Salute 24 Settembre 2020

Guida ai test per diagnosticare Covid-19. Spallanzani “boccia” i salivari (per ora)

Quali e quanti sono i test per la diagnosi di Covid-19? Le differenze tra molecolari, antigenici e sierologici. Sui salivari ancora dubbi dall’Istituto Spallanzani: le due soluzioni esaminate avrebbero dei difetti

Immagine articolo

Novità sui test salivari antigenici per Covid-19 dall’Istituto Spallanzani di Roma: un parere favorevole e uno contrario. Nel centro romano sono stati analizzati due test e i risultati sono stati già trasmessi al ministro della Salute Roberto Speranza, che dovrà quindi decidere se e come utilizzarli. Una delle due soluzioni necessita di un laboratorio per le analisi, mentre l’altro “a saponetta” risulterebbe meno performante.

LE DUE SOLUZIONI ANALIZZATE DALLO SPALLANZANI

«Per quanto riguarda i test salivari antigenici – è scritto sul sito dello Spallanzani – il nostro laboratorio ha testato due soluzioni. La prima ha mostrato livelli di sensibilità simili a quelli dei tamponi antigenici rapidi, ma il test deve essere effettuato in laboratorio, quindi, a meno che non si attivino unità di laboratorio presso i punti dove viene effettuato il prelievo, non è utilizzabile in contesti di screening rapido (es. aeroporti) dal momento che tra prelievo del campione, trasporto e accettazione in laboratorio, esecuzione del test e refertazione, i risultati, seppur più veloci ad ottenersi rispetto al test molecolare, non sono immediati».

«La seconda soluzione – si legge ancora – invece è a lettura visiva (la cosiddetta “saponetta”), non richiede strumentazione di laboratorio, può essere quindi utilizzata fuori dai laboratori e dà i risultati in pochi minuti, ma applicata alla saliva (contesto diverso da quello per cui è certificato, cioè tampone), ai primi test effettuati sembrerebbe risultare meno performante rispetto al test molecolare standard».

Rispetto all’inizio della pandemia, ora ci sono tipologie molto diverse di test per trovare Covid-19. In cosa differiscono i test sierologici dagli antigenici attualmente in uso in aeroporto? I tamponi sono ancora il metodo più sicuro? Lo Spallanzani ha aiutato a distinguere le varie tipologie e a comprenderne gli utilizzi.

TEST MOLECOLARE O TAMPONE

Il test molecolare è il più noto “tampone”. Utilizzato anche per quantificare i nuovi casi in tutto il Paese è, ad oggi, ancora il test più affidabile per diagnosticare il nuovo coronavirus. Un lungo bastoncino simile a un cotton-fioc viene inserito nelle vie respiratorie del soggetto, nella mucosa naso-faringea e oro-faringea. Il campione prelevato viene quindi analizzato con metodi molecolari di real-time per l’amplificazione dei geni. Per processare i tamponi sono necessari laboratori altamente specializzati e dalle due alle sei ore.

TEST ANTIGENICO O TAMPONE RAPIDO

I test antigenici, di cui si è parlato molto negli scorsi mesi, verificano invece la presenza di proteine virali nei campioni respiratori del paziente. La raccolta si svolge sempre con un tampone naso-faringeo, ma i tempi di risposta sono molto più brevi: circa 15 minuti. Noto anche come “tampone rapido”, in quanto dispone di una versione effettuabile al sito del prelievo (POTC), è attualmente in uso negli aeroporti per gli screening veloci. La sua sensibilità è però inferiore rispetto al test molecolare, pertanto una positività rilevata con antigenico ha necessità di essere confermata con il tampone “classico”.

TEST SIEROLOGICI

I test di tipo sierologico o anche immunologico per Covid-19, rilevano nel sangue la presenza di anticorpi specifici che il corpo umano produce in risposta all’infezione. A differenza dei test precedenti, che analizzano invece le secrezioni respiratorie per trovare virus o proteine. I sierologici possono trovare la tipologia di anticorpi (IgG, IgM o IgA) e la loro quantità. Il sierologico “classico” richiede un prelievo di sangue venoso e viene effettuato in specifici laboratori, con qualche ora di tempo.

Nella versione “rapida” i principi utilizzati sono gli stessi ma “semplificati” e forniscono solo risposte quantitative sulla presenza di anticorpi specifici per il virus. Si tratta di test di semplice esecuzione, utilizzati anche da medici e distretti sanitari per lo screening volontario degli insegnanti. La modalità è quella del pungidito, la risposta arriva in 15 minuti e non necessitano di laboratorio. Una goccia di sangue viene depositata sul dispositivo e la presenza del virus si verifica con la presenza di una banda colorata o di un segnale fluorescente. L’affidabilità è molto variabile e l’Oms non ne raccomanda l’utilizzo.

I sierologici non sono in grado di stabilire se ci sia un’infezione in corso o meno, ma solo se il paziente è entrato in contatto con il virus. Il corpo impiega alcuni giorni dopo l’infezione per produrre gli anticorpi specifici, che rimangono in circolazione per qualche tempo dopo il superamento della malattia. È più facile che risulti positiva una persona che ha l’infezione in corso da tempo e l’ha superata, rispetto a una persona appena infettata.

TEST SALIVARI

Quest’ultima tipologia di test per trovare Covid-19, è stata di recente proposta sul mercato come metodologia alternativa, in quanto permette di analizzare un campione di saliva. È un tipo di prelievo meno invasivo rispetto agli altri e potrebbe essere utile per testare un vasto numero di persone. Anche i test salivari possono essere di tipo antigenico o molecolare.

I salivari molecolari, testati allo Spallanzani, non hanno processività elevata e si riesce a effettuarne solo otto per volta, con un’ora circa di analisi. Potrebbe essere utilizzato per confermare i casi urgenti di positività con i test antigenici. I salivari antigenici, invece, hanno dato le due soluzioni illustrate all’inizio. Pertanto per il momento, le strade da percorrere con questa opzione sono ancora poche.

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Coronavirus, Regno Unito invia tamponi “arretrati” in Italia. Ma nessuno ne sa niente
I laboratori inglesi non riescono a tenere il passo. «Documenti trapelati rivelano un arretrato di 185.000 tamponi e test covid-19 inviati all'estero per l'elaborazione» rivela il Guardian
di Viviana Franzellitti e Arnaldo Iodice
Partita allo Spallanzani la sperimentazione sull’uomo del vaccino italiano anti-Covid
Allo Spallanzani inoculata in una volontaria la prima dose: è una donna di 50 anni. Si dà così inizio alla fase clinica I del vaccino italiano. Il direttore sanitario Vaia: «Il nostro auspicio è che sia prodotto in primavera»
Il 2 giugno Mattarella allo Spallanzani per omaggio a tutti gli operatori sanitari impegnati nell’emergenza Covid-19
Per l’Istituto Nazionale di malattie Infettive Lazzaro Spallanzani sarà una Festa della Repubblica particolare e contraddistinta della lotta contro il Covid-19 alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che ha raccolto l’invito del Presidente Zingaretti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 ottobre, sono 43.979.777 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.167.124 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 28 ottobre: Ad oggi in I...
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Salute

Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»

Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridu...