Salute 5 Ottobre 2020 10:34

Covid-19, Rezza (Ministero Salute): «Quarantena e lockdown ristretti strumenti essenziali»

Dal Festival della Scienza Medica il direttore della prevenzione del Ministero della Salute ripercorre le fasi della pandemia in Italia, e aggiunge: «L’economia la deprime il coronavirus, non il lockdown»

di Tommaso Caldarelli
Covid-19, Rezza (Ministero Salute): «Quarantena e lockdown ristretti strumenti essenziali»

«Se noi torniamo con la mente a gennaio ci ricordiamo di come tutti fossimo estremamente attenti a quel che avveniva in Cina anche se, onestamente, credo che nessuno di noi sapesse dove si trovava Wuhan. Nessuno immaginava che il coronavirus potesse arrivare in Europa e nessuno poteva lontanamente pensare che in Italia ci sarebbe stato il più importante focolaio mondiale: evidentemente, in realtà, il virus in Italia c’era già». Fa il punto della situazione sullo sviluppo della pandemia da coronavirus Giovanni Rezza, direttore generale della prevenzione presso il ministero della Salute, in live streaming dal Festival della Scienza Medica.

Procede il racconto di Rezza: «Il 21 febbraio, la sera, sarà stata mezzanotte e mezza, mi chiama la Lombardia e mi dice “guarda che qui abbiamo un caso autoctono di Covid-19”. Allora capimmo che la situazione poteva avere un esito drammatico. Di certo questo non era il paziente zero, non sappiamo chi sia stato e probabilmente non lo sapremo mai; dallo studio di diverse catene di trasmissione sappiamo che il virus era già presente in alcune zone della Lombardia almeno da metà gennaio. Sappiamo poi com’è andata: migliaia di casi nel lodigiano, proclamata la zona rossa, il caso veneto di Vo’ Euganeo. Dai nostri studi sappiamo che l’areale della malattia si è poi spostato verso altre zone, fino alle Marche settentrionali. Parliamo di un virus che sostanzialmente può fare come gli pare, prendere vettori anche molto veloci per spostarsi di zona».

«Si arriva così – continua il dirigente del ministero – ai provvedimenti più duri: il 4 marzo chiudono le scuole, l’11 marzo viene proclamato il lockdown, una misura molto drastica, anche con degli esiti psicologici importanti, ma fondamentale e vincente in termini di sanità pubblica: nelle zone rosse il fattore R0, che misura il numero di casi secondari generati da un caso singolo, era arrivato a 3; in seguito alla chiusura tutte le metriche epidemiche sono migliorate. La quarantena resta uno strumento importante, necessario ed essenziale per le zone rosse, intendendo anche per il futuro le ipotesi di lockdown ristretti».

Cosa sta succedendo ora? Quale è la situazione e quel che ci aspetta? Rezza fa il quadro: «Ci sono alcuni dati interessanti che è giusto commentare. Il primo è che questo virus non ha una contagiosità uniforme, ci sono alcuni soggetti con alta carica virale che sono superdiffusori. Gli asintomatici contagiano? Sì, hanno una carica virale praticamente analoga a quella di un sintomatico e se hanno la tosse, per qualsiasi ragione intendo, è ovviamente anche peggio. Si è parlato poi molto di stagionalità del virus: gli altri coronavirus hanno un atteggiamento stagionale, questo pare non averlo. I miglioramenti osservati quest’estate sono stati dati dalle misure di distanziamento sociale e dal contenimento, ma in alcune condizioni, penso alle residenze per gli anziani o al noto caso delle discoteche, abbiamo visto come questa malattia possa fare forti danni anche in estate».

Quali sono allora le priorità per i prossimi mesi? «Necessario è rimanere attenti e vigili. Si parla della necessità di non deprimere l’economia, ma l’economia la deprime il virus, non il contenimento sociale. Nelle prossime settimane dobbiamo puntare a minimizzare la trasmissione familiare e ospedaliera, rafforzare tutte le pratiche di contact tracing, identificare il più possibile le catene di trasmissione. E, francamente – conclude il dirigente del Ministero – mettere in conto di convivere col virus».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid-19, quasi 300 medici deceduti. Anelli (FNOMCeO): «Una vera e propria strage»
Dalla mancanza di Dpi alla disorganizzazione di alcune strutture, il Presidente della FNOMCeO spiega a Sanità Informazione perché gli operatori sanitari sono ancora così colpiti dalla pandemia. E sui medici “no-vax” aggiunge: «Si pongono fuori dalla comunità scientifica»
Ritardi vaccini Pfizer, Rasi: «Sono rallentamenti marginali, ma ci saranno altri incidenti. Serve flessibilità»
L'ex direttore esecutivo dell'Agenzia Europea del Farmaco a Sanità Informazione interviene sulla scelta di ritardare la somministrazione della seconda dose: «Se non si tengono conto dei risultati delle sperimentazioni, abbiamo solo perso tempo». E sui decessi in Norvegia: «Le autorità di devono alcune risposte»
Aipo-Its e Metis pubblicano il documento “La gestione della malattia Covid-19”
«Obiettivo generale del documento – spiegano Aipo-Its e Metis - è quello di offrire ai professionisti sanitari uno strumento che li possa aiutare a orientarsi nella gestione dei pazienti affetti da COVID-19»
Psicologia a portata di click: realtà virtuale e app contro lo stress da Covid-19
Lo psicologo: «Con l’utilizzo di visori per la realtà virtuale portiamo medici e operatori sanitari, impegnati in prima linea nella lotta al coronavirus, nei luoghi dove sono stati felici. Per tutti gli italiani c’è Sygmund, un’app per consulenze psicologiche online ed immediate»
di Isabella Faggiano
Ristoranti aperti e stop ospiti a casa, così il Canada tutela l’economia e combatte il Covid
Un radiologo italiano a Vancouver racconta: «Bene la gestione dei contagi, ma ritardi nella distribuzione dei vaccini. Le seconde dosi non bastano»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 20 gennaio, sono 96.255.312 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.059.566 i decessi. Ad oggi, oltre 41,79 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Assicurativo

Posso portare in deduzione la mia Rc professionale?

Tutti coloro che devono stipulare una polizza per la responsabilità civile in ambito professionale hanno la necessità di far pesare il meno possibile tale onere obbligatorio sul loro reddito da lavo...