Salute 21 Aprile 2023 00:02

Influenza: un passo più vicino a un vaccino «universale»

E’ sicuro ed è in grado di stimolare risposte immunitarie. Sono davvero promettenti i risultati della sperimentazione di fase I di un nuovo vaccino efficace contro diverse varianti del virus dell’influenza. Stando a quanto riportato dalla rivista Science Translational Medicine siamo un passo più vicini al tanto atteso vaccino «universale»

Influenza: un passo più vicino a un vaccino «universale»

E’ sicuro ed è in grado di stimolare risposte immunitarie. Sono davvero promettenti i risultati della sperimentazione di fase I di un nuovo vaccino efficace contro diverse varianti del virus dell’influenza. Stando a quanto riportato dalla rivista Science Translational Medicine siamo un passo più vicini al tanto atteso vaccino «universale». Nonostante le vaccinazioni annuali, l’influenza è responsabile della morte di moltissime persone e, ogni anno, gli scienziati devono progettare nuovi vaccini per far fronte all’evoluzione rapida del virus. Per questo un vaccino universale contro l’influenza, in grado di proteggere contro molte diverse varianti del virus per periodi più lunghi, sarebbe un enorme vantaggio per la salute pubblica.

Oggi il vaccino antinfluenzale richiede costanti aggiornamenti annuali

Gli attuali vaccini antinfluenzali contengono virus influenzali indeboliti o inattivati ​​con una miscela di emoagglutinine (HA), una delle principali proteine situate ​​sulla superficie del virus. Quando le persone ricevono un vaccino antinfluenzale, o vengono colpite dall’influenza, il sistema immunitario crea anticorpi contro l’HA, in particolare contro la porzione superiore, o «testa», della proteina. Tuttavia, questo è un problema perché parti della testa di HA spesso mutano e quindi richiedono quel necessario aggiornamento annuale del vaccino. Ma HA non ha solo una testa, ha anche una «radice». E quella radice rimane relativamente stabile e «conservata» tra i diversi ceppi influenzali. Tuttavia, far sì che il sistema immunitario risponda alla radice è complicato. I sistemi immunitari delle persone sono «programmati» per contrastare la testa dell’HA, ignorando così la radice.

Il vaccino sperimentale è sicuro con effetti collaterali lievi

I ricercatori hanno quindi provato una nuova tattica: hanno «tagliato» la testa della proteina, sostituendola con una sorta di parte superiore ingegnerizzata, progettata per dare stabilità allo «stelo» ma non di attirare l’ira del sistema immunitario. «L’unica cosa che il sistema immunitario può vedere è la radice», spiega Sarah Andrews, tra le autrici dello studio. Per verificare l’efficacia del nuovo approccio, i ricercatori hanno reclutato 52 adulti sani e hanno somministrato a ciascuno una delle due dosi di vaccino «senza testa». La maggior parte ha ricevuto la dose più alta, somministrata come iniezione primaria seguita da un richiamo. I risultati mostrano che il vaccino sembra sicuro.

Dimostrata un’ampia risposta anticorpale

Circa un quinto di coloro che lo hanno ricevuto presentava dolore al sito di iniezione o mal di testa, che sono comuni effetti collaterali del vaccino antinfluenzale. Sul fronte del sistema immunitario, i partecipanti hanno mostrato un’ampia risposta anticorpale contro i ceppi influenzali di tipo A, e non di tipo B, in quanto il vaccino conteneva l’HA da un ceppo di tipo A. Ma i ricercatori si aspettano che un vaccino «bivalente», che contenga l’HA di entrambi i gruppi influenzali, abbia «una maggiore ampiezza» di risposta.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid: 3 o più dosi di vaccino in gravidanza aumentano la protezione dei neonati
Le donne in gravidanza che ricevono tre o più dosi di vaccino anti-Covid durante la gestazione presentano un livello di anticorpi specifici contro l’infezione nel cordone ombelicale di circa dieci volte più alto rispetto a quanto riscontrato nelle madri che hanno effettuato meno richiami. E questo offre una maggiore protezione ai nascituri. A dimostrarlo è uno studio condotto dagli scienziati dell’Università di Washington a Seattle
Covid: spray nasale con anticorpi protegge da infezione. Gli scienziati: “Approccio utile contro nuove varianti e in futuro anche contro altri virus”
I ricercatori del Karolinska Institutet, in Svezia, hanno dimostrato che lo spray nasale anti-Covid sviluppato, a base di anticorpi IgA, può offrire protezione dall'infezione. O almeno così è stato nei topi su cui è stato testato, come riportato da uno studio pubblicato su PNAS. I risultati aprono la strada a una nuova strategia per proteggere le persone ad alto rischio a causa delle diverse varianti del virus Sars-CoV-2 e possibilmente anche da altre infezioni
Fiaso: Covid ancora in calo, ma preoccupa l’influenza
Si conferma in calo l’indice dei ricoveri Covid. La rilevazione degli ospedali sentinella aderenti a Fiaso fa registrare un complessivo -16% nell’ultima settimana del 2023. Secondo l'ultima rilevazione Fiaso i virus influenzali stanno avendo un impatto in termini assoluti maggiore sugli ospedali
di V.A.
Morbillo: mappato il percorso del virus nel cervello
Per la prima volta è stata realizzata una sorta di mappa della diffusione del virus del morbillo nel cervello sulla base dei dati di un paziente colpito da una rara e letale malattia cerebrale, chiaara panencefalite sclerosante subacuta (SSPE). A realizzare l'impresa sono stati i ricercatori della Mayo Clinic in uno studio pubblicato su PLOS Pathogens
Herpes zoster: l’efficacia del vaccino diminuisce nel tempo
Uno studio pubblicato sul British Medical Journal ha valutato l'efficacia del vaccino vivo contro l'herpes zoster, che è risultata massima per i primi 12 mesi dalla vaccinazione ed è diminuita in modo sostanziale nel tempo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

“Una Vita Senza Inverno”: conoscere l’Anemia emolitica autoimmune da anticorpi freddi attraverso il vissuto dei pazienti  

Nato da una iniziativa di Sanofi in collaborazione FB&Associati, e con il contributo di Cittadinanzattiva e UNIAMO, oltre alle storie dei pazienti racconta anche quelle dei loro caregiver, mettendo in...
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...