Salute 12 Novembre 2020 11:59

Giornata mondiale polmonite, il presidente degli pneumologi Vaghi spiega perché quella interstiziale è così pericolosa

«La polmonite interstiziale è la principale causa di ricovero e morte tra i pazienti Covid». Attenzione ai sintomi: «Anche se il tampone è negativo, la polmonite può essere da SARS-CoV-2. Questi pazienti se ricoverati erroneamente in area non Covid contribuiscono alla diffusione nosocomiale del virus»

di Isabella Faggiano

«Il tampone è negativo, ma i sintomi del paziente fanno pensare ad una polmonite da Covid-19: è questo il momento in cui non bisogna mai abbassare la guardia». L’avvertimento arriva da Adriano Vaghi, presidente dell’Associazione Italiana Pneumologi Ospedalieri-Italian Thoracic Society (AIPO-ITS), in occasione della Giornata della polmonite, che si celebra il 12 novembre in tutto il mondo.

È stata la stessa AIPO a promuovere un documento che propone un approccio pragmatico alla diagnosi di polmonite da Covid-19 con RT-PCR negativa utilizzando un algoritmo decisionale clinico-radiologico. «Questi pazienti – continua Vaghi –  possono essere erroneamente ricoverati in area non Covid e pertanto contribuire alla diffusione nosocomiale del virus. È molto probabile che risultino positivi già ad un secondo tampone e se così non fosse lo pneumologo può procedere all’esecuzione di un lavaggio broncoalveolare, un particolare esame che permette di recuperare le secrezioni direttamente dal polmone».

PERCHÈ LA POLMONITE DA COVID-19 È COSI’ PERICOLOSA

«Si tratta di una polmonite interstiziale, tipicamente bilaterale e mantellare, che si differenzia dalle altre polmoniti perché inizia nell’interstizio polmonare, tra alveoli e capillari dove avvengono gli scambi gassosi – dice Vaghi -. Si manifesta all’RX o alla TAC del torace attraverso aree cosiddette “a vetro smerigliato” che possono evolvere in “aree di addensamento parenchimali confluenti”, fino al cosiddetto polmone “bianco bilaterale”. Ma l’evoluzione peggiorativa non è scontata. Questa polmonite interstiziale colpisce dal 5 al 20% dei soggetti con infezione da SARS-CoV-2. La percentuale è così variabile perché – sottolinea l’esperto – dipende dal numero di tamponi effettuati: se si analizzano solo i casi gravi la percentuale aumenta, se si analizzano anche i contatti delle persone affette da Covid si riduce notevolmente. La polmonite interstiziale è la principale causa di ricovero e morte dei pazienti con infezione da Covid-19, soprattutto tra gli anziani affetti da pluripatologie».

LE TERAPIE

«La polmonite da Covid-19 che richiede ricovero ospedaliero si associa ad insufficienza respiratoria – dice il presidente AIPO-ITS  -. Per impedirne l’evoluzione nelle forme più gravi si è dimostrato particolarmente utile l’impiego del cortisone (studio Recovert pubblicato NEJM nel luglio 2020). Associando al farmaco un uso esperto della ventilazione non invasiva (NIV) e un’attenta monitorizzazione, che consente di decidere i tempi di ogni intervento (ossigeno, ossigeno ad alto flusso, ventilazione non invasiva, necessità di un intervento invasivo) è possibile ridurre la mortalità per polmonite da Covid-19». La pneumologia italiana ha utilizzato questo tipo di strategia terapeutica, che ora trova un consenso nella quasi totalità dei documenti internazionali, già nel mese di aprile.

LA LOTTA DI AIPO CON IL COVID

L’impegno della pneumologia italiana nella prima fase della pandemia è stato confermato da tre sondaggi (effettuati alla fine dei mesi di febbraio, marzo e maggio) sulle attività di ricovero, su un campione di 80 pneumologie, rappresentative della realtà del Paese. «Abbiamo moltiplicato gli sforzi, l’assistenza specialistica e la disponibilità di posti letto – spiega il presidente AIPO -. Sono stati attivati, nel campione in esame, circa mille posti letto di semi-intensiva respiratoria, dove sono stati trattati circa 10 mila pazienti (il 40% con ventilazione non invasiva) ed il 15% in modo invasivo (intubati o tracheotomizzati), questi ultimi solitamente in collaborazione con la Rianimazione».

I pazienti trattati provenivano per il 45% dal Pronto soccorso, circa il 35% da reparti a minor intensità (come la Medicina interna ) e i restanti dalla Rianimazione. «Le semi-intensive respiratorie – commenta Vaghi – hanno svolto, pertanto, un importante compito nel decongestionare le Rianimazioni e trattare con appropriatezza i pazienti trasferiti dai reparti a minor intensità per aggravamento, potendo offrire interventi di ventilazione, attento monitoraggio e corretto timing degli steroidi. I risultati, in termini di riduzione della mortalità, sono stati ottimi».

OLTRE IL RICOVERO

Sono stati effettuati anche numerosi interventi di svezzamento e decannulazione di pazienti tracheotomizzati provenienti dalle Rianimazioni. Il compito della Pneumologia, poi, non si è esaurito nemmeno con la dimissione del paziente: «I reparti di Pneumologia hanno attivato degli ambulatori di continuità delle cure dove vengono seguiti regolarmente gli ammalati dimessi per polmoniti da Covid-19. Un impegno necessario se si considera – conclude lo specialista – che il 20-30%  dei pazienti presenta dei danni polmonari residui».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
Epatiti misteriose, il microbiologo: «Adenovirus resta indiziato numero 1, non si esclude correlazione con Sars-CoV-2»
Il responsabile di Microbiologia del Bambino Gesù sulle epatiti virali acute nei bambini: «Lockdown e mascherine potrebbero aver scatenato un debito immunitario». Quali sono i sintomi da tenere d'occhio
Un test Covid fai da te può essere utilizzato anche se scaduto?
Alcuni test anti-Covid fai da te potrebbero essere utilizzati oltre la data di scadenza, Basta controllare sul sito dell'azienda produttrice
Donna si ammala di Covid-19 due volte in 20 giorni, è record
In Spagna è stato documentato il caso di una donna che ha contratto Covid-19 due volte in 20 giorni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 maggio, sono 521.544.720 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.264.094 i decessi. Ad oggi, oltre 11,40 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Se la linea del tampone rapido appare sbiadita significa che la carica virale è più bassa?

Il tampone rapido, oltre a verificare l'eventuale positività, è anche in grado di definirla in termini quantitativi?
di Valentina Arcovio
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...