Salute 5 Maggio 2022 13:45

Liste d’attesa: SSN investe sugli ambulatori specialistici accreditati per snellirle

Marino (Unindustria Lazio): «L’accordo tra Ministero della Salute e Regioni è quasi concluso. Presto i cittadini avranno un accesso più rapido alle prestazioni. Ora, il Governo offra un ruolo attivo agli ambulatori specialistici privati-accreditati nella realizzazione del PNRR»

Acquistare prestazioni sanitarie da strutture private accreditate per snellire le liste di attesa. È questo il fulcro di un accordo tra Ministero della Salute e Regioni che presto si trasformerà in azioni concrete. «Il primo passo per la stipula di questa intesa – spiega Luca Marino, vicepresidente della sezione Sanità di Unindustria Lazio – è stata la realizzazione di un elenco di quali e quante prestazioni sanitarie le strutture private accreditate di tutta Italia saranno in grado di offrire, in base alle disponibilità di ognuna, nei prossimi mesi. Successivamente, il Ministero, in base ai ritardi monitorati, ha stabilito la tipologia e la quantità di prestazioni da acquistare, servizi di cui – assicura Marino – i cittadini italiani potranno usufruire molto presto».

Gli ambulatori specialistici in pandemia

Le strutture private accreditate di specialistica ambulatoriale sparse sul territorio italiano, dal nord al sud della penisola, sono oltre 3 mila. «Questi due anni di pandemia hanno ben evidenziato l’enorme valore che queste realtà hanno per il buon funzionamento del Sistema Sanitario Nazionale e per la salute dei cittadini – aggiunge il vicepresidente della sezione Sanità di Unindustria Lazio -. Mentre gli ospedali venivano presi d’assalto per la gestione dell’emergenza sanitaria in corso e i reparti ordinari convertiti in unità Covid, gli ambulatori privati sono state le uniche realtà che hanno potuto garantire una continuità nell’erogazione delle cure primarie, in ambito di prevenzione e diagnosi precoce».

PNNR: il ruolo attivo del privato-accreditato

Gli ambulatori specialistici sono stati tra i presidi fondamentali che hanno offerto un’assistenza sanitaria di prossimità e vicinanza, due valori su cui punta anche la Missione 6 del PNRR. «Le strutture del privato accreditato, ed in particolare gli ambulatori che erogano prestazioni specialistiche, dovrebbero avere un ruolo attivo e centrale nella realizzazione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza – spiega Marino -. Investire su prevenzione e diagnosi precoce significa creare un sostanzioso risparmio futuro per il SSN. E che i nostri ambulatori siano in grado di intervenire su questi due piani, fondamentali per la salute dei cittadini, lo hanno ben dimostrato negli ultimi 24 mesi. Senza il supporto del privato-convenzionato -conclude Marino – le liste di attesa sarebbero diventate irrimediabilmente più lunghe».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
“Movember”: la Società Italiana di Urologia in Senato per promuovere informazione e prevenzione sui tumori maschili
La Siu ha presentato la sua campagna di informazione e sensibilizzazione sui tumori della prostata e dei testicoli. Al centro del dibattito la necessità di un cambiamento culturale nella percezione che gli uomini hanno della propria salute ma anche le difficoltà dei clinici ad agire senza una normativa specifica che ne tuteli le scelte e le azioni. Il contrappasso è il rischio di una medicina difensiva costosa e inutile.
Alzheimer: alcuni errori di «navigazione» sono «spie» precoci della malattia
Le persone con malattia di Alzheimer in fase iniziale hanno difficoltà a girarsi quando camminano. Questo potrebbe essere uno dei segni precoci individuato dagli scienziati dell’University College di Londra in uno studio pubblicato sulla rivista Current Biology, che si avvalso della realtà virtuale
Tumore alla prostata, Fondazione Onda: «Urgente attuare un percorso di screening strutturato»
Il cancro alla prostata rappresenta il 19,8 per cento dei tumori maschili. Bassa percezione del rischio e scarsa consapevolezza da parte degli uomini fra gli ostacoli maggiori per una corretta prevenzione. Da Fondazione Onda un documento che individua come intervenire
di V.A.
Autismo: con nuovo strumento di tracciamento oculare possibili diagnosi precoci
Messo a punto uno strumento di tracciamento oculare in grado di diagnosticare l'autismo, con maggior certezza, nei bambini con appena 16 mesi mesi di vita. I risultati eccezionali sono stati pubblicati in due studi
Prevenzione, Ordine TSRM PSTRP Roma: «Serve grande alleanza tra le professioni sanitarie»
«La nostra presenza alla Race for The Cure vuole testimoniare il nostro sostegno alla ricerca e alla prevenzione, sempre al fianco delle donne che affrontano una battaglia contro un male subdolo e insidioso. È importante accompagnare le donne in tutto il percorso della malattia, con una presa in carico che parta dalla diagnosi e che garantisca anche il sostegno psicologico necessario» spiega Andrea Lenza, presidente dell’Ordine TSRM PSTRP di Roma
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...