Pazienti 16 Maggio 2017

Legionella: trasmissione e incubazione della malattia

La legionellosi è una grave forma di polmonite, accompagnata da febbre e sintomi simil-influenzali,  causata dal batterio legionella. L’habitat ideale della legionella è l’acqua. Il contagio non è interumano ma avviene per inalazione dei batteri, soprattutto respirando l’aria degli impianti di raffreddamento, nei quali potrebbe annidarsi il batterio perché vi trova l’ambiente ideale per crescere. […]


La legionellosi è una grave forma di polmonite, accompagnata da febbre e sintomi simil-influenzali,  causata dal batterio legionella.

L’habitat ideale della legionella è l’acqua. Il contagio non è interumano ma avviene per inalazione dei batteri, soprattutto respirando l’aria degli impianti di raffreddamento, nei quali potrebbe annidarsi il batterio perché vi trova l’ambiente ideale per crescere. Gli adulti più anziani, i fumatori e i soggetti con sistema immunitario indebolito sono particolarmente sensibili alla legionellosi.

La legionellosi è classificabile tra le infezione nosocomiali, poiché negli ospedali i germi possono diffondersi facilmente e le persone ricoverate sono vulnerabili all’infezione.

Se non trattata, la legionellosi può essere fatale.

Quali sono i sintomi della legionellosi?

Il periodo di tempo che intercorre tra l’esposizione al batterio e la manifestazione dei sintomi (periodo di incubazione) va da due a dieci giorni. La sintomatologia inizia frequentemente con i seguenti segni e sintomi:

  • Mal di testa
  • Dolore muscolare
  • Brividi
  • Febbre anche oltre i 40° C

Al secondo o terzo giorno, si sviluppano altri segni e sintomi che potrebbero includere:

  • Tosse, talvolta con muco e sangue
  • Fiato corto
  • Dolore al petto
  • Sintomi gastrointestinali, come nausea, vomito e diarrea
  • Confusione mentale

Anche se la legionellosi interessa principalmente i polmoni, può occasionalmente provocare infezioni in altri distretti del corpo, compreso il cuore.

Una forma lieve della malattia dei legionari – nota come febbre di Pontiac – può causare febbre, brividi, mal di testa e dolori muscolari. La febbre di Pontiac non infetta i polmoni e i sintomi, di solito, regrediscono entro due o cinque giorni.

Quali sono le cause della legionellosi?

All’aperto, i batteri della legionella sopravvivono nel suolo e nell’acqua, ma raramente causano infezioni. Negli ambienti interni, però, i batteri della legionella possono moltiplicarsi in tutti i tipi di sistemi idrici, come vasche calde, condizionatori d’aria e spruzzatori di nebbia o micro-gocce d’acqua.

Anche se è possibile contrarre la malattia dai sistemi idraulici casalinghi, la maggior parte delle epidemie si sono verificate in grandi edifici, forse perché i sistemi complessi e molto ampli sono più difficili da pulire e permettono ai batteri di crescere e diffondersi più facilmente.

Come si diffonde l’infezione?

L’inalazione di gocce d’acqua microscopiche contenenti batteri di legionella è la via principale d’infezione. Il batterio potrebbe depositarsi in:

  • spruzzo da doccia
  • rubinetto o idromassaggio
  • acqua dispersa attraverso il sistema di ventilazione di un grande edificio
  • fontane decorative
  • piscine
  • apparecchiature per terapia fisica
  • sistemi idrici in alberghi, ospedali e case di cura

Sebbene i batteri della legionella si diffondano principalmente attraverso gocce d’acqua aerosolizzate, l’infezione può essere trasmessa in altri modi, tra cui:

  • Aspirazione di acqua contenente batteri legionella
  • Suolo: alcuni soggetti si sono infettati dopo aver lavorato in giardino o utilizzando un terreno contaminato

Quali sono i fattori di rischio?

Non tutti i soggetti esposti alla legionella si ammalano. È più probabile che sviluppi l’infezione in:

  • Soggetti fumatori: il fumo danneggia i polmoni, rendendoli maggiormente suscettibili a infezioni polmonari.
  • Soggetti immunodepressi, che hanno un sistema immunitario indebolito.
  • Soggetti affetti da patologie croniche del polmone.

Quali sono le complicazioni?

La legionellosi può portare a una serie di complicanze pericolose per la vita, tra cui:

  • Deficit respiratorio. Ciò si verifica quando i polmoni non sono più in grado di fornire al corpo ossigeno sufficiente oppure non riescono a rimuovere abbastanza anidride carbonica dal sangue.
  • Shock settico. Ciò si verifica quando una grave e improvvisa diminuzione della pressione sanguigna riduce il flusso di sangue agli organi vitali, in particolare ai reni e al cervello. Il cuore cerca di compensare aumentando il volume di sangue pompato, ma il carico di lavoro supplementare lo indebolisce e il flusso sanguigno si riduce ulteriormente.
  • Insufficienza renale. Ossia la perdita improvvisa della capacità dei reni di svolgere la loro funzione.

Quando non trattata in modo efficace e tempestivo, la legionellosi può essere fatale, soprattutto se il sistema immunitario è indebolito da malattie o da farmaci.

Come viene fatta la diagnosi di legionellosi?

Per identificare rapidamente la presenza di batteri di legionella è possibile effettuare un test che ricerca gli antigeni legionella nelle urine. È inoltre possibile effettuare altre indagini come:

  • Esami del sangue
  • Radiografia del torace, che mostra l’estensione dell’infezione nei polmoni
  • Studio di un campione dell’espettorato o del tessuto polmonare
  • Puntura lombare se il paziente presenta sintomi neurologici

Come viene trattata la legionella?

Essendo un batterio a causare la legionellosi, il trattamento è a base di antibiotici. In molti casi, la terapia richiede l’ospedalizzazione. La febbre di Pontiac va via da sola senza trattamento e non provoca problemi persistenti. La diagnosi tempestiva e il trattamento per la legionellosi sono indispensabili per evitare complicazioni irreparabili, soprattutto nei soggetti ad alto rischio.

Articoli correlati
Tubercolosi e migranti, Galli (Simit): «Il problema sono le condizioni di vita, non il paese di appartenenza»
Massimo Galli, Professore Ordinario Malattie Infettive Università degli Studi di Milano e Presidente della SIMIT (Società Italiana Malattie Infettive e Tropicali) ha voluto far chiarezza sul contenuto di una sua intervista di qualche giorno fa in cui si parlava di migranti e tubercolosi. Di seguito la precisazione: «Dopo aver constatato che era stato sintetizzato male […]
Epatite C, nuovi farmaci eradicano il virus. Vella (ISS): «Lavorare sui pazienti che non sanno di avere l’infezione»
È quanto emerso durante i lavori del convegno "L'Europa e l'Italia nell'obiettivo dell'eradicazione dell'infezione da HCV", svoltosi a Roma presso il Ministero della Salute. «Consiglierei ai medici di famiglia di far fare uno screening per l’Epatite C a tutti quei pazienti che hanno avuto dei fattori di rischio», sottolinea Adriano Pellicelli, direttore del Dipartimento Malattie del Fegato dell’Ospedale San Camillo di Roma
Monza, grave un 29enne ricoverato per polmonite da legionella
Un ragazzo di 29 anni, di Brescia, è ricoverato in prognosi riservata nel reparto di terapia intensiva del San Gerardo di Monza per polmonite da legionella.  Si era presentato al Pronto Soccorso con i sintomi classici della patologia ed è stato poi trasfeito a Monza per il corretto trattamento della patologia. Le sue condizioni sono […]
Epidemia di polmonite in Lombardia, oltre 150 al Pronto Soccorso. ATS Brescia: «Occhio a docce e vasche»
Tra i comuni più colpiti Montichiari, Calvisano e Carpenedolo. L’assessore alla Sanità Gallera: «Fino ad ora 52 campionamenti, stiamo lavorando per capire origine»
Milano, setticemia all’ottavo mese: si salvano mamma e figlia
Una mattina come tante altre Marica Fabbri, al settimo mese di gravidanza, si è svegliata con un forte dolore lombare e febbre molto alta. Il suo primo pensiero è stato la salute della bimba che portava in grembo e, per questo, si è precipitata in ospedale. La diagnosi è sepsi, o setticemia, una condizione scatenata da un’infezione che può dare […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone