Salute 12 ottobre 2018

Gioco d’azzardo, ISS e Vicariato di Roma uniscono le forze. Pacifici (ISS): «Nasce Numero Verde per ludopatici e famiglie»

«Più della metà delle telefonate arrivano dai familiari disperati. Serve un sostegno efficace», spiega Roberta Pacifici dell’Istituto Superiore di Sanità

Immagine articolo

È una vera e propria malattia: chi è affetto da questo disturbo sente costantemente il bisogno di giocare e non riesce a controllare quest’impulso. Come per la droga e l’alcol, vincere la dipendenza è molto difficile quanto necessario per evitare conseguenze anche gravi.

Il Vicariato di Roma e l’Istituto Superiore di Sanità hanno deciso di contrastare il fenomeno insieme e rispondere, concretamente, alle richieste del giocatore problematico. Per questo, sta già funzionando da un anno, in via sperimentale, il Numero Verde nazionale per le problematiche legate a questo fenomeno: 800 558 822. Un servizio ad hoc, anonimo e gratuito, attivo dal lunedì al venerdì, per giocatori e familiari. Già, perché la metà delle telefonate arriva dalle persone più care che rappresentano il segnale, la presa di coscienza che il problema esiste e va affrontato seriamente.

Il Direttore del Centro Nazionale Dipendenze e Doping dell’Istituto Superiore di Sanità, Roberta Pacifici, spiega a Sanità Informazione come funziona il Numero Verde, uno spazio di ascolto, sostegno, prevenzione e cura.

Dottoressa, l’Istituto Superiore di Sanità e il Vicariato di Roma insieme per cercare di arginare il problema del gioco d’azzardo, in che direzione procede questa collaborazione?

«Con il Numero Verde sulle problematiche legate al gioco d’azzardo noi vogliamo offrire un sostegno ed un aiuto concreto ai cittadini che hanno sviluppato una problematica di questo tipo. Il servizio è coordinato da  psicologi che hanno una specializzazione nel counselling telefonico; rispondono a domande di ogni tipo, da quelle di carattere generale e sanitario a quelle di tipo economico-finanziario, relative all’usura, all’indebitamento e a tutte le tematiche correlate all’azzardo. È un modo per collegarci al territorio, rispondere al bisogno dei cittadini che possono trovare qui un primo punto di ascolto da cui partire nel processo di cambiamento. Il nostro compito è individuare in maniera concreta quali sono le strutture dislocate sul territorio nazionale che sono in grado di prendersi carico del problema».

LEGGI ANCHE: GIOCO D’AZZARDO, CON DL DIGNITÀ STOP ALLA PUBBLICITÀ. ENDRIZZI (M5S): «PROBLEMA VA OLTRE LUDOPATIA. ORA INTRODURRE TESSERINO DEL GIOCATORE»

A chi si rivolge il Numero Verde, chi lo gestisce e quali sono le metodologie d’intervento?

«Si rivolge a tutta la popolazione, al giocatore che ha sviluppato il disturbo ma anche ai suoi familiari, una risorsa preziosa per attivare il cambiamento. È gestito da un’equipe di psicologi professionisti in grado di ascoltare senza giudicare e dare tutte le informazioni pratiche verso forme di aiuto e sostegno efficaci. Da questa attività ricaveremo anche indicazioni per comprendere quali siano le reali esigenze dei cittadini in relazione al fenomeno».

Quanto è importante il ruolo dei familiari nella gestione del fenomeno e come cambiano gli equilibri quando in famiglia c’è una persona che ha sviluppato una dipendenza patologica dal gioco d’azzardo?

«Un anno di attività sperimentale ci ha fornito un dato molto importante: più della metà delle chiamate arrivate al Numero Verde sono di familiari disperati e preoccupati che non sanno come gestire le complicate questioni connesse al gioco patologico. È evidente che la famiglia può essere una grande risorsa: da loro parte l’individuazione e la consapevolezza del problema con conseguente crollo dell’equilibrio familiare ma, spesso, sono anche le vittime principali del disturbo da gioco d’azzardo patologico. Basti pensare ai problemi economici, di indebitamento e ai cambiamenti comportamentali del giocatore nei confronti della famiglia e degli affetti».

Articoli correlati
Salute riproduttiva, Studio nazionale: solo 5% adulti sa che dopo 30 anni donne hanno meno possibilità di avere figli
Il 94% degli adolescenti ritiene che debba essere la scuola a garantire l’informazione sui temi della sessualità e riproduzione. Tra gli adulti, solo il 5% è consapevole che le possibilità biologiche per una donna di avere figli iniziano a ridursi già dopo i 30 anni. Sono alcuni dei dati che emergono dallo Studio nazionale fertilità […]
Autismo, ISS prepara le nuove Linee Guida. E per la prima volta saranno distinte tra adulti e bambini
La prima raccomandazione è attesa entro fine anno. Tra gli obiettivi quello di rendere omogenea tra le regioni la qualità delle cure, formulare diagnosi accurate, creare una rete di assistenza e di sostegno
Sugar tax anche in Italia? Ricciardi (ISS): «Buona soluzione per salute pubblica ma per fasce meno abbienti può essere boomerang»
A tre mesi dall’introduzione della tassazione per le bevande zuccherate in UK il bilancio è positivo. Walter Ricciardi: «Provvedimento utile ma risorse da reinvestire per migliorare condizioni di vita»
Gioco d’azzardo, con Dl dignità stop alla pubblicità. Endrizzi (M5S): «Problema va oltre ludopatia. Ora introdurre tesserino del giocatore»
«È una vera emergenza – spiega il Senatore M5S – in ballo c’è la visione di società. Persone che si rivolgono ai SerD sono solo una piccola parte di chi ha il problema». E propone di abbandonare il sistema concessorio
Cities changing diabetes blue circle: il villaggio della salute apre in piazza San Silvestro a Roma
In occasione delle manifestazioni della prima Giornata nazionale per la salute e il benessere nelle città, promossa da Health City Institute e Cittadinanzattiva con il patrocinio di Ministero della Salute, ANCI – Associazione Nazionale Comuni Italiani e Istituto Superiore di Sanità, il 2 e 3 luglio sarà allestito in Piazza San Silvestro, Roma, il Villaggio […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila