Salute 5 Settembre 2022 15:16

Scoperta causa della misteriosa polmonite in Argentina: è legionella

Finalmente è stato risolto il mistero del focolaio di polmonite in Argentina. Si tratta di un focolaio di legionella legato ad un’unica struttura sanitaria

Scoperta causa della misteriosa polmonite in Argentina: è legionella

Inizialmente si è temuta una nuova malattia, una nuova emergenza simile a quella Covid. Ma ieri la Pan American Health Organization (PAHO) ha sciolto ogni dubbio: il misterioso focolaio di polmonite in Argentina è stato causato dal batterio della legionella. Al 3 settembre, riporta un aggiornamento appena pubblicato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), sono stati confermati in totale 11 casi, tutti associati a una clinica situata nella città San Miguel de Tucumán. Mentre i decessi registrati sono quattro.

Undici casi di polmonite e quattro decessi legati a una sola struttura sanitaria

Tutti i casi si sono presentati con polmonite bilaterale, febbre, mialgia, dolore addominale e dispnea tra il 18 e il 25 agosto 2022 e sono stati epidemiologicamente collegati alla stessa struttura sanitaria. Degli 11 casi, otto riguardano operatori sanitari della struttura, mentre tre sono pazienti. Tre dei quattro decessi sono stati registrati tra gli operatori sanitari. L’età media dei casi è di 45 anni e sette sono uomini. «Dieci casi – spiega l’Oms – presentavano condizioni di base e/o fattori di rischio per malattie gravi, inclusi i quattro decessi segnalati. Quattro casi risultano ancora ricoverati in ospedale al 3 settembre. I contatti dei casi sono in fase di follow-up e, ad oggi, nessuno ha sviluppato sintomi».

Le autorità stanno indagando sulla fonte del focolaio di legionella

Sabato scorso la PAHO ha detto di esser stata informata dal ministero della Salute argentino che la causa di questo focolaio è la legionella e che ora le autorità stanno indagando sulla possibile fonte. Il ministero sta «raccogliendo campioni ambientali, conducendo valutazioni del rischio e attuando azioni nella clinica sanitaria relative all’epidemia» , afferma l’aggiornamento. «PAHO sta fornendo supporto alle autorità sanitarie argentine dal suo quartier generale e dall’ufficio nazionale della PAHO in Argentina per indagare e caratterizzare l’epidemia» .

La polmonite causata dalla legionella può esser curata con gli antibiotici

La malattia dei legionari è un grave tipo di polmonite. Le persone possono ammalarsi quando respirano piccole goccioline d’acqua contenenti i batteri, che causano un’infezione ai polmoni. La malattia può essere trattata con antibiotici. «I batteri possono essere presenti nei soffioni e nei rubinetti delle docce, nelle vasche idromassaggio, nelle torri di raffreddamento, nei serbatoi dell’acqua calda, nelle fontane decorative o negli impianti idraulici di grandi edifici», spiega l’OMS . La malattia dei legionari, nella forma polmonare, ha un periodo di incubazione da 2 a 10 giorni (ma in alcuni focolai sono stati registrati tempi di incubazione fino a 16 giorni).

La mortalità dipende dalla gravità della malattia e dalla fragilità dei pazienti

Inizialmente, i sintomi sono febbre, tosse lieve, perdita di appetito, mal di testa, malessere e letargia, con alcuni pazienti che manifestano anche dolori muscolari, diarrea e confusione. La gravità della malattia dei legionari varia da una lieve tosse a una polmonite rapidamente fatale. La malattia non trattata di solito peggiora durante la prima settimana. La mortalità dipende dalla gravità della malattia, dall’uso del trattamento antibiotico, dall’ambiente in cui ci si è ammalati e dal fatto che il paziente presenti condizioni di base, inclusa immunosoppressione. Il tasso di mortalità può raggiungere il 40-80% nei pazienti immunosoppressi non trattati e può essere ridotto al 5-30% attraverso un’appropriata gestione del caso, a seconda della gravità dei segni e dei sintomi clinici. Complessivamente, il tasso di mortalità è generalmente compreso tra il 5 e il 10%.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Giornata Mondiale contro la Polmonite, influenza e pneumococco i nemici da abbattere
L’importanza di una copertura vaccinale adeguata per ridurre complicanze respiratorie e ospedalizzazioni
Come stanno i guariti dal Covid a 6 e 12 mesi dall’infezione? Lo studio
I risultati dello studio multicentrico condotto da un team di medici dell’Unità operativa complessa di pneumologia del San Gerardo di Monza in collaborazione con l’Università Bicocca
di Federica Bosco
Covid-19, l’Argentina entra nella seconda ondata con il record di morti per 100mila abitanti
Il racconto a Sanità Informazione di Hector Carvallo, professore di Medicina Interna all’Universidad Abierta Interamericana di Buenos Aires: «Situazione spaventosa, abbiamo solo l'1,9% della popolazione vaccinato con doppia dose»
La “via italiana” al supporto ventilatorio per i pazienti Covid è vincente. Lo studio su JAMA
I rianimatori lo chiamano “casco” ed è uno strumento che permette ai pazienti con grave insufficienza respiratoria, come quelli con la polmonite da Covid-19, di respirare
Giornata mondiale polmonite, il presidente degli pneumologi Vaghi spiega perché quella interstiziale è così pericolosa
«La polmonite interstiziale è la principale causa di ricovero e morte tra i pazienti Covid». Attenzione ai sintomi: «Anche se il tampone è negativo, la polmonite può essere da SARS-CoV-2. Questi pazienti se ricoverati erroneamente in area non Covid contribuiscono alla diffusione nosocomiale del virus»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi