Salute 12 ottobre 2018

Gioco d’azzardo, ISS e Vicariato di Roma uniscono le forze. Pacifici (ISS): «Nasce Numero Verde per ludopatici e famiglie»

«Più della metà delle telefonate arrivano dai familiari disperati. Serve un sostegno efficace», spiega Roberta Pacifici dell’Istituto Superiore di Sanità

Immagine articolo

È una vera e propria malattia: chi è affetto da questo disturbo sente costantemente il bisogno di giocare e non riesce a controllare quest’impulso. Come per la droga e l’alcol, vincere la dipendenza è molto difficile quanto necessario per evitare conseguenze anche gravi.

Il Vicariato di Roma e l’Istituto Superiore di Sanità hanno deciso di contrastare il fenomeno insieme e rispondere, concretamente, alle richieste del giocatore problematico. Per questo, sta già funzionando da un anno, in via sperimentale, il Numero Verde nazionale per le problematiche legate a questo fenomeno: 800 558 822. Un servizio ad hoc, anonimo e gratuito, attivo dal lunedì al venerdì, per giocatori e familiari. Già, perché la metà delle telefonate arriva dalle persone più care che rappresentano il segnale, la presa di coscienza che il problema esiste e va affrontato seriamente.

Il Direttore del Centro Nazionale Dipendenze e Doping dell’Istituto Superiore di Sanità, Roberta Pacifici, spiega a Sanità Informazione come funziona il Numero Verde, uno spazio di ascolto, sostegno, prevenzione e cura.

Dottoressa, l’Istituto Superiore di Sanità e il Vicariato di Roma insieme per cercare di arginare il problema del gioco d’azzardo, in che direzione procede questa collaborazione?

«Con il Numero Verde sulle problematiche legate al gioco d’azzardo noi vogliamo offrire un sostegno ed un aiuto concreto ai cittadini che hanno sviluppato una problematica di questo tipo. Il servizio è coordinato da  psicologi che hanno una specializzazione nel counselling telefonico; rispondono a domande di ogni tipo, da quelle di carattere generale e sanitario a quelle di tipo economico-finanziario, relative all’usura, all’indebitamento e a tutte le tematiche correlate all’azzardo. È un modo per collegarci al territorio, rispondere al bisogno dei cittadini che possono trovare qui un primo punto di ascolto da cui partire nel processo di cambiamento. Il nostro compito è individuare in maniera concreta quali sono le strutture dislocate sul territorio nazionale che sono in grado di prendersi carico del problema».

LEGGI ANCHE: GIOCO D’AZZARDO, CON DL DIGNITÀ STOP ALLA PUBBLICITÀ. ENDRIZZI (M5S): «PROBLEMA VA OLTRE LUDOPATIA. ORA INTRODURRE TESSERINO DEL GIOCATORE»

A chi si rivolge il Numero Verde, chi lo gestisce e quali sono le metodologie d’intervento?

«Si rivolge a tutta la popolazione, al giocatore che ha sviluppato il disturbo ma anche ai suoi familiari, una risorsa preziosa per attivare il cambiamento. È gestito da un’equipe di psicologi professionisti in grado di ascoltare senza giudicare e dare tutte le informazioni pratiche verso forme di aiuto e sostegno efficaci. Da questa attività ricaveremo anche indicazioni per comprendere quali siano le reali esigenze dei cittadini in relazione al fenomeno».

Quanto è importante il ruolo dei familiari nella gestione del fenomeno e come cambiano gli equilibri quando in famiglia c’è una persona che ha sviluppato una dipendenza patologica dal gioco d’azzardo?

«Un anno di attività sperimentale ci ha fornito un dato molto importante: più della metà delle chiamate arrivate al Numero Verde sono di familiari disperati e preoccupati che non sanno come gestire le complicate questioni connesse al gioco patologico. È evidente che la famiglia può essere una grande risorsa: da loro parte l’individuazione e la consapevolezza del problema con conseguente crollo dell’equilibrio familiare ma, spesso, sono anche le vittime principali del disturbo da gioco d’azzardo patologico. Basti pensare ai problemi economici, di indebitamento e ai cambiamenti comportamentali del giocatore nei confronti della famiglia e degli affetti».

Articoli correlati
Gioco d’azzardo, Troncarelli: «Dalla Regione Lazio quasi 5 mln per contrastare fenomeno»
«La Regione Lazio investe quasi 5mln di euro per la lotta al Gioco d’Azzardo Patologico (GAP). Le risorse, derivanti dal Fondo Sanitario Nazionale, sono suddivise tra le Asl laziali sulla base della popolazione residente con oltre 15 anni d’età». Queste le parole dell’assessore alle Politiche sociali, Welfare ed Enti locali, Alessandra Troncarelli. L’assessore Troncarelli spiega […]
Regione Lazio, Walter Ricciardi consigliere per ricerca e innovazione. Zingaretti: «Onorato che un grande scienziato come lui abbia dato disponibilità»
L’ex presidente dell’Iss collaborerà a titolo gratuito. Il governatore del Lazio: «Sono onorato che un grande medico e protagonista della scienza italiana metta a disposizione a titolo gratuito la propria esperienza e competenza per la nostra comunità»
Walter Ricciardi lascia la guida dell’Istituto Superiore di Sanità
Dopo un anno da Commissario e a tre anni e mezzo dalla sua nomina a Presidente, Walter Ricciardi, dal primo gennaio, lascia la guida dell’Istituto Superiore di Sanità per potersi dedicare pienamente all’attività di ricerca e accademica
Screening Neonatale Esteso, primo Report sulla legge 167. Taverna (M5S): «Per una volta sia Europa ad imparare dall’Italia»
Test garantiti in 18 Regioni. Abruzzo, Basilicata e Calabria le ultime della fila. La vice presidente del Senato, prima firmataria della legge: «Porterò a Bruxelles il progetto italiano dello SNE e i risultati ottenuti»
di Isabella Faggiano
Vaccini, Walter Ricciardi (ISS): «Obbligo sia esteso anche ai sanitari. Applicare legge su sicurezza nei luoghi di lavoro»
«È arrivato il momento di prevedere l’obbligo vaccinale anche per gli operatori sanitari». Ad affermarlo è il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità Walter Ricciardi, che sottolinea come in alcuni reparti ad alto rischio sia imprescindibile il ricorso a questo strumento di prevenzione. «Per tanti anni- sostiene Ricciardi- abbiamo esercitato un’attività di persuasione e informazione, ma […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...