Salute 21 settembre 2018

Alcol, il report OMS: uccide 3 milioni di persone l’anno. E il 44% degli adolescenti europei beve abitualmente

I tre quarti dei decessi dovuti a incidenti, violenze o malattie legati all’abuso di alcol colpisce gli uomini. Nel Vecchio Continente le percentuali più alte. Tutti i dati emersi dal “Global status report on alcohol and health 2018”

Immagine articolo

Il consumo dannoso di alcol uccide ogni anno tre milioni di persone nel mondo. Significa che una morte su venti è dovuta all’alcol. Tre quarti, sono uomini. Il 28% dei decessi legati all’alcol è dovuto a incidenti stradali, autolesionismo o aggressioni fisiche; il 21% è legato a problemi digestivi, il 19% a malattie cardiovascolari e i rimanenti a malattie infettive, cancro, disturbi mentali o altre patologie. Sono i dati emersi dal Global status report on alcohol and health 2018dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

I NUMERI
Nel mondo, 237 milioni di uomini e 46 milioni di donne soffrono di problemi dovuti all’abuso di alcol. Particolarmente allarmante la situazione dell’Europa, che registra il consumo di alcol pro capite più alto: nonostante la diminuzione del 10% dal 2010 ad oggi, il 14,8% degli uomini ed il 3,5% delle donne con problemi legati all’alcol sono del Vecchio Continente. Percentuali seguite dall’America (11,5% di uomini e 5,1% di donne), a conferma della maggiore incidenza dei problemi legati all’alcol nei Paesi ad alto reddito. Ma per i prossimi dieci anni è previsto un aumento del consumo a livello globale.

ATTENZIONE AGLI ADOLESCENTI
Il 27% dei ragazzi tra i 15 e i 19 anni beve abitualmente. Percentuali che salgono sensibilmente se il focus viene spostato dal mondo all’Europa (44%), le Americhe (38%) o il Pacifico Occidentale (38%). Molte scuole, inoltre, denunciano che in diversi paesi si inizia a bere prima dei 15 anni, con differenze molto lievi tra femmine e maschi.

QUANTO E QUALE ALCOL BEVIAMO?
In media, chi consuma alcol abitualmente assume 33 grammi di alcol puro al giorno, corrispondenti a due bicchieri di vino, una bottiglia grande di birra o due shot di superalcolici. Sono proprio i superalcolici ad essere preferiti da chi beve: il 45% dell’alcol assunto nel mondo è sotto forma di superalcolici, seguiti da birra (34%) e dal vino (12%). Da evidenziare che in Europa il consumo di superalcolici è diminuito del 3% a fronte di un aumento del consumo di vino e birra.

LE REAZIONI DELL’OMS
«È giunta l’ora di agire per prevenire questa minaccia pericolosa per lo sviluppo di società in salute – ha dichiarato il direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus -. Ancora troppe persone, famiglie e comunità subiscono le conseguenze dell’abuso di alcol attraverso violenze, lesioni, problemi legati alla salute mentale e mentali come il cancro o gli ictus».

«Tutti i Paesi – ha aggiunto Vladimir Poznyak, coordinatore dell’area dell’OMS dedicata alla gestione dell’abuso di sostanze -. Azioni efficaci ed efficienti possono consistere nell’aumento delle tasse sugli alcolici, divieti o restrizioni sulle pubblicità e la diminuzione della disponibilità di alcol».

LEGGI ANCHE: ALCOL E FUMO POSSONO CAMBIARE I COLORI DEL MONDO. IL DALTONISMO SPIEGATO DAL PROFESSOR TROIANO (SOI)

Articoli correlati
OMS premia ospedale da campo del Piemonte, la ‘cittadella della salute’ pronta ad operare in scenari difficili
Conferimento durante la 68esima sessione del Regional Committee for Europe. Il direttore della Maxiemergenza 118 Mario Raviolo: «Siamo gli unici in Italia ad avere la certificazione di secondo livello, sono nove in tutto il mondo»
Assemblea OMS, Bartolazzi (Sott. Salute): «Ottimizzare risorse per sostenibilità SSN. Intervento su ticket per ridurre spesa out of pocket»
Il Sottosegretario alla Salute ha presieduto la sessione inaugurale dell’evento a cui presenziano 53 ministri da tutta Europa. «Aumento alcol e fumo tra giovani preoccupa»
Conte e Grillo al Comitato europeo OMS. Il report sulla salute maschile: troppe morti per cause prevenibili
Focus dell'incontro le nuove evidenze che indicano la necessità di trattare la salute maschile in maniera specifica. I 53 Stati membri si apprestano a sottoscrivere una nuova strategia europea per affrontare le sfide di salute
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone
Tumori testa e collo, al via “Make Sense Campaign”. Con diagnosi precoce il 90% dei pazienti guarisce
«È fondamentale offrire viste gratuite in un momento di crisi economica in cui 15 milioni di italiani non hanno la possibilità di curarsi. Parteciperò personalmente all’iniziativa in piazza a Torino». La senatrice azzurra presenta la campagna di sensibilizzazione dedicata a questo tipo di patologie tumorali
di Isabella Faggiano
Vaccini, il ballo delle incertezze. Cosa è cambiato davvero per medici, ASL, scuole e famiglie?
Grillo: «Autocertificazione sufficiente, dichiarare il falso è reato». Smentita di Di Maio: «Rimane in vigore vecchia Legge». La preoccupazione della comunità scientifica: «Le statistiche parlano chiaro…»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...