Salute 16 Dicembre 2021 18:14

Malati rari, Daina: «Migliorare sistema esenzione e assistenza territoriale, investire su tecnologie e ricerca»

Erica Daina (Responsabile coordinamento regionale malattie rare Lombardia): «Da fare c’è ancora tantissimo: potenziare le risorse per eseguire diagnosi in tempi brevi, e seguire i pazienti adeguatamente nel tempo»

Malati rari, Daina: «Migliorare sistema esenzione e assistenza territoriale, investire su tecnologie e ricerca»

«Il Rapporto Ossfor è prezioso: i dati sono sempre più attendibili e riproducibili. Le analisi fatte sui database della Regione Lombardia ci danno un’idea precisa della prevalenza dei malati rari e ci permettono di analizzare i costi sanitari diretti e programmare in modo più puntuale ed adeguato l’organizzazione della rete, l’individuazione di presidi e i percorsi che i malati devono compiere».

Nell’intervista a Sanità Informazione Erica Daina, responsabile del coordinamento regionale per le malattie rare della Regione Lombardia (Ist. Mario Negri) ha osservato i punti di forza del Rapporto Annuale di Osservatorio Farmaci Orfani-Ossfor e definito le maggiori difficoltà che ancora incontrano i malati rari e su cui intervenire con maggior urgenza.

«Il Rapporto ci ha permesso anche di comprendere come i costi per l’assistenza a questi pazienti non siano tali da mettere in crisi i sistemi sanitari ma opportunamente indirizzati possono anzi rappresentare un investimento prezioso – ha precisato -. Curare bene questi malati è importante non soltanto per garantire le terapie migliori a disposizione ma anche per prevenire mortalità e morbilità legate a queste malattie con un indubbio risparmio per il SSN». Secondo la dottoressa Daina, da un lato «è doveroso approfondire i dati perché siano a disposizione della maggior parte dei servizi sanitari» e dall’altro per «condividerli a livello nazionale, confrontare le realtà e avere un quadro completo».

Da fare, c’è ancora tantissimo: in primis, migliorare il sistema delle esenzioni per patologie rare. «A vent’anni dall’istituzione della rete nazionale malattie rare – ha specificato – quando esaminiamo la prevalenza dei malati rari sul territorio ci rendiamo conto che non tutti sono stati riconosciuti». A non tutti i malati è stato riconosciuto il certificato dell’esenzione; quali possono essere le motivazioni? «Una scelta del malato, in alcuni casi, nella maggior parte dei casi è il fatto che questa informazione non è ancora arrivata – ha aggiunto Erica Daina -. Le informazioni in merito alle tutele previste per questi ammalati devono essere a disposizione di tutti. bisogna investire nella formazione di mmg e pediatri».

In secondo luogo, lavorare perché nei centri di riferimento l’assistenza sia adeguata: «Potenziare le risorse per eseguire diagnosi in tempi brevi, fornire il meglio delle tecnologie per questi ammalati e seguirli adeguatamente nel tempo».

Sono gli stessi malati rari a segnalare da tempo un’altra criticità: «Chiedono di aumentare il collegamento tra i centri di riferimento, ovvero i presidi della rete per le malattie rare, e tutte le strutture sanitarie più vicine al loro domicilio: gli ospedali periferici, le strutture riabilitative fino ad arrivare anche alle strutture che svolgono un’assistenza di tipo sociale e di supporto. Dalle indagini che facciamo – ha evidenziato la Daina – emerge la mancanza di un collegamento con la medicina di base e il territorio. È un problema che riguarda tutto il SSN che è stato aggravato dalla pandemia. L’effetto delle restrizioni dovute al Covid-19 sono i metodi alternativi per raggiungere gli ammalati sul territorio, sfruttando sistemi di telemedicina, monitoraggio a distanza e domiciliazione delle terapie. Non ultima, tra gli ambiti su cui lavorare con impegno, la ricerca. Molte patologie ancora non hanno cure di dimostrata efficacia – ha concluso Erica Daina – l’aspetto della ricerca non può essere a dimenticato».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Malati rari, Nicoletti (Cittadinzattiva): «La pandemia ha creato una sanità sospesa. E i pazienti sono stanchi»
«Il Pnrr è un’occasione da non perdere – spiega la Coordinatrice dell’Associazione malati cronici e rari di Cittadinanzattiva -. Ma i fondi non saranno disponibili nell’immediato. Nel frattempo, le istituzioni devono attivarsi affinché tutte le criticità che oggi incontrano i malati rari siano sanate»
Malattie rare, avviato alla Camera esame del Testo Unico
Le Associazioni dell’Alleanza Malattie Rare: «Legge necessaria, ma bisognerà vigilare sull’uniformità di applicazione a livello regionale, rimangono troppe disparità»
Plasma e Covid: le conclusioni del simposio Sif sulla disponibilità di plasmaderivati salvavita
Il plasma costituisce la risorsa fondamentale e preziosa per l’ottenimento delle proteine plasmatiche necessarie alla produzione dei farmaci plasmaderivati, che hanno prevalentemente lo scopo di sostituire proteine mancanti nel sangue. La carenza di queste proteine è alla base di alcune importanti patologie come le immunodeficienze primitive (IP) per le quali le immunoglobuline, che sono appunto […]
Giornata mondiale malattie rare, Bartoli (Omar): «Inserire malati rari nelle liste di priorità del piano vaccinale»
La direttrice di Omar, nell’intervista a Sanità Informazione, richiama l’attenzione anche sui caregiver: «Dove non si può proteggere il paziente bisogna tutelare le persone vicine e a stretto contatto»
Malattie rare, spot #UNIAMOleforze con Diana del Bufalo
L’attrice: «Prendo parte allo spot di UNIAMO con grande grinta e speranza per dare voce ai malati rari». La presidente di UNIAMO: «L’invito ad unire le forze è fondamentale per contribuire a una migliore qualità di vita per i malati e le famiglie»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 21 gennaio, sono 342.684.472 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.574.860 i decessi. Ad oggi, oltre 9,75 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre