Salute 20 Giugno 2019

Lotta alle Leucemie, la giornata nazionale celebra la ricerca scientifica: «Sviluppati farmaci innovativi»

A parlare è il presidente nazionale Ail, Sergio Amadori: «L’obiettivo di tutti noi è quello di riuscire a guarire tutti i tumori del sangue». Durante la giornata sarà attivo il numero verde per entrare in contatto con illustri ematologi italiani

Immagine articolo

La medicina ha sempre più strumenti per combattere le leucemie. Grazie ai passi avanti compiuti dalla ricerca, le nuove terapie che diventano su misura per le caratteristiche del paziente e della sua malattia, molti tumori del sangue sono malattie sempre più curabili. È all’insegna della speranza per i pazienti e della consapevolezza della forza della scienza che il 21 giugno si celebra la 14° edizione della Giornata Nazionale per la lotta contro Leucemie, Linfomi e Mieloma, posta sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica e istituita permanentemente dal Consiglio dei Ministri.

La Giornata è un’occasione speciale per illustrare i progressi della ricerca scientifica e per essere ancora più vicini ai malati ematologici, adulti e bambini, attraverso incontri e manifestazioni di sensibilizzazione e raccolta fondi. L’importanza di questa giornata si spiega con i numeri: in Italia nel 2018 sono stati diagnosticati circa 30.700 casi di nuovi tumori ematologici, in leggero calo rispetto al 2017.

LEGGI: TUMORI DEL SANGUE, AIL FESTEGGIA 50 ANNI. IL PRESIDENTE AMADORI: «GRAZIE AL PROFESSOR MANDELLI SIAMO PUNTO DI RIFERIMENTO NEL VOLONTARIATO SOCIALE»

«Questa è una giornata importantissima per Ail che quest’anno celebra i 50 anni di storia», commenta il presidente nazionale Ail, Sergio Amadori. «L’opera informativa quest’anno si concentrerà sulle leucemie mieloidi acute e le mielodisplasie, che sono patologie in cui i risultati della terapia fino ad una decina d’anni fa, quando il trattamento era la chemioterapia standard, non era molto soddisfacente, però nell’ultimo decennio e soprattutto negli ultimissimi anni c’è stata una grande accelerazione dovuta alla messa a punto di terapie innovative capaci di bersagliare proprio dei target molecolari e delle alterazioni molecolari che sono alla base di queste malattie. Il riconoscimento di questi target ha consentito lo sviluppo di farmaci innovativi che oggi sono disponibili per il trattamento di questi pazienti e che stanno effettivamente dando dei risultati molto incoraggianti».

«L’obiettivo di tutti noi è quello di riuscire a guarire tutti i tumori del sangue, – aggiunge il presidente Ail – oggi ancora non siamo a questo punto. Molti di questi sono però guaribili, altri ancora hanno una velocità di risposta un po’ più lenta, ma noi prevediamo che se la ricerca riesce ad approfondire anche gli aspetti biologici di queste malattie in un futuro non tanto lontano noi potremmo arrivare a questo preziosissimo traguardo».

In occasione della giornata di sensibilizzazione, come ogni anno, alcuni tra i più illustri ematologi italiani sono a disposizione per fornire risposte e consigli al numero verde AIL – problemi ematologici: 800.226.524 dalle ore 8.00 alle ore 20.00 di venerdì 21 giugno.
Tutte le informazioni sulle iniziative e gli incontri promossi dalle sezioni provinciali AIL in occasione della Giornata Nazionale contro le leucemie sono disponibili sul sito www.ail.it.

Articoli correlati
Coronavirus, Conte (psicologi): «Numero verde Regione Lazio importante supporto ai cittadini»
«Accogliamo con grande favore la decisione dell’Assessore alla Salute D’Amato di attivare un servizio di assistenza psicologica per i cittadini, disponibile al numero verde 800.118.800». Così in una nota Federico Conte, Presidente dell’Ordine degli Psicologi del Lazio. LEGGI ANCHE: ANSIA, DEPRESSIONE E OSSESSIONI DA CORONAVIRUS. CONTE (ORDINE PSICOLOGI LAZIO): «COSÌ RISPONDIAMO ALLE ESIGENZE DEI CITTADINI» […]
Leucemia, per la prima volta complicanza da immunoterapia risolta con depurazione del sangue
Il ragazzo, in terapia intensiva per gli effetti collaterali dell’immunoterapia con Car-T, è stato trattato con emoperfusione e dimesso dopo soli 15 giorni. Gabriella Bottari (Rianimatore pediatrico Bambino Gesù): «Nuova possibilità per i pazienti»
Il seme? Si trova online. L’allarme dell’andrologo sulla fecondazione ‘fai da te’
“Stiamo assistendo alla diffusione di una nuova pratica: la fecondazione ottenuta con il seme fresco di un donatore spesso contattato in Rete o in appositi gruppi sui social network - spiega il Professor Salvatore Sansalone -. Una zona d'ombra anche dal punto di vista legale in cui nessuno è tutelato e senza la mediazione di una struttura sanitaria esiste un alto margine di rischio"
Genetica e alimentazione contro le malattie, la mission dell’Italian Institute of Planetary Health: «Studiamo i cibi come fossero farmaci»
«Il 40-50% dei tumori dipende da cattiva alimentazione» sottolinea Giuseppe Remuzzi, direttore dell’Istituto Mario Negri, che ha dato vita al nuovo istituto. «Vogliamo sapere se un determinato alimento aumenta l’espressione dei geni che ci proteggono dai tumori o diminuisce l’espressione dei geni che li inducono»
Lotta ai Tumori, l’Europa in prima linea con la Mission Board for Cancer. Walter Ricciardi: «Nuovo approccio»
Tra i membri della mission europea è stato nominato anche l’italiano Walter Ricciardi: «Ridurre l’enorme diseguaglianza nell’accesso ai farmaci». E sull'Italia conferma «Non sono accessibili ovunque allo stesso modo. Basti pensare alla Calabria»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 aprile, sono 1.120.752 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 58.982 i decessi e 227.019 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bolletti...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...