Salute 5 Maggio 2022 13:45

Liste d’attesa: SSN investe sugli ambulatori specialistici accreditati per snellirle

Marino (Unindustria Lazio): «L’accordo tra Ministero della Salute e Regioni è quasi concluso. Presto i cittadini avranno un accesso più rapido alle prestazioni. Ora, il Governo offra un ruolo attivo agli ambulatori specialistici privati-accreditati nella realizzazione del PNRR»

Acquistare prestazioni sanitarie da strutture private accreditate per snellire le liste di attesa. È questo il fulcro di un accordo tra Ministero della Salute e Regioni che presto si trasformerà in azioni concrete. «Il primo passo per la stipula di questa intesa – spiega Luca Marino, vicepresidente della sezione Sanità di Unindustria Lazio – è stata la realizzazione di un elenco di quali e quante prestazioni sanitarie le strutture private accreditate di tutta Italia saranno in grado di offrire, in base alle disponibilità di ognuna, nei prossimi mesi. Successivamente, il Ministero, in base ai ritardi monitorati, ha stabilito la tipologia e la quantità di prestazioni da acquistare, servizi di cui – assicura Marino – i cittadini italiani potranno usufruire molto presto».

Gli ambulatori specialistici in pandemia

Le strutture private accreditate di specialistica ambulatoriale sparse sul territorio italiano, dal nord al sud della penisola, sono oltre 3 mila. «Questi due anni di pandemia hanno ben evidenziato l’enorme valore che queste realtà hanno per il buon funzionamento del Sistema Sanitario Nazionale e per la salute dei cittadini – aggiunge il vicepresidente della sezione Sanità di Unindustria Lazio -. Mentre gli ospedali venivano presi d’assalto per la gestione dell’emergenza sanitaria in corso e i reparti ordinari convertiti in unità Covid, gli ambulatori privati sono state le uniche realtà che hanno potuto garantire una continuità nell’erogazione delle cure primarie, in ambito di prevenzione e diagnosi precoce».

PNNR: il ruolo attivo del privato-accreditato

Gli ambulatori specialistici sono stati tra i presidi fondamentali che hanno offerto un’assistenza sanitaria di prossimità e vicinanza, due valori su cui punta anche la Missione 6 del PNRR. «Le strutture del privato accreditato, ed in particolare gli ambulatori che erogano prestazioni specialistiche, dovrebbero avere un ruolo attivo e centrale nella realizzazione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza – spiega Marino -. Investire su prevenzione e diagnosi precoce significa creare un sostanzioso risparmio futuro per il SSN. E che i nostri ambulatori siano in grado di intervenire su questi due piani, fondamentali per la salute dei cittadini, lo hanno ben dimostrato negli ultimi 24 mesi. Senza il supporto del privato-convenzionato -conclude Marino – le liste di attesa sarebbero diventate irrimediabilmente più lunghe».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Sanità di prossimità: quale sarà il ruolo del farmacista?
Mandelli (FOFI): «Alcuni testi normativi sanciscono nuove funzioni per i farmacisti, in parte assunte durante l’emergenza, ma per il futuro ancora più estese e di natura strutturale. Saranno sempre di più i corresponsabili del raggiungimento di alcuni imprescindibili obiettivi di salute pubblica come l’incremento delle coperture vaccinali e la prevenzione con riguardo alle malattie non trasmissibili»
Rivoluzione digitale in Sanità, la Campania ai blocchi di partenza nonostante le difficoltà
«La pandemia ha scaldato i motori dell’innovazione, ora sotto con la sfida del PNRR»
Liste d’attesa, la proposta CIMO-FESMED per recuperare 22 milioni di ore di assistenza l’anno
Il sindacato: «Dedicare le 4 ore a settimana previste per attività non assistenziali a prestazioni mediche aggiuntive per abbattere le liste d’attesa, prevedendo una retribuzione extra-contrattuale»
Ortottisti: ecco che ruolo avranno per la realizzazione del PNRR
Lucia Intruglio, presidente della Commissione d’Albo Nazionale degli Ortottisti: «Puntare sulla telemedicina per raggiungere anche le isole minori, dove la figura dell’ortottista è quasi del tutto assente. Sì ad una formazione quinquennale, ma accompagnata da un pari percorso contrattuale»
Capuano (Simedet): «Ecco la mia esperienza di Buona Sanità»
Di Fernando Capuano, presidente Simedet
di Fernando Capuano, presidente Simedet
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali