Salute 18 Settembre 2018 10:00

Pazienti a rischio suicidio, come prevenire e superare shock. Innamorati (psicoterapeuta): «Occorre formazione per tutti reparti»

«Non bisogna pensare che solo i pazienti ricoverati in psichiatria possono compiere gesti estremi, per questo tutti i medici e gli operatori – di qualsiasi settore – devono essere preparati» ai microfoni di Sanità Informazione Marco Innamorati, psicologo e psicoterapeuta

Pazienti a rischio suicidio, come prevenire e superare shock. Innamorati (psicoterapeuta): «Occorre formazione per tutti reparti»

«Attenzione, i pazienti con istinti suicidari non s’incontrano solo nei reparti psichiatrici, possono essere ovunque ed è necessario che medici e operatori sanitari siano in grado di fronteggiare situazioni di questo tipo». Lo spiega ai microfoni di Sanità Informazione Marco Innamorati, psicologo, psicoterapeuta e professore associato dell’Università Europea di Roma.

Il professore specializzato in psicologia cognitivo-comportamentale, mette l’accento sull’importanza di una formazione adeguata non solo per il personale impiegato in psichiatria ma anche per tutti gli altri reparti ospedalieri. «Perché lo staff ospedaliero e assistenziale deve sempre essere in grado di prevenire queste emergenze, non si può non dare gli strumenti a medici e infermieri per saper gestire queste criticità».

LEGGI ANCHE: SUICIDIO, IN ITALIA 4200 CASI L’ANNO. APPELLO DEGLI PSICHIATRI AL MINISTRO GRILLO: PIÙ ATTENZIONE ALLA PREVENZIONE

Un paziente di ortopedia, spiega lo psicoterapeuta, come uno di cardiochirurgia, gastroenterologia o endocrinologia «può avere gli stessi istinti suicidi di un paziente ricoverato in psichiatria – prosegue -, io ritengo che sia indispensabile che professionisti sanitari di ogni reparto siano formati per fronteggiare questo genere di emergenze».

È pur vero che il Ministero della Salute rilascia costantemente protocolli dettagliati per il monitoraggio dei cosiddetti ‘eventi sentinella’, «si tratta di eventi avversi – spiega il professore – a seguito dei quali un paziente può perdere la vita o riportare gravi danni, tra questi rientra il suicidio. Ma non basta, bisogna prevenire il problema, perché curare le conseguenze sia sui familiari che sui professionisti sanitari non è affatto semplice».

«Il suicidio di un paziente non solo è un fatto gravissimo per la famiglia della ‘vittima’ ma anche per la struttura assistenziale coinvolta, inoltre l’evento può avere delle ripercussioni psicologiche gravissime sull’operatore sanitario o il medico coinvolto. Infatti la situazione emotiva di un collega, che ha subito un tale shock, è chiaramente messa a dura prova, lui stesso in futuro può diventare a rischio di comportamenti suicidari, dunque ripeto la formazione è indispensabile in modo che ci siano delle competenze e delle conoscenze che lo aiutino ad intervenire».

«Sono previsti ovviamente dei supporti psicologici per il professionista sanitario che vive un trauma di questo tipo, ma io ritengo che una preparazione su come prevenire ed eventualmente affrontare il suicidio di un assistito sia necessaria per tutte le tipologie di medici ed operatori sia per la loro integrità emotiva che per la loro funzione fondamentale per tutta la comunità».

Articoli correlati
Covid: terapia domiciliare fondamentale, no a cortisone e antibiotici
Nel corso di formazione professionale ECM di Consulcesi “La gestione del paziente Covid-19 nel contesto domiciliare” tutte le informazioni più aggiornate con la consulenza di Emanuele Nicastri, direttore malattie infettive Istituto Spallanzani di Roma
Cure domiciliari, Nicastri (Spallanzani): «Antivirali, cortisone ed eparina solo in ospedale»
Il corso Fad realizzato dal provider di Consulcesi Club affronta gli aspetti relativi all’assistenza domiciliare dei positivi al Sars-Cov-2, dalla diagnosi alla negativizzazione. Rossi (Uscar Lazio): «Terapie inappropriate possono causare un peggioramento della patologia»
Covid: con pandemia aumentano allergie da ‘interni’
Gli acari i principali nemici. I rimedi degli esperti per rimuoverli
Da Nassirya a Roma in tempo reale: con la video chirurgia a distanza è possibile entrare nelle sale operatorie di tutto il mondo
Durante il webinar di Emergenza Sorrisi, organizzato dal provider ECM Sanità In-Formazione spa, è stato trasmesso in diretta web dall’Iraq, attraverso un caschetto dotato di videocamera ad altissima risoluzione, un intervento di labioschisi ad un bimbo di 2 anni
di Isabella Faggiano
Medici no vax sui social, Tortorella (Consulcesi): «Formazione chiave per scongiurare derive antivacciniste»
La best practice Consulcesi: il 30% dei medici ha già concluso nei primi tre mesi del 2021 i 50 crediti annuali grazie alla FAD
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 maggio, sono 159.703.471 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.318.053 i decessi. Ad oggi, oltre 1,32 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco