Salute 18 Settembre 2020 16:00

L’italiana Susanna Esposito, pediatra e infettivologa, scelta per due gruppi di lavoro Oms

Esposito è ordinaria di pediatria all’Università di Parma e presidente di Waidid, contro le malattie infettive. Selezionata da Oms per un gruppo dedicato alla scuola e uno alla sindrome infiammatoria multisistemica che colpisce alcuni bambini con Covid

L’italiana Susanna Esposito, pediatra e infettivologa, scelta per due gruppi di lavoro Oms

Un’italiana scelta dall’Organizzazione mondiale della Sanità per prendere parte ai gruppi di lavoro che studiano il rapporto tra Covid-19 e bambini. Il nome è quello della professoressa Susanna Esposito, ordinaria di Pediatria all’università di Parma e presidente dell’Associazione mondiale per le malattie infettive e i disordini immunologici (Waidid). Selezionata come esperta in due dei sei gruppi del Maternal, Neonatal, Child and Adolescent Health (Mncah) Research Network. Il primo orientato sulle scuole e il secondo sull’esame della sindrome infiammatoria multisistemica che colpisce i più piccoli contagiati dal virus.

IL GRUPPO “SCUOLE”

La specialista, raggiunta da Sanità Informazione, ha spiegato lo scopo dei gruppi di lavoro a cui prenderà parte e la soddisfazione per il suo coinvolgimento come pediatra e infettivologa. «Il tema scuole è ovviamente un tema molto caldo che l’Oms aveva già affrontato con il report sulle mascherine, nel quale ero stata coinvolta come revisore», ha detto. «Quello che stiamo valutando qui è l’effetto delle misure e della riapertura delle scuole nelle diverse realtà mondiali. Tenendo conto del fatto che, quando si parla di Oms, ci si riferisce a Paesi simili a noi, in Europa e in America, ma anche a Paesi con reddito medio-basso, in Asia e in Africa».

Molta attenzione «dovrà essere dedicata alle diversità legate alle caratteristiche del singolo luogo preso in esame», nella manifestazione e diffusione dell’epidemia e nell’andamento attuale. «Sono molto contenta – ha confermato la pediatra – perché nel gruppo “Scuole” posso seguire una problematica sociale enorme», con attenzione specifica sulle modalità di «contenimento dei focolai infettivi». «Spero di poter dare un contributo con idee innovative, che superino quella che è la tematica del semplice medico scolastico, che è stata riproposta in questi giorni», ha aggiunto.

La direzione presa dall’Italia, ha detto, «è sicuramente quella giusta». Mascherine, distanziamento e igiene costante terranno gli studenti lontani dai rischi. «Ma con l’avvinarsi della stagione invernale, sarà essenziale mantenere altissima la modalità di controllo», per l’esperta.

IL GRUPPO SULLA SINDROME INFIAMMATORIA MULTISISTEMICA DA COVID

Il secondo gruppo che ospiterà Esposito si concentra sulla sindrome infiammatoria multisistemica da Covid che colpisce i bambini e che era stata associata, nei primi tempi della pandemia, alla sindrome di Kawasaki. «Qui l’obiettivo è quello di armonizzare le modalità di diagnosi – ha spiegato la professoressa -: ce ne sono di molto diverse nei vari Paesi coinvolti da Oms».

«Si dovrà capire se c’è una componente genetica e quali sono i fattori di rischio. Le caratteristiche di questa forma infiammatoria che vede oggi, in vari studi, una prevalenza variabile, con sintomi gastrointestinali, neurologici, cardiaci, renali, respiratori. Quindi fare una fotografia, con i nuovi casi di Covid ad alta complessità che si verificheranno e poi definire le linee guida di trattamento e quella che è l’evoluzione clinica», spiega Esposito.

Il confronto tra Paesi diversi sarà anche qui essenziale. Sia per lo studio dell’approccio terapeutico, che possa confrontare le esperienze di tutti, sia per la costruzione di un unico piano multiforme per trattare questi casi più gravi. «I casi più gravi sono una nicchia contenuta, ma sono una materia che mi interessa molto come studiosa. Consultare i colleghi di altri Paesi sarà la chiave per valutare le cure più efficaci», ha concluso l’esperta.

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
In Francia le scuole sono rimaste sempre aperte, ma i ragazzi lamentano: «Abbiamo perso persone care»
In Francia c'è stato un grande comandamento: tenere aperte le scuole più a lungo possibile. Non tutte le strutture hanno potuto rispettare i protocolli e molte sono diventate focolai. Alcuni ragazzi hanno perso parenti, come al Delacroix dove in 20 hanno subito un lutto per Covid
Igiene delle mani, l’OMS dedica la Giornata mondiale agli operatori sanitari: «Pochi secondi possono salvare vite»
Nei paesi a basso reddito solo 1 operatore sanitario su 10 pratica un'igiene delle mani adeguata. Cavallo (Assistenti sanitari): «Azione importante anche nell'atto della vaccinazione»
I fumatori rischiano più degli altri di ammalarsi di Covid-19?
È una domanda che chiunque abbia il vizio o l’abitudine a consumare sigarette si sarà fatto almeno una volta durante questo anno di pandemia. La risposta dell’Organizzazione Mondiale della Sanità
Origine virus, team Oms a Wuhan: «Servono ulteriori studi, ma laboratorio ipotesi meno probabile»
Arriva il primo report della missione Oms in Cina per trovare l'origine della pandemia. Ancora molti gli interrogativi, ma l'ipotesi di laboratorio sembra la meno indicata
Un trattato internazionale per prepararci alle prossime emergenze sanitarie
L'appello è stato firmato dai leader di 25 Paesi del mondo: «Rafforzare la capacità e la resilienza nazionali, regionali e globali. Nessuno può farcela da solo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 maggio, sono 161.188.177 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.344.757 i decessi. Ad oggi, oltre 1,38 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...