Salute 9 Aprile 2021 12:08

Malattie cardiovascolari, Grosseto (cardiologo): «In Europa ogni anno si ammalano undici milioni di persone»

«In base alle categorie di rischio, bisogna tenere il colesterolo LDL sotto controllo, tra 100 e 50 o addirittura 40 mg/dl» puntualizza a Sanità Informazione

Le malattie cardiovascolari rappresentano la prima causa di mortalità nei paesi occidentali. In Europa, ogni anno, si ammalano undici milioni di persone.

«Quando parliamo di malattie cardiovascolari dobbiamo innanzitutto evidenziare le malattie che hanno origine dall’aterosclerosi cioè le malattie di tipo ischemico, quali angina, infarto e ictus» spiega al nostro giornale il dottor Daniele Grosseto, cardiologo dell’ospedale Infermi di Rimini.

L’aterosclerosi è «un processo di degenerazione che avviene a livello delle arterie coronariche che vascolarizzano il cuore – chiarisce il cardiologo – si può complicare con un’occlusione improvvisa e completa e in quel momento dà origine all’infarto miocardico acuto». È determinata da una serie di fattori di rischio non eliminabili – l’età, il sesso, la predisposizione di tipo genetico – e altri correggibili, come l’ipertensione arteriosa, il diabete, il fumo di sigaretta e il colesterolo.

Il principale imputato tra i vari tipi di colesterolo è l’LDL, definito come “cattivo” responsabile della creazione della placca aterosclerotica. «Quando un paziente fa un controllo ematico – continua il dottor Grosseto – deve controllare tutte e tre le voci: il colesterolo totale, il colesterolo HDL e il colesterolo LDL, oltre ai trigliceridi».

L’obiettivo della terapia deve essere la riduzione marcata del colesterolo LDL: «Il target va fissato in base alle classi di rischio – evidenzia – un paziente giovane senza malattia cardiovascolare né eventi avversi ha un profilo di rischio più basso di un paziente diabetico o che ha già avuto un evento cardiovascolare. In relazione alle categorie di rischio – prosegue il cardiologo – bisogna tenere il colesterolo LDL sotto controllo a dei valori compresi tra 100 e 50 o addirittura a 40 mg/dl di LDL. Non deve essere mai troppo elevato – conclude il dottor Grosseto – non ci sono dati che provano che il colesterolo LDL troppo basso determini una patologia».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Entro il 2050 il 75% della popolazione mondiale si trasferirà nei centri urbani. Ma in città ci si ammala di più
Lenzi (Health City Institute): «Riscrivere medicina, clinica e patologia mediche pensando alla città come luogo principale di residenza. Prevenzione cardiovascolare fondamentale per ridurre del 25% la mortalità prematura per malattie non trasmissibili, come raccomandato dall’Italian Urban Health Declaration ai Governi dei Paesi del G20»
di Isabella Faggiano
Malattie cardiovascolari prima causa di morte in Italia. Il 63% dei medici cerca nuove forme di connessione con pazienti
Lo studio IQVIA-Sanofi, in collaborazione con la Fondazione Italiana per il Cuore, fotografa l'impatto del Covid nelle malattie cardiovascolari. In conseguenza alla riduzione delle visite, anche l’aderenza alle terapie è diminuita in modo significativo
Colesterolo, Maresca: «Sì alla terapia di associazione per raggiungere target terapeutici»
«Riduce gli effetti collaterali e aumenta l’effetto ipocolesterolemizzante rispetto alla monoterapia. È la risposta più corretta dal punto di vista farmacologico utilizzando meccanismi d’azione diversi e complementari»
“Screening Cardio 50”, entra nel vivo il ddl per la campagna di prevenzione delle malattie cardiovascolari
La proposta di legge presentata dal Carroccio nasce dal successo di una analoga iniziativa effettuata in Veneto. L’obiettivo è quello di individuare alcuni parametri utili predittivi di condizioni di rischio cardiovascolare, con conseguente indirizzo verso percorsi strutturati di risposta. In Italia sono 7,5 milioni i pazienti afflitti da queste patologie
Colesterolo LDL, solo il 20% dei pazienti raggiunge il target. Vediamo perché
Per ridurre il colesterolo LDL bisogna migliorare l’aderenza terapeutica. Franco Pazzucconi (Niguarda): «Già a sei mesi dall’inizio della terapia con statina il 50% dei pazienti abbandona. A 12 mesi siamo al 60%»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 15 ottobre, sono 239.611.288 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.882.126 i decessi. Ad oggi, oltre 6,57 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Formazione

Punteggi anonimi per il test di Medicina 2021, a qualcuno non tornano i conti

Si confrontano i punteggi anonimi del test di Medicina 2021 e si fanno le prime previsioni sulla soglia minima per entrare, che oscilla tra due cifre. Intanto in molti lamentano di non aver ricevuto i...