Salute 18 settembre 2018

Pazienti a rischio suicidio, come prevenire e superare shock. Innamorati (psicoterapeuta): «Occorre formazione per tutti reparti»

«Non bisogna pensare che solo i pazienti ricoverati in psichiatria possono compiere gesti estremi, per questo tutti i medici e gli operatori – di qualsiasi settore – devono essere preparati» ai microfoni di Sanità Informazione Marco Innamorati, psicologo e psicoterapeuta

Immagine articolo

«Attenzione, i pazienti con istinti suicidari non s’incontrano solo nei reparti psichiatrici, possono essere ovunque ed è necessario che medici e operatori sanitari siano in grado di fronteggiare situazioni di questo tipo». Lo spiega ai microfoni di Sanità Informazione Marco Innamorati, psicologo, psicoterapeuta e professore associato dell’Università Europea di Roma.

Il professore specializzato in psicologia cognitivo-comportamentale, mette l’accento sull’importanza di una formazione adeguata non solo per il personale impiegato in psichiatria ma anche per tutti gli altri reparti ospedalieri. «Perché lo staff ospedaliero e assistenziale deve sempre essere in grado di prevenire queste emergenze, non si può non dare gli strumenti a medici e infermieri per saper gestire queste criticità».

LEGGI ANCHE: SUICIDIO, IN ITALIA 4200 CASI L’ANNO. APPELLO DEGLI PSICHIATRI AL MINISTRO GRILLO: PIÙ ATTENZIONE ALLA PREVENZIONE

Un paziente di ortopedia, spiega lo psicoterapeuta, come uno di cardiochirurgia, gastroenterologia o endocrinologia «può avere gli stessi istinti suicidi di un paziente ricoverato in psichiatria – prosegue -, io ritengo che sia indispensabile che professionisti sanitari di ogni reparto siano formati per fronteggiare questo genere di emergenze».

È pur vero che il Ministero della Salute rilascia costantemente protocolli dettagliati per il monitoraggio dei cosiddetti ‘eventi sentinella’, «si tratta di eventi avversi – spiega il professore – a seguito dei quali un paziente può perdere la vita o riportare gravi danni, tra questi rientra il suicidio. Ma non basta, bisogna prevenire il problema, perché curare le conseguenze sia sui familiari che sui professionisti sanitari non è affatto semplice».

«Il suicidio di un paziente non solo è un fatto gravissimo per la famiglia della ‘vittima’ ma anche per la struttura assistenziale coinvolta, inoltre l’evento può avere delle ripercussioni psicologiche gravissime sull’operatore sanitario o il medico coinvolto. Infatti la situazione emotiva di un collega, che ha subito un tale shock, è chiaramente messa a dura prova, lui stesso in futuro può diventare a rischio di comportamenti suicidari, dunque ripeto la formazione è indispensabile in modo che ci siano delle competenze e delle conoscenze che lo aiutino ad intervenire».

«Sono previsti ovviamente dei supporti psicologici per il professionista sanitario che vive un trauma di questo tipo, ma io ritengo che una preparazione su come prevenire ed eventualmente affrontare il suicidio di un assistito sia necessaria per tutte le tipologie di medici ed operatori sia per la loro integrità emotiva che per la loro funzione fondamentale per tutta la comunità».

Articoli correlati
Dissezione su cadavere, l’eccellenza all’università di Bologna: 400 metri quadri al servizio di studenti, chirurghi e ricercatori
L’Italia ferma ad un Regio Decreto del 1933. Ad ottobre 2018, Pierpaolo Sileri (M5S) ha presentato un disegno di legge in tema disposizione del proprio corpo e dei tessuti post mortem a fini di studio, di formazione e di ricerca scientifica
di Isabella Faggiano
Accademia dei pazienti-Eupati Italia, il paziente “esperto” affianca il medico nel percorso terapeutico
Informazione, formazione e competenza: un paziente preparato e consapevole supporta il professionista sanitario con la sua esperienza diretta di malattia, veicola le necessità degli altri ed aiuta ad arginare il fenomeno della disinformazione in salute
San Valentino, le tecniche antistress che salvano l’amore: una vita di coppia sana passa anche dalla regola delle tre “C”
La dottoressa Serena Missori, endocrinologa e nutrizionista: «Consapevolezza, conoscenza e coscienza per stare bene con se stessi e con il partner. Così lo stress da nemico diventa alleato». On line il primo ebook "Antistress: teoria e pratica”
Ecco il guanto sensorizzato che insegna ad operare, valuta la funzionalità della mano e traduce la lingua dei segni
Sembra uscito da un film di supereroi, il guanto ‘sensorizzato’ inventato dal professor Giovanni Saggio dell’università Tor Vergata di Roma. A vederlo sembra un guanto comune, ma è l’unico in grado di misurare i movimenti della mano, valutando ogni singola articolazione delle dita. Può pilotare a distanza una mano robotica e controllare oggetti virtuali, può […]
Formazione, Vanja Ciolli (CeOR): «Aggiornamento fondamentale, tecnico ortopedico responsabile sicurezza dispositivi e qualità processi di produzione»
«Il tecnico ortopedico è obbligato da norme regionali e nazionali ad aggiornarsi al passo con l’evoluzione continua in medicina e a rispondere ai crediti formativi necessari» dichiara Vanja Ciolli (Amministratore Ce.OR) a Sanità Informazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...