Salute 9 Agosto 2019

Ippoterapia, la psicologa: «Migliora capacità motorie e diminuisce ansia e depressione dei malati di Parkinson»

La psicologa Cinzia Correale: «La scelta dell’animale per la pet therapy dipenderà dalle sue caratteristiche comportamentali e dal suo temperamento. In Italia è consentito coinvolgere asini, cavalli, cani, gatti e conigli»

di Isabella Faggiano

Hanno imparato prima a prendersene cura, poi a cavalcarli. Così alcuni malati di Parkinson, attraverso la riabilitazione equestre, hanno migliorato le loro capacità motorie e diminuito i livelli di ansia e depressione a favore di un complessivo aumento della qualità della vita percepita. «Grazie ad uno studio condotto dall’Istituto Superiore di Sanità e dall’Istituto Santa Lucia di Roma, è stato possibile dimostrare l’efficacia della pet therapy, con coinvolgimento di cavalli, sulla malattia di Parkinson», spiega Cinzia Correale, psicologa e coordinatrice del Network di esperti in interventi assistiti con gli animali dell’Ordine degli Psicologi del Lazio.

I pazienti coinvolti nella ricerca, nessuno con precedenti esperienze equestri, hanno partecipato a sessioni di gruppo di 60 minuti, una ogni sette giorni, per cinque settimane consecutive. Tutti i partecipanti si sono mostrati soddisfatti e nessuno di loro ha abbandonato il programma.

«Ma la malattia di Parkinson o il trattamento di demenza e malattie neurodegenerative sono solo alcune delle patologie per cui può essere applicata la pet therapy – continua Correale -. Questa co-terapia è, infatti, un intervento mediato dall’animale che si fa attraverso l’attivazione di un’equipe multidisciplinare e può avere diversi obiettivi. Si distingue in: attività assistita con l’animale, educazione assistita e terapia. Le prime due tipologie hanno una finalità ludico-educative, l’ultima riabilitativo-terapeutica».

LEGGI ANCHE: FIRENZE, 10MILA EURO DONATI AL MEYER PER LA PET THERAPY

Ma quali sono gli animali che maggiormente vengono coinvolti? «Dal 2015 – dice l’esperta – l’Italia fa riferimento a delle Linee guida, emanate dal ministero della Salute, dove sono indicate le specie con le quali possiamo lavorare: asino, cavallo, cane, gatto e coniglio. La scelta dell’animale dipenderà dalle sue caratteristiche comportamentali e dal suo temperamento. Si potrà stabilire che un cane sia adeguato ad un determinato intervento, ma la successiva selezione dovrà essere ben oculata con l’ausilio di un veterinario esperto in comportamento».

Per chiarire l’importanza di questa scelta, la dottoressa Correale racconta una sua esperienza sul campo: «Di recente ho trattato una bambina di sei anni con disturbo oppositivo provocatorio, che riguarda la sfera della regolazione emotiva. La paziente aveva forti scatti di ira, improvvisi e duraturi. Di fianco all’intervento tradizionale è stato scelto di attivare un percorso di pet therapy con un setter inglese, un cane che, per dimensione e stazza fisica, suscitava nella bambina un certo rispetto, elemento di aiuto per il trattamento di una paziente con difficoltà relazionali. A livello comportamentale, invece – sottolinea la psicologa – questo cane è timido e riservato e, quindi, la bambina si è facilmente rispecchiata nel suo temperamento. Grazie alla pet-therapy si è aperta una breccia nel suo mondo interiore ed è riuscita ad attivare un soddisfacente livello di comunicazione ed interazione sociale».

L’animale scelto deve essere anche adatto a tollerare gli atteggiamenti del paziente con cui andrà ad interagire, senza che la sua salute ne risenta. «Il benessere dell’animale – commenta Correale – è un aspetto che non deve essere mai sottovalutato. Inoltre, affinché la terapia sia efficace anche l’animale deve beneficiare della relazione e non sentirsi stressato dalla presenza dell’uomo».

LEGGI ANCHE: CON SAIL4PARKINSON IN BARCA A VELA PER RIDURRE GLI EFFETTI DELLA MALATTIA

Ed è proprio per questo motivo che, come dimostrato da alcuni studi, la delfino-terapia non è consigliabile: «Il delfino non è un animale domestico, non sappiamo se effettivamente benefici della presenza dell’uomo. Trascorrere una giornata in vasca con il delfino potrebbe essere senz’altro un’esperienza piacevole per molti, ma – aggiunge l’esperta – l’animale potrebbe ricavarne anche solo stress».

Per gli esseri umani, invece, le controindicazioni sono poche, ma non sempre facilmente riconoscibili: «Si tratta di allergie particolari, come al pelo, o fobie specifiche che impediscono il contatto con l’animale – spiega Correale -. La valutazione delle controindicazioni deve essere affidata sempre ad un occhio esperto. Conoscerle è importantissimo, soprattutto nel caso di interventi con persone affette da particolari patologie. Pensiamo ad esempio ad individui con disturbo dello spettro autistico non verbali, e che quindi non possono dirci se hanno paura dell’animale oppure no: l’effetto non potrà essere conosciuto finché non ne avranno un’esperienza diretta, ma nello stesso tempo l’operatore dovrà essere preparato all’evenienza e non sottovalutare i possibili effetti negativi, a discapito dei benefici. Valutare con rigore le controindicazioni non significa sminuire “il potere” dell’intervento, ma anzi garantirne il risultato. Per tutti gli altri – conclude la psicologa – la pet therapy non potrà che far bene alla salute».

Articoli correlati
Psicologo di famiglia, la Puglia è l’unica regione d’Italia a prevederlo in una legge regionale
Lazzari (CNOP): «Auspichiamo cornice nazionale più precisa. Una recente proposta del Pd prevede la presenza di uno psicologo delle cure primarie ogni 5 medici di famiglia»
di Isabella Faggiano
Giovani e disturbo post-traumatico da pandemia, Starace: «Gli ostacoli si possono affrontare e superare. Ecco come»
Ansia, preoccupazione e irritazione. I mesi di lockdown hanno impattato sulla vita di bambini e adolescenti. Come tornare a una pseudonormalità? «Parlarne, concretizzare gli elementi che determinano i disturbi e ricreare una routine definendo priorità e precisi spazi per ciascuna attività, anche fisica». Così lo psichiatra Fabrizio Starace
Pensi troppo e continuamente, senza arrivare ad una conclusione? Potresti soffrire di overthinking
I consigli della psicoterapeuta per “guarire”: «Se lo stato è patologico chiedere aiuto ad uno specialista. Altrimenti provare la tecnica della mindfulness o cercare dei distrattori»
di Isabella Faggiano
Covid-19, Parkinson non aumenta il rischio di infezione al Sars CoV-2
Dallo studio del Centro Parkinson dell'ASST Pini-CTO di Milano con il contributo della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson e pubblicato sulla rivista scientifica Movement Disorders, emerge che le persone affette da Parkinson hanno espressione di sintomi, quadri clinici ed esiti di mortalità addirittura più lievi
Maturità 2020, lo psicoterapeuta: «Livelli di ansia molto superiori agli anni scorsi». Insicuro il 95% degli studenti
Incerti sulle modalità di esame e preoccupati per il futuro. I maturandi del 2020 subiscono l'effetto pandemia e guardano all'ultima prova pieni di stress e angoscia. I risultati dell'indagine dell'Associazione Nazionale Di.Te.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 luglio, sono 10.874.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 521.355 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Rebus idrossiclorochina: arma anti-Covid o farmaco pericoloso? L’inchiesta di Sanità Informazione

Dopo lo studio ritirato da Lancet, l’OMS ha riavviato i test clinici. In Italia aumentano i medici che sperano nel farmaco e chi l’ha usata ‘sul campo’ la promuove. Cauda (Gemelli): «Può ave...