Salute 7 Settembre 2021 17:15

Giornata distrofia di Duchenne, la storia di Jacopo: «Non saranno le due ruote di una carrozzina a fermarmi»

“Diventare adulti convivendo con questa patologia genetica rara” è il tema al centro dell’edizione 2021. Genovese (Parent Project aps): «Negli ultimi decenni, l’aspettativa di vita è aumentata in modo considerevole. Crescere significa avere nuove opportunità, ma anche dover affrontare sfide e difficoltà»

di Isabella Faggiano

Non ci sarà da meravigliarsi se tra qualche anno leggeremo il nome di Jacopo Verardo nel team della nazionale italiana di powerchair Hockey. Jacopo ha 18 anni e non si è mai scoraggiato davanti a nulla, nemmeno di fronte alla distrofia muscolare di Duchenne. La diagnosi è arrivata quando aveva appena 5 anni, un’amara scoperta che non gli ha impedito di continuare a coltivare la sua passione per lo sport. Anzi, l’ha spronato a fare sempre di più e meglio, a non arrendersi.

E non è un caso, dunque, se la World Duchenne Organization lo ha scelto come testimonial italiano per celebrare la Giornata Mondiale di sensibilizzazione sulla distrofia muscolare di Duchenne (WDAD), quest’anno dedicata “alla vita adulta”.

La storia di Jacopo

«Fino all’età di dieci anni amavo nuotare, me ne andavo in giro con il mio piccolo quod, stavo sempre in movimento», racconta Jacopo. Poi a 10 anni la progressione della malattia lo ha costretto su una carrozzina. Ma anche in questo caso il giovane non si è perso d’animo. «Ho cominciato a praticare il powerchair Hockey, sport al quale ancora oggi mi dedico come giocatore del Friul Falcons di Udine».

Jacopo è un giovane che si è affacciato alla vita adulta con caparbietà, ma anche tanta serenità. La stessa che trasmette a chi lo ascolta mentre racconta la sua storia. Il suo segreto? «Cerco sempre di fare le cose in base alle mie capacità e di vivere la vita giorno per giorno, così da affrontare le eventuali difficoltà una per volta».

La malattia

La distrofia muscolare di Duchenne (DMD) colpisce 1 su 5 mila neonati maschi. È la forma più grave delle distrofie muscolari, si manifesta nella prima infanzia e causa una progressiva degenerazione dei muscoli, conducendo, nel corso dell’adolescenza, ad una condizione di disabilità sempre più severa. Al momento, non esiste una cura. La ricerca e il trattamento da parte di un’équipe multidisciplinare hanno permesso di migliorare le condizioni generali e l’aspettativa di vita dei ragazzi.

La Giornata in Italia

In Italia, la Giornata è coordinata da Parent Project: «Negli ultimi decenni, l’aspettativa di vita delle persone affette da Duchenne è aumentata in modo significativo – dice Luca Genovese, presidente dell’Associazione -. Diventare adulti convivendo con questa patologia presenta nuove sfide, difficoltà e opportunità. Ma oggi, grazie ai progressi della scienza, è aumentata anche la qualità dell’esistenza, non solo la sua durata. Ovviamente la nostra speranza più grande è che si arrivi ad una cura definitiva». 

La Giornata nel mondo

Sono circa 100 le organizzazioni di 46 paesi del mondo che sono attive ogni giorno per fare la differenza per le persone che convivono con la distrofia muscolare di Duchenne. Ed è proprio pensando a questo grande movimento globale che la World Duchenne Organization nello spot 2021 dedicato alla Giornata Mondiale ha voluto enfatizzare il valore delle parole “Duchenne”, “comunità”,  “sensibilizzazione” e il potere del passaparola perché solo in tanti e insieme è possibile fare la differenza.

Proprio come Jacopo che con la sua forza di volontà è riuscito a fare la differenza nello sport e la farà anche nel mondo del lavoro, quando realizzerà l’altro suo sogno nel cassetto: diventare giornalista sportivo. «E chissà – dice – magari farò l’en plein commentando una gara di MotoGP».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Cardiologia e sport legati (sempre più) a filo doppio. Ecco perché
Corrado (Università di Padova): «I medici dello sport siano formati anche per valutare una risonanza magnetica»
di Federica Bosco
I benefici della camminata veloce: con 30 minuti al giorno si punta a vivere 20 anni in più
Ione Acosta, giovane trainer dei vip: «Anche per l’allenamento più strutturato è sufficiente mezz’ora affinché il corpo possa beneficiarne senza subirne lo stress»
di Isabella Faggiano
Simone Biles, il bronzo dopo lo stop. La psicologa: «Gli atleti non sono macchine ma ogni difficoltà può diventare un’opportunità»
«Riconoscere le proprie difficoltà e darsi il giusto tempo per lavorarci sopra, imparando a gestirle, è la vera forza. La storia dello sport è piena di questi esempi, bisogna imparare a coglierne il valore costruttivo» spiega la dottoressa Luana Morgilli
La storia della ginnasta Alexandra Agiurgiuculese, che dopo il Covid sogna una medaglia a Tokyo
È l'individualista più vincente della storia della ginnastica ritmica italiana e ha un salto che porta il suo nome. Alexandra Agiurgiuculese, 20 anni, dopo essere rimasta lontana dalla pedana per due mesi a causa del Covid è tornata grande per non mancare l’appuntamento olimpico
di Federica Bosco
Milano-Bicocca, un programma dual career per gli studenti atleti impegnati in competizioni di alto livello
Il programma prevede flessibilità nella didattica e negli esami, un mental coach e un team di professionisti di medicina dello sport. Tra i 25 studenti selezionati anche Eleonora Marchiando che alle prossime olimpiadi difenderà i colori azzurri nei quattrocento ostacoli e nella staffetta femminile e mista
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 settembre, sono 227.070.462 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.670.479 i decessi. Ad oggi, oltre 5,81 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco