Salute 26 Marzo 2018

Salute e innovazione, Umberto I all’avanguardia. Il Direttore sanitario: «Grandi novità per rendere ancor più eccellenti i servizi»

«Il nostro è un perenne rinnovamento perché stare al passo con i tempi significa mettersi in discussione cambiare volto quando c’è la necessità», dichiara Ferdinando Romano

Immagine articolo

Il Policlinico Umberto I all’avanguardia nel campo della tecnologia. L’ospedale capitolino, terzo in Italia per grandezza, investe sempre più risorse nell’innovazione per rendere ultramoderni strumenti e attrezzature «e diventare sempre più un’eccellenza nel panorama nazionale e internazionale», dichiara ai nostri microfoni Ferdinando Romano, dal 2015 Direttore sanitario della struttura.

«L’avanguardia tecnologica è fondamentale e si allinea con quello che adesso sta succedendo al Policlinico – prosegue Romano – un cambiamento radicale e tempestivo necessario per stare al passo con i tempi e garantire risposte efficaci ai cittadini che desiderano una sanità sempre più di qualità ed eccellenza».

LEGGI ANCHE: «FORMAZIONE, PROGRESSO E RICERCA, ECCO IL FUTURO DELL’UMBERTO I». L’INTERVISTA A JOSEPH POLIMENI, COMMISSARIO STRAORDINARIO DEL POLICLINICO

Il Direttore sanitario sintetizza, in poche ma efficaci parole, quello che è il percorso che il Policlinico intende seguire: «Una strada all’insegna dell’aggiornamento costante e della riorganizzazione strutturale e funzionale con un occhio di riguardo all’innovazione». L’ultima novità in campo tecnologico introdotta all’Umberto I è l’Heart Navigator – un sofisticato sistema che permette interventi cardiochirurgici semi-invasivi – che pone l’ospedale capitolino al primo posto in Italia per qualità ed eccellenza nel settore cardiologico.

«Siamo pronti a rinnovarci – conclude il Direttore Romano – e a prestare sempre un volto che sia confacente alle esigenze della popolazione. La professionalità del nostro team è elevatissima ed è nostra intenzione migliorare sempre di più la formazione dei medici per garantire ottimi risultati».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

 

Articoli correlati
Patto per la salute, FNOMCeO: «Chiamare ai tavoli le Professioni sanitarie»
«Chiamare ai tavoli le Professioni sanitarie». Lo avevano già chiesto, insieme alle altre Federazioni e Ordini nazionali delle professioni sanitarie e sociali, il 21 marzo scorso, in occasione dell’incontro con il Ministro della Salute Giulia Grillo. Ora la FNOMCeO, la Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri, e prima ancora la Fnopo, l’omologo ente […]
Smart working in sanità, Magi (OMCeO Roma): «Una bella scommessa, ma non aumenti la distanza medico-paziente»
Al parziale scetticismo del presidente dell'Ordine dei Medici di Roma si contrappone l'entusiasmo di Carla Cappiello, presidente dell’Ordine degli ingegneri della Capitale: «Le potenzialità sono enormi: lavorare a distanza riuscendo a fornire la stessa qualità del servizio e garantendo la sicurezza dei dati personali consente di risparmiare su tutte le procedure e sopperire a carenze sociali»
di Viviana Franzellitti e Giulia Cavalcanti
Formazione MMG, Luca Galzerano (Fimmg): «Disparità economica con specializzandi può condizionare scelta del percorso formativo e lavorativo»
«Fondamentale migliorare l’organizzazione dei corsi post lauream e facilitare le modalità di accesso alla professione». L’intervista al nuovo Segretario nazionale di Fimmg Formazione Luca Galzerano
«Per i medici specialisti un contratto di formazione-lavoro». L’annuncio del ministro Giulia Grillo
«Aggiornare il Contratto di formazione specialistica» la nuova proposta del ministro Giulia Grillo che coinvolge anche il Miur. «In tanti Paesi europei è già così: per quale motivo i giovani medici italiani dovrebbero essere considerati eterni studenti?». La proposta è stata accolta positivamente dalla Federazione CIMO-FESMED, da Anaao Assomed e Anaao Giovani
Cambia il test di Medicina: 12 quesiti di cultura generale e 10 di logica. Bussetti (MIUR): «Puntiamo al 20% di posti in più»
«Intendiamo rivedere il sistema di accesso a Medicina ma serve tempo e impegno congiunto di MIUR, Atenei, Regioni e Ministero della Salute». Così il ministro Bussetti. Le iscrizioni alle prove potranno essere effettuate su www.universitaly.it dal 17 giugno fino al 9 luglio. Il Ministero metterà a disposizione dei candidati un test psico-attitudinale di orientamento e sosterrà finanziariamente i corsi di preparazione organizzati dalle Università
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Equivalenza titoli, TAR Lazio accoglie ricorso ANEP. L’avvocato Croce (Consulcesi & Partners): «Risultato apre strada anche alle altre figure»

Questo provvedimento impone l’avvio di iniziative dirette a far sì che si proceda all’individuazione dei criteri e delle modalità per il riconoscimento dell’equivalenza dei titoli conseguiti c...
Lavoro

Massofisioterapisti e fisioterapisti: uguali o diversi? La posizione di Beux (TSRM e PSTRP)

Alessandro Beux (TSRM e PSTRP): «Iscrizione solo per quelli che hanno conseguito titolo prima 1999»
Formazione

Il presidente del Parlamento Ue Antonio Tajani: «Formazione obbligatoria ECM, l’Europa vigila e premia solo chi si aggiorna»

ESCLUSIVA | Il Presidente dell’Europarlamento, in visita a Roma al Gruppo Consulcesi, si è schierato al fianco dei medici che attendono la remunerazione della specializzazione: «Lo Stato deve semp...