Salute 1 Ottobre 2021 17:39

HappyAgeing, come gestire l’immunizzazione negli anziani in vista dell’inverno

In occasione della II Assise Nazionale HappyAgeing sull’immunizzazione dell’adulto e dell’anziano, un dialogo tra il presidente del CTS Conversano e tanti professionisti sui risultati da raggiungere per la stagione fredda e sul nuovo approccio per avvicinare la popolazione a vaccini come influenza, pneumococco e Herpes Zoster

HappyAgeing, come gestire l’immunizzazione negli anziani in vista dell’inverno

I numeri della pandemia ce lo hanno insegnato: l’Italia è uno dei paesi più longevi del mondo e questa caratteristica ha portato il virus ad abbattersi con maggiore violenza su di noi. Nel 2019 secondo Eurostat eravamo al secondo posto dopo la Spagna per speranza di vita eppure ora abbiamo perso quasi un anno di aspettativa di vita alla nascita, per alcune regioni anche di più. Avere tanti anziani significa fare i conti con l’immunosenescenza, quella risposta fisiologica minore verso le malattie infettive che si associa a un maggiore rischio di complicanze. Difficoltà che si devono combattere con una massiccia attività di immunizzazione, a cui era dedicata la II Assise Nazionale HappyAgeing oggi a Roma nel Centro Congressi Frentani.

A dialogare con il presidente del CTS di HappyAgeing, Michele Conversano, un folto gruppo di professionisti tra cui assessori alla Sanità e responsabili delle prevenzione per Puglia, Lazio e Lombardia, insieme a rappresentanti dei principali sindacati con l’intervento virtuale del sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri.

Oltre il vaccino Covid, le altre immunizzazioni

La riflessione ha preso le mosse dall’attualità con la vaccinazione anti-Covid, che ha messo al sicuro gli over 80 nei primi mesi di somministrazioni, per estendersi poi anche alle altre necessità di prevenzione segnalate nel position paper HappyAgeing sulle “Vaccinazioni dell’adulto-anziano nella stagione 2021/22”.

«Occorre continuare a promuovere la vaccinazione contro lo pneumococco e l’influenza che colpiscono l’apparato respiratorio particolarmente a rischio anche nell’infezione da Covid – ha spiegato Conversano – ma occorre anche prestare attenzione ai pericoli rappresentati dall’Herpes Zoster, che pur non colpendo questo apparato comprometterebbe sicuramente le condizioni dell’anziano rendendolo più vulnerabile».

Influenza e non solo

L’influenza, terza causa di morte per patologia infettiva in Italia, è nota a tutti ma solo il 4,4% ammette di averne molta paura, mentre il 25,8% dei più anziani (con più di 75 anni) non la teme affatto. Allo stesso modo è opinione pubblica tra gli adulti-anziani che «lo pneumococco si possa curare con gli antibiotici» mentre relativamente allo Zoster in pochi conoscono la gravità delle conseguenze di una infezione.

HappyAgeing affronta dunque la necessità di sette passaggi fondamentali. In primis la chiamata attiva alla vaccinazione, che se non ricevuta costituisce un diritto negato per il cittadino. Ogni Regione dovrà in tal senso trovare il proprio modello organizzativo, partendo da antinfluenzale e passando poi a tutte quelle previste dal Piano Nazionale di Prevenzione Vaccinale.

Obbligo per operatori vaccinali e anagrafe

Segue la necessità di obbligo vaccinale antinfluenzale per tutti gli operatori sanitari, com’è efficacemente stato per Covid-19. Sempre contro l’influenza sarà bene che le indicazioni per le campagne vaccinali giungano per tempo alle Regioni. Da qui l’ispirazione per uscire fuori dall’ambulatorio vaccinale ed estendere i benefici della vaccinazione in hub, ospedali ed RSA anche all’influenza.

A questo andrebbe ad aggiungersi il tanto richiesto AVN, anagrafe vaccinale nazionale. Con Covid-19 è stato dimostrato che si può tenere traccia e in breve tempo della copertura vaccinale nella popolazione, dunque il sistema può e deve essere allargato. «Serve qualcosa di più della somma di 21 anagrafi regionali, occorre un sistema nazionale, informatizzato, che permetta anche di monitorare l’offerta e le coperture vaccinali previste dai LEA e dai PNPV».

Infine l’innovazione deve tornare al centro: con nuove soluzioni organizzative e con un sistema vaccinale sempre più tecnologico e avanzato. In ultimo la comunicazione, che deve sempre essere corretta ed efficace. Quella della campagna vaccinale contro Covid ha dimostrato quanto sia facile gettare nello scompiglio le persone timorose. Se si tiene d’occhio il target e si comunica unitamente e con semplicità i “no vax” si riducono a un manipolo estremamente piccolo di persone convinte. “L’età non conta, il vaccino sì!” è la nuova campagna di comunicazione HappyAgeing, che segue esattamente questa direttiva.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Dagli igienisti della SItI una Guida alle buone pratiche vaccinali
La Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (SItI) ha presentato il documento "Guida alle buone pratiche vaccinali", con l'obiettivo di promuovere e garantire servizi vaccinali di eccellenza in tutto il territorio nazionale
di V.A.
Anziani più a rischio cadute per la maggior lentezza di movimento delle braccia
Gli anziani hanno un rischio maggiore di cadere e farsi male perché le loro braccia sono più lente a rispondere quando scivolano. I movimenti delle braccia infatti sono fondamentali per ritrovare l'equilibrio ed evitare le cadute. A scoprirlo è stato un gruppo di ricercatori dell'Università dell'Arizona in uno studio pubblicato sul server di pre-stampa bioRxiv
Vivere con un cane o un gatto rallenta il declino cognitivo
Uno studio dell’Università del Maryland, pubblicato sulla rivista Scientific Reports, ha rivelato che la convivenza con un animale domestico può rallentare il tasso di declino cognitivo man mano che si invecchia, soprattutto se si porta a spasso il cane
Il Nobel per la Medicina ai «genitori» dei vaccini a mRNA contro il Covid e non solo
Drew Weissman, 64 anni, e Katalin Karikò, 68 anni, sono i due nuovi vincitori del Nobel per la Medicina 2023. I due scienziati hanno sviluppato la tecnologia che ha permesso, nel giro di pochissimi mesi, di sviluppare i vaccini anti-Covid a mRNA, che hanno salvato milioni di vite umane nel mondo
Covid: alta adesione degli over 60 ai vaccini ridurrebbe fino al 32% i ricoveri, le raccomandazioni nel Calendario per la Vita
Il board del Calendario per la Vita, costituito da diverse società scientifiche, ha redatto delle raccomandazioni per la campagna di vaccinazione anti-Covid per l’autunno-inverno 2023
di V.A.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...
Salute

Tumore del polmone: per osimertinib e durvalumab ottimi risultati negli studi LAURA e ADRIATIC al Congresso ASCO

Nello studio LAURA osimertinib ha ridotto il rischio di progressione di malattia o di morte dell’84% nel tumore del polmone non a piccole cellule di Stadio III. Nello studio ADRIATIC, invece, du...