Salute 4 Giugno 2020

L’Oms riprede lo studio sull’idrossiclorochina. Ghebreyesus: «Dati nella norma, continuiamo»

Preoccupa la situazione in America, numeri più alti in un giorno di tutto il resto del mondo. Casi in discesa in Europa, il 2 giugno numeri più bassi da fine marzo

Il trial sull’idrossiclorochina contro Covid-19 dell’Organizzazione mondiale della Sanità riprende. Lo ha annunciato il direttore generale Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus, in conferenza stampa a Ginevra. Era stato interrotto in via precauzionale a causa di uno studio pubblicato sulla rivista Lancet, che vedeva un tasso più alto di mortalità registrato nei pazienti curati con questo farmaco.

LEGGI ANCHE: L’OMS SOSPENDE IL TRIAL SULL’IDROSSICLOROCHINA CONTRO IL COVID-19 PER RAGIONI DI SICUREZZA

Ora «il gruppo esecutivo comunicherà ai principali investigatori coinvolti nello studio la ripresa del braccio del trial», ha chiarito Ghebreyesus. Dopo la sospensione e la verifica dei dati sulla mortalità «i membri del comitato hanno raccomandato che non vi siano ragioni per modificare il protocollo del trial». «Il comitato per la sicurezza e il monitoraggio dei dati – ha concluso – continuerà a monitorare attentamente tutte le terapie testate nel Solidarity Trial, finora oltre 3500 pazienti in 35 Paesi».

Mentre l’Europa sperimenta un declino costante dei nuovi casi, toccando lo scorso 2 giugno il numero più basso di contagi dal 22 marzo, in America i contagiati continuano a crescere in maniera preoccupante. «Per molte settimane – ha fatto presente il direttore generale – il numero di nuovi contagiati riportati ogni giorno nell’America del Sud e del Nord è stato superiore a quello di tutto il resto del mondo messo insieme». A preoccupare maggiormente sono proprio le regioni di Centro e Sud, che stanno vivendo un’accelerazione dell’epidemia.

LEGGI ANCHE: COVID-19, AIFA SOSPENDE L’AUTORIZZAZIONE ALL’UTILIZZO DI IDROSSICLOROCHINA PER IL TRATTAMENTO AL DI FUORI DEGLI STUDI CLINICI

Un’ultima raccomandazione arriva da Maria Van Kerkhove, responsabile tecnica per il coronavirus dell’Oms. «Nessuno studio ha finora dimostrato che il virus sia cambiato in severità – ha detto –. Potrà diventare più grave? Potrebbe, se inizieremo a sottovalutarlo». Essenziale dunque continuare a mantenere il distanziamento sociale e lavare le mani perché, ha specificato, «le mascherine non bastano».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
L’appello dell’Oms: «Approccio giusto è quello globale, come Italia e Spagna. Nuovo virus in Cina sotto controllo»
Dal direttore generale un invito a imitare il comportamento del nostro Paese per capovolgere situazioni complesse come quella di marzo. Il virus dei maiali in Cina è una vecchia conoscenza del 2011
Cina, primo vaccino per i militari. Oms manda un team per trovare l’origine di Covid-19, mentre si parla di un nuovo virus
Il primo vaccino cinese viene somministrato ai militari, su cui la sperimentazione durerà un anno. Ma non è sicuro che il prodotto sarà poi commercializzato. Intanto, un virus simile alla suina è stato trovato nei maiali da allevamento
Il virus è più debole? L’emergenza è finita? Le risposte dagli Stati Generali dell’Infettivologia, ma è scontro tra gli esperti
Secondo la Simit, se il virus continuerà a circolare una nuova ondata è molto probabile. Ranieri Guerra (Oms) paragona il Covid con la spagnola, che tornò in autunno uccidendo 50 milioni di persone. Ma dieci esperti sostengono l'indebolimento del virus
Sla: il nuovo metodo per la diagnosi precoce si effettua su prelievi di saliva
L’importante passo in avanti arriva dalla collaborazione tra l’IRCCS Fondazione Don Gnocchi e l’IRCCS Istituto Auxologico Italiano. I ricercatori hanno individuato nella saliva un biomarcatore utile alla diagnosi precoce della malattia
I sintomi del Covid variano in gruppi sanguigni diversi? Lo studio: «Più gravi nel gruppo A. Lo 0 il più protetto»
Prati (Policlinico Milano): «Questo meccanismo può essere legato ad una maggiore tendenza alla trombosi nei soggetti con gruppo sanguigno A». Bonfanti (Uni Bicocca): «Scoperta preliminare, seguiranno altri studi»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 2 luglio, sono 10.695.608 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 516.255 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 1 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Coronavirus, il fisico Sestili: «I numeri che abbiamo in Italia sono ancora distanti dalla realtà. Nel mondo contagi in aumento»

Il fondatore della pagina Facebook “Coronavirus – Dati e Analisi Scientifiche”: «Gli italiani hanno fame di notizie, ma servono dati di qualità»
di Tommaso Caldarelli