Salute 10 Febbraio 2020

Accesso ai farmaci rari, Crippa: «Trovare un punto di incontro tra autorità e aziende per velocizzare il processo»

«Due le aree da migliorare: dare un’accelerata al processo di approvazione del farmaco da parte di Aifa e far sì che compaia subito in tutti i prontuari regionali» precisa Annalisa Scopinaro, Presidente Uniamo Onlus

È ancora troppo lungo e difficoltoso l’accesso ai farmaci per i malati rari. L’ultimo Rapporto dell’Osservatorio Farmaci Orfani (OSSFOR) del 2019, infatti, parla di 239 giorni per l’immissione in commercio di un farmaco orfano, quando il decreto Balduzzi (Legge n. 189/2012) stabilisce in 100 giorni il tempo massimo per completare la procedura di rimborsabilità.

«Sono necessarie doverose verifiche che richiedono tempo e impegno da parte delle autorità e delle aziende – ha spiegato Laura Crippa, General Manager RAReg, a Sanità Informazione a margine dell’Orphan Drug Day,  l’annuale convegno organizzato dall’Osservatorio Malattie Rare. Spesso, però – ha precisato – il tempo è troppo lungo e l’attesa dei pazienti diventa spasmodica, perché non hanno alternative terapeutiche. Bisogna trovare un punto di incontro tra le autorità e le aziende per velocizzare questo processo».

LEGGI ANCHE: MALATTIE RARE, PER LA SCLEROSI TUBEROSA LA CHIAVE È LA DIAGNOSI PRECOCE. FONDAMENTALE UNA CORRETTA FORMAZIONE DI GINECOLOGI E PEDIATRI

Per questo, nel corso del convegno al ministero della salute, sono state analizzate le possibili aree di miglioramento di un sistema già efficiente. «I passi da fare sono molti – ha sottolineato la dottoressa Crippa – incontri precoci, tavoli congiunti, una maggiore trasparenza delle informazioni potrebbero migliorare sensibilmente i tempi necessari per l’arrivo sul mercato di questi farmaci».

Anche Annalisa Scopinaro, Presidente di Uniamo Onlus Federazione Italiana Malattie Rare, ha individuato, ai nostri microfoni, due settori su cui lavorare. Il primo, a livello nazionale: «Aifa dovrebbe cercare di rispettare i 100 giorni e dare un’accelerata al processo di approvazione del farmaco. Il secondo – ha considerato il presidente Scopinaro – riguarda le regioni, perché una volta approvato il farmaco a livello di Aifa sarebbe opportuno che questo comparisse subito in tutti i prontuari regionali e non ci fossero disparità territoriali».

Una volta concluso l’iter da parte dell’Agenzia Italiana del Farmaco, c’è da attendere, infatti, che le regioni rendano effettivamente disponibile il farmaco sul proprio territorio. causando disuguaglianze di salute. «Esistono ancora disparità regionali – ha precisato Annalisa Scopinaro – dovute anche al fatto che alcune regioni sono in piano di rientro e, a volte, non possono erogare farmaci al di fuori di quelli consentiti».

LEGGI ANCHE: MALATTIE RARE, ANCORA TROPPO TEMPO PER I FARMACI. BARTOLI (OMAR): «LONTANI DAI 100 GIORNI DEL DECRETO BALDUZZI»

Dalla presa in carico all’accesso ai farmaci, i malati rari chiedono più attenzione e chiarezza: «I pazienti vogliono sapere chi deve dargli il farmaco, se è compreso o no nella fascia di esenzione e conoscere tutte le informazioni sulla procedura da attuare per poterlo avere» ha concluso il presidente Scopinaro.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Covid-19, il caso idrossiclorochina finisce in tribunale: il 10 novembre udienza al Tar
L'istanza cautelare è stata presentata da decine di medici di base e specialisti contro la decisione dell’Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa) e del Ministero della Salute
Idrossiclorochina e Covid-19, AIFA: «Assenti benefici clinici sia nella prevenzione sia nel trattamento»
L’Agenzia Italiana per il Farmaco, in risposta a una interrogazione della deputata Rossana Boldi (Lega), spiega perché ha bloccato l’uso del farmaco nel trattamento del Covid-19: «Ampio ‘corpus’ di evidenze nella letteratura scientifica giustifica stop. Valuteremo nuovi studi»
Covid-19, Magrini (Aifa): «Primi dati sui vaccini all’inizio del prossimo anno»
Il direttore Generale dell’Agenzia italiana del Farmaco ha fatto il punto su farmaci e vaccini in corso di valutazione e sugli attuali standard terapeutici per il COVID-19
Giornata Mondiale Ipofosfatemia legata all’X (XLH): Omar pubblica libro con testimonianze di chi vive la patologia
La XLH rappresenta la più diffusa forma di rachitismo di origine genetica: una patologia cronica, altamente invalidante, che provoca malformazioni e gravi problematiche osteo-articolari
Tumore al seno, il 13 ottobre sarà la Giornata Nazionale. Lorefice: «Accesso a terapie sia uniforme da nord a sud»
Alla Camera conferenza stampa per sensibilizzare sul tema. Europa Donna Italia presenta un manifesto in sette punti che prevede, tra le altre cose, la presa in carico da parte di un team di specialisti, lo psiconcologo e l’accesso ai farmaci innovativi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 30 ottobre, sono 45.041.948 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.181.321 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 30 ottobre: Ad oggi in I...
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Salute

Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»

Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridu...