Salute 18 settembre 2018

Pazienti a rischio suicidio, come prevenire e superare shock. Innamorati (psicoterapeuta): «Occorre formazione per tutti reparti»

«Non bisogna pensare che solo i pazienti ricoverati in psichiatria possono compiere gesti estremi, per questo tutti i medici e gli operatori – di qualsiasi settore – devono essere preparati» ai microfoni di Sanità Informazione Marco Innamorati, psicologo e psicoterapeuta

Immagine articolo

«Attenzione, i pazienti con istinti suicidari non s’incontrano solo nei reparti psichiatrici, possono essere ovunque ed è necessario che medici e operatori sanitari siano in grado di fronteggiare situazioni di questo tipo». Lo spiega ai microfoni di Sanità Informazione Marco Innamorati, psicologo, psicoterapeuta e professore associato dell’Università Europea di Roma.

Il professore specializzato in psicologia cognitivo-comportamentale, mette l’accento sull’importanza di una formazione adeguata non solo per il personale impiegato in psichiatria ma anche per tutti gli altri reparti ospedalieri. «Perché lo staff ospedaliero e assistenziale deve sempre essere in grado di prevenire queste emergenze, non si può non dare gli strumenti a medici e infermieri per saper gestire queste criticità».

LEGGI ANCHE: SUICIDIO, IN ITALIA 4200 CASI L’ANNO. APPELLO DEGLI PSICHIATRI AL MINISTRO GRILLO: PIÙ ATTENZIONE ALLA PREVENZIONE

Un paziente di ortopedia, spiega lo psicoterapeuta, come uno di cardiochirurgia, gastroenterologia o endocrinologia «può avere gli stessi istinti suicidi di un paziente ricoverato in psichiatria – prosegue -, io ritengo che sia indispensabile che professionisti sanitari di ogni reparto siano formati per fronteggiare questo genere di emergenze».

È pur vero che il Ministero della Salute rilascia costantemente protocolli dettagliati per il monitoraggio dei cosiddetti ‘eventi sentinella’, «si tratta di eventi avversi – spiega il professore – a seguito dei quali un paziente può perdere la vita o riportare gravi danni, tra questi rientra il suicidio. Ma non basta, bisogna prevenire il problema, perché curare le conseguenze sia sui familiari che sui professionisti sanitari non è affatto semplice».

«Il suicidio di un paziente non solo è un fatto gravissimo per la famiglia della ‘vittima’ ma anche per la struttura assistenziale coinvolta, inoltre l’evento può avere delle ripercussioni psicologiche gravissime sull’operatore sanitario o il medico coinvolto. Infatti la situazione emotiva di un collega, che ha subito un tale shock, è chiaramente messa a dura prova, lui stesso in futuro può diventare a rischio di comportamenti suicidari, dunque ripeto la formazione è indispensabile in modo che ci siano delle competenze e delle conoscenze che lo aiutino ad intervenire».

«Sono previsti ovviamente dei supporti psicologici per il professionista sanitario che vive un trauma di questo tipo, ma io ritengo che una preparazione su come prevenire ed eventualmente affrontare il suicidio di un assistito sia necessaria per tutte le tipologie di medici ed operatori sia per la loro integrità emotiva che per la loro funzione fondamentale per tutta la comunità».

Articoli correlati
ECM, Bovenga (CoGeAPS): «I medici non conoscono le regole del gioco, occorre ‘aggiornarsi sull’aggiornamento’»
«La prima regola è conoscere le regole del gioco». L’intervista a tutto campo al presidente nazionale del Consorzio Gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie
Suicidio, in Italia 4200 casi l’anno. Appello degli psichiatri al Ministro Grillo: più attenzione alla prevenzione
In corso a Roma il convegno internazionale di suicidologia e salute pubblica. Pompili (Sapienza): «Attenzione a chi parla di suicidio, soffre di abitudini alterate del sonno o si cimenta in sport ad alto rischio». Rihmer (Università Semmelweis di Budapest): «Il suicidio si può prevenire come il trattamento dell’ipertensione previene l’ictus»
Contratto, parla Carlo Palermo (Anaao): «Per firmare va sbloccata Retribuzione Individuale di Anzianità. Ecco come fare…»
Dai nodi da scogliere per arrivare a sbloccare il contratto alle soluzioni per rispondere alla carenza di specialisti, passando per le “autodimissioni” dei medici ospedalieri fino al taglio delle pensioni d’oro: l’intervista a tutto tondo al segretario nazionale di Anaao Assomed
Droghe, Cgil e Fp Cgil aderiscono a giornata contro overdose
“Mai più overdose, mai più stigma”. Con questo appello la Cgil e la Fp Cgil aderiscono alla giornata mondiale contro l’overdose, una iniziativa lanciata nel 2001 e che ha visto negli anni crescere l’adesione di molte associazioni e organizzazioni nel mondo, comprese amministrazioni e governi di vari paesi. La Cgil e la Funzione Pubblica Cgil […]
Siglato l’accordo tra il Gruppo ospedaliero San Donato e Nmc Healthcare
Garantire ai pazienti un livello di assistenza sicuro e di elevata qualità, facilitando la formazione e lo sviluppo del personale medico per ottenere i migliori risultati diagnostici e terapeutici. È questo l’obiettivo dell’accordo siglato il 26 agosto tra il Gruppo ospedaliero San Donato e BRS Ventures Investment Ltd, capofila di Nmc Healthcare, il più grande […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila