Salute 30 Marzo 2020

Coronavirus, come fare attività fisica a casa? Risponde il direttore del Centro di Medicina Sportiva dell’Università di Pavia

Il professor Giuseppe D’Antona: «Mille kilocalorie la settimana per migliorare il sistema immunitario. Bene tutorial ed esercizi di Yoga e Tai chi, ma attenzione se si hanno sintomi di infezione virale»

di Federica Bosco

Costretti in casa per il Coronavirus, gli italiani rischiano di diventare troppo sedentari e di ingerire un numero eccessivo di calorie. Due elementi che combinati insieme creano problemi di dolori muscolari e di obesità. Come porre rimedio? L’abbiamo chiesto al direttore del Centro di medicina Sportiva dell’Università di Pavia, il professor Giuseppe D’Antona, che, raggiunto via Skype, ci ha spiegato come pochi e semplici esercizi quotidiani possono salvare la linea e mantenere la tonicità muscolare.

«Le linee guida indicano che per avere un beneficio quotidiano è necessario consumare con l’attività fisica almeno mille kilocalorie a settimana. Questo significa 150 minuti di attività moderata o 75 di attività intensa la settimana, ovvero circa mezz’ora di attività moderata al giorno o una ventina di minuti  di attività intensa a giorni alterni. Non esistono controindicazioni ad eseguire un certo livello di attività fisica moderata a casa, anche ai tempi del Coronavirus, proprio perché è noto in letteratura che l’attività fisica quando è svolta con criterio comunque migliora le condizioni e le reattività del nostro sistema immunitario».

LEGGI ANCHE: PREVENZIONE, IL CARDIOLOGO SAVONITTO: «PAZIENTI CARDIOVASCOLARI, ECCO PERCHÉ FARE ATTIVITÀ FISICA E’ IMPORTANTE»

Quale può essere un allenamento tipo?

«Da questo punto di vista è importante che il soggetto sappia già eseguire certi esercizi o si affidi a tutorial on line che descrivano gli esercizi nella maniera corretta. Altrimenti, invece di prevenire un problema c’è il rischio di indurlo o accelerarlo. Quindi è molto importante l’esecuzione degli esercizi».

Ci sono esercizi particolari che è bene fare per evitare posture sbagliate o dolori?

«La mobilizzazione, lo stretching, gli esercizi di forza, il ridurre il numero di minuti di inattività nell’arco della giornata, aumentare il numero di minuti in cui il soggetto sta in piedi piuttosto che seduto o disteso, svolgere degli esercizi di squat, salire o scendere una sedia con una postura della schiena corretta, ma anche esercizi di yoga o Tai chi svolti a casa che notoriamente richiedono poco spazio possono essere molto utili in questi casi».

Vogliamo dare un consiglio e un monito?

«I soggetti che hanno patologie croniche per cui è indicata l’attività fisica non devono assolutamente smettere di farla. Non si deve svolgere attività fisica quando c’è la contemporaneità di sintomi di infezione virale».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

 

Articoli correlati
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 3 luglio, sono 10.874.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 521.355 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 2 luglio: nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del Coronavirus sul nostro territorio, a oggi, 2 luglio, il totale delle persone che hanno contratto il […]
Il virus è più debole? L’emergenza è finita? Le risposte dagli Stati Generali dell’Infettivologia, ma è scontro tra gli esperti
Secondo la Simit, se il virus continuerà a circolare una nuova ondata è molto probabile. Ranieri Guerra (Oms) paragona il Covid con la spagnola, che tornò in autunno uccidendo 50 milioni di persone. Ma dieci esperti sostengono l'indebolimento del virus
Autisti soccorritori, ‘eroi’ dimenticati dell’emergenza. Montanari (CO.E.S.): «Fuori dai tavoli e dal Fondo di Solidarietà, solo Mattarella si è ricordato di noi»
Il Presidente del CO.E.S. Italia Moreno Montanari sottolinea: «Abbiamo avuto cinque morti e un numero imprecisato di contagiati. Ma dalle istituzioni silenzio totale». Continua la battaglia per il riconoscimento del profilo professionale: «A dicembre accordo a un passo con la Conferenza delle Regioni, poi silenzio. Urgente riforma servizio 118»
La vita dei medici youtuber nei giorni del Covid-19
Tanti professionisti sanitari hanno aperto o potenziato i propri canali social durante l’emergenza coronavirus: ne parla un’autorevole rivista scientifica
di Tommaso Caldarelli
Coronavirus in Africa, Emergency: «Il problema sarà l’impatto sui trattamenti delle patologie ordinarie»
Intervista alla coordinatrice della divisione medica della ONG Michela Paschetto: «Le misure di contenimento sociale affaticano la quotidianità di paesi già fragili»
di Tommaso Caldarelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 luglio, sono 10.874.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 521.355 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 2 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Coronavirus, il fisico Sestili: «I numeri che abbiamo in Italia sono ancora distanti dalla realtà. Nel mondo contagi in aumento»

Il fondatore della pagina Facebook “Coronavirus – Dati e Analisi Scientifiche”: «Gli italiani hanno fame di notizie, ma servono dati di qualità»
di Tommaso Caldarelli