Salute 18 Gennaio 2019

Pronto soccorso Psicologico. In un anno raddoppiate le richieste di aiuto: crisi d’ansia e attacchi di panico i disturbi più diffusi

La coordinatrice Mariolina Palumbo: «Ora, il nostro sogno è replicare questo modello di pronto soccorso Psicologico, unico in Italia, nelle altre Regioni della penisola»

di Isabella Faggiano

Uomini e donne, tra i 30 e i 40 anni, in preda ad attacchi di panico o di ansia. Persone che, improvvisamente, durante un giorno qualunque, non riuscendo a gestire le proprie emozioni, bussano alla porta del  pronto soccorso Psicologico. Chiedono aiuto e lo trovano tra le mura di Villa Giuseppina, a Roma. «È qui che, un anno fa, abbiamo inaugurato un presidio dedicato all’urgenza psicologica – ha spiegato  Mariolina Palumbo, coordinatrice e promotrice del pronto soccorso Psicologico romano -. Un servizio aperto 365 giorni all’anno,  festivi compresi, dalle 9.30 alle 19.30».

Un’idea che nasce da una lunga carriera professionale come terapeuta: «Faccio questo lavoro da 32 anni – ha detto Mariolina Palumbo – ed ogni giorno mi rendo conto che esiste una necessità di sostegno psicologico  nell’immediatezza, nel quotidiano. Attacchi di panico e crisi di ansia che,trasversalmente, interessano principalmente la popolazione dei 30-40enni, ma che non escludono bambini, adolescenti e anziani».

LEGGI ANCHE: HIKIKOMORI, LA STORIA DI FRED: «IL MIO RITIRO SOCIALE È COMINCIATO A 12 ANNI.  QUANDO MI SENTIVO MORTO, L’ISOLAMENTO MI FACEVA RINASCERE»

Al pronto soccorso Psicologico non si offre assistenza a lungo termine, ma un intervento tempestivo: «Non facciamo psicoterapia – ha spiegato la dottoressa – ma interveniamo durante la fase acuta del problema. Puntiamo alla risoluzione,  conteniamo il malessere e offriamo un assessment immediato alla persona che ha bisogno di aiuto».

L’equipe del pronto soccorso psicologico si occupa di tutte situazioni legate al disagio: conflitti di coppia e separazioni,  problematiche adolescenziali e scolastiche, stati depressivi reattivi – come gestione del lutto, depressione post-partum, condizioni conseguenti a malattie gravi –  mobbing e tutto ciò che,  nel corso della vita, può modificare lo stato di benessere individuale.

Il presidio è aperto a tutti i cittadini, senza limitazione di residenza, l’accesso è analogo a quello di qualunque altro luogo dedicato all’emergenza: «Per ricevere l’aiuto dei nostri specialisti – ha detto Mariolina Palumbo – è sufficiente annotarsi l’indirizzo e presentarsi qui, senza effettuare alcuna chiamata di prenotazione».

LEGGI ANCHE: PAZIENTI A RISCHIO SUICIDIO, COME PREVENIRE E SUPERARE SHOCK. INNAMORATI (PSICOTERAPEUTA): «OCCORRE FORMAZIONE PER TUTTI REPARTI»

In un anno l’utenza è raddoppiata:  «Il nostro servizio, così com’è attualmente strutturato è il primo in Italia.  Nel nostro staff, composto da 30 specialisti, ci sono professionisti internazionali che effettuano terapia in inglese, francese e spagnolo. Ma questa – ha sottolineato l’esperta –  è solo una piccola parte della nostra evoluzione. In cantiere ci sono tanti altri progetti. Ci hanno contattato dal Piemonte e dal Friuli Venezia Giulia, stiamo dialogando con l’Irpinia, la città di Catania e Napoli. Il sogno – ha concluso la coordinatrice del presidio – è quello di realizzare più punti di pronto soccorso Psicologico in tutte le Regioni d’Italia».

Articoli correlati
Depressione da stress, una molecola anti-neuroinfiammazione può controllare il disturbo
«Oggi il coinvolgimento del processo neuroinfiammatorio è dimostrato tanto nelle malattie neurodegenerative che nelle patologie neuropsichiatriche», spiega Salvatore Cuzzocrea, professore ordinario di Farmacologia all’Università di Messina
Depressione, in Italia colpisce 3,5 milioni di persone. Il dossier della Fondazione Onda
Meno del 50% di chi ne soffre riceve diagnosi tempestiva e trattamento corretto. Oltre un anno e mezzo tra comparsa dei primi sintomi e decisione di rivolgersi a un medico, circa due anni prima di ricevere una diagnosi corretta.
“Donne, patologie, depressione: l’importanza del lavoro in rete”. Parte il progetto Onda in Lombardia
«Numerose evidenze scientifiche documentano come la depressione aumenti il rischio di malattie cardiovascolari, metaboliche, oncologiche, pneumologiche e neurologiche da un lato e, dall’altro, come chi soffre di queste patologie sia maggiormente esposto al rischio di depressione che ne peggiora gli esiti» spiega Francesca Merzagora, Presidente Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere. […]
Depressione post partum: ne soffrono anche i papà
Lai (psicologo clinico): «Oggi gli uomini si occupano sia dell’accudimento pratico, che di quello emotivo dei propri figli. Tanto da avere un ruolo intercambiabile con le donne, nel bene e nel male»
di Isabella Faggiano
Usa, salute dei medici a rischio. Report Medscape: un medico su due colpito da burnout. Il 14% ha pensato al suicidio
Stress, stanchezza, ansia e depressione possono nascondersi sotto il camice bianco. Quasi un medico su due è infatti colpito dalla ‘sindrome del burnout‘, un esaurimento fisico e psicologico che può mettere a rischio la salute del professionista e non solo. È quanto rivela una nuova indagine, ‘Medscape National Physician Burnout, Depression & Suicide Report 2019’, […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...