Salute 31 Luglio 2020

Covid, impennata di casi. Il monito dei medici di famiglia ai più giovani e le regole per un’estate in sicurezza

Fimmg: «Abbassare la guardia adesso potrebbe essere un errore imperdonabile»

Covid, impennata di casi. Il monito dei medici di famiglia ai più giovani e le regole per un’estate in sicurezza

Voglia di libertà, di godersi la vita e di accorciare le distanze. È questa l’estate per i giovani italiani e quest’anno, dopo tre mesi di lockdown e di paura, è ancora più forte il desiderio di evadere, di divertirsi e di socializzare. Purtroppo però, i comportamenti legati a questi stati d’animo potrebbero avere uno stretto legame con la preoccupante risalita dei casi di Covid delle ultime settimane, diffusi, molto più che negli scorsi mesi, tra le fasce più giovani della popolazione.

Sul banco degli imputati ci sarebbero proprio alcuni atteggiamenti caratteristici della movida dei giovanissimi, dagli assembramenti al bere cocktail o birre dallo stesso bicchiere o dalla stessa bottiglia.

L’allarme è stato lanciato nei giorni scorsi dalla Federazione italiana medici di medicina generale (Fimmg), che ha constatato come, a dispetto delle immagini postate sui profili social ufficiali di locali e discoteche, in cui sembra vigere ancora un certo rigore sull’uso delle mascherine e delle misure di distanziamento, le foto dei singoli utenti raccontino invece una storia diversa e, probabilmente, più fedele alla realtà.

Insomma, i nostri ragazzi dovrebbero rassegnarsi a un’estate a metà? Non per forza. L’importante è continuare a mettere in atto tutte le precauzioni necessarie ed evitare i comportamenti a rischio.

«Indossare la mascherina e lavare le mani – dichiara il segretario nazionale Fimmg Silvestro Scotti – sono regole che devono rimanere un must di quest’estate. Questo non significa dover rinunciare alla socialità, ma anzi, comprendendo che ad esempio in una discoteca il distanziamento sociale non è praticabile, è evidente che la mascherina diventa fondamentale. Ed è importante accertarsi che anche gli esercenti con cui ci si relaziona spesso durante l’estate, ad esempio ristoratori o barman, indossino i dispositivi di protezione».

«Stessa cosa per i viaggi – aggiunge Scotti -: in aereo o in treno, usare sempre (e correttamente) la mascherina. I contatti fisici, dalle strette di mano alle effusioni, andrebbero invece evitati, così come gli assembramenti e lo scambio di bicchieri e bottiglie da cui bere. Dobbiamo tener presente che il virus è ancora fra noi, e se abbiamo assistito a una diminuzione nella sua diffusione è solo grazie alle misure stringenti degli scorsi mesi».

«Da genitori e da medici di famiglia – dichiara Corrado Calamaro, segretario amministrativo Fimmg Napoli, prima sezione della Federazione a lanciare l’allarme sui comportamenti irresponsabili della movida estiva – siamo molto preoccupati per ciò che abbiamo potuto constatare».

«Vietare materialmente gli assembramenti ormai è impossibile, far rispettare le distanze è altrettanto difficile, ma è importante che, anche all’aperto, laddove ci sono assembramenti, i giovani indossino la mascherina. Se i ragazzi non capiscono l’importanza di essere prudenti adesso, ci aspettano un autunno e un inverno difficili, temo. Capisco la voglia di svago, ma abbassare la guardia potrebbe essere un errore imperdonabile. Ovviamente – precisa Calamaro – queste regole devono valere per tutti, non solo per i giovani, che però sono la fascia più asintomatica e che quindi più facilmente può veicolare il contagio».

Altra domanda che attanaglia gli italiani: come comportarsi in spiaggia? Come trovare il giusto compromesso tra svago e sicurezza? «Anche qui, bene fare il bagno in mare e divertirsi – afferma Calamaro – ma sempre evitando vicinanze eccessive e sport di squadra che causano assembramenti. Soprattutto, preferire i lidi attrezzati, che attuano scrupolosamente le direttive anti-Covid (distanze tra ombrelloni, sanificazioni, eccetera) anche grazie ai numerosi controlli che subiscono, rispetto alle spiagge libere».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Cnn, documenti segreti da Wuhan mostrano una cattiva gestione dell’epidemia
Un "whistleblower" avrebbe fornito all'emittente statunitense documenti interni del sistema sanitario cinese. Si parla di numeri diversi e di un approccio troppo lento nella diagnosi dei casi
Gestione dei pazienti Covid in casa, le indicazioni del Ministero a medici e pediatri
Firmata da Rezza e Urbani, la circolare del Ministero della Salute illustra a medici e pediatri come occuparsi di pazienti Covid in cura domiciliare. Elencati anche i criteri da adottare e le restrizioni sui farmaci da prescrivere (netto il "no" all'idrossiclorochina) per evitare un aggravarsi della malattia
Chirurgia estetica, boom di interventi: dopo il Covid +30%
Lo specialista: «Mastoplastica additiva, blefaroplastica e liposuzione le operazioni più richieste. Prese tutte le precauzioni per andare in sala operatoria in sicurezza»
di Federica Bosco
Iss avverte: quasi 12mila operatori sanitari contagiati in due settimane
Oltre 66mila gli operatori sanitari contagiati da inizio epidemia, con un'età media di 47 anni. Virus meno letale rispetto alla popolazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 1 dicembre, sono 63.254.854 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.468.322 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 1 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli