Salute 18 Settembre 2020 16:00

L’italiana Susanna Esposito, pediatra e infettivologa, scelta per due gruppi di lavoro Oms

Esposito è ordinaria di pediatria all’Università di Parma e presidente di Waidid, contro le malattie infettive. Selezionata da Oms per un gruppo dedicato alla scuola e uno alla sindrome infiammatoria multisistemica che colpisce alcuni bambini con Covid

L’italiana Susanna Esposito, pediatra e infettivologa, scelta per due gruppi di lavoro Oms

Un’italiana scelta dall’Organizzazione mondiale della Sanità per prendere parte ai gruppi di lavoro che studiano il rapporto tra Covid-19 e bambini. Il nome è quello della professoressa Susanna Esposito, ordinaria di Pediatria all’università di Parma e presidente dell’Associazione mondiale per le malattie infettive e i disordini immunologici (Waidid). Selezionata come esperta in due dei sei gruppi del Maternal, Neonatal, Child and Adolescent Health (Mncah) Research Network. Il primo orientato sulle scuole e il secondo sull’esame della sindrome infiammatoria multisistemica che colpisce i più piccoli contagiati dal virus.

IL GRUPPO “SCUOLE”

La specialista, raggiunta da Sanità Informazione, ha spiegato lo scopo dei gruppi di lavoro a cui prenderà parte e la soddisfazione per il suo coinvolgimento come pediatra e infettivologa. «Il tema scuole è ovviamente un tema molto caldo che l’Oms aveva già affrontato con il report sulle mascherine, nel quale ero stata coinvolta come revisore», ha detto. «Quello che stiamo valutando qui è l’effetto delle misure e della riapertura delle scuole nelle diverse realtà mondiali. Tenendo conto del fatto che, quando si parla di Oms, ci si riferisce a Paesi simili a noi, in Europa e in America, ma anche a Paesi con reddito medio-basso, in Asia e in Africa».

Molta attenzione «dovrà essere dedicata alle diversità legate alle caratteristiche del singolo luogo preso in esame», nella manifestazione e diffusione dell’epidemia e nell’andamento attuale. «Sono molto contenta – ha confermato la pediatra – perché nel gruppo “Scuole” posso seguire una problematica sociale enorme», con attenzione specifica sulle modalità di «contenimento dei focolai infettivi». «Spero di poter dare un contributo con idee innovative, che superino quella che è la tematica del semplice medico scolastico, che è stata riproposta in questi giorni», ha aggiunto.

La direzione presa dall’Italia, ha detto, «è sicuramente quella giusta». Mascherine, distanziamento e igiene costante terranno gli studenti lontani dai rischi. «Ma con l’avvinarsi della stagione invernale, sarà essenziale mantenere altissima la modalità di controllo», per l’esperta.

IL GRUPPO SULLA SINDROME INFIAMMATORIA MULTISISTEMICA DA COVID

Il secondo gruppo che ospiterà Esposito si concentra sulla sindrome infiammatoria multisistemica da Covid che colpisce i bambini e che era stata associata, nei primi tempi della pandemia, alla sindrome di Kawasaki. «Qui l’obiettivo è quello di armonizzare le modalità di diagnosi – ha spiegato la professoressa -: ce ne sono di molto diverse nei vari Paesi coinvolti da Oms».

«Si dovrà capire se c’è una componente genetica e quali sono i fattori di rischio. Le caratteristiche di questa forma infiammatoria che vede oggi, in vari studi, una prevalenza variabile, con sintomi gastrointestinali, neurologici, cardiaci, renali, respiratori. Quindi fare una fotografia, con i nuovi casi di Covid ad alta complessità che si verificheranno e poi definire le linee guida di trattamento e quella che è l’evoluzione clinica», spiega Esposito.

Il confronto tra Paesi diversi sarà anche qui essenziale. Sia per lo studio dell’approccio terapeutico, che possa confrontare le esperienze di tutti, sia per la costruzione di un unico piano multiforme per trattare questi casi più gravi. «I casi più gravi sono una nicchia contenuta, ma sono una materia che mi interessa molto come studiosa. Consultare i colleghi di altri Paesi sarà la chiave per valutare le cure più efficaci», ha concluso l’esperta.

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Ogni anno di studio aumenta l’aspettativa di vita
Ogni anno trascorso a scuola o all’università migliora l’aspettativa di vita. Al contrario non frequentare ha tassi di mortalità pari al fumare o al bere molto. Almeno questo è quanto emerso dal primo studio sistematico che collega direttamente l’istruzione al guadagno in longevità, pubblicato sulla rivista The Lancet Public Health
Morbillo: allarme Oms Europa, 30 volte più casi nel 2023
"La regione europea sta registrando un aumento allarmante dei casi di morbillo". E' il monito dell'ufficio regionale dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) per l'Europa. "Tra gennaio e ottobre 2023 sono stati segnalati oltre 30mila casi da 40 dei 53 Stati membri della regione. Rispetto ai 941 segnalati in tutto il 2022, è un aumento di oltre 30 volte", avverte l'agenzia Onu per la salute
di V.A.
“Movember”: la Società Italiana di Urologia in Senato per promuovere informazione e prevenzione sui tumori maschili
La Siu ha presentato la sua campagna di informazione e sensibilizzazione sui tumori della prostata e dei testicoli. Al centro del dibattito la necessità di un cambiamento culturale nella percezione che gli uomini hanno della propria salute ma anche le difficoltà dei clinici ad agire senza una normativa specifica che ne tuteli le scelte e le azioni. Il contrappasso è il rischio di una medicina difensiva costosa e inutile.
Rientro a scuola: dai pediatri consigli per ritornare sereni tra i banchi
Mai saltare la colazione ed evitare l'uso dello smartphone prima di andare a dormire. Sono due dei principali consigli diffusi dai pediatri della Federazione italiana medici pediatri (Fimp), rivolti agli oltre 8 milioni di bambini e ragazzi che tra meno di una settimana ritorneranno a scuola
Scuola: logopedisti, in vacanza passatempi in famiglia per prepararsi alla Primaria
Il passaggio dalla scuola dell’infanzia alla “scuola dei grandi” può essere favorito dalla preparazione alle abilità di letto-scrittura, a vantaggio di un migliore rendimento scolastico o dell’intercettazione di piccoli con difficoltà di apprendimento. La Federazione dei Logopedisti (www.fli.it) sensibilizza alla problematica, invitando questa estate mamma, papà e bimbi a fare tanti giochi in famiglia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...