Salute 29 Maggio 2019 17:24

Integratori alimentari , ecco i falsi miti dietro il passaparola e le prescrizioni mediche

Il Convegno organizzato da ASFI a Sorrento per fare il punto su un prodotto che da solo rappresenta il 70% del fatturato delle farmacie

Integratori alimentari , ecco i falsi miti dietro il passaparola e le prescrizioni mediche

Packaging accattivanti, promesse che hanno del miracoloso, scarsa o nulla menzione degli effetti collaterali. Sono gli integratori alimentari, e si collocano in un limbo merceologico tra i farmaci e gli alimenti, generando nel consumatore l’impressione di assumere qualcosa che associ l’efficacia terapeutica dei primi alle virtù “naturali” dei secondi. Ma quanto c’è di vero in questi luoghi comuni? E soprattutto, quanto c’è invece di potenzialmente pericoloso? Un dato è certo, e parla chiaro: gli integratori alimentari costituiscono il 70% di tutti i prodotti venduti dalle farmacie, nonostante possano essere venduti anche in parafarmacie e supermercati. Di questo si è parlato nei giorni scorsi a Piano di Sorrento durante l’incontro interdisciplinare medici/farmacisti, organizzato da ASFI (Associazione Scientifica Farmacisti Italiani) intitolato “Integratori Alimentari: tra prescrizione medica e consiglio in farmacia”.

A prendere per primo posizione il prof. Libero Berrino (Farmacologia), che ha sottolineato in particolare “la scarsità di dati scientifici su cui alcuni integratori alimentari basano le loro presunte proprietà preventive, o addirittura terapeutiche, su varie patologie». Pochi dati, e neanche tanto solidi. «Spesso si tratta di attività dimostrate in vitro, ma non in vivo, e per dosaggi molto superiori a quelli impiegati negli integratori. Sul fronte opposto, per alcuni di questi prodotti, in particolare per quelli in grado di influenzare l’attività della tiroide, non si possono escludere effetti collaterali di entità non trascurabile».

LEGGI: ECCO LA VERITÀ SUGLI INTEGRATORI: BUSINESS O VERA SALUTE? FACCIAMO CHIAREZZA CON ALESSANDRO MUGELLI (PRESIDENTE SOCIETÀ ITALIANA FARMACOLOGIA)

«La scarsa base scientifica delle proprietà vantate dagli integratori è particolarmente evidente nel caso degli integratori che si propongono come “potenziatori” della risposta immunitaria» ha dichiarato il prof. Giacomo Lucivero (Medicina Interna e Immunoallergologia). «Tali proprietà sono ben lungi dall’essere marcate e misurabili, soprattutto in assenza di dati analitici prima e dopo la cura».

L’ intervento del dott. Francesco Palagiano, segretario ASFI, ha poi evidenziato che «se da un lato, le confezioni di integratori alimentari sono indistinguibili da quelle dei medicinali anche ad un occhio esperto, dall’altro sussistono delle sostanziali differenze in termini di legislazione, di prove di efficacia di qualifica richiesta agli incaricati all’informazione scientifica presso la classe medica, di controlli preventivi delle comunicazioni pubblicitarie dirette ai medici ed al grande pubblico, e, in generale, di tutela della salute dei pazienti».

A chiusura dei lavori, la relazione del prof. Carlo Melodia, segretario della LUIMO, sulle implicazioni medico-sociali e medico-legali della crescente convinzione, da parte del grande pubblico «che si possano individuare ed affrontare i propri problemi di salute, e scegliere in autonomia i prodotti per risolverli, sulla base del passaparola tra conoscenti e dei messaggi pubblicitari diffusi, senza controlli preventivi, dalle aziende produttrici di integratori alimentari».

Articoli correlati
Vaccini anti-Covid, l’esperta smentisce tutte le fake news e i falsi miti
Dai dubbi sulla sicurezza alle mutazioni genetiche, dall’inefficacia sulle varianti all'immunità che dura solo poche settimane. Barbara Illi, ricercatrice CNR, smonta ad una ad una le bufale che circolano sul web sui vaccini contro il Covid-19
Emergenza bombole d’ossigeno in Campania, ma è complicato riconsegnare quelle esaurite
Federfarma Napoli: «Domanda aumentata del 400%». E inizia a scarseggiare anche l'ossigeno liquido: «Situazione gravissima»
Tamponi rapidi in farmacia con supporto biologi, D’Anna (OnB): «Intesa con Federfarma»
Intesa tra Federfarma e ordine dei Biologi sui tamponi in farmacia. D'Anna (presidente OnB): « Entrambi i "fronti" dello screening Covid vedranno l’ingresso in campo dei biologi»
Vaccini in farmacia. Magi (Omceo Roma): «Pronti a collaborare purché si cambi la norma. Altrimenti siamo tutti fuorilegge»
La posizione del presidente dell’ordine dei medici di Roma, Antonio Magi, in merito al tavolo tecnico che si è svolto ieri in regione Lazio. «La legge purtroppo impedisce la presenza del medico in farmacia. La vaccinazione è e resta un atto medico»
Vaccino antinfluenzale, Gimbe: «Raccomandato per tutti, ma per 2 persone su 3 nessuna disponibilità in farmacia»
L’analisi della Fondazione Gimbe sul vaccino antinfluenzale dimostra che nella maggior parte delle regioni non ci sono scorte adeguate a soddisfare la domanda. Alcune non possono garantire il 75% di copertura alle categorie a rischio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

All’11 giugno, sono 174.877.063 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.773.600 i decessi. Ad oggi, oltre 2.23 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata...
Ecm

Formazione ECM, Mantoan (Agenas): «In arrivo nuovi incentivi, tra premi e sanzioni»

Il direttore generale dell’Agenzia: «Con il decreto attuativo della legge Gelli le assicurazioni potranno penalizzare i professionisti non in regola con l’obbligo formativo. Valorizz...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...