Salute 1 agosto 2017

L’appello delle scuole: «Non lasciate su di noi tutto il peso dei controlli. Troppo tardi per fare classi ad hoc»

L’intervista a Mario Rusconi, Vicepresidente dell’Associazione Nazionale Presidi: «Ben venga la Legge, necessario buon coordinamento tra scuola e ASL e colloquio costante fra Miur e Ministero Salute»

Immagine articolo

«Non vogliamo diventare dependance della ASL. La scuola ha già tante difficoltà, spero che i Ministeri lavorino insieme per evitare che la responsabilità sia tutta sulle spalle dell’istituzione scolastica» lo dichiara Mario Rusconi, Vicepresidente dell’Associazione Nazionale Presidi sul coinvolgimento della scuola rispetto all’obbligo vaccini (la cui approvazione definitiva alla Legge è arrivata venerdì scorso alla Camera).

«I dirigenti scolastici, ovviamente, attueranno per filo e per segno le indicazioni della Legge, ma speriamo di non ritrovarci abbandonati a noi stessi perché sarebbe veramente sabbia negli ingranaggi in un momento critico della scuola italiana che già soffre per mille difficoltà» prosegue Rusconi sottolineando che il personale amministrativo scolastico è, nella maggior parte dei casi, sotto organico e aggiungere un carico di lavoro ulteriore, potrebbe destabilizzare i meccanismi.

«Ad ogni modo, io nutro ampia fiducia nella Legge e nei vaccini: ritengo che questa scelta sia fondamentale per il bene della comunità» ci tiene a sottolineare il Vicepresidente aggiungendo che l’emendamento, poi accantonato, sull’obbligo vaccini anche per il personale scolastico «andrebbe ulteriormente approfondito. Fino a 20-30 anni fa, gli insegnanti dovevano presentare la cosiddetta ‘Wasserman’, un’analisi che dimostrava di avere o meno contratto la sifilide. Sono d’accordo con queste misure preventive».

 

La buona riuscita dell’obbligo «dipende prima di tutto da una buona collaborazione fra le parti coinvolte – prosegue Rusconi – proprio in quest’ottica la Asl di Frosinone ha stipulato un accordo con l’ufficio regionale scolastico per snellire le procedure volte alla verifica delle coperture vaccinali e alleggerire il fardello delle scuole». Infatti, in base a quanto previsto dal documento, le scuole invieranno gli elenchi degli iscritti alle Azienda sanitaria di competenza. La Asl da parte sua valuterà la regolarità della situazione vaccinale di ognuno, attiverà tutte le procedure previste per eventuale recupero del gap vaccinale e invierà i certificati direttamente alla scuole. «Le scuole in questo modo non dovranno vigilare in prima istanza sulla consegna dei certificati – aggiunge il Vicepresidente -. È chiaro che l’ufficio scolastico regionale del Lazio, che da questo punto di vista ha recepito molte delle nostre osservazioni, sta cercando di stilare dei protocolli di intesa che rendano meno virulento l’impatto sulle segreterie scolastiche».

Un altro punto nevralgico della Legge è «la formazione di classi ad hoc – spiega Rusconi -. Infatti, il Decreto prevede delle accortezze da parte delle scuole nella composizione delle classi: i minori immunodepressi, che non possono vaccinarsi per controindicazioni cliniche, andranno inseriti in gruppi di bambini immuni o vaccinati regolarmente. Su questo punto però, almeno per questo anno scolastico, c’è un problema serio: le classi ad oggi sono già state formate senza l’ausilio delle certificazioni non ancora tutte nelle mani delle segreterie. Quindi, anche da questo punto di vista, dovrebbe esserci un coordinamento più capillare tra le istituzioni, una cabina di regia unica, intelligente e organizzata che abbia la funzione di guida fra tutti gli attori coinvolti».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Farmaci biosimilari, Ministero: campagne Aifa rivolte a medici e pazienti per loro uso appropriato
Le attuali conoscenze scientifiche – sottolinea il report del Ministero sulla nuova governance del farmaco - sono tali da garantire la sovrapponibilità in termini di efficacia e sicurezza fra i farmaci originatori e i biosimilari
Aids, nel 2017 sono 3443 le nuove diagnosi da infezione HIV. Più colpita la fascia di età 25-29 anni
Il Sistema di sorveglianza delle nuove diagnosi di infezione da HIV e il Registro Nazionale Aids costituiscono due basi di dati dinamiche, permanentemente aggiornate dall’afflusso continuo delle segnalazioni inviate dalle regioni e dai centri segnalatori al Centro Operativo Aids (COA) dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS). Il COA pubblica annualmente un fascicolo del Notiziario dell’Istituto Superiore […]
Giornate della Ricerca, Bartolazzi: «È unico antidoto a fake news e a cure miracolose, al lavoro per trovare risorse»
Il Presidente della Repubblica ha aperto ufficialmente “I Giorni della Ricerca” al Palazzo del Quirinale ricevendo i più autorevoli rappresentanti del mondo dell’oncologia italiana e una rappresentanza dei sostenitori di AIRC, l’associazione che promuove l’evento dal 1995 quale momento fondamentale per informare e sensibilizzare il nostro Paese sui principali progressi compiuti nella lotta contro il cancro. È […]
Invecchiamento attivo, Italia Longeva promuove spot per la vaccinazione degli anziani
La Rete del Ministero della Salute per l’invecchiamento e la longevità attiva sottolinea: i tassi di copertura dei vaccini per influenza, polmonite pneumococcica e herpes zoster sono bassi, manca informazione
Piano Nazionale della Prevenzione 2020-2025, partono i lavori: obiettivo riduzione diseguaglianze geografiche e sociali
Riduzione delle principali disuguaglianze sociali e geografiche che si osservano nel Paese, definizione di indicatori omogenei, misurabili e robusti collegati al monitoraggio dei Lea, azione proattiva mirata a intercettare i bisogni di salute. Sono queste alcune delle linee prioritarie per il nuovo Piano Nazionale della Prevenzione 2020-2025, frutto di un primo incontro che si è tenuto […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...