Salute 29 Maggio 2019

Integratori alimentari , ecco i falsi miti dietro il passaparola e le prescrizioni mediche

Il Convegno organizzato da ASFI a Sorrento per fare il punto su un prodotto che da solo rappresenta il 70% del fatturato delle farmacie

Immagine articolo

Packaging accattivanti, promesse che hanno del miracoloso, scarsa o nulla menzione degli effetti collaterali. Sono gli integratori alimentari, e si collocano in un limbo merceologico tra i farmaci e gli alimenti, generando nel consumatore l’impressione di assumere qualcosa che associ l’efficacia terapeutica dei primi alle virtù “naturali” dei secondi. Ma quanto c’è di vero in questi luoghi comuni? E soprattutto, quanto c’è invece di potenzialmente pericoloso? Un dato è certo, e parla chiaro: gli integratori alimentari costituiscono il 70% di tutti i prodotti venduti dalle farmacie, nonostante possano essere venduti anche in parafarmacie e supermercati. Di questo si è parlato nei giorni scorsi a Piano di Sorrento durante l’incontro interdisciplinare medici/farmacisti, organizzato da ASFI (Associazione Scientifica Farmacisti Italiani) intitolato “Integratori Alimentari: tra prescrizione medica e consiglio in farmacia”.

A prendere per primo posizione il prof. Libero Berrino (Farmacologia), che ha sottolineato in particolare “la scarsità di dati scientifici su cui alcuni integratori alimentari basano le loro presunte proprietà preventive, o addirittura terapeutiche, su varie patologie». Pochi dati, e neanche tanto solidi. «Spesso si tratta di attività dimostrate in vitro, ma non in vivo, e per dosaggi molto superiori a quelli impiegati negli integratori. Sul fronte opposto, per alcuni di questi prodotti, in particolare per quelli in grado di influenzare l’attività della tiroide, non si possono escludere effetti collaterali di entità non trascurabile».

LEGGI: ECCO LA VERITÀ SUGLI INTEGRATORI: BUSINESS O VERA SALUTE? FACCIAMO CHIAREZZA CON ALESSANDRO MUGELLI (PRESIDENTE SOCIETÀ ITALIANA FARMACOLOGIA)

«La scarsa base scientifica delle proprietà vantate dagli integratori è particolarmente evidente nel caso degli integratori che si propongono come “potenziatori” della risposta immunitaria» ha dichiarato il prof. Giacomo Lucivero (Medicina Interna e Immunoallergologia). «Tali proprietà sono ben lungi dall’essere marcate e misurabili, soprattutto in assenza di dati analitici prima e dopo la cura».

L’ intervento del dott. Francesco Palagiano, segretario ASFI, ha poi evidenziato che «se da un lato, le confezioni di integratori alimentari sono indistinguibili da quelle dei medicinali anche ad un occhio esperto, dall’altro sussistono delle sostanziali differenze in termini di legislazione, di prove di efficacia di qualifica richiesta agli incaricati all’informazione scientifica presso la classe medica, di controlli preventivi delle comunicazioni pubblicitarie dirette ai medici ed al grande pubblico, e, in generale, di tutela della salute dei pazienti».

A chiusura dei lavori, la relazione del prof. Carlo Melodia, segretario della LUIMO, sulle implicazioni medico-sociali e medico-legali della crescente convinzione, da parte del grande pubblico «che si possano individuare ed affrontare i propri problemi di salute, e scegliere in autonomia i prodotti per risolverli, sulla base del passaparola tra conoscenti e dei messaggi pubblicitari diffusi, senza controlli preventivi, dalle aziende produttrici di integratori alimentari».

Articoli correlati
Integratori alimentari, Muscaritoli (Sinuc): «Non servono a tutti. Puntare su stile di vita corretto e dieta sana»
Il Presidente Sinuc affida il suo pensiero a Sanità Informazione a margine del convegno "Gli integratori alimentari nell'attuale quadro normativo" che si è svolto al Ministero della salute. «È importante identificare le fasce di popolazione, sia sana che malata, in cui è possibile che la somministrazione dell'integratore abbia un effetto positivo e misurabile sul mantenimento della salute o sulla prevenzione di alcune patologie degenerative»
Farmacie rurali, Senior Italia FederAnziani: «No alla chiusura, non possiamo abbandonare gli anziani nei piccoli comuni»
I malati cronici e specialmente gli anziani che vivono nei piccoli comuni rurali, nelle comunità montane, nelle isole minori, rischiano di restare abbandonati a loro stessi, privati di un punto di riferimento fondamentale per la loro salute, quale le farmacie rurali. Lo dichiara Roberto Messina, Presidente di Senior Italia FederAnziani, che sottolinea come gli allarmi […]
Aderenza terapeutica, quale il ruolo della farmacia? Tobia (Federfarma): «Siamo colonna del SSN. Necessaria alleanza tra attori del sistema»
Quattro milioni di italiani entrano ogni giorno in farmacia, «dunque bisogna puntare su questa per insegnare prevenzione e adesione alle cure». L’intervista a Roberto Tobia, presidente Federfarma Palermo e Tesoriere Federfarma nazionale
Salute, ecco l’app “Farmacia aperta” con mappe, orari e informazioni sulla farmacia più vicina
È scaricabile su App Store la nuova App “Farmacia Aperta”. Sviluppata da Federfarma Lombardia in collaborazione con T4Project, l’applicazione permette di geolocalizzarsi e individuare rapidamente la farmacia aperta più vicina, con informazioni dettagliate su orario, turni, e percorso più rapido per raggiungerla. L’applicazione è gratuita ed è fruibile in modo facile e intuitivo: dopo aver […]
Grande successo per “In farmacia per i bambini”: raccolte oltre 200mila confezioni
Trend ancora in crescita per la VI edizione di “In Farmacia per i bambini” della Fondazione Francesca Rava N.P.H. Italia Onlus, che si è svolta lo scorso 20 novembre, in concomitanza con la Giornata Mondiale dei Diritti dell’infanzia. Una iniziativa di grande valore e a sostegno dei bambini in condizione di povertà sanitaria: i dati Istat indicano, infatti, la preoccupante incidenza della povertà assoluta […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...