Salute 10 Febbraio 2020 07:10

Accesso ai farmaci rari, Crippa: «Trovare un punto di incontro tra autorità e aziende per velocizzare il processo»

«Due le aree da migliorare: dare un’accelerata al processo di approvazione del farmaco da parte di Aifa e far sì che compaia subito in tutti i prontuari regionali» precisa Annalisa Scopinaro, Presidente Uniamo Onlus

È ancora troppo lungo e difficoltoso l’accesso ai farmaci per i malati rari. L’ultimo Rapporto dell’Osservatorio Farmaci Orfani (OSSFOR) del 2019, infatti, parla di 239 giorni per l’immissione in commercio di un farmaco orfano, quando il decreto Balduzzi (Legge n. 189/2012) stabilisce in 100 giorni il tempo massimo per completare la procedura di rimborsabilità.

«Sono necessarie doverose verifiche che richiedono tempo e impegno da parte delle autorità e delle aziende – ha spiegato Laura Crippa, General Manager RAReg, a Sanità Informazione a margine dell’Orphan Drug Day,  l’annuale convegno organizzato dall’Osservatorio Malattie Rare. Spesso, però – ha precisato – il tempo è troppo lungo e l’attesa dei pazienti diventa spasmodica, perché non hanno alternative terapeutiche. Bisogna trovare un punto di incontro tra le autorità e le aziende per velocizzare questo processo».

LEGGI ANCHE: MALATTIE RARE, PER LA SCLEROSI TUBEROSA LA CHIAVE È LA DIAGNOSI PRECOCE. FONDAMENTALE UNA CORRETTA FORMAZIONE DI GINECOLOGI E PEDIATRI

Per questo, nel corso del convegno al ministero della salute, sono state analizzate le possibili aree di miglioramento di un sistema già efficiente. «I passi da fare sono molti – ha sottolineato la dottoressa Crippa – incontri precoci, tavoli congiunti, una maggiore trasparenza delle informazioni potrebbero migliorare sensibilmente i tempi necessari per l’arrivo sul mercato di questi farmaci».

Anche Annalisa Scopinaro, Presidente di Uniamo Onlus Federazione Italiana Malattie Rare, ha individuato, ai nostri microfoni, due settori su cui lavorare. Il primo, a livello nazionale: «Aifa dovrebbe cercare di rispettare i 100 giorni e dare un’accelerata al processo di approvazione del farmaco. Il secondo – ha considerato il presidente Scopinaro – riguarda le regioni, perché una volta approvato il farmaco a livello di Aifa sarebbe opportuno che questo comparisse subito in tutti i prontuari regionali e non ci fossero disparità territoriali».

Una volta concluso l’iter da parte dell’Agenzia Italiana del Farmaco, c’è da attendere, infatti, che le regioni rendano effettivamente disponibile il farmaco sul proprio territorio. causando disuguaglianze di salute. «Esistono ancora disparità regionali – ha precisato Annalisa Scopinaro – dovute anche al fatto che alcune regioni sono in piano di rientro e, a volte, non possono erogare farmaci al di fuori di quelli consentiti».

LEGGI ANCHE: MALATTIE RARE, ANCORA TROPPO TEMPO PER I FARMACI. BARTOLI (OMAR): «LONTANI DAI 100 GIORNI DEL DECRETO BALDUZZI»

Dalla presa in carico all’accesso ai farmaci, i malati rari chiedono più attenzione e chiarezza: «I pazienti vogliono sapere chi deve dargli il farmaco, se è compreso o no nella fascia di esenzione e conoscere tutte le informazioni sulla procedura da attuare per poterlo avere» ha concluso il presidente Scopinaro.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Aifa presenta il primo “Atlante delle disuguaglianze sociali”: «Consumo farmaci maggiore in aree disagiate»
Il consumo dei farmaci antidepressivi è maggiore nelle aree del Nord e minore al Sud
Eventi avversi vaccini anti-Covid, non grave l’86%. Il rapporto Aifa
Pervenute 91 mila segnalazioni su un totale di 76,5 milioni di dosi somministrate (tasso di segnalazione di 119 ogni 100.000 dosi)
L’Aifa ha detto sì alla terza dose di vaccino anti-Covid, si inizia con immunodepressi
Aifa dice sì alla terza dose per i più fragili e i sanitari. Sul resto delle popolazione aspetta il pronunciamento di Ema
Retinopatia dei prematuri: si diagnostica con un algoritmo, si cura con un farmaco “salva-vista”
Il punto sulla ROP con il professore Domenico Lepore (UOC Oculistica Gemelli): «Quando un bambino nasce prima del termine, le arterie e le vene della retina non sono completamente sviluppate. Nei paesi industrializzati la ROP colpisce prematuri gravi, nati entro le 28 settimane di gestazione»
di Isabella Faggiano
Covid-19 e vaccini, il report AIFA: «Sedici eventi gravi ogni 100mila dosi»
I più frequenti sintomi intensi simil influenzali, 80% segnalazioni in giornata iniezione o giorno dopo, maggior parte relative a vaccino Pfizer
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 21 settembre, sono 229.083.964 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.700.041 i decessi. Ad oggi, oltre 5,93 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco