Salute 30 Maggio 2022 09:41

Giornata Sclerosi Multipla: l’Italia si tinge di rosso e “balla” al ritmo di Tik Tok

Al via, dal 30 maggio al 5 giugno, la Settimana Nazionale della Sclerosi Multipla promossa da AISM. Presentata l’Agenda 2025 sostenuta dai principi di una rinnovata Carta dei diritti e dalle evidenze del Barometro della SM 2022. Vacca (AISM): «Ventotto priorità strategiche e 184 azioni per migliorare assistenza, inclusione e partecipazione»

L’Italia si tinge di rosso per celebrare la Giornata Mondiale della Sclerosi Multipla, che si terrà contemporaneamente in 70 paesi di tutto il mondo. Sul web, l’informazione viaggerà al ritmo di Tik Tok per coinvolgere anche i più giovani nella campagna di sensibilizzazione “L’Apparenza Inganna”, ideata dall’AISM, l’Associazione Italiana Sclerosi Multipla.

Una malattia invisibile

Oggi, grazie ai progressi della ricerca scientifica, il 75% delle persone con Sclerosi Multipla non ha bisogno di una carrozzina e può continuare a camminare con le proprie gambe. Ma questo non significa che non patisca sofferenze quotidiane: i sintomi ci sono, ma non si vedono. La sclerosi multipla è una malattia inguaribile, cronica, progressivamente invalidante e, spesso, anche invisibile, poiché caratterizzata da sintomi che, appunto, non sono visibili agli occhi altrui, come la fatica, i disturbi della vista, delle sensibilità, sfinterici, vescicali, intestinali, dell’attenzione e della memoria. La sclerosi multipla, solo in Italia colpisce 133 mila persone, 1,2 milioni in Europa e 2,8 milioni nel mondo, con una diffusione doppia tra le donne rispetto agli uomini.

L’appuntamento alla Camera

In occasione della Giornata Mondiale della Sclerosi Multipla (numero solidale per donare: 45512), l’AISM presenta alla Camera dei Deputati l’Agenda della Sclerosi Multipla e patologie correlate 2025, che contiene proposte concrete. «Il lavoro – spiega il presidente di AISM, Francesco Vacca – è frutto di un confronto tra tutti gli esponenti del movimento della Sclerosi Multipla, dalle istituzioni alla comunità scientifica e civile (#1000azionioltrelaSM”). Le idee sono state pensate e collocate nelle grandi sfide di ripresa e sviluppo del Paese, come l’Agenda ONU 2030, il PNRR e tutte le politiche e i programmi nazionali di riferimento».

L’Agenda 2025

La nuova mappa d’interventi elaborata da AISM individua, fino al 2025, 4 linee di missione per un totale di 28 priorità strategiche e 184 azioni indicate per il miglioramento delle condizioni di assistenza, inclusione e partecipazione dei pazienti. «Presa in carico interdisciplinare e centrata sulla persona, rafforzamento della ricerca, piena inclusione e partecipazione sociale, informazione, competenze e empowerment – dice Vacca – sono il fulcro della nostra missione, obiettivi che impattano fortemente sulla vita delle persone e sulla comunità. Ognuno di queste azioni, inoltre, si radica su evidenze restituite dal Barometro della Sclerosi Multipla 2022, che quest’anno offre una ricostruzione proiettata su 5 anni, mettendo in evidenza conquiste ma anche criticità e gap da affrontare».

Il Barometro della SM

I dati che emergono dal Barometro della Sclerosi Multipla 2022 sono allarmanti: durante la pandemia da Covid-19, nove centri su dieci hanno attivato o potenziato servizi a distanza per la pandemia, ma la metà segnala problemi per dotazioni informatiche inadeguate. Solo 1 paziente su 2 ottiene supporto psicologico dal sistema pubblico. Anche l’accesso alle cure è ancora molto difficile: più di 1 paziente su 3 non riceve gratuitamente i farmaci sintomatici, fondamentali per il trattamento della patologia.

Carta dei diritti

La Gionata mondiale è anche l’occasione per condividere e aderire alla rinnovata Carta dei diritti delle persone con Sclerosi Multipla e patologie correlate di AISM, attualmente sottoscritta da oltre 60 mila persone: «Si tratta di una rilettura che consolida i 7 diritti già sanciti nel 2014 (salute, ricerca, autodetermi­nazione, inclusione, lavoro,  informazione e partecipazione attiva) a cui se ne uniscono ulteriori, educazione, innovazione, formazione e semplificazione, emersi dalla consultazione diffusa. Questa Carta dovrebbe ricevere l’appoggio unanime di tutti, poiché è un pilastro non solo per le persone con Sclerosi Multipla, ma – conclude Vacca – per tutti coloro che convivono con una condizione di disabilità, fragilità o con una grave patologia».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
«Io non sono la mia malattia»: il grido di speranza di Antonella Ferrari per i malati di sclerosi multipla
L’attrice e scrittrice è madrina dell’AISM, l’Associazione Italiana Sclerosi Multipla, da 20 anni. Testimonial della nuova campagna “L’Apparenza Inganna”, Antonella parla di sé a Sanità Informazione: «Avevo 11 anni quando sono comparsi i primi segni della malattia. La diagnosi è arrivata a 29. È stata quasi una bella notizia: finalmente conoscevo il mio nemico e potevo iniziare a combatterlo ad armi pari»
Sclerosi multipla: un modello sperimentale dimostra il ruolo della risposta immunitaria
Un gruppo di ricercatori internazionali, coordinato dal Dipartimento di Scienze cliniche internistiche, anestesiologiche e cardiovascolari della Sapienza, ha dimostrato per la prima volta come la risposta immunitaria peggiori il decorso della malattia nei pazienti affetti da sclerosi multipla. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista Cell Death & Disease
Giornata Sclerosi Multipla, 70 Paesi in rete per ripartire dopo l’emergenza
Il presidente Aism Vacca: «200 mila gardenie distribuite da 13 mila volontari. Un piccolo gesto per sostenere la ricerca, l’arma più efficace contro la sclerosi multipla»
di Isabella Faggiano
Sclerosi multipla aggressiva: nel trapianto autologo di cellule staminali ematopoietiche nuove speranze di trattamento
L’efficacia a lungo termine è stata dimostrata, per la prima volta, da uno studio retrospettivo condotto dai ricercatori dell’università di Genova e dell’IRCCS Ospedale Policlinico San Martino. In primavera partirà in Italia uno studio clinico controllato randomizzato multicentrico
di Isabella Faggiano
Sclerosi multipla, un trattamento in compresse per 20 giorni in 2 anni è il più efficace per le forme recidivanti
Le terapie innovative per la sclerosi multipla tra i temi portanti del 51° Congresso Nazionale della Società Italiana di Neurologia. De Stefano: «Migliorare non solo l’instabilità fisica dei nostri pazienti, ma anche quella cognitiva»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 1 dicembre 2022, sono 643.396.783 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.635.192 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa