Salute 12 Ottobre 2018

Gioco d’azzardo, ISS e Vicariato di Roma uniscono le forze. Pacifici (ISS): «Nasce Numero Verde per ludopatici e famiglie»

«Più della metà delle telefonate arrivano dai familiari disperati. Serve un sostegno efficace», spiega Roberta Pacifici dell’Istituto Superiore di Sanità

Immagine articolo

È una vera e propria malattia: chi è affetto da questo disturbo sente costantemente il bisogno di giocare e non riesce a controllare quest’impulso. Come per la droga e l’alcol, vincere la dipendenza è molto difficile quanto necessario per evitare conseguenze anche gravi.

Il Vicariato di Roma e l’Istituto Superiore di Sanità hanno deciso di contrastare il fenomeno insieme e rispondere, concretamente, alle richieste del giocatore problematico. Per questo, sta già funzionando da un anno, in via sperimentale, il Numero Verde nazionale per le problematiche legate a questo fenomeno: 800 558 822. Un servizio ad hoc, anonimo e gratuito, attivo dal lunedì al venerdì, per giocatori e familiari. Già, perché la metà delle telefonate arriva dalle persone più care che rappresentano il segnale, la presa di coscienza che il problema esiste e va affrontato seriamente.

Il Direttore del Centro Nazionale Dipendenze e Doping dell’Istituto Superiore di Sanità, Roberta Pacifici, spiega a Sanità Informazione come funziona il Numero Verde, uno spazio di ascolto, sostegno, prevenzione e cura.

Dottoressa, l’Istituto Superiore di Sanità e il Vicariato di Roma insieme per cercare di arginare il problema del gioco d’azzardo, in che direzione procede questa collaborazione?

«Con il Numero Verde sulle problematiche legate al gioco d’azzardo noi vogliamo offrire un sostegno ed un aiuto concreto ai cittadini che hanno sviluppato una problematica di questo tipo. Il servizio è coordinato da  psicologi che hanno una specializzazione nel counselling telefonico; rispondono a domande di ogni tipo, da quelle di carattere generale e sanitario a quelle di tipo economico-finanziario, relative all’usura, all’indebitamento e a tutte le tematiche correlate all’azzardo. È un modo per collegarci al territorio, rispondere al bisogno dei cittadini che possono trovare qui un primo punto di ascolto da cui partire nel processo di cambiamento. Il nostro compito è individuare in maniera concreta quali sono le strutture dislocate sul territorio nazionale che sono in grado di prendersi carico del problema».

LEGGI ANCHE: GIOCO D’AZZARDO, CON DL DIGNITÀ STOP ALLA PUBBLICITÀ. ENDRIZZI (M5S): «PROBLEMA VA OLTRE LUDOPATIA. ORA INTRODURRE TESSERINO DEL GIOCATORE»

A chi si rivolge il Numero Verde, chi lo gestisce e quali sono le metodologie d’intervento?

«Si rivolge a tutta la popolazione, al giocatore che ha sviluppato il disturbo ma anche ai suoi familiari, una risorsa preziosa per attivare il cambiamento. È gestito da un’equipe di psicologi professionisti in grado di ascoltare senza giudicare e dare tutte le informazioni pratiche verso forme di aiuto e sostegno efficaci. Da questa attività ricaveremo anche indicazioni per comprendere quali siano le reali esigenze dei cittadini in relazione al fenomeno».

Quanto è importante il ruolo dei familiari nella gestione del fenomeno e come cambiano gli equilibri quando in famiglia c’è una persona che ha sviluppato una dipendenza patologica dal gioco d’azzardo?

«Un anno di attività sperimentale ci ha fornito un dato molto importante: più della metà delle chiamate arrivate al Numero Verde sono di familiari disperati e preoccupati che non sanno come gestire le complicate questioni connesse al gioco patologico. È evidente che la famiglia può essere una grande risorsa: da loro parte l’individuazione e la consapevolezza del problema con conseguente crollo dell’equilibrio familiare ma, spesso, sono anche le vittime principali del disturbo da gioco d’azzardo patologico. Basti pensare ai problemi economici, di indebitamento e ai cambiamenti comportamentali del giocatore nei confronti della famiglia e degli affetti».

Articoli correlati
Istituto Superiore di Sanità, nuovi vertici: proposti Silvio Brusaferro alla presidenza e Andrea Piccoli direttore generale
Il ministro della Salute, Giulia Grillo, ha oggi inviato alla presidenza del Consiglio la proposta di nomina. Grillo: «La nuova governance comincia oggi nel segno del merito, della competenza e dell'autorevolezza scientifica»
Integratori a base di curcuma, sono nove i casi di epatite colestatica acuta. Ecco gli ultimi prodotti segnalati
Il ministero della Salute informa che l’Istituto Superiore di Sanità ha segnalato nove casi di epatite colestatica acuta, non infettiva e non contagiosa, riconducibili al consumo di curcuma e che sono in corso verifiche sul territorio da parte delle autorità sanitarie. Gli ultimi prodotti segnalati sono: Curcuma complex B.A.I. aromatici per conto di Vitamin shop; […]
Alcohol Prevention Day: rischio abuso per 8,6 milioni di consumatori. Adolescenti e anziani le categorie più colpite
Il professor Emanuele Scafato, direttore dell’Osservatorio Nazionale Alcol e del centro OMS dell’ISS a Sanità Informazione: «La prevenzione è da creare, manca il coordinamento tra gli interlocutori. Importante intervenire in maniera mirata». E mette in guardia i giovani: «È importante spiegare loro che i divieti di vendita sotto i 18 anni esistono per tutelare la loro salute fisica e psichica»
di Lucia Oggianu
Malattie rare, ISS lancia network per ampliare casistica dei pazienti e fornire diagnosi a un numero crescente di persone
Domenica Taruscio, direttore del Centro Nazionale Malattie Rare: «Con un nuovo progetto, sempre in collaborazione con la Rete Nazionale Malattie Rare, in un anno nuove caratterizzazioni di pazienti con malattia rara senza diagnosi insieme agli ospedali del Centro Sud». Scaccabarozzi (Farmindustria): «Le imprese del farmaco vogliono continuare a impegnarsi anche su questo fronte»
Gioco d’azzardo, Troncarelli: «Dalla Regione Lazio quasi 5 mln per contrastare fenomeno»
«La Regione Lazio investe quasi 5mln di euro per la lotta al Gioco d’Azzardo Patologico (GAP). Le risorse, derivanti dal Fondo Sanitario Nazionale, sono suddivise tra le Asl laziali sulla base della popolazione residente con oltre 15 anni d’età». Queste le parole dell’assessore alle Politiche sociali, Welfare ed Enti locali, Alessandra Troncarelli. L’assessore Troncarelli spiega […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...