Salute 25 Agosto 2020

Covid-19, Oms: «No alla mascherina per i bambini sotto i 5 anni»

«Tra i 6 e gli 11 anni da valutare solo in presenza di rischi, dai 12 in su stesse regole degli adulti». E sulla visiera: «È una barriera fisica incompleta e non fornisce gli strati di filtrazione di una mascherina». Ecco le indicazioni contenute nella guida dell’Organizzazione mondiale della sanità

Niente mascherina per i bambini fino a 5 anni; tra i 6 e gli 11 anni l’utilizzo va valutato in base ai rischi di trasmissione del Sars-CoV-2, mentre dai 12 anni in su valgono le regole degli adulti. E la mascherina va indossata «quando non è possibile garantire la distanza di almeno un metro». Sono queste le raccomandazioni contenute nella guida dell’Oms che contiene i suggerimenti sull’uso della mascherina per bambini e ragazzi.

LA MASCHERINA PER I BAMBINI FINO A 5 ANNI 

Secondo Oms e Unicef, per questa fascia d’età altre misure sarebbero prioritarie per ridurre al minimo il rischio di trasmissione. «Andrebbero educati i bambini a un’igiene frequente delle mani o si dovrebbe limitare la dimensione delle classi scolastiche» si legge nella guida.

LE SCUOLE

Sulle scuole l’Oms detta la linea, spiegando nella guida che «l’uso delle mascherine da parte di bambini e adolescenti fra i banchi dovrebbe essere considerato solo come una parte di una strategia globale di limitazione della diffusione di Covid-19». Inoltre, in questo ambito, dovrebbero essere considerati «il punto di vista di insegnanti ed educatori sulla percezione dei rischi».

L’Agenzia delle Nazioni Unite, nello specifico, chiede particolare attenzione a quelle situazioni in cui indossare la mascherina per i bambini può «interferire significativamente col processo di apprendimento e avere un impatto negativo su attività come l’educazione fisica, i programmi alimentari, il tempo libero e lo sport».

E se nelle scuole si richiede l’uso di mascherine in tessuto, «è necessario fornire istruzioni e strumenti specifici per manipolarle e conservarle in modo sicuro e assicurare forniture sufficienti e il necessario per l’igiene nell’edificio scolastico». Questo perché «a nessun bambino – prosegue l’Oms – dovrebbe essere negato l’accesso all’istruzione a causa della mancanza di una mascherina per problemi di risorse o indisponibilità di queste protezioni».

LE VISIERE AL POSTO DELLA MASCHERINA?

Le visiere sono state prese in considerazione per limitare i disagi provocati ai più piccoli dalle mascherine soprattutto a scuola. Ma garantiscono lo stesso grado di protezione? «Al momento – precisa l’Organizzazione mondiale della sanità – si ritiene che gli schermi facciali forniscano un livello di protezione solo per gli occhi e non dovrebbero essere considerati come equivalente delle mascherine per quanto riguarda la capacità di proteggere dalle goccioline respiratorie e il controllo della sorgente di infezione».

L’Oms consiglia questa protezione quando la distanza fisica non può essere mantenuta, per i bambini con disabilità o durante le lezioni di lingua quando «l’insegnante ha bisogno di vedere la bocca degli studenti».

Ad oggi, la posizione di Oms e Unicef – che continueranno a monitorare le informazioni sull’uso degli schermi per il viso – è chiara: «La visiera è una barriera fisica incompleta e non fornisce gli strati di filtrazione di una mascherina». Inoltre «gli schermi facciali  riutilizzabili devono essere adeguatamente puliti (disinfettati con alcol al 70-90% e conservati dopo ogni  utilizzo» conclude l’Organizzazione mondiale della sanità.

Articoli correlati
Chiusura scuole in Campania, i pediatri: «Più pericolosi gli incontri per strada o in casa»
Giuliano (Simpe Campania): «Sbagliato colpire l’istruzione, l’impatto delle scuole nei contagi è minimo». Mele (Simpe nazionale): «Atto dovuto, ma evitare che la chiusura della scuola generi ulteriori occasioni di assembramento»
«Pochi o nessun beneficio dagli antivirali sperimentati su pazienti Covid ricoverati». I primi risultati del trial OMS
I risultati intermedi del big-trial Solidarity su Remdesivir, Idrossiclorochina, Lopinavir, Ritonavir e Interferone-B1A
di Peter D'Angelo
Oms, Kluge: «In 10 giorni da 6 a 7 milioni di casi in Europa. Ma non è come a marzo»
Anche se si tornasse al lockdown, non sarebbe quello di sei mesi fa. Il direttore della regione Europea Oms parla di aumento esponenziale dei casi, ma mortalità ancora bassa
«Perché non ci sono professionisti pediatrici nel gruppo che ha redatto le regole per i tamponi ai bambini?»
di Filippo Festini, Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Università di Firenze
Coronavirus, Oms: «Crescita record, 2,2 milioni di nuovi casi in una settimana»
Dal 30 dicembre 2019 all'11 ottobre, inoltre, sono stati segnalati oltre 37 milioni di casi di Covid-19 e 1 milione di decessi in tutto il mondo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 20 ottobre, sono 40.403.537 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.118.293 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 19 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...