Salute 27 Agosto 2020 10:19

Lo yoga fa bene al cuore: ecco perché

Una recente ricerca ha dimostrato il legame tra yoga e salute del cuore. L’antica disciplina indiana è collegata al miglioramento dei sintomi nei pazienti cardiopatici

I benefici dello yoga a livello fisico e mentale sono stati ormai ampiamente riconosciuti da tutti anche dal punto di vista scientifico. Diversi studi hanno dimostrato l’efficacia dello yoga sul sistema cardiovascolare: secondo una ricerca presentata al Congresso ESC 2020, le posture yoga e la respirazione potrebbero aiutare i pazienti con fibrillazione atriale a gestire i propri sintomi e migliorare la qualità della propria vita.

La fibrillazione atriale

La fibrillazione atriale è il disturbo del ritmo cardiaco più comune: colpisce un adulto su quattro in Europa e negli USA e causa il 20-30% di tutti gli ictus.

I sintomi della fibrillazione atriale

I sintomi della fibrillazione atriale comprendono palpitazioni, battito cardiaco accelerato o irregolare, mancanza di respiro, stanchezza, dolore toracico e vertigini. «Possono essere angoscianti – ha dichiarato l’autore dello studio, il dottor Naresh Sen dell’HG SMS Hospital in India -. Vanno e vengono, causando ansia a molti pazienti e limitando la loro capacità di vivere una vita normale».

Lo studio e gli effetti dello yoga

Lo studio ha coinvolto 538 pazienti che non hanno praticato yoga per 12 settimane per poi dedicarsi alla disciplina 16 settimane per 30 minuti a giorni alterni, effettuando posture (le cosiddette asana) ed esercizi di respirazione. Durante questo periodo, i pazienti sono stati anche invitati a proseguire le posizioni e gli esercizi di respirazione a casa.

Nel corso dei due periodi di studio, i pazienti hanno tenuto un diario nel quale annotavano gli episodi di fibrillazione atriale; alcuni li verificavano con un cardiofrequenzimetro. Inoltre, i partecipati all’indagine hanno compilato questionari sull’ansia, la depressione, i livelli di energia e l’umore. Sono state misurate anche la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna. I ricercatori hanno quindi confrontato i risultati tra i periodi di stasi e quelli di yoga.

I risultati

Nel corso delle 16 settimane, le persone hanno sperimentato miglioramenti significativi rispetto alla fase di risposo. Durante la pausa, i pazienti hanno avuto una media di 15 episodi sintomatici di fibrillazione atriale rispetto agli 8 episodi occorsi nelle giornate dedicate alla pratica spirituale. E anche la pressione sanguigna ne ha beneficiato: dopo l’allenamento yoga era inferiore di 11/6 mmHg.

La conclusione

«Il nostro studio – ha ammesso soddisfatto il dottor Sen – dimostra che lo yoga ha benefici per la salute fisica e mentale ad ampio raggio nei pazienti con fibrillazione atriale e potrebbe essere aggiunto come integrazione alle terapie tradizionali».

Articoli correlati
Ricerca, il tumore al seno oggi si combatte con nanosfere d’oro intelligenti
Un team di scienziate dell’Università di Pavia, guidato dalla professoressa Livia Visai, ha messo a punto una piattaforma di nanosfere d’oro in grado di colpire solo le cellule tumorali e ridurre in questo modo gli effetti collaterali delle cure chemioterapiche
di Federica Bosco
Deficit intellettivo, dalla realtà virtuale la chiave per il recupero delle abilità esecutive
Lo studio preliminare condotto dall’Università Federico II ha evidenziato l’importanza di ripensare i percorsi riabilitativi nell’ottica di una maggiore funzionalità
Mos (Cardiologia dello Sport): «Ecco perché un calciatore con defibrillatore non può giocare in Italia»
«Le linee guida italiane, le più severe in Europa, non prevedono la possibilità di giocare con un defibrillatore per due motivi. L’intensa attività agonistica può essere la causa dell’aritmia e gli scontri di gioco possono colpire l’apparecchio provocando gravi conseguenze»
Giornata nazionale contro Leucemie, Mielomi e Linfomi: il punto su ricerca e nuove terapie
Il 21 giugno specialisti ed ematologi di AIL risponderanno alle domande dei pazienti, dalle 8 alle 20, al numero verde 800226524. L'obiettivo è raccontare i progressi della ricerca e il supporto avuto durante la pandemia da Covid dalla telemedicina e dai volontari
di Federica Bosco
Prevenzione cardiovascolare, tornano a esibirsi in teatro i cardiologi-musicisti
Il 20 giugno, dopo un anno di stop, torna l’evento “3 Cuori per la Musica - Ricominciare e poi…” con i cardiologi-musicisti che si esibiranno sul palco del Teatro Ghione. L'obiettivo è ricominciare a sensibilizzare sulla prevenzione delle malattie cardiovascolari e raccogliere i fondi necessari all’acquisto di defibrillatori da destinare a strutture pubbliche e private per combattere la morte cardiaca improvvisa
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 luglio, sono 196.654.595 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.199.164 i decessi. Ad oggi, oltre 4 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Salute

Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva

Chi ne è esentato? E cosa deve fare chi è guarito? Intervista a Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva