Sanità internazionale 26 Maggio 2020

L’Oms sospende il trial sull’idrossiclorochina contro il Covid-19 per ragioni di sicurezza

Ad annunciarlo in conferenza stampa il direttore generale Ghebreyesus: «L’esecutivo del Solidarity Trial ha concordato di rivalutare un’analisi completa di tutte le prove disponibili a livello globale sul farmaco»

di Gloria Frezza
Immagine articolo

L’Organizzazione mondiale della sanità sospende il trial su idrossiclorochina e clorochina come farmaci contro il Covid-19. Lo ha annunciato il direttore generale Tedros Adhanom Ghebreyesus durante la conferenza stampa di ieri, definendola una «pausa temporanea» in attesa di chiarimenti.

La clorochina fa parte dei quattro farmaci di cui il Solidarity Trial portato avanti dall’Oms studia da due mesi efficacia e sicurezza contro l’infezione da Sars-CoV-2. Dopo degli iniziali risultati incoraggianti, già da tempo gli scienziati avevano invitato alla prudenza sull’uso del farmaco, per paura degli effetti collaterali. Pur se funzionante e sicuro nei pazienti con malattie autoimmuni e malaria, con il Covid-19 ha mostrato di non essere sempre controllabile.

La decisione dell’Oms arriva dopo la pubblicazione di uno studio sul “Lancet medical journal che esamina proprio i risultati del farmaco sui pazienti Covid ospedalizzati. I ricercatori riferivano un tasso più alto di mortalità nei pazienti curati con idrossiclorochina o clorochina, sia da sole che con un antibiotico.

LEGGI ANCHE: COVID-19, CLAVENNA (MARIO NEGRI): «SU IDROSSICOLOROCHINA DATI CONTRASTANTI»

Un paziente su 6 tra coloro che hanno preso idrossiclorochina o clorochina è morto. Uno su 5 tra chi accompagnava clorochina con antibiotico, uno su 4 tra chi all’antibiotico aggiungeva l’idrossiclorochina. Il tasso di mortalità tra chi non ha mai preso questi farmaci per curare il Covid-19 è sensibilmente più basso: uno su 11.

«L’esecutivo del Solidarity Trial – ha riferito Ghebreyesus – che rappresenta 10 dei Paesi partecipanti, si è riunito lo scorso sabato e ha concordato di rivalutare un’analisi completa e una valutazione critica di tutte le prove disponibili a livello globale sul farmaco».

La revisione prenderà in considerazione i dati raccolti finora nel trial dell’Oms e in particolare i dati “randomizzati” disponibili, per valutare adeguatamente potenziali benefici e danni. Per ora dunque la pausa è temporanea, «in attesa di una valutazione dei dati da parte del Data Safety Monitoring Board». I restanti rami del Solidarity Trial continueranno. «Sono oltre 400 gli ospedali coinvolti in 35 Paesi diversi nel reclutamento di nuovi pazienti. 3500 hanno già aderito», ha ricordato il direttore generale.

La decisione arriva in un momento particolarmente caldo per la discussione sulla clorochina nel mondo. Solo una settimana fa, infatti, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump aveva ammesso pubblicamente di stare assumendo idrossiclorochina in forma preventiva contro il Covid-19, dopo che un membro del suo staff era stato trovato positivo al virus. Al dibattito per ora ha messo un punto l’Oms, in attesa di nuovi dati.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Arrivi da Paesi extra Ue ed extra Schengen, Speranza: «Urgenti nuove misure rigorose»
La lettera del ministro della Salute al Commissario Ue Stella Kyriakides e al presidente del Consiglio dei ministri della Salute Jens Spahn: «Serve maggior coordinamento tra gli Stati membri»
Il software intelligente che monitora la salute per tornare in ufficio in sicurezza
Ideato e promosso da un gruppo di aziende sotto il coordinamento di Technogenetics, il kit prevede test sierologico rapido e software per rilevare temperatura, saturazione dell’ossigeno e battito cardiaco
di Federica Bosco
Assistenza Domiciliare Integrata, solo il 2,7% degli over 65 ne beneficia. Bernabei (Italia Longeva): «Investire in formazione e tecnologia»
Al webinar "Assistenza Domiciliare Integrata (ADI): ripensare modelli e strumenti a partire da quanto imparato in emergenza” anche la Sottosegretaria alla Salute Sandra Zampa: «Nel Dl Rilancio stanziamento senza precedenti di 734 mln di euro»
Sanità post-Covid, il primario del PS di Lodi: «Bene rinforzare terapie intensive e territorio, ma non si dimentichino le degenze ordinarie»
Intervista a Stefano Paglia: «Necessario tutelare meglio i medici dalle denunce finalizzate al profitto»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

All’8 luglio, sono 11.838.384 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 544.414 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 8 luglio: nell’ambi...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Lavoro

Riforma sistema 118, le posizioni (opposte) di medici dell’Emergenza e SIS 118

Presentato al Senato il Ddl di riforma del 118: prevede organici propri e un sistema dipartimentale. Ma è scontro tra Balzanelli (SIS 118) e Manca (Simeu)