Mondo 4 Giugno 2020

L’Oms riprede lo studio sull’idrossiclorochina. Ghebreyesus: «Dati nella norma, continuiamo»

Preoccupa la situazione in America, numeri più alti in un giorno di tutto il resto del mondo. Casi in discesa in Europa, il 2 giugno numeri più bassi da fine marzo

Il trial sull’idrossiclorochina contro Covid-19 dell’Organizzazione mondiale della Sanità riprende. Lo ha annunciato il direttore generale Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus, in conferenza stampa a Ginevra. Era stato interrotto in via precauzionale a causa di uno studio pubblicato sulla rivista Lancet, che vedeva un tasso più alto di mortalità registrato nei pazienti curati con questo farmaco.

LEGGI ANCHE: L’OMS SOSPENDE IL TRIAL SULL’IDROSSICLOROCHINA CONTRO IL COVID-19 PER RAGIONI DI SICUREZZA

Ora «il gruppo esecutivo comunicherà ai principali investigatori coinvolti nello studio la ripresa del braccio del trial», ha chiarito Ghebreyesus. Dopo la sospensione e la verifica dei dati sulla mortalità «i membri del comitato hanno raccomandato che non vi siano ragioni per modificare il protocollo del trial». «Il comitato per la sicurezza e il monitoraggio dei dati – ha concluso – continuerà a monitorare attentamente tutte le terapie testate nel Solidarity Trial, finora oltre 3500 pazienti in 35 Paesi».

Mentre l’Europa sperimenta un declino costante dei nuovi casi, toccando lo scorso 2 giugno il numero più basso di contagi dal 22 marzo, in America i contagiati continuano a crescere in maniera preoccupante. «Per molte settimane – ha fatto presente il direttore generale – il numero di nuovi contagiati riportati ogni giorno nell’America del Sud e del Nord è stato superiore a quello di tutto il resto del mondo messo insieme». A preoccupare maggiormente sono proprio le regioni di Centro e Sud, che stanno vivendo un’accelerazione dell’epidemia.

LEGGI ANCHE: COVID-19, AIFA SOSPENDE L’AUTORIZZAZIONE ALL’UTILIZZO DI IDROSSICLOROCHINA PER IL TRATTAMENTO AL DI FUORI DEGLI STUDI CLINICI

Un’ultima raccomandazione arriva da Maria Van Kerkhove, responsabile tecnica per il coronavirus dell’Oms. «Nessuno studio ha finora dimostrato che il virus sia cambiato in severità – ha detto –. Potrà diventare più grave? Potrebbe, se inizieremo a sottovalutarlo». Essenziale dunque continuare a mantenere il distanziamento sociale e lavare le mani perché, ha specificato, «le mascherine non bastano».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Oms: «Apprezziamo paesi come l’Italia e la Spagna, con misure per proteggere i più vulnerabili»
Nel mondo il maggior numero di casi segnalati finora, terapie intensive in difficoltà in Europa e Nord America. Dalla conferenza Oms di Ginevra, il dg Ghebreyesus complimenta l'Italia per le misure sulla riduzione del contagio.
Tumori pediatrici, Fondazione Veronesi torna nelle piazze
Anche quest’anno Fondazione Umberto Veronesi scende in piazza per raccogliere fondi a sostegno della ricerca scientifica contro i tumori pediatrici, grazie al prezioso contributo di ANICAV e RICREA
Cos’è la pandemic fatigue? L’esperto ci spiega perché ne soffre il 60% degli europei
Spossatezza e sfiducia nelle regole, nella seconda ondata tanti sentono la pandemic fatigue. Cosa succede nel nostro cervello? Il professor Vitiello (coordinatore "Lavoro" OdP Lazio) spiega come contrastarla
Covid-19, Boldi-Cavandoli-Murelli (Lega): «Governo sblocchi terapie ferme per burocrazia»
Le tre deputate della Lega chiedono di sbloccare le terapie a base di idrossiclorochina e plasma iperimmune
Oms: «In Europa casi in aumento del 50% per errori di quarantena». In Belgio epidemia fuori controllo
Preoccupano i numeri di Francia e Gran Bretagna, mentre la Germania resta stabile. Record per Belgio e Russia, ma l'aumento più forte si registra in Repubblica Ceca. In America Latina la curva comincia a scendere, Usa oltre 25 mila casi al giorno
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 ottobre, sono 43.514.678 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.159.708 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 26 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare