Salute 9 gennaio 2018

Fumo, alcol, attività sportiva. Ruocco (Ministero Salute): «Ecco come influiscono reddito e istruzione sulla salute degli italiani»

Tra i dati più interessanti emersi nel convegno ‘Passi lunghi 10 anni’, organizzato dall’Istituto Superiore di Sanità e dal Ministero della Salute, anche quelli relativi alle abitudini durante gravidanza e allattamento

Immagine articolo

Tra le regioni italiane più “sportive” e dedite all’attività fisica ci sono Trentino-Alto Adige, Valle d’Aosta e Sardegna. Tra quelle più sedentarie, il Piemonte e la Basilicata. Ma cosa influisce sulla tendenza di intere popolazioni e singoli soggetti ad intraprendere o meno una vita più salutare? «Le variabili sono tante», conferma ai nostri microfoni Giuseppe Ruocco, Segretario Generale del Ministero della Salute: i dati PASSI – Progressi nella Aziende Sanitarie per la Salute in Italia, mostrano che con il diminuire del reddito e del livello di istruzione aumentano l’abitudine al fumo, la sedentarietà, l’obesità e si riduce l’attività fisica. Le persone con istruzione più elevata, con maggiori disponibilità economica e di cittadinanza italiana si sottopongono inoltre più frequentemente degli altri ai test di diagnosi precoce dei tumori della mammella, del collo dell’utero e dell’intestino. Dati interessanti riguardano inoltre il fumo di tabacco, che oggi in Italia costituisce la prima causa evitabile di morte prematura. Nella popolazione di 30 anni e più, il fumo provoca circa 80mila morti l’anno (il 24% di tutti i decessi tra gli uomini e il 7% dei decessi tra le donne). Quella del fumo e del consumo di alcol è, infine, una grossa fonte di preoccupazione, in particolare per le donne in gravidanza. Nonostante sia raccomandato per tutte le donne in fase di gravidanza o allattamento di evitare di fumare o di bere alcolici, sono ancora tantissime quelle che non se ne preoccupano: 1 donna su 6 consuma alcolici durante la gravidanza e 1 su 4 durante l’allattamento. Stesso discorso per quanto riguarda il fumo: più del 10% delle donne in gravidanza o allattamento continua a fumare.

Questi i dati più interessanti emersi dal convegno ‘Passi lunghi 10 anni’, organizzato dall’Istituto Superiore di Sanità e dal Ministero della Salute in occasione del decennale dell’implementazione di “PASSI – Progressi nella Aziende Sanitarie per la Salute in Italia”, il sistema di sorveglianza che raccoglie in maniera continuativa informazioni sui comportamenti e gli atteggiamenti dei cittadini italiani dai 18 ai 69 anni verso la propria salute e il ricorso ai servizi.

Dottor Ruocco, qui si presenta il percorso di PASSI, un importantissimo sistema epidemiologico di prevenzione, studio e analisi della popolazione italiana. Perché, come si dice in modo anche abusato, prevenire è meglio che curare…

«PASSI è uno strumento diventato ormai una delle strutture portanti a disposizione del decisore tecnico e politico in materia di prevenzione. Devo dire che negli ultimi anni ha assunto un ruolo di rilievo attraverso i suoi indicatori di valutazione e rivalutazione dei LEA. Diciamo che abbiamo raggiunto una fase di maturità nella quale i dati, di natura dinamica, che vengono raccolti possono passare dal livello nazionale a quello locale attraverso un’analisi delle interviste e delle risposte che si hanno nei vari ambiti. Queste, abbinate ad una serie di dati sui determinanti sociali che impattano sulla salute, fanno sì che oggi PASSI possa essere un grande aiuto per il nostro Sistema sanitario, in tutti i suoi ambiti: prevenzione ma anche decisioni in merito alla qualità dell’assistenza che viene fornita. Siamo passati da una fase in cui era importante valutare il numero delle prestazioni a quella in cui è importante valutare la qualità, e quindi l’impatto delle prestazioni rese. PASSI è uno strumento utilissimo in questo senso».

Tra i tantissimi dati forniti, volevo soffermarmi su alcuni: i determinanti sociali. Ci sono dati molto interessanti sulle differenze sociali che influiscono sulla salute…

«Il nostro Paese ha ancora delle disparità che si evidenziano nel settore della prevenzione e nella qualità della salute dei nostri cittadini. Esiste anche un gradiente socioeconomico evidente, che è presente anche in letteratura, ma i nostri dati lo confermano sul territorio e ci indicano quindi le aree e le fasce fragili della popolazione sulle quali bisogna intervenire con programmi specifici atti a colmare questo gap».

Tra queste linee ci sono il contrasto all’alcol, al fumo e l’implementazione dell’attività fisica. Sorprende vedere come quest’ultima sia leggermente scesa negli ultimi anni.

«Innanzitutto bisogna capire qual è la differenza tra l’attività sportiva in senso stretto e fisica più in generale, la quale va benissimo, se fatta con una certa intensità volta a migliorare lo stato di salute. Certamente il genere di vita che noi tutti affrontiamo e anche le ridotte possibilità economiche, con conseguenti problemi nell’iscriversi a corsi e palestre, sicuramente ha impattato in qualche maniera su questi risultati. Bisogna agire per superare questo gap, anche spiegando che l’attività fisica va benissimo in palestra ma non necessariamente bisogna investire somme ingenti. Basta un po’ di buona volontà e tempo».

Articoli correlati
Distrofia muscolare di Duchenne e Becker. CRISPR/Cas9 è la “stella” della XVII Conferenza Internazionale
Il fondatore di Parent Project onlus: «L’obiettivo del prossimo anno è dedicare nuove sperimentazioni anche a giovani e adolescenti: chi è già in carrozzina ha più urgenza di trovare una soluzione, rispetto a coloro che hanno appena ricevuto la diagnosi».
di Isabella Faggiano
Epatologia, AISF: «Attività fisica e corretta alimentazione fondamentali per buona salute del fegato. Ecco perché». Il convegno alla Sapienza
Le nuove sfide per l’epatologo, sempre più attento alla medicina preventiva, al centro del meeting precongressuale “Lifestyle and the Liver” organizzato dall’Associazione Italiana per lo Studio del Fegato AISF ed in corso presso l’Aula Magna dell’Università La Sapienza di Roma. EPATOLOGI: VECCHIE E NUOVE SFIDE Il panorama delle malattie del fegato è in continua evoluzione […]
Taranto, il 25 febbraio fiaccolata per le vittime dell’inquinamento industriale
L’Associazione Genitori tarantini sta organizzando un coordinamento di tutte le Associazioni territoriali dei siti più inquinati d’Italia per chiedere, insieme alla Società Italiana di Medicina Ambientale (SIMA), l’istituzione della Giornata Nazionale Vittime dell’Inquinamento Ambientale nella data del 25 Febbraio. «L’Italia intera soffre di malattie ambiente-correlate e i siti altamente inquinati sono a decine sul territorio […]
Medicina transnazionale delle malattie endocrine: il convegno a Udine il 22 febbraio
Di medicina transnazionale delle malattie endocrine si parlerà al convegno che si svolgerà a Udine dal 22 al 23 febbraio, dove saranno a confronto esperti italiani e colleghi dell’Alpe Adria. «Il convegno – spiega Franco Grimaldi, Direttore della Struttura operativa complessa Endocrinologia e Malattie del metabolismo dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Udine e organizzatore dell’incontro – vede […]
Alessio D’Amato (Regione Lazio): «Grazie Manuel per belle parole su personale San Camillo»
«Da oggi per Manuel inizia una nuova sfida e saremo al suo fianco per aiutarlo. Può contare su una famiglia stupenda e una comunità che gli si è stretta attorno e sono certo non farà mancare il suo affetto e il suo appoggio». Lo dichiara in una nota l’Assessore alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...