Salute 20 novembre 2017

«Formazione, progresso e ricerca, ecco il futuro dell’Umberto I». L’intervista a Joseph Polimeni, Commissario Straordinario del Policlinico

«Il futuro è arrivato e vogliamo affrontarlo al meglio, progresso significa evadere dall’autoreferenzialità e misurare l’assistenza sanitaria in funzione degli outcome» così il Commissario nominato alla guida del presidio ospedaliero capitolino

Immagine articolo

«Innovazione, ricerca e formazione rivoluzionaria» queste secondo il Commissario straordinario Joseph Polimeni, le medaglie appuntate alla giacca del Policlinico Umberto I di Roma. A pochi mesi dalla nomina, la nuova guida dell’azienda ospedaliera capitolina, traccia un bilancio del passato, del presente e del futuro dell’assistenza sanitaria italiana, europea e mondiale in un’intervista a tutto campo per Sanità Informazione.

Direttore, quali sono le sfide che intende affrontare in questo fine 2017 e in previsione del nuovo anno che sta per arrivare?

«Sono stato nominato qualche mese fa Commissario Straordinario, ho nominato a mia volta il Direttore Sanitario, Franco Caracciolo, professionista serio ed affidabile di cui ho ottima stima. Insieme lavoreremo nelle prossime settimana e nei prossimi mesi per iniziare o portare a termine tutti gli adempimenti da mettere in campo».

Cronicità e invecchiamento sono tra i problemi più gravosi da cui è fiaccato il SSN, qual è il suo punto di vista per quanto riguarda il presidio ospedaliero? È auspicabile una visione ospedale-centrica oppure credere in una rete di assistenza territoriale sempre più forte?

«Ritengo che l’ospedale debba fare l’ospedale, soprattutto nel nostro caso, quando si tratta di una grande azienda ospedaliera universitaria che è votata all’alta specialità, all’innovazione clinica professionale e organizzativa. È chiaro che l’Umberto I è un hub molto importante che tiene le fila di una serie di reti fondamentali per il funzionamento generale; mi riferisco alla Rete IMA (Infarto Miocardico Acuto), alla rete Stroke (Ictus), al politrauma, tutti rami di un unicum indispensabile per il cittadino. Tuttavia l’assistenza a livello regionale, poi territoriale, andrebbe incrementata, andrebbero sviluppati tutti quei presidi e quelle organizzazioni, prestazioni, attività che in qualche modo accompagnano l’attività dell’azienda ospedaliera in modo tale da ‘alleggerirla’ di alcune fatiche per darle modo di concentrarsi su prestazioni di media e alta specialità. Questo concetto riassume quello che in primo luogo il significato del Policlinico: per dirlo in gergo anglosassone ‘a teaching hospital’ cioè un ospedale votato all’insegnamento che vuole fare della didattica, della ricerca e dell’assistenza il fiore all’occhiello».

Quali sono le eccellenze del Policlinico più evidenti e quali invece le criticità che lei intende risolvere?

«Io credo che il Policlinico debba assolutamente perseguire la sua vocazione di azienda ospedaliera universitaria. Inoltre questa è la culla di farmaci innovativi, la culla del progresso con due unità operative di oncologia, chirurgia robotica, chirurgia mininvasiva, a breve le prossime nomine per i direttori di direzione, insomma questo è un settore molto importante su cui investire. Dobbiamo accompagnare questo investimento in risorse umane, in competenze e in professionalità, anche con incrementi sotto il versante strutturale e anche organizzativo. Dunque il nostro lavoro procede in due direzioni: da una parte cercare di potenziare e responsabilizzare tutto il personale, oramai la sanità è fatta anche da personale infermieristico, tecnico, amministrativo, una fetta molto importante. Dall’altra sostenere e valorizzare le competenze medico-specialistiche che sono quelle che caratterizzano i tratti essenziali dell’azienda».

Lei ha parlato di innovazione: in Italia il sistema sanitario è ottimale ma purtroppo afflitto anche da una sostenibilità critica. Quale potrebbe essere una politica che assembli abbattimento costi a qualità del servizio assistenziale?

«Per molti anni noi ci siamo concentrati sui nostri processi, sui nostri percorsi, il che è comunque importante per ottimizzare il nostro cammino, tuttavia ritengo sia una visione sin troppo autoreferenziale: infatti guardando i nostri percorsi, analizzando i nostri processi, guardiamo solo noi stessi invece la sfida del futuro è cercare di guardare gli outcome, gli esiti, quello che riusciamo ad ottenere concretamente per i pazienti. Quindi in questo rapporto tra outcome e costi, andranno perseguiti e privilegiati quegli interventi che hanno un rapporto migliore e competitivo. Si tratta di una sfida che penetra nell’organizzazione, il futuro sarà quello di andare a misurare e targhettizzare sempre di più l’assistenza sanitaria in funzione degli outcome che poi è quello che interessa i cittadini, indipendentemente da quando il nostro percorso sia più o meno ottimizzato».

In un Policlinico universitario che fa della formazione la sua forza, quanto è importante una formazione che va anche oltre l’università, quanto è importante la formazione di un personale sanitario più anziano, più maturo?

«È importantissimo, noi siamo un’azienda ospedaliera universitaria, siamo un ex Policlinico a gestione diretta e qui la didattica, la ricerca e l’assistenza si compenetrano in un unicum che deve essere perseguito con forza. Dalla nostra parte possiamo vantare tantissimi corsi di specializzazione, specialisti in formazione, tutta la partita delle professioni sanitarie oggi molti importanti, infermieri, tecnici di riabilitazione e laboratorio. L’assistenza deve essere un completamento assolutamente della didattica  e della ricerca in ogni fase della carriera professionale. In quest’ottica, il Policlinico chiede all’università una programmazione congiunta in modo tale che le priorità delle strutturazioni che vengono proposte siano in qualche modo anche compatibili con le nostre necessità».

Articoli correlati
Professioni sanitarie, Beux (Tsrm Pstrp): «Problema equivalenza titoli è ‘dramma’, serve soluzione tecnica. Ma abusivi vanno contrastati»
A quasi un anno dall’entrata in vigore della legge Lorenzin, il Governo inizia a muoversi sul fronte del riconoscimento titoli. «Aprire i percorsi per riconoscere l’equivalenza dei titoli oppure occorre l’intervento politico» così Alessandro Beux, presidente della Federazione nazionale delle Professioni sanitarie tecniche
Foad Aodi (Amsi): «Al decreto sicurezza rispondiamo potenziando l’integrazione silenziosa, qualificata e non valorizzata»
Il Congresso annuale dell’AMSI (Associazione Medici d’origine Straniera in Italia) insieme al Corso d’aggiornamento AMSI in Neurotraumatologia si terrà il 1 dicembre a Roma. L’iniziativa si svolgerà nella Clinica “Ars medica” (Via Ferrero di Cambiano) con il patrocinio dell’Ordine dei Medici di Roma, Movimento “Uniti per Unire”, Unione Medica Euro mediterranea (UMEM) e BTL Italia. Parteciperanno professionisti della […]
Morbillo, arriva piano del Ministero. Il Sottosegretario Bartolazzi: «Vaccino obbligatorio per adulti e operatori sanitari»
Il Sottosegretario alla Salute annuncia piano per l’eradicazione della malattia ospite delle celebrazioni per i 40 anni del SSN. E si dice solidale con lo sciopero dei medici: «Dobbiamo parlare con regioni per trovare risorse per il rinnovo»
di Cesare Buquicchio e Serena Santi
La FNOMCeO festeggia i 40 anni del SSN. Censis: «Medici pilastro della buona sanità e garanti interesse paziente»
Per il 53% degli italiani tetti di spesa, linee guida e protocolli sono utili, ma al medico deve essere lasciata la libertà di decidere. Perché il rapporto è basato sulla fiducia. L’87% si fida del medico di medicina generale. Per il 72% è la prima fonte di informazione. E per il 45% è fondamentale la dimensione psicologica e relazionale
Fiaso, l’orgoglio dei manager della sanità: «Abbiamo salvato il SSN». Ripa di Meana: «Ora fondo per innovazione e sblocco assunzioni»
A Roma il ventennale della Federazione Italiana Aziende sanitarie e ospedaliere che ha riunito i dirigenti di 170 aziende sanitarie. Il Presidente: «Abbiamo reso il sistema capace di produrre a costi sostenibili qualità. Chiediamo siano sbloccati i contratti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...