africa al centro e sud America fino al sud dell’Asia, dove le temperature sono più elevate, sono state colpite molto meno. Così come è accaduto in Russia e in Canada, dove le temperature sono assai più rigide. La zona tropicale e l’intero emisfero meridionale, escluse ristrette zone meridionali – sottolinea il docente – potrebbero scampare ad una forte pandemia grazie al clima sufficientemente caldo durante l’intero anno».

LEGGI ANCHE: IL CORONAVIRUS IN LOMBARDIA GIA’ DAL 26 GENNAIO, SIGNORELLI: «È CIRCOLATO LIBERAMENTE PER UN MESE, PER QUESTO DOPO PAZIENTE UNO CRESCITA ESPONENZIALE»

La stessa teoria può essere confermata anche soffermandosi sulla sola situazione italiana: «L’epidemia si è diffusa maggiormente in Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna, Veneto, e Marche. Le regioni centro-meridionali sono state invece evidentemente meno colpite. Così, man mano che si percorre la Penisola verso  sud – sottolinea Scafetta – l’infezione sembra sia stata meno aggressiva».

E per avere un’ulteriore conferma sarà necessario aspettare ancora un mese, o forse meno: «Con il sopraggiungere del caldo, già a maggio, ma soprattutto a giugno – aggiunge il professore -, la situazione dovrebbe decisamente migliorare».

Ma attenzione, il caldo non uccide il virus, ne rende più difficile la trasmissione: «Le temperature comprese nella fascia a maggiore rischio (tra i 4°C e gli 12°C) non contribuiscono a “tenere in vita” il Covid-19, ma ne facilitano il passaggio da una persona all’altra. Se il caldo fosse sufficiente ad uccidere il virus – specifica l’esperto – allora questo non sopravvivrebbe nemmeno nel corpo umano ad una temperatura media di 37 gradi».

E allora qual è la spiegazione scientifica che può supportare questa teoria che collega il Covid alle condizioni meteo? «In presenza di una temperatura tra i 4°C e i 12°C le goccioline che noi emettiamo con il respiro, le stesse che veicolano il virus da uomo ad uomo, fluttuano nell’aria. Con il troppo caldo evaporano, mentre – commenta Scafetta – se fa troppo freddo diventano grandi e pesanti e, anziché rimanere sospese, cadono più rapidamente al suolo».

Ma il clima estivo rispetto ad uno molto rigido ha una marcia in più: «Quando fa caldo si trascorre più tempo all’aria aperta, si spalancano le finestre più spesso, il nostro corpo produce più vitamina D per una maggiore esposizione al sole e – conclude il professore – mangiando frutta e verdura di stagione, ricche di vitamine e nutrienti, il nostro sistema immunitario diventa più forte».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo
Al 7 maggio, sono 156.080.676 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.256.425 i decessi. Ad oggi, oltre 1,22 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 7 maggio: Ad oggi in Italia il totale delle persone che hanno […]
Varianti coronavirus, l’immunologo Abrignani: «Già al lavoro per nuovi vaccini»
Presentato il Consorzio italiano per la genotipizzazione e fenotipizzazione del virus Sars-CoV-2. Il direttore dell’Istituto nazionale di genetica molecolare del Policlinico di Milano: «La sorveglianza epidemiologica continua dei genomi circolanti nel territorio è fondamentale»
di Federica Bosco
Così Israele guida la corsa alla somministrazione dei vaccini anti Covid-19
Luci e ombre della campagna vaccinale a Tel Aviv: «Ma le scorte si stanno esaurendo»
di Tommaso Caldarelli
Carcinoma mammario triplo negativo, scoperto meccanismo molecolare che causa le metastasi polmonari
Lo studio dei ricercatori del CEINGE-Biotecnologie Avanzate apre la strada alla diagnosi precoce e a nuove possibili terapie mirate a ridurre il processo metastatico del tumore al seno più aggressivo
Variante inglese, i test rapidi possono riconoscerla?
Alcune domande al Professor Luigi Toma, Infettivologo dell'IFO Regina Elena di Roma, sulla cosiddetta “variante inglese” del SARS-CoV-2
di Vanessa Seffer
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 maggio, sono 156.080.676 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.256.425 i decessi. Ad oggi, oltre 1,22 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco