Salute 22 Aprile 2020 15:46

#IoMiAllenoACasa, virale la campagna che promuove lo sport in quarantena. Il karateka Maniscalco: «Bastano 15-20 minuti per tenersi in forma»

L’iniziativa, promossa da quattro deputati del Movimento Cinque Stelle, è stata rilanciata sui social da diversi campioni come il judoka Fabio Basile e la karateka Viviana Bottaro. Il deputato M5S Felice Mariani: «Mi sto battendo in Parlamento per quella che secondo me manca in Italia, che è la cultura dello sport». Secondo l’OMS l’inattività fisica causa ogni anno un milione di decessi

Non è facile la vita ai tempi del Covid-19. L’isolamento domiciliare e l’impossibilità di effettuare spostamenti anche brevi sta costringendo tanti a una vita forzatamente sedentaria. Una inattività che può ben presto trasformarsi in un problema di salute, se non affrontato per tempo.

Nasce da questa riflessione l’idea di alcuni parlamentari del Movimento Cinque Stelle che hanno lanciato la campagna #IoMiAllenoACasa, sulla falsariga dell’analoga campagna #IoRestoACasa che ha imperversato nelle prime settimane di quarantena. Quattro i promotori: i deputati Felice Mariani, Nicola Provenza, Manuel Tuzi e Simone Valente.

«La campagna è stata apprezzata da tanti campioni, un fattore importante – ha sottolineato a Sanità Informazione Felice Mariani, deputato con un passato da judoka, essendo stato il primo italiano a conquistare una medaglia olimpica in questa disciplina nel 1976 -. Questi campioni hanno dato la loro immagine per fare questi esercizi a casa, l’ho trovata una cosa bella. È nata parlando con altri colleghi in Parlamento».

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, COME FARE ATTIVITÀ FISICA A CASA? RISPONDE IL DIRETTORE DEL CENTRO DI MEDICINA SPORTIVA DELL’UNIVERSITÀ DI PAVIA

A supporto dell’iniziativa si sono attivati campioni di livello mondiale: da Fabio Basile (medaglia d’oro alle Olimpiadi di Rio de Janeiro) al lottatore Frank Chamizo, dalla karateka Viviana Bottaro al campione del mondo Stefano Maniscalco fino ai judoka Rosalba Forciniti, Emanuele Bruno, Alessia Regis e Gabriele Sulli. E perfino un surfista, Alessandro Marcianò, primo italiano al mondo a surfare sulle onde di Nazarè, le più alte al mondo.

«A casa non possiamo fare solo i circuiti divano–letto, letto-frigorifero, non va bene – scherza il campione di karate Stefano Maniscalco -. I circuiti da fare sono circuiti semplici, perché altrimenti i muscoli si atrofizzano. Io consiglio di fare dei piccoli work out, ma leggeri, senza esagerare. Anche 15-20 minuti la mattina: delle serie di piegamenti, di flessioni, poi il pomeriggio fare delle flessioni di crunch e quindi alternare la mattina e il pomeriggio tra lavori della parte inferiore e della parte superiore. Il tempo a casa non ci manca, 20 minuti la mattina e 20 il pomeriggio tutti i giorni non sono nulla. È importante lavorare sulla parte fisica e mantenere il corpo in forma anche a livello organico e metabolico, allenato per aumentare la risposta immunitaria».

Ma non si tratta solo di un problema per sportivi. I dati dell’OMS chiariscono che in Europa l’inattività fisica è responsabile ogni anno di un milione di decessi (il 10% circa del totale) e si stima che sia un fattore dirimente nel 5% delle affezioni coronariche, nel 7% dei casi di diabete, nel 9% dei tumori al seno e nel 10% dei tumori del colon. E poi c’è il tema dell’obesità che, oltre che sulla salute delle persone, pesa in termini di costi diretti sui sistemi sanitari e costi indiretti legati all’aumento dei congedi per malattia, delle inabilità al lavoro e delle morti precoci.

LEGGI ANCHE: PREVENIRE IL DIABETE SI PUÒ: CON LO SPORT E UNA SANA ALIMENTAZIONE. LA PAROLA AL PROFESSOR GUASTAMACCHIA (AME)

«È una buona pratica che andrebbe incentivata a prescindere dalla quarantena – sottolinea l’onorevole Mariani –. Molti colleghi parlamentari mi chiedono: come ti alleni, che fai? Che devo fare per dimagrire? A qualcuno ho fatto delle schede di allenamento, ancora mi ringrazia per aver perso peso ed essersi rimesso in forma. Farlo anche quei pochissimi minuti, 10-15 minuti al giorno, è importante, anche perché oggi possiamo trovare quegli spazi che nella vita normale non avremmo. Ognuno deve trovare i tempi in base al proprio fisico, alle proprie capacità, alle proprie conoscenze: fare un po’ di ginnastica, un po’ di yoga, esercizi per la schiena, per la colonna vertebrale. Basta poco per stare meglio e avere una posizione più eretta. Più sport, anche a casa, significa andare meno dal medico e prendere meno medicine. Su questo mi sto battendo in Parlamento per quella che secondo me manca in Italia, che è la cultura dello sport e non solo quella del calcio».

Anche per gli atleti non è semplice trovare la concentrazione e gli strumenti giusti per continuare ad allenarsi tra le quattro mura di casa. Eppure riescono, grazie a disciplina e forza di volontà: «Questo era l’anno olimpico – ricorda Maniscalco, oggi preparatore atletico delle Fiamme Gialle dopo aver vinto 3 mondiali, 5 europei e 17 titoli italiani di karate -, è stato un anno di forti motivazioni a livello mentale e fisico. Per uno sportivo allenarsi è la cosa principale: è come per un avvocato andare a studio. È difficile entrare in forma ma è facilissimo perderla. In questo periodo storico, che ci ricorderemo per tutta la vita, dobbiamo stare per forza a casa, senza strumenti, spesso senza spazi adeguati. Dobbiamo allenarci con tutti i mezzi possibili e immaginabili. Noi siamo dei professionisti, veniamo pagati per fare questo nella vita: non basta fare due piegamenti e due addominali. Dobbiamo cercare di trovare gli stimoli, essendo da soli a casa, non avendo una palestra e un preparatore atletico. Bisogna trovare gli attrezzi per allenarsi e fare un lavoro prestante, ma è fondamentale o altrimenti alle prime competizioni arriveremo del tutto impreparati».

Articoli correlati
Cardiologia e sport legati (sempre più) a filo doppio. Ecco perché
Corrado (Università di Padova): «I medici dello sport siano formati anche per valutare una risonanza magnetica»
di Federica Bosco
«Medici e professionisti sanitari eroi solo quando conviene»
dell'on. Carmelo Massimo Misiti, Movimento Cinque Stelle
di Carmelo Massimo Misiti, Deputato Movimento Cinque Stelle
Giornata distrofia di Duchenne, la storia di Jacopo: «Non saranno le due ruote di una carrozzina a fermarmi»
“Diventare adulti convivendo con questa patologia genetica rara” è il tema al centro dell’edizione 2021. Genovese (Parent Project aps): «Negli ultimi decenni, l’aspettativa di vita è aumentata in modo considerevole. Crescere significa avere nuove opportunità, ma anche dover affrontare sfide e difficoltà»
di Isabella Faggiano
I benefici della camminata veloce: con 30 minuti al giorno si punta a vivere 20 anni in più
Ione Acosta, giovane trainer dei vip: «Anche per l’allenamento più strutturato è sufficiente mezz’ora affinché il corpo possa beneficiarne senza subirne lo stress»
di Isabella Faggiano
Simone Biles, il bronzo dopo lo stop. La psicologa: «Gli atleti non sono macchine ma ogni difficoltà può diventare un’opportunità»
«Riconoscere le proprie difficoltà e darsi il giusto tempo per lavorarci sopra, imparando a gestirle, è la vera forza. La storia dello sport è piena di questi esempi, bisogna imparare a coglierne il valore costruttivo» spiega la dottoressa Luana Morgilli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre, sono 231.857.764 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.748.539 i decessi. Ad oggi, oltre 6,08 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Formazione

Punteggi anonimi per il test di Medicina 2021, a qualcuno non tornano i conti

Si confrontano i punteggi anonimi del test di Medicina 2021 e si fanno le prime previsioni sulla soglia minima per entrare, che oscilla tra due cifre. Intanto in molti lamentano di non aver ricevuto i...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità, Ferruzzi (Cisl): «Pugno di ferro su adeguamento salariale e revisione classificazione personale»

Tavolo tecnico convocato per il 21 settembre 2021. Dopo due incontri estivi si entra nel vivo della trattativa con le controproposte dei sindacati
di Isabella Faggiano