Salute 6 Settembre 2021 17:03

Hurry sickness, il “mal di fretta” è una patologia o uno stile di vita?

Ne soffre il 95% dei manager. Lo psicoterapeuta: «La perdita di sonno, la mancanza di concentrazione e la costante sensazione che il tempo non sia mai abbastanza ci segnalano che qualcosa non va»

di Isabella Faggiano
Hurry sickness, il “mal di fretta” è una patologia o uno stile di vita?

C’è chi prima di addormentarsi ha già pianificato tutti gli impegni del giorno seguente e, nel progettarli, percepisce pure la fretta di doverli portare a termine. Una sensazione di urgenza che di notte può togliere il sonno e di giorno provocare nervosismo, ansia e stress. Uno stato di irrequietezza che i cardiologi Meyer Friedman e Ray Rosenman hanno definito “hurry sickness”, letteralmente “malattia della fretta” (il termine è stato utilizzato per la prima volta nel libro “Type A Behavior And Your Heart”).

Secondo gli specialisti si tratta di “un tentativo continuo e incessante di ottenere sempre più cose o partecipare ad un numero sempre più numeroso di eventi, nel minor tempo possibile”. Obiettivi quotidiani che indurrebbero a pensare, parlare ed agire velocemente.

Hurry sickness, la “malattia” dei manager

Ma vivere tenendo tutto il giorno il piede premuto sull’acceleratore è patologico? «In sé l’hurry sickness non può essere definita una malattia – risponde Morris Orakian, psicologo e psicoterapeuta dell’Ordine degli Psicologi del Lazio -. Tuttavia, può essere correlata a possibili disturbi sottesi, appartenenti alla sfera psicologica o dell’umore. In casi più estremi, poi, può trasformarsi in una condotta patologica».

Il professor Richard Jolly della London Business School ha studiato il fenomeno scoprendo che i manager sono tra le categorie più colpite: il 95% soffre di questa condizione. «Partendo dal presupposto che ogni essere umano si adatta al contesto socio-culturale in cui vive, è inevitabile che in occidente, dove il miglioramento della performance sia lavorativa che sociale è all’ordine del giorno, siamo tutti più a rischio di “mal di fretta”», dice lo specialista.

L’identikit

L’essere multitasking è, di solito, il tratto distintivo dei soggetti affetti da hurry sickness: per loro è inconcepibile dover concentrarsi, anche solo per una volta, su un unico compito. E così, anche nei momenti di relax, provvederanno ad occuparsi di più faccende contemporaneamente.

Ma attenzione: «L’essere multitasking è solo un’illusione, un falso mito da sfatare – assicura lo psicoterapeuta -. La nostra mente è in grado di fare una cosa alla volta. Tanto che, compiendo più azioni contemporaneamente, a nessuna verrà dedicata la massima attenzione. Performance, efficacia ed efficienza aumenteranno al diminuire degli impegni simultanei».

Dal mal di fretta al vivere male

Al di là della qualità dei risultati raggiunti, sono gli effetti collaterali nocivi sul benessere individuale a doverci mettere in allarme. «La perdita di sonno, la mancanza di concentrazione, la costante sensazione che il tempo non sia mai abbastanza, il dover continuamente rincorrere qualcosa, sono tutti segnali che il nostro corpo emette per comunicarci che qualcosa non va. Lo stress, soprattutto se cronico, può indebolire il nostro sistema immunitario e interferire sui livelli di energia, sulle prestazioni lavorative e sull’umore», spiega Morris Orakian.

Rimedi alla hurry sickness

Ma tenere sotto controllo il proprio “mal di fretta” è possibile. «Consiglio di sottoporsi ad una sorta di auto-checkup quotidiano o settimanale, attribuendo un paramento di valutazione (ad esempio da 0 a 10) alla sensazione di “non avere tempo da perdere in quella giornata che sta per iniziare”. Una descrizione quindi della propria percezione, dove lo zero sta per “nessun tempo” mentre il dieci per “tutto il tempo”. Questo esercizio poi andrebbe ripetuto all’inizio del pomeriggio. In questo modo, sarà più facile rendersi conto se i ritmi accelerati delle giornate stiano compromettendo lo stato di salute o se appaiono funzionali al proprio modo di essere».

«Se ci si accorge di aver aumentato troppo il passo sarà meglio rallentarlo: abbassare i ritmi non significa cancellare degli impegni o rinunciare a qualche obiettivo prefissato. Semplicemente, ci si dovrebbe concedere un tempo più lungo, anche di pochi minuti per cominciare, per portare a termine il proprio programma. È quello che chiamiamo “un piccolo disordine nell’ordine”. Quando la situazione apparirà troppo fuori dal nostro controllo, allora – conclude lo psicoterapeuta – sarà meglio rivolgersi ad uno specialista».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Nasce la Federazione Italiana Psicologi: «Un nuovo modo di mettere a sistema competenze per il benessere della comunità»
Il presidente Marenco: «La sofferenza psicologica non si urla in piazza, ecco perché è fondamentale che la psicologia sia prevenzione prima ancora che cura»
Covid-19, Dad e generazioni perse, Sellini (AUPI): «Ormai non è più un’emergenza, servono provvedimenti strutturali»
Secondo il Segretario Generale dell’Associazione Unitaria Psicologi Italiani, gli stanziamenti previsti per gli psicologi nel Decreto Sostegni bis sono «una buona notizia ma rappresentano interventi parziali»
Europei, Lazzari (CNOP): «Vittoria Italia nutre speranza e prospettiva di ritorno alla normalità»
«La vittoria degli azzurri agli Europei di calcio, sul piano psicologico, nutre la speranza delle persone ed è un’affermazione della normalità, con la prospettiva di un ritorno a una dimensione meno emergenziale. Avvicina anche ad una situazione di ripartenza». Così David Lazzari, presidente del Consiglio Nazionale dell’Ordine degli psicologi che aggiunge: «L’affermazione della nazionale di […]
Giornata mondiale del bacio, lo psicologo: «La pandemia ci ha privato del nostro alfabeto emotivo»
Michele Spaccarotella: «Quando tutto sarà finito torneremo a baciarci come prima, ma avremo bisogno di tempo per dimenticare restrizioni e timori»
di Isabella Faggiano
Al via i saldi estivi, ma quando lo shopping diventa una malattia?
Lo psicoterapeuta Claudio Dalpiaz, in un’intervista a Sanità Informazione, delinea l’identikit dello shopper compulsivo e offre consigli utili a coloro che, pur non avendo comportamenti patologici, vorrebbero utilizzare il portafogli in modo più consapevole. Dalla Flinders University le linee guida per diagnosi e trattamento dello shopping compulsivo
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 settembre, sono 227.070.462 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.670.479 i decessi. Ad oggi, oltre 5,81 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco