Lavoro 27 Aprile 2020

Covid-19, Aipo: «Il 94% delle Pneumologie è in prima linea nella lotta contro l’infezione»

La survey, promossa dall’Associazione Italiana Pneumologi Ospedalieri, ha analizzato attraverso due questionari, come è cambiata la risposta organizzativa della specialità con l’emergenza sanitaria e il crescente bisogno di cura dei pazienti

L’infezione da Covid-19 ha coinvolto il 94% delle pneumologie. È ciò che emerge da due questionari, somministrati agli pneumologi, in due momenti diversi: il 24 febbraio, all’inizio dell’emergenza sanitaria, e il 24 marzo dall’Associazione Italiana Pneumologi Ospedalieri – Italian Thoracic Society (AIPO-ITS).

L’Aipo, attraverso la survey, ha analizzato come è cambiata la risposta organizzativa della specialità di fronte ai crescenti bisogni di cura dei pazienti.

«I dati del primo questionario, inviato il 24 febbraio 2020 – spiega l’Aipo in una nota – dimostravano che ben il 44% delle pneumologie non era coinvolta a nessun titolo nei piani di emergenza o gestione aziendali COVID-19 e il 44% degli pneumologi potevano essere chiamati come consulenti nei reparti dove erano ricoverati i pazienti COVID-19, solitamente le infettivologie, o in Pronto Soccorso. Erano direttamente coinvolti nella gestione dei pazienti COVID-19 solo il 12% delle Unità Operative Complesse (UOC) ma si trattava di UOC con sub intensive respiratorie strutturate da tempo o UOC ad indirizzo infettivologico dotate di camere a pressione negativa».

LEGGI ANCHE: COVID-19, AIPO: «PNEUMOLOGIA ITALIANA ALLERTATA E PRONTA»

«Al 24 marzo – prosegue – la situazione è radicalmente cambiata. I reparti di pneumologia si sono organizzati per rispondere al meglio ai bisogni di cura dei pazienti mettendo in campo esperienza, professionalità e competenze. Ben 47 UOC sulle 68 UOC (70%) coinvolte nella gestione dell’emergenza hanno incrementato la disponibilità di posti letto pneumologici per i pazienti COVID-19 per un totale di circa 840 posti, vale a dire circa 17,8 in aggiunta per UOC. Il 52% delle UOC si sono riconvertite completamente in unità operative COVID-19 ampliando o attivando le aree di intervento di sub intensiva respiratoria. Ai fini del contenimento del contagio, è importante avere a disposizione strutture che consentano di differenziare i percorsi di cura fra pazienti COVID-19 e non COVID-19».

«Nel 30% dei casi – sottolinea l’Aipo – si tratta di UOC che dispongono di un significativo numero di posti letto istituzionali e spazi utilizzabili e sono collocate solitamente in aree del paese non investite nella primissima fase dell’epidemia, sono riuscite fino a fine marzo a mantenere una doppia funzione, mentre il 16% delle UOC mantengono una operatività pneumologica perché orientate ad attività super specialistiche, ad esempio oncologia, o nei piani aziendali o regionali sono state individuate come reparti COVID-19 free. I medici pneumologi che vi operano effettuano comunque attività di consulenza presso aree od ospedali COVID-19 quindi sono coinvolti nel trattamento di questi pazienti».

«Al 24 marzo – continua – erano 750 i pazienti ricoverati nei reparti di pneumologia con polmonite da COVID-19. Si tratta dei pazienti più gravi con insufficienza respiratoria. Infatti, ben 520 (72% delle polmoniti) dei pazienti con polmonite sono ventilati in maniera non invasiva e 112 in maniera invasiva nel setting assistenziale delle sub intensive respiratorie. Questo dato sottolinea il ruolo strategico della sub intensiva respiratoria dove possono essere ricoverati sia i pazienti in step down dalla rianimazione sia in step up da letti COVID-19 a bassa intensità in caso di aggravamento delle condizioni respiratorie. Si tratta quindi di posti letto “flessibili”, in grado di adattarsi al trattamento di pazienti con differenti livelli di gravità della malattia. Una peculiarità che assume una notevole importanza in situazioni di emergenza dove è fondamentale assicurare una risposta pronta e rapida».

LEGGI ANCHE: LA FASE 2 COMINCIA LENTA, DAL 4 MAGGIO MASCHERINE OBBLIGATORIE A PREZZO CALMIERATO E VISITE AI PARENTI CONCESSE

«Il paziente critico pneumologico è sempre un paziente complesso caratterizzato da importanti comorbilità cardio-respiratorie. Condizioni che si manifestano in una importante fetta di pazienti con polmonite da COVID-19 per le possibili complicanze di tipo trombo embolico a essa correlate. Diventa pertanto particolarmente utile in questa difficile contingenza, l’esperienza dello pneumologo acquisita nelle sub intensive respiratorie».

«In assenza di una terapia farmacologica antivirale di sicura efficacia contro il COVID-19 – evidenzia – il tempo di sopravvivenza aggiuntivo offerto al paziente con polmonite e grave insufficienza respiratoria, grazie al supporto della ventilazione non invasiva (NIV), è essenziale perché l’organismo possa sviluppare delle valide difese immunitarie che possano contrastare l’avanzata del virus».

«In questo momento critico – conclude – lo sforzo della pneumologia italiana e di AIPO-ITS, in particolare, è quello di poter mettere a disposizione, al più ampio numero di pazienti che ne necessitano, questa importante opportunità terapeutica. Alla luce di questi dati preliminari, AIPO – ITS intende impegnarsi affinché l’investimento di “risorse fin qui compiuto per rafforzare la rete di assistenza ospedaliera” non vada perduto».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Cronaca di un weekend al mare ai tempi del Covid. Che non è mai sembrato così lontano
Due giorni a Sperlonga sono sufficienti per tornare alla normalità: poche mascherine, distanziamento non rispettato, assembramenti inevitabili. Ma basta un bambino con una maschera da snorkeling per ricordare cosa è accaduto 100 giorni fa
Covid, medici del territorio senza tutele né indennizzi in caso di contagio. Le reazioni dei sindacati
SMI: «Inail e assicurazioni private prevedano copertura». FISMU: «Nostra denuncia caduta nel dimenticatoio»
Miocardite e Covid-19: curato sedicenne al San Matteo di Pavia
Il ragazzo, ricoverato per miocardite acuta, era positivo al SARS-CoV-2 ma ha mai avuto sintomi o segni della malattia. Il caso clinico oggetto di una pubblicazione sulla prestigiosa rivista scientifica “The Lancet”
Insonnia post-lockdown, Plazzi (neurologo): «La vita sociale è un sincronizzatore fondamentale del sonno, ma la pandemia lo ha compromesso»
«Per poter parlare di insonnia è necessario che il soggetto che ne soffre lamenti dei problemi anche durante il giorno: disturbi dell’attenzione, della memoria, irritabilità e, in casi più rari, anche sonnolenza diurna»
di Isabella Faggiano
L’appello delle Società scientifiche: «Rischio cessato? Non ci sono basi scientifiche. Mantenere misure»
Un network di società scientifiche raccoglie l'appello della Simit contro il virus: «Non è virus più o meno aggressivo, è risposta singolo umano più o meno efficace»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 6 luglio, sono 11.451.030 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 534.320 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Rebus idrossiclorochina: arma anti-Covid o farmaco pericoloso? L’inchiesta di Sanità Informazione

Dopo lo studio ritirato da Lancet, l’OMS ha riavviato i test clinici. In Italia aumentano i medici che sperano nel farmaco e chi l’ha usata ‘sul campo’ la promuove. Cauda (Gemelli): «Può ave...