Salute 25 Agosto 2020 05:34

Covid-19, Oms: «No alla mascherina per i bambini sotto i 5 anni»

«Tra i 6 e gli 11 anni da valutare solo in presenza di rischi, dai 12 in su stesse regole degli adulti». E sulla visiera: «È una barriera fisica incompleta e non fornisce gli strati di filtrazione di una mascherina». Ecco le indicazioni contenute nella guida dell’Organizzazione mondiale della sanità

Niente mascherina per i bambini fino a 5 anni; tra i 6 e gli 11 anni l’utilizzo va valutato in base ai rischi di trasmissione del Sars-CoV-2, mentre dai 12 anni in su valgono le regole degli adulti. E la mascherina va indossata «quando non è possibile garantire la distanza di almeno un metro». Sono queste le raccomandazioni contenute nella guida dell’Oms che contiene i suggerimenti sull’uso della mascherina per bambini e ragazzi.

LA MASCHERINA PER I BAMBINI FINO A 5 ANNI 

Secondo Oms e Unicef, per questa fascia d’età altre misure sarebbero prioritarie per ridurre al minimo il rischio di trasmissione. «Andrebbero educati i bambini a un’igiene frequente delle mani o si dovrebbe limitare la dimensione delle classi scolastiche» si legge nella guida.

LE SCUOLE

Sulle scuole l’Oms detta la linea, spiegando nella guida che «l’uso delle mascherine da parte di bambini e adolescenti fra i banchi dovrebbe essere considerato solo come una parte di una strategia globale di limitazione della diffusione di Covid-19». Inoltre, in questo ambito, dovrebbero essere considerati «il punto di vista di insegnanti ed educatori sulla percezione dei rischi».

L’Agenzia delle Nazioni Unite, nello specifico, chiede particolare attenzione a quelle situazioni in cui indossare la mascherina per i bambini può «interferire significativamente col processo di apprendimento e avere un impatto negativo su attività come l’educazione fisica, i programmi alimentari, il tempo libero e lo sport».

E se nelle scuole si richiede l’uso di mascherine in tessuto, «è necessario fornire istruzioni e strumenti specifici per manipolarle e conservarle in modo sicuro e assicurare forniture sufficienti e il necessario per l’igiene nell’edificio scolastico». Questo perché «a nessun bambino – prosegue l’Oms – dovrebbe essere negato l’accesso all’istruzione a causa della mancanza di una mascherina per problemi di risorse o indisponibilità di queste protezioni».

LE VISIERE AL POSTO DELLA MASCHERINA?

Le visiere sono state prese in considerazione per limitare i disagi provocati ai più piccoli dalle mascherine soprattutto a scuola. Ma garantiscono lo stesso grado di protezione? «Al momento – precisa l’Organizzazione mondiale della sanità – si ritiene che gli schermi facciali forniscano un livello di protezione solo per gli occhi e non dovrebbero essere considerati come equivalente delle mascherine per quanto riguarda la capacità di proteggere dalle goccioline respiratorie e il controllo della sorgente di infezione».

L’Oms consiglia questa protezione quando la distanza fisica non può essere mantenuta, per i bambini con disabilità o durante le lezioni di lingua quando «l’insegnante ha bisogno di vedere la bocca degli studenti».

Ad oggi, la posizione di Oms e Unicef – che continueranno a monitorare le informazioni sull’uso degli schermi per il viso – è chiara: «La visiera è una barriera fisica incompleta e non fornisce gli strati di filtrazione di una mascherina». Inoltre «gli schermi facciali  riutilizzabili devono essere adeguatamente puliti (disinfettati con alcol al 70-90% e conservati dopo ogni  utilizzo» conclude l’Organizzazione mondiale della sanità.

Articoli correlati
Pediatria, al via il 77° Congresso SIP. Riflettori puntati su medicina di precisione, di genere e ricerca scientifica
La presidente della SIP Annamaria Staiano: «Il filo conduttore di questa edizione sarà la partecipazione dei giovani alla ricerca scientifica che, con l’innovazione tecnologica, rappresenta la chiave di volta per la cura di malattie croniche e rare, che riguardano circa il 20% della popolazione pediatrica»
Congresso Sip, i progressi della Pediatria di precisione
Il Congresso Italiano di Pediatria torna nuovamente in presenza da mercoledì 18 a sabato 21 maggio presso l’Hilton Sorrento Palace di Sorrento. A presiederlo, per la prima volta dopo oltre 120 anni, una donna: la Presidente della SIP, Annamaria Staiano, eletta alla guida della Sip lo scorso maggio
Quali sono i sintomi del Long Covid nei bambini?
Il Long Covid non risparmia neanche i bambini. Molti i sintomi: da affaticamento persistente a mal di testa fino a problemi di concentrazione, diarrea, mal di stomaco e altri ancora
Mascherine e caldo, gli esperti: «Via l’obbligo per gli alunni a scuola». Codacons fa ricorso al Tar
Triassi (Federico II): «Nella stagione delle allergie il disagio è notevole. Ma vietato abbassare troppo la guardia»
L’allarme dello scienziato: il cambiamento climatico fa ammalare i bambini
Lo scienziato svedese Tobias Alfvén ha parlato chiaro al Festival della Scienza Medicina 2022: le conseguenze dei cambiamenti climatici impatteranno sulle future generazioni rendendole più vulnerabili alle malattie, e lo stanno già facendo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 19 maggio, sono 525.383.960 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.283.599 i decessi. Ad oggi, oltre 11,42 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Se la linea del tampone rapido appare sbiadita significa che la carica virale è più bassa?

Il tampone rapido, oltre a verificare l'eventuale positività, è anche in grado di definirla in termini quantitativi?
di Valentina Arcovio
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...