Salute 18 Settembre 2018

Pazienti a rischio suicidio, come prevenire e superare shock. Innamorati (psicoterapeuta): «Occorre formazione per tutti reparti»

«Non bisogna pensare che solo i pazienti ricoverati in psichiatria possono compiere gesti estremi, per questo tutti i medici e gli operatori – di qualsiasi settore – devono essere preparati» ai microfoni di Sanità Informazione Marco Innamorati, psicologo e psicoterapeuta

Immagine articolo

«Attenzione, i pazienti con istinti suicidari non s’incontrano solo nei reparti psichiatrici, possono essere ovunque ed è necessario che medici e operatori sanitari siano in grado di fronteggiare situazioni di questo tipo». Lo spiega ai microfoni di Sanità Informazione Marco Innamorati, psicologo, psicoterapeuta e professore associato dell’Università Europea di Roma.

Il professore specializzato in psicologia cognitivo-comportamentale, mette l’accento sull’importanza di una formazione adeguata non solo per il personale impiegato in psichiatria ma anche per tutti gli altri reparti ospedalieri. «Perché lo staff ospedaliero e assistenziale deve sempre essere in grado di prevenire queste emergenze, non si può non dare gli strumenti a medici e infermieri per saper gestire queste criticità».

LEGGI ANCHE: SUICIDIO, IN ITALIA 4200 CASI L’ANNO. APPELLO DEGLI PSICHIATRI AL MINISTRO GRILLO: PIÙ ATTENZIONE ALLA PREVENZIONE

Un paziente di ortopedia, spiega lo psicoterapeuta, come uno di cardiochirurgia, gastroenterologia o endocrinologia «può avere gli stessi istinti suicidi di un paziente ricoverato in psichiatria – prosegue -, io ritengo che sia indispensabile che professionisti sanitari di ogni reparto siano formati per fronteggiare questo genere di emergenze».

È pur vero che il Ministero della Salute rilascia costantemente protocolli dettagliati per il monitoraggio dei cosiddetti ‘eventi sentinella’, «si tratta di eventi avversi – spiega il professore – a seguito dei quali un paziente può perdere la vita o riportare gravi danni, tra questi rientra il suicidio. Ma non basta, bisogna prevenire il problema, perché curare le conseguenze sia sui familiari che sui professionisti sanitari non è affatto semplice».

«Il suicidio di un paziente non solo è un fatto gravissimo per la famiglia della ‘vittima’ ma anche per la struttura assistenziale coinvolta, inoltre l’evento può avere delle ripercussioni psicologiche gravissime sull’operatore sanitario o il medico coinvolto. Infatti la situazione emotiva di un collega, che ha subito un tale shock, è chiaramente messa a dura prova, lui stesso in futuro può diventare a rischio di comportamenti suicidari, dunque ripeto la formazione è indispensabile in modo che ci siano delle competenze e delle conoscenze che lo aiutino ad intervenire».

«Sono previsti ovviamente dei supporti psicologici per il professionista sanitario che vive un trauma di questo tipo, ma io ritengo che una preparazione su come prevenire ed eventualmente affrontare il suicidio di un assistito sia necessaria per tutte le tipologie di medici ed operatori sia per la loro integrità emotiva che per la loro funzione fondamentale per tutta la comunità».

Articoli correlati
ECM, anche gli infermieri in azione per chiudere al meglio il triennio
Attraverso la Rete nazionale dei referenti degli Ordini provinciali degli infermieri per l’Ecm, gli infermieri puntano a terminare il triennio con i crediti formativi in regola. L'intervista a Pierpaolo Pateri, presidente OPI Cagliari e componenti della Commissione Nazionale per la Formazione continua
Oncologia, Beretta (Aiom): «Screening organizzati fondamentali. Grandi potenzialità per la medicina di precisione»
«La formazione dei medici è fondamentale: da quando mi sono laureato ad oggi sono cambiate tantissime cose. È necessario ridefinire un sistema di welfare per evitare costi aggiuntivi della malattia sui pazienti», così il presidente eletto Aiom a margine del convegno al Senato
Psicologia, nasce la Consulta degli studenti: «Eliminare il 3+2 e regolamentare la retribuzione dei tirocini»
Leopoldo Pizzetti, studente promotore della Consulta: «È un organo consultivo e non vincolante dell’Ordine degli Psicologi che favorirà la sinergia tra il mondo della formazione e quello professionale
di Isabella Faggiano
Papa Francesco sulla sanità: «No ad aziendalizzazione e turni massacranti, sì a strumenti per formare adeguatamente il personale»
Il Pontefice ha parlato durante il suo incontro con l’Associazione cattolica degli operatori sanitari: «Trattare i malati come persone, e non come numeri»
ECM, Lavalle (OMCeO Bari): «Medici obbligati moralmente a formarsi per rapporto con pazienti»
Il vicepresidente OMCeO di Bari, Franco Lavalle si dice soddisfatto dell’azione intrapresa dalla Federazione Medici Chirurghi e Odontoiatri riguardo l’aggiornamento professionale: «A Bari ogni anno organizziamo una ventina di corsi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...