Salute 16 Dicembre 2021 18:14

Malati rari, Daina: «Migliorare sistema esenzione e assistenza territoriale, investire su tecnologie e ricerca»

Erica Daina (Responsabile coordinamento regionale malattie rare Lombardia): «Da fare c’è ancora tantissimo: potenziare le risorse per eseguire diagnosi in tempi brevi, e seguire i pazienti adeguatamente nel tempo»

Malati rari, Daina: «Migliorare sistema esenzione e assistenza territoriale, investire su tecnologie e ricerca»

«Il Rapporto Ossfor è prezioso: i dati sono sempre più attendibili e riproducibili. Le analisi fatte sui database della Regione Lombardia ci danno un’idea precisa della prevalenza dei malati rari e ci permettono di analizzare i costi sanitari diretti e programmare in modo più puntuale ed adeguato l’organizzazione della rete, l’individuazione di presidi e i percorsi che i malati devono compiere».

Nell’intervista a Sanità Informazione Erica Daina, responsabile del coordinamento regionale per le malattie rare della Regione Lombardia (Ist. Mario Negri) ha osservato i punti di forza del Rapporto Annuale di Osservatorio Farmaci Orfani-Ossfor e definito le maggiori difficoltà che ancora incontrano i malati rari e su cui intervenire con maggior urgenza.

«Il Rapporto ci ha permesso anche di comprendere come i costi per l’assistenza a questi pazienti non siano tali da mettere in crisi i sistemi sanitari ma opportunamente indirizzati possono anzi rappresentare un investimento prezioso – ha precisato -. Curare bene questi malati è importante non soltanto per garantire le terapie migliori a disposizione ma anche per prevenire mortalità e morbilità legate a queste malattie con un indubbio risparmio per il SSN». Secondo la dottoressa Daina, da un lato «è doveroso approfondire i dati perché siano a disposizione della maggior parte dei servizi sanitari» e dall’altro per «condividerli a livello nazionale, confrontare le realtà e avere un quadro completo».

Da fare, c’è ancora tantissimo: in primis, migliorare il sistema delle esenzioni per patologie rare. «A vent’anni dall’istituzione della rete nazionale malattie rare – ha specificato – quando esaminiamo la prevalenza dei malati rari sul territorio ci rendiamo conto che non tutti sono stati riconosciuti». A non tutti i malati è stato riconosciuto il certificato dell’esenzione; quali possono essere le motivazioni? «Una scelta del malato, in alcuni casi, nella maggior parte dei casi è il fatto che questa informazione non è ancora arrivata – ha aggiunto Erica Daina -. Le informazioni in merito alle tutele previste per questi ammalati devono essere a disposizione di tutti. bisogna investire nella formazione di mmg e pediatri».

In secondo luogo, lavorare perché nei centri di riferimento l’assistenza sia adeguata: «Potenziare le risorse per eseguire diagnosi in tempi brevi, fornire il meglio delle tecnologie per questi ammalati e seguirli adeguatamente nel tempo».

Sono gli stessi malati rari a segnalare da tempo un’altra criticità: «Chiedono di aumentare il collegamento tra i centri di riferimento, ovvero i presidi della rete per le malattie rare, e tutte le strutture sanitarie più vicine al loro domicilio: gli ospedali periferici, le strutture riabilitative fino ad arrivare anche alle strutture che svolgono un’assistenza di tipo sociale e di supporto. Dalle indagini che facciamo – ha evidenziato la Daina – emerge la mancanza di un collegamento con la medicina di base e il territorio. È un problema che riguarda tutto il SSN che è stato aggravato dalla pandemia. L’effetto delle restrizioni dovute al Covid-19 sono i metodi alternativi per raggiungere gli ammalati sul territorio, sfruttando sistemi di telemedicina, monitoraggio a distanza e domiciliazione delle terapie. Non ultima, tra gli ambiti su cui lavorare con impegno, la ricerca. Molte patologie ancora non hanno cure di dimostrata efficacia – ha concluso Erica Daina – l’aspetto della ricerca non può essere a dimenticato».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Malati rari, Nicoletti (Cittadinzattiva): «La pandemia ha creato una sanità sospesa. E i pazienti sono stanchi»
«Il Pnrr è un’occasione da non perdere – spiega la Coordinatrice dell’Associazione malati cronici e rari di Cittadinanzattiva -. Ma i fondi non saranno disponibili nell’immediato. Nel frattempo, le istituzioni devono attivarsi affinché tutte le criticità che oggi incontrano i malati rari siano sanate»
Malattie rare, avviato alla Camera esame del Testo Unico
Le Associazioni dell’Alleanza Malattie Rare: «Legge necessaria, ma bisognerà vigilare sull’uniformità di applicazione a livello regionale, rimangono troppe disparità»
Plasma e Covid: le conclusioni del simposio Sif sulla disponibilità di plasmaderivati salvavita
Il plasma costituisce la risorsa fondamentale e preziosa per l’ottenimento delle proteine plasmatiche necessarie alla produzione dei farmaci plasmaderivati, che hanno prevalentemente lo scopo di sostituire proteine mancanti nel sangue. La carenza di queste proteine è alla base di alcune importanti patologie come le immunodeficienze primitive (IP) per le quali le immunoglobuline, che sono appunto […]
Giornata mondiale malattie rare, Bartoli (Omar): «Inserire malati rari nelle liste di priorità del piano vaccinale»
La direttrice di Omar, nell’intervista a Sanità Informazione, richiama l’attenzione anche sui caregiver: «Dove non si può proteggere il paziente bisogna tutelare le persone vicine e a stretto contatto»
Malattie rare, spot #UNIAMOleforze con Diana del Bufalo
L’attrice: «Prendo parte allo spot di UNIAMO con grande grinta e speranza per dare voce ai malati rari». La presidente di UNIAMO: «L’invito ad unire le forze è fondamentale per contribuire a una migliore qualità di vita per i malati e le famiglie»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 3 ottobre 2022, sono 618.051.664 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.546.875 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (3 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi