Salute 10 Maggio 2018 12:06

«Studiando la paura abbiamo ‘inventato’ i farmaci betabloccanti». Intervista esclusiva al Premio Nobel Robert Lefkowitz

Le sue ricerche sui recettori hanno svelato cosa succede a cellule e organi sottoposti a stimoli esterni: perché, ad esempio, l’adrenalina aumenta la frequenza cardiaca. Lo scienziato americano spiega a Sanità Informazione: «Tutto questo può essere utilizzato per aiutare pazienti cardiopatici, ipertesi o asmatici con i farmaci antagonisti o betabloccanti»

di Cesare Buquicchio – Inviato a Bologna
«Studiando la paura abbiamo ‘inventato’ i farmaci betabloccanti». Intervista esclusiva al Premio Nobel Robert Lefkowitz

Chiave e serratura. Un meccanismo semplice, che conosciamo tutti, è utile per capire perché il nostro organismo reagisce in un particolare modo in presenza di stimoli esterni. È questa infatti l’analogia utilizzata dal Nobel per la chimica nel 2012 Robert Lefkowitz per spiegare cosa succede nelle nostre cellule e nel nostro corpo quando abbiamo paura. Ha ottenuto il prestigioso premio per i suoi studi sui recettori accoppiati a proteine G, ed è proprio grazie ai risultati delle ricerche sulle reazioni delle cellule quando entra in circolo, ad esempio, l’adrenalina, che sono nati i farmaci betabloccanti. L’adrenalina fa infatti aumentare la frequenza cardiaca e per aiutare i pazienti cardiopatici, ad esempio, a tenere sotto controllo il battito, basterà fare in modo che l’adrenalina non entri nelle cellule. Come? Rompendo la chiave nella serratura, per mantenere la metafora: bloccando l’ingresso dei recettori con farmaci chiamati, appunto, betabloccanti.

Professor Lefkowitz, può spiegarci cosa succede nel nostro corpo quando abbiamo paura?

«Quando un essere umano ha paura secerne adrenalina dalle ghiandole surrenali. L’adrenalina entra in circolo e cerca di individuare degli organismi “bersaglio”, fondamentalmente il cuore e i vasi. Una volta raggiunta la superficie di questi organi, l’adrenalina stimola delle reazioni. Il cuore, ad esempio, inizia a battere di più, siamo in grado di correre più velocemente e ci sentiamo più forti. Ci aiuta, quindi, ad avere la risposta giusta allo stimolo esterno».

In che modo l’adrenalina si interfaccia con gli organi?

«Sulla superficie del cuore ci sono dei recettori, chiamati recettori adrenergici, che riconoscono l’adrenalina. È come se l’adrenalina fosse una chiave e i recettori la serratura da aprire: la funzione del recettore è proprio quella di riconoscere l’adrenalina, non fanno altro. Nel momento in cui l’adrenalina entra nella serratura, la modifica, ne cambia la forma. A quel punto l’adrenalina sarà in grado di aumentare la frequenza cardiaca e causare altri effetti sul nostro organismo».

Ma quali sono le implicazioni terapeutiche di questo meccanismo? 

«Tutto questo può essere utilizzato in pazienti cardiopatici, ipertesi o asmatici, perché anche durante un attacco asmatico l’adrenalina ha un ruolo, visto che ci sono dei recettori anche sulle vie aree. Se abbiamo, ad esempio, un soggetto iperteso e non vogliamo che la sua frequenza cardiaca aumenti, possiamo utilizzare dei farmaci che entrano nella nostra serratura e, proprio come una chiave che si rompe, ne bloccano l’ingresso. Sono farmaci, questi, antagonisti o betabloccanti, proprio perché la loro funzione è impedire che l’adrenalina si leghi ai recettori e che l’organismo reagisca in quel modo».

Questo meccanismo avviene solo con la paura?

«Il nostro organismo utilizza un sistema complesso di recettori. Abbiamo migliaia di recettori che sono quindi fondamentali per individuare le sostanze chimiche e mediare, ad esempio, la capacità di vedere, la capacità di esercitare il senso del gusto o dell’odorato. Pertanto il meccanismo che entra in moto con la paura è solo uno dei modi in cui i recettori entrano in azione nel nostro organismo».

LEGGI ANCHE: MALATTIE CARDIOVASCOLARI: ATTENZIONE AI SINTOMI “SILENZIOSI” E “ATIPICI”

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Covid-19, Senior Italia: «Anziani terrorizzati. Dilagano ansia e depressione. E il 55,7% ha problemi di accesso alle cure»
Anziani in auto lockdown. Le più grandi paure? Contagiare o essere contagiati dai propri cari e morire da soli. Ma il 72,4% ripone fiducia nelle scelte delle Istituzioni. TV e carta stampata le principali fonti per i comportamenti da adottare rispetto al Covid, e il 7,9% va a caccia di informazioni online
Ansia, depressione e ossessioni da coronavirus. Conte (Ordine psicologi Lazio): «Così rispondiamo alle esigenze dei cittadini»
Il nuovo servizio di consulenze psicologiche a distanza dell’Ordine degli psicologi del Lazio ha ottenuto un boom di consensi tra i cittadini. Disturbi dell'umore, solitudine, paura rispetto al futuro e incertezza: ecco le richieste più frequenti
Coronavirus e bambini, lo psicoterapeuta: «Hanno paura se vedono adulti spaventati senza conoscerne il motivo. Diciamo loro la verità»
Alberto Pellai fornisce consigli su come gestire angoscia e preoccupazione: «Partire da fatti e dati oggettivi. La probabilità reale che ognuno di noi ha di morire a causa del coronavirus è forse l’equivalente di morire in un incidente stradale. Eppure continuiamo a prendere la macchina»
Covid-19 a Codogno, il Comune: «Cittadini preoccupati, in queste ore ricevute tantissime telefonate»
Prognosi riservata per un trentottenne ricoverato all'ospedale di Codogno che avrebbe cenato, di recente, con un collega rientrato dalla Cina. Cresce la preoccupazione nei cittadini
Allarme Coronavirus, rischio psicosi. Lo psicologo: «Fondamentale non farsi trasportare dall’onda emotiva»
La paura è comprensibile, ma quali sono i rischi che corriamo? «Ad oggi non risulta un’emergenza in Italia: l’allerta può essere giustificata solo dagli esperti e dal ministero». Facciamo chiarezza con il dottor Stefano Lagona
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 21 giugno, sono 178.491.809 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.866.201 i decessi. Ad oggi, oltre 2,6 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM