Salute 4 Giugno 2020 08:30

L’Oms riprede lo studio sull’idrossiclorochina. Ghebreyesus: «Dati nella norma, continuiamo»

Preoccupa la situazione in America, numeri più alti in un giorno di tutto il resto del mondo. Casi in discesa in Europa, il 2 giugno numeri più bassi da fine marzo

Il trial sull’idrossiclorochina contro Covid-19 dell’Organizzazione mondiale della Sanità riprende. Lo ha annunciato il direttore generale Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus, in conferenza stampa a Ginevra. Era stato interrotto in via precauzionale a causa di uno studio pubblicato sulla rivista Lancet, che vedeva un tasso più alto di mortalità registrato nei pazienti curati con questo farmaco.

LEGGI ANCHE: L’OMS SOSPENDE IL TRIAL SULL’IDROSSICLOROCHINA CONTRO IL COVID-19 PER RAGIONI DI SICUREZZA

Ora «il gruppo esecutivo comunicherà ai principali investigatori coinvolti nello studio la ripresa del braccio del trial», ha chiarito Ghebreyesus. Dopo la sospensione e la verifica dei dati sulla mortalità «i membri del comitato hanno raccomandato che non vi siano ragioni per modificare il protocollo del trial». «Il comitato per la sicurezza e il monitoraggio dei dati – ha concluso – continuerà a monitorare attentamente tutte le terapie testate nel Solidarity Trial, finora oltre 3500 pazienti in 35 Paesi».

Mentre l’Europa sperimenta un declino costante dei nuovi casi, toccando lo scorso 2 giugno il numero più basso di contagi dal 22 marzo, in America i contagiati continuano a crescere in maniera preoccupante. «Per molte settimane – ha fatto presente il direttore generale – il numero di nuovi contagiati riportati ogni giorno nell’America del Sud e del Nord è stato superiore a quello di tutto il resto del mondo messo insieme». A preoccupare maggiormente sono proprio le regioni di Centro e Sud, che stanno vivendo un’accelerazione dell’epidemia.

LEGGI ANCHE: COVID-19, AIFA SOSPENDE L’AUTORIZZAZIONE ALL’UTILIZZO DI IDROSSICLOROCHINA PER IL TRATTAMENTO AL DI FUORI DEGLI STUDI CLINICI

Un’ultima raccomandazione arriva da Maria Van Kerkhove, responsabile tecnica per il coronavirus dell’Oms. «Nessuno studio ha finora dimostrato che il virus sia cambiato in severità – ha detto –. Potrà diventare più grave? Potrebbe, se inizieremo a sottovalutarlo». Essenziale dunque continuare a mantenere il distanziamento sociale e lavare le mani perché, ha specificato, «le mascherine non bastano».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Creato ceppo Covid letale all’80% nei topi, la condanna della scienza
Un gruppo di ricercatori americani ha creato un nuovo ceppo Covid mortale all'80% nei topi. La comunità scientifica sostiene che si sta «giocando con il fuoco»
La lunga battaglia contro la malaria, tra sfide vinte e ancora aperte
Da quando la sua eziologia è stata descritta per la prima volta più di 100 anni fa, la malaria è diventata una delle malattie infettive più conosciute al mondo. Tuttavia, nel 2019 ci sono stati ancora più di 620.000 decessi e circa 230 milioni di casi in tutto il mondo, quasi tutti nell'Africa subsahariana
di Stefano Piazza
Il cerotto intelligente: lo applichi sulla pelle e ti “dice” come stai
I ricercatori dell’Università di Chicago: «Il nostro dispositivo è dotato di un chip che, imitando il cervello umano, è in grado di raccogliere dati da più biosensori e trarre conclusioni sulla salute di una persona». In futuro potrebbe essere utilizzato anche per inviare avvisi a pazienti e medici in caso di necessità
Giffoni Innovation Hub, grande accoglienza per “Hai mai visto un unicorno?”, il cortometraggio che parla di vita e di SMA
Ragazzi dai 18 ai 30 anni hanno partecipato alla presentazione del film realizzato da Famiglie SMA, OMaR e GoGo Frames ponendo numerose domande per giungere a una riflessione: necessario parlare, raccontarsi ed essere ascoltati, soprattutto quando c’è di mezzo una disabilità
Vaiolo delle scimmie, cresce emergenza e ora 1 italiano su 3 lo teme
L'Oms ha dichiarato che il vaiolo delle scimmie è un'emergenza sanitaria globale. Sono stati registrati 17mila casi in 70 paesi. l'Italia è fra i 10 paesi più colpiti e forse per questo 1 italiano su 3 ammette di avere paura
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 1 dicembre 2022, sono 643.396.783 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.635.192 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa