Politica 21 Maggio 2020 13:32

Italia prima al mondo per tamponi, Conte al Parlamento: «Da lunedì 150mila sierologici gratuiti. Strada è testare, tracciare, trattare»

Il premier si è detto consapevole che i contagi potrebbero aumentare di nuovo, ma è sicuro di aver fatto la scelta giusta. Poi si è rivolto ai giovani: «Fondamentale rispettare le regole, non è tempo di movida»

Italia prima al mondo per tamponi, Conte al Parlamento: «Da lunedì 150mila sierologici gratuiti. Strada è testare, tracciare, trattare»

«Il metodo è testare, tracciare, trattare», il premier Giuseppe Conte non ha dubbi sull’andamento che dovrà avere la fase 2, mentre riferisce al Parlamento. «Stiamo potenziando i controlli tramite test sierologici – ha proseguito – dobbiamo incrementare l’utilizzo dei test molecolari per mappare la diffusione del contagio all’interno del Paese».

Il presidente ha poi ribadito che finora sono stati fatti più di 3 milioni di tamponi in Italia: «Siamo al primo posto per numero di tamponi per abitanti. Sono 5.134 tamponi per 100mila abitanti». Sul tracciamento «nei prossimi giorni partirà la sperimentazione app Immuni, i dati saranno impiegati solo tracciare diffusione virus e cancellati appena finirà l’emergenza». Conte ha infine ricordato che nell’ultimo decreto Rilancio 3,5 miliardi sono stati destinati alla sanità proprio per dedicare ogni risorsa possibile alla cura dei pazienti e al benessere degli operatori sanitari.

LEGGI ANCHE: NUMERO CHIUSO: CAMBIANO LE DATE PER I TEST DI AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA 2020/2021

Lunedì 25 maggio partiranno invece i test sierologici su un campione di 150mila cittadini «per esclusive finalità di ricerca scientifica». Sulle modalità il premier ha assicurato: «Per effettuarli occorrerà uno sforzo, sono stati mobilitati 550 tra volontari e operatori su base regionale, con la predisposizione di una struttura nazionale di coordinamento».

«Forse non tutti avrebbero assunto decisioni così sofferte – ha continuato – tuttavia, dopo tre mesi esatti dal primo contagio all’ospedale di Codogno, possiamo affermare di aver compiuto la scelta giusta, l’unica in grado di contrastare il diffondersi del virus sull’intero territorio nazionale».

Sulla possibilità che i contagi risalgano con l’allentarsi delle misure Conte si dice consapevole. «Lo terremo sotto osservazione e siamo pronti a intervenire – ha continuato –. È un rischio calcolato, un rischio che dobbiamo accettare perché non possiamo fermarci in attesa di un vaccino». Il premier ha assicurato che «siamo in condizione di affrontare con fiducia e responsabilità il ritorno alla normalità», conoscendo meglio le misure di contrasto.

Tuttavia, la prudenza deve essere sempre al centro, ha detto facendo un appello ai cittadini. «Mi rivolgo a tutti, ai giovani in particolare di cui comprendo l’entusiasmo: in questa fase più che mai rimane fondamentale rispettare le regole di distanziamento sociale e adozione di dispositivi di sicurezza. Non è il tempo della movida e degli assembramenti, bisogna fare attenzione perché esporre se stessi vuol dire anche esporre i proprio cari».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
In Italia numero infermieri sotto media Ue: «Carenza aumenta mortalità pazienti»
In occasione della Giornata dell’infermiere, la FNOPI ha raccolto in un documento tutti i dati principali, i numeri e le problematiche della professione infermieristica in Italia
Estate e mascherine, il vademecum per una convivenza meno complicata
I dermatologi della SIDeMaST hanno realizzato un vademecum per far “convivere” temperature alte e mascherine, per evitare irritazioni dovute a dermatite da contatto e il peggioramento di acne e rosacea
Covid-19, esami e terapie gratuiti per guariti da forma grave. Cicchetti (Altems): «50 milioni buon inizio ma non basteranno»
«Il Coronavirus può lasciare, nei pazienti che lo hanno avuto in forma grave, conseguenze anche dopo la guarigione». Così il Ministro Speranza, motivando la sua proposta di stanziare 50 milioni di euro affinché il Ssn prenda in carico gratuitamente, con esami diagnostici e terapie, tutti i pazienti maggiormente colpiti dal virus anche dopo le dimissioni dalla struttura ospedaliera
«Le cure domiciliari sono un’illusione». L’opinione controcorrente di Diego Pavesio (Patto per la Scienza) che difende la “vigile attesa”
Il medico piemontese ha pubblicato un post su Facebook in cui parlava di “terapia domiciliare come specchietto per le allodole”: «La gente, comprensibilmente stanca ed esasperata, è in cerca di soluzioni facili per problemi complessi. In realtà si fa finta di non capire che non c’è ancora una cura per questa malattia»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 13 maggio, sono 160.469.865 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.331.823 i decessi. Ad oggi, oltre 1,35 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...