Politica 27 Aprile 2020

La Fase 2 comincia lenta, dal 4 maggio mascherine nei luoghi pubblici e visite ai parenti concesse

Non più di 0,50 cent più Iva, stabilisce l’ordinanza di Arcuri. Ancora sospesi i congedi ordinari per sanitari e tecnici. Ricomincia lo sport, ma in solitaria

di Gloria Frezza
La Fase 2 comincia lenta, dal 4 maggio mascherine nei luoghi pubblici e visite ai parenti concesse

Visite ai parenti, takeaway e mascherina obbligatoria nei luoghi pubblici. Il Dpcm presentato dal premier Giuseppe Conte annuncia un ritorno alla normalità lento e cadenzato, diviso in tre date. La prima, quella del 4 maggio, vedrà il principale sblocco delle attività produttive legato però all’adeguamento dei luoghi di lavoro alle misure anti-contagio. Torneranno a lavoro i cantieri pubblici, il commercio all’ingrosso per export, farmaceutico, agricoltura e manifatturiero.

La mascherina diventa obbligatoria in tutti i luoghi pubblici e sui mezzi di trasporto. Dal governo arriva l’ok anche per le cosiddette “mascherine di comunità”, ovvero quelle auto-prodotte, purché realizzate di materiale idoneo a proteggere chi le indossa. Dal commissario per l’emergenza Coronavirus, Domenico Arcuri, arriva inoltre l’ordinanza che impone un calmiere sul prezzo delle mascherine chirurgiche. Non potrà essere superiore ai 0,50 cent più Iva, si legge, al fine di assicurare la massima diffusione dei mezzi di protezione individuale. Fuori dall’obbligo solo bambini sotto i 6 anni e persone affette da una disabilità non compatibile.

Ai sanitari, al personale tecnico e a tutti i lavoratori coinvolti nella gestione delle unità di crisi è sono sospesi i congedi ordinari. Allo stesso modo sono sospesi meeting e convegni che coinvolgano personale sanitario a cui è fatta richiesta, si legge nel decreto, di svolgere tutte le riunioni da remoto.

Principale novità di questo 4 maggio per i cittadini sarà la possibilità di far visita ai parenti, nei confini regionali, rispettando le norme di distanziamento sociale e necessariamente con mascherina. Vietate tuttavia, si rimarca, le feste famigliari. L’accesso di parenti e visitatori nelle Rsa, invece, resta limitata alle autorizzazioni concesse dalla struttura stessa. Resta il divieto assoluto per chi accompagna un congiunto in Pronto soccorso a rimanere in sala d’attesa.

Saranno concessi i funerali, con un massimo di 15 persone opportunamente distanziate, sospesa qualsiasi altra attività. Riapriranno i parchi e gli sportivi potranno tornare ad allenarsi, purché da soli. Ancora chiusi i ristoranti per il servizio, ma si potrà aprire per il take-away, a patto che il cibo non si consumi nelle vicinanze del locale ma nelle proprie abitazioni o uffici. Confermata per università e scuole la didattica via web.

Per gli spostamenti sarà ancora necessaria l’autocertificazione e spostarsi fuori dalla propria regione resterà legato a urgenze sanitarie o lavorative. Per chi arriva da fuori Italia, anche asintomatico, obbligatoria la quarantena preventiva e il rilascio di tutti i recapiti per il tracciamento.

La seconda data della ripartenza è fissata al 18 maggio. Giorno prestabilito per la riapertura degli esercizi commerciali al dettaglio, fino ad oggi limitati a cartolerie, tabaccai, edicole e negozi per neonati. Via libera anche alle mostre, con riapertura di musei e biblioteche. Ricominceranno anche le società sportive e di conseguenza gli allenamenti per gli sport di squadra.

Si parla infine del 1 giugno come ultima data per la riapertura di estetisti, parrucchieri, bar e ristoranti. Obbligati ad adottare misure ferree di sicurezza dei clienti, a partire dalla costante disinfezione del luogo di lavoro. Restano ancora senza una data teatri e cinema.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Vacanze natalizie, cosa succederebbe in Europa se venissero eliminate le restrizioni? Lo scenario dell’ECDC
Il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie ha stilato un report in cui mette in guardia i governi Ue dall’allentare la presa. Il Premier Conte: «Vacanze sulla neve impensabili ma sì allo scambio dei doni»
Via libera del CdM alla Legge di Bilancio. Cosa prevede per la sanità? Le reazioni di sindacati e Ordini
Da Anaao a Cimo, passando per i sindacati della funzione pubblica agli infermieri, ecco cosa pensano sindacati e Ordini della manovra
Covid-19, il direttore del Lancet: «Uk e Italia peggiori della classe in Europa. Stupisce il silenzio assoluto dell’OMS»
Richard Horton al Festival della Salute Globale: «Il Covid ha tirato fuori anche il meglio di noi medici»
di Tommaso Caldarelli
Sono un contatto stretto di un positivo, per quanto tempo devo stare in quarantena?
Sono un contatto stretto di un positivo, per quanto tempo devo stare in quarantena? Il Ministero della Salute lo specifica attraverso la circolare emanata lo scorso 12 ottobre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 30 novembre, sono 62.789.645 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.460.049 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 27 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli