Salute 26 Luglio 2021 15:32

Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva

Chi ne è esentato? E cosa deve fare chi è guarito? Intervista a Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva

Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva

La certificazione verde Covid-19 o Green pass, in Italia, si ottiene con tampone negativo antigenico o molecolare per la validità di 48 ore, con la guarigione dal Covid (entro i 6 mesi dalla stessa e non oltre 12 mesi dalla guarigione) e con la vaccinazione. Per chi ha fatto il vaccino, vale dal quindicesimo giorno successivo alla prima dose fino alla data in cui si riceve la seconda. Da quel momento in poi, dura altri nove mesi.

Il nuovo decreto in vigore dal 6 agosto. Prorogato lo stato d’emergenza fino al 31 dicembre

Il Green Pass, dal 6 agosto, sarà obbligatorio non solo per muoversi in Europa ma anche, in Italia, per:

  • servizi di ristorazione per il consumo al tavolo al chiuso
  • spettacoli aperti al pubblico, eventi e competizioni sportivi
  • musei, piscine, palestre, centri benessere, anche all’interno di strutture ricettive, per le attività al chiuso
  • centri termali, parchi tematici e di divertimento. Centri culturali e centri sociali per le attività al chiuso ad esclusione di centri educativi per l’infanzia e centri estivi
  • sagre e fiere, convegni e congressi
  • sale gioco, sale scommesse, sale bingo e casinò
  • concorsi pubblici

La decisione del Governo Draghi si è resa necessaria per contrastare l’aumento dei contagi causati dalle varianti di Covid-19. Inoltre, è stato prolungato lo stato di emergenza fino al 31 dicembre. Nella nostra intervista la dottoressa Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva, ha risposto ai dubbi e alle domande più frequenti sulla certificazione verde. L’esperta sottolinea che «il Green pass è una certificazione autenticata con una validità. L’errore è pensare che sia un certificato che attesti la doppia vaccinazione. Non è così, vale anche per chi presenta un tampone con una validità di 48 ore». Questo, dimostra che ad oggi non esiste nessun obbligo vaccinale in Italia.

Come si ottiene il Green pass?

Alla ricezione via sms o via mail del codice Authcode per avvenuta vaccinazione, test negativo o guarigione da Covid-19, si può scaricare la Certificazione verde dal sito dedicato tramite l’App Immuni o con l’App IO. Per autenticarsi bisogna avere l’Identità Digitale (disporre di SPID o Carta d’Identità Elettronica) o la Tessera sanitaria.

Chi non ha la tessera sanitaria perché non iscritto al SSN?

I non iscritti al Ssn possono inserire il codice di autenticazione Authcode ricevuto via sms o via mail insieme agli estremi del documento d’identità fornito quando è stato effettuato il tampone o è stato emesso il certificato di guarigione.

I guariti dal Covid-19

«I guariti dal Covid possono avere il Green pass a seguito di un certificato che ne attesti la guarigione – spiega la dottoressa Mori – che deve essere emesso necessariamente dal medico di famiglia, dalla Asl o dall’ospedale che ha avuto in cura la persona se fosse stata ricoverata. Entro sei mesi dal primo tampone molecolare positivo quindi dall’inizio della malattia ed entro i 180 giorni successivi la persona può ottenere il Green pass, senza vaccinazione ma con questo attestato».

Una dose unica entro 12 mesi

Nella nuova circolare il Ministero della salute suggerisce la somministrazione di un’unica dose di vaccino per chi ha avuto il Covid-19 «purché venga eseguita preferibilmente entro i 6 mesi dalla stessa e comunque non oltre 12 mesi dalla guarigione». Inoltre, si ribadisce che il test sierologico preventivo «è inutile ai fine della decisione sulla vaccinazione». Avere un numero di anticorpi alti «non è una condizione sufficiente a ottenere il Certificato Verde».

Il Green Pass per i guariti

Per chi è guarito e non si è ancora vaccinato, il Green pass resta valido per sei mesi. Chi ha effettuato una dose di vaccino a un anno dall’esordio della malattia, avrà un Green Pass valido per nove mesi dalla data di somministrazione della prima dose di vaccino.

Chi non può vaccinarsi per motivi di salute

C’è anche chi, per motivi di salute, non può vaccinarsi contro Covid-19. Questa decisione spetta esclusivamente ai medici che conoscono lo stato di salute del paziente e sanno se esistono situazioni incompatibili con la somministrazione. «Queste persone rientrano nel Green pass con il tampone – precisa la dottoressa Mori – . Non essendo una scelta personale si sta discutendo se rendere i tamponi gratuiti». In molti si sono chiesti se, in questo caso, non possa far fede la dichiarazione di un medico specialista; la Mori spiega perché non è una strada percorribile: «Lo specialista può attestare che la persona è esente dal farsi il vaccino per motivi di salute ma non può certo attestare che quella persona non ha contratto il Covid – rimarca -. L’obiettivo del Green pass è quello di attestare che la persona che sta per fare un viaggio o partecipare ad un evento in quel momento non sia infetta o perché ha una copertura vaccinale o perché ha fatto il tampone da poco».

Chi si è vaccinato con Reithera

I mille volontari della sperimentazione del vaccino italiano ReiThera vivono in un limbo e meritano un discorso a parte. Chi ha fatto il volontario, al momento, si ritrova a essere vaccinato e non vaccinato allo stesso tempo, perché il siero italiano non è riconosciuto come “ufficiale”. Tra questi, lo scrittore barese Gianrico Carofiglio, che ha dichiarato: «Non posso avere il Green pass, dovrò fare il tampone anche se sono stravaccinato e tecnicamente mi farò un vaccino ufficiale, immagino a settembre. Questa purtroppo è un’altra vicenda non del tutto commendevole di come a volte vanno le cose in Italia». La stessa sorte è toccata a Paolo Tiramani, deputato della Lega e sindaco di Borgosesia. Anche lui ha sperimentato il vaccino Made in Italy. «Per essere sicuro di aver ricevuto il siero – ha spiegato Tiramani – ho fatto un test sierologico, ho una forte presenza di anticorpi. Morale: non posso fare un altro vaccino per via della carica virale molto alta ma nemmeno chiedere il Green pass perché il vaccino non è stato riconosciuto dal Ministero. Insomma, oltre il danno ho subito anche la beffa». Per questo Tiramani, ha presentato un’interrogazione parlamentare al ministro della Salute Roberto Speranza.

La certificazione verde per bambini e ragazzi

«Per i bambini al di sotto dei sei anni – continua la Mori – in Italia, non è richiesto il tampone molecolare o antigenico. Nella fascia d’età tra i 6 e i 12 anni per viaggiare in Italia e all’estero è richiesto il tampone mentre dai 12 anni in su rientrano a tutti gli effetti in una delle tre ipotesi che valgono per gli adulti: vaccino, tampone, guarigione».

Il Green pass può essere revocato?

Esiste la possibilità che il Green pass sia revocato nel caso in cui una struttura pubblica, un medico di medicina generale o un pediatra di libera scelta comunicassero la positività al Covid-19 di una persona vaccinata o guarita dal virus.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Test Medicina: da Consulcesi “manuale di sopravvivenza” per gestire studio e stress
Boom di candidature per il Test di Medicina. Anche quest'anno previsto esercito di esclusi. La guida pratica per gli studenti
A che punto siamo con i vaccini anti-Covid aggiornati?
I vaccini anti-Covid aggiornati sono attesi per il prossimo autunno. Ma ancora nessuno è stato autorizzato e il «più aggiornato» deve ancora essere sottoposto ai test clinici
Vaiolo delle scimmie: contagiata bambina di 4 anni. Primo caso pediatrico in Germania
La piccola, totalmente asintomatica, vive nel sud-ovest del Paese con due adulti già precedentemente contagiati dal virus. In Italia stimati 599 casi e un’età media di 37 anni. Dopo Roma, da oggi al via le vaccinazioni anche in Emilia-Romagna
Vaccini adattati alle varianti per l’autunno-inverno: accordo tra Ue e Moderna
Moderna sposta dall'estate in corso al prossimo inverno i calendari di consegna dei vaccini agli Stati membri, quando ce ne sarà più bisogno. La commissaria Ue alla Salute Kyriakides: «In autunno ci saranno vaccini adattati alle varianti Covid»
Sono 4.000 i medici non vaccinati contro il Covid. Anelli (FNOMCeO): «Esigua minoranza»
Circa 4.000 medici hanno detto no al vaccino e non possono esercitare la professione. Si tratta di un'esigua minoranza su 468mila professionisti vaccinati
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...