Salute 12 Ottobre 2018 16:46

Gioco d’azzardo, ISS e Vicariato di Roma uniscono le forze. Pacifici (ISS): «Nasce Numero Verde per ludopatici e famiglie»

«Più della metà delle telefonate arrivano dai familiari disperati. Serve un sostegno efficace», spiega Roberta Pacifici dell’Istituto Superiore di Sanità

Gioco d’azzardo, ISS e Vicariato di Roma uniscono le forze. Pacifici (ISS): «Nasce Numero Verde per ludopatici e famiglie»

È una vera e propria malattia: chi è affetto da questo disturbo sente costantemente il bisogno di giocare e non riesce a controllare quest’impulso. Come per la droga e l’alcol, vincere la dipendenza è molto difficile quanto necessario per evitare conseguenze anche gravi.

Il Vicariato di Roma e l’Istituto Superiore di Sanità hanno deciso di contrastare il fenomeno insieme e rispondere, concretamente, alle richieste del giocatore problematico. Per questo, sta già funzionando da un anno, in via sperimentale, il Numero Verde nazionale per le problematiche legate a questo fenomeno: 800 558 822. Un servizio ad hoc, anonimo e gratuito, attivo dal lunedì al venerdì, per giocatori e familiari. Già, perché la metà delle telefonate arriva dalle persone più care che rappresentano il segnale, la presa di coscienza che il problema esiste e va affrontato seriamente.

Il Direttore del Centro Nazionale Dipendenze e Doping dell’Istituto Superiore di Sanità, Roberta Pacifici, spiega a Sanità Informazione come funziona il Numero Verde, uno spazio di ascolto, sostegno, prevenzione e cura.

Dottoressa, l’Istituto Superiore di Sanità e il Vicariato di Roma insieme per cercare di arginare il problema del gioco d’azzardo, in che direzione procede questa collaborazione?

«Con il Numero Verde sulle problematiche legate al gioco d’azzardo noi vogliamo offrire un sostegno ed un aiuto concreto ai cittadini che hanno sviluppato una problematica di questo tipo. Il servizio è coordinato da  psicologi che hanno una specializzazione nel counselling telefonico; rispondono a domande di ogni tipo, da quelle di carattere generale e sanitario a quelle di tipo economico-finanziario, relative all’usura, all’indebitamento e a tutte le tematiche correlate all’azzardo. È un modo per collegarci al territorio, rispondere al bisogno dei cittadini che possono trovare qui un primo punto di ascolto da cui partire nel processo di cambiamento. Il nostro compito è individuare in maniera concreta quali sono le strutture dislocate sul territorio nazionale che sono in grado di prendersi carico del problema».

LEGGI ANCHE: GIOCO D’AZZARDO, CON DL DIGNITÀ STOP ALLA PUBBLICITÀ. ENDRIZZI (M5S): «PROBLEMA VA OLTRE LUDOPATIA. ORA INTRODURRE TESSERINO DEL GIOCATORE»

A chi si rivolge il Numero Verde, chi lo gestisce e quali sono le metodologie d’intervento?

«Si rivolge a tutta la popolazione, al giocatore che ha sviluppato il disturbo ma anche ai suoi familiari, una risorsa preziosa per attivare il cambiamento. È gestito da un’equipe di psicologi professionisti in grado di ascoltare senza giudicare e dare tutte le informazioni pratiche verso forme di aiuto e sostegno efficaci. Da questa attività ricaveremo anche indicazioni per comprendere quali siano le reali esigenze dei cittadini in relazione al fenomeno».

Quanto è importante il ruolo dei familiari nella gestione del fenomeno e come cambiano gli equilibri quando in famiglia c’è una persona che ha sviluppato una dipendenza patologica dal gioco d’azzardo?

«Un anno di attività sperimentale ci ha fornito un dato molto importante: più della metà delle chiamate arrivate al Numero Verde sono di familiari disperati e preoccupati che non sanno come gestire le complicate questioni connesse al gioco patologico. È evidente che la famiglia può essere una grande risorsa: da loro parte l’individuazione e la consapevolezza del problema con conseguente crollo dell’equilibrio familiare ma, spesso, sono anche le vittime principali del disturbo da gioco d’azzardo patologico. Basti pensare ai problemi economici, di indebitamento e ai cambiamenti comportamentali del giocatore nei confronti della famiglia e degli affetti».

Articoli correlati
Covid: Iss, via a indagine nazionale sull’impatto della pandemia nelle case di riposo
Il Reparto di Promozione e Valutazione di Prevenzione delle Malattie Croniche del CNaPPS, dell’Istituto Superiore di Sanità, in collaborazione con il Garante Nazionale dei diritti delle persone private della libertà personale, si propone di condurre un’indagine nazionale sull’impatto della pandemia da Covid-19 nelle case di riposo
di Redazione
Iss: dipendenza da Internet, ecco a chi rivolgersi. Sono 102 i centri in Italia
In Italia ci sono 102 centri che si occupano di dipendenza da Internet, il 65% dei quali si trovano al Nord. Questo è quanto si evince dalla prima mappa geolocalizzata interattiva, aggiornata dall’Istituto superiore di sanità (Iss). Realizzata dal Centro Nazionale Dipendenze e Doping dell’Iss, conta 3.667 utenti presi in carico soprattutto tra i 15 […]
Iss: repentino aumento dei contagi, ora 5 Regioni a «rischio alto»
Alla vigilia della scadenza dell'obbligo delle mascherine anche sui trasporti, i nuovi dati del monitoraggio settimanale indicano un aumento repentino dei contagi
West Nile: nuovo caso in Sardegna, emergenza in crescita
Continua a cresce l'emergenza West Nile in Italia. Ieri è stato registrato l'ottavo caso in Sardegna. La donna non è in condizioni gravi
Infezioni sessualmente trasmesse in calo: “solo” merito della pandemia? Attenzione all’estate
Nel 2020 si è registrato un calo delle diagnosi delle infezioni sessualmente trasmesse, in buona parte dovuto al minor numero di test. Ma la scarsa consapevolezza preoccupa: in Italia sono diminuiti i vaccini contro il papilloma. Squillace (infettivologo): «Indagare sul fenomeno del chemsex, ovvero l’uso di sostanze tossiche per incrementare la durata delle prestazioni sessuali fino a 24 ore consecutive: disinibiscono e alterano la percezione del rischio»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

In arrivo il nuovo Piano Nazionale Cronicità. Previsto maggior coinvolgimento del paziente e dei caregiver

Il documento redatto dal Ministero della Salute sbarca in Stato-Regioni. Nelle fasi e negli obiettivi che lo compongono, l'erogazione di interventi personalizzati attraverso il coinvolgimento di pazie...
di G.R.
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...
Advocacy e Associazioni

Porpora trombotica trombocitopenica. ANPTT Onlus celebra la III Giornata nazionale

Evento “WeHealth” promosso in partnership con Sanofi e in collaborazione con Sics Editore per alzare l’attenzione sulla porpora trombotica trombocitopenica (TTP) e i bisogni ancora i...