Salute 9 Gennaio 2018 16:01

Fumo, alcol, attività sportiva. Ruocco (Ministero Salute): «Ecco come influiscono reddito e istruzione sulla salute degli italiani»

Tra i dati più interessanti emersi nel convegno ‘Passi lunghi 10 anni’, organizzato dall’Istituto Superiore di Sanità e dal Ministero della Salute, anche quelli relativi alle abitudini durante gravidanza e allattamento

Fumo, alcol, attività sportiva. Ruocco (Ministero Salute): «Ecco come influiscono reddito e istruzione sulla salute degli italiani»

Tra le regioni italiane più “sportive” e dedite all’attività fisica ci sono Trentino-Alto Adige, Valle d’Aosta e Sardegna. Tra quelle più sedentarie, il Piemonte e la Basilicata. Ma cosa influisce sulla tendenza di intere popolazioni e singoli soggetti ad intraprendere o meno una vita più salutare? «Le variabili sono tante», conferma ai nostri microfoni Giuseppe Ruocco, Segretario Generale del Ministero della Salute: i dati PASSI – Progressi nella Aziende Sanitarie per la Salute in Italia, mostrano che con il diminuire del reddito e del livello di istruzione aumentano l’abitudine al fumo, la sedentarietà, l’obesità e si riduce l’attività fisica. Le persone con istruzione più elevata, con maggiori disponibilità economica e di cittadinanza italiana si sottopongono inoltre più frequentemente degli altri ai test di diagnosi precoce dei tumori della mammella, del collo dell’utero e dell’intestino. Dati interessanti riguardano inoltre il fumo di tabacco, che oggi in Italia costituisce la prima causa evitabile di morte prematura. Nella popolazione di 30 anni e più, il fumo provoca circa 80mila morti l’anno (il 24% di tutti i decessi tra gli uomini e il 7% dei decessi tra le donne). Quella del fumo e del consumo di alcol è, infine, una grossa fonte di preoccupazione, in particolare per le donne in gravidanza. Nonostante sia raccomandato per tutte le donne in fase di gravidanza o allattamento di evitare di fumare o di bere alcolici, sono ancora tantissime quelle che non se ne preoccupano: 1 donna su 6 consuma alcolici durante la gravidanza e 1 su 4 durante l’allattamento. Stesso discorso per quanto riguarda il fumo: più del 10% delle donne in gravidanza o allattamento continua a fumare.

Questi i dati più interessanti emersi dal convegno ‘Passi lunghi 10 anni’, organizzato dall’Istituto Superiore di Sanità e dal Ministero della Salute in occasione del decennale dell’implementazione di “PASSI – Progressi nella Aziende Sanitarie per la Salute in Italia”, il sistema di sorveglianza che raccoglie in maniera continuativa informazioni sui comportamenti e gli atteggiamenti dei cittadini italiani dai 18 ai 69 anni verso la propria salute e il ricorso ai servizi.

Dottor Ruocco, qui si presenta il percorso di PASSI, un importantissimo sistema epidemiologico di prevenzione, studio e analisi della popolazione italiana. Perché, come si dice in modo anche abusato, prevenire è meglio che curare…

«PASSI è uno strumento diventato ormai una delle strutture portanti a disposizione del decisore tecnico e politico in materia di prevenzione. Devo dire che negli ultimi anni ha assunto un ruolo di rilievo attraverso i suoi indicatori di valutazione e rivalutazione dei LEA. Diciamo che abbiamo raggiunto una fase di maturità nella quale i dati, di natura dinamica, che vengono raccolti possono passare dal livello nazionale a quello locale attraverso un’analisi delle interviste e delle risposte che si hanno nei vari ambiti. Queste, abbinate ad una serie di dati sui determinanti sociali che impattano sulla salute, fanno sì che oggi PASSI possa essere un grande aiuto per il nostro Sistema sanitario, in tutti i suoi ambiti: prevenzione ma anche decisioni in merito alla qualità dell’assistenza che viene fornita. Siamo passati da una fase in cui era importante valutare il numero delle prestazioni a quella in cui è importante valutare la qualità, e quindi l’impatto delle prestazioni rese. PASSI è uno strumento utilissimo in questo senso».

Tra i tantissimi dati forniti, volevo soffermarmi su alcuni: i determinanti sociali. Ci sono dati molto interessanti sulle differenze sociali che influiscono sulla salute…

«Il nostro Paese ha ancora delle disparità che si evidenziano nel settore della prevenzione e nella qualità della salute dei nostri cittadini. Esiste anche un gradiente socioeconomico evidente, che è presente anche in letteratura, ma i nostri dati lo confermano sul territorio e ci indicano quindi le aree e le fasce fragili della popolazione sulle quali bisogna intervenire con programmi specifici atti a colmare questo gap».

Tra queste linee ci sono il contrasto all’alcol, al fumo e l’implementazione dell’attività fisica. Sorprende vedere come quest’ultima sia leggermente scesa negli ultimi anni.

«Innanzitutto bisogna capire qual è la differenza tra l’attività sportiva in senso stretto e fisica più in generale, la quale va benissimo, se fatta con una certa intensità volta a migliorare lo stato di salute. Certamente il genere di vita che noi tutti affrontiamo e anche le ridotte possibilità economiche, con conseguenti problemi nell’iscriversi a corsi e palestre, sicuramente ha impattato in qualche maniera su questi risultati. Bisogna agire per superare questo gap, anche spiegando che l’attività fisica va benissimo in palestra ma non necessariamente bisogna investire somme ingenti. Basta un po’ di buona volontà e tempo».

Articoli correlati
Menopausa, non solo vampate: la battaglia è contro lo stigma sociale e le patologie correlate
La neopresidente della IMS (International Menopause Society), prof. Rossella Nappi: «Oggi questa fase coincide sempre più con il momento di maggior realizzazione professionale delle donne: viviamolo al meglio»
In Italia è Padel-mania, ma gli esperti avvertono: «Contro i traumi in aumento, più prevenzione e preparazione fisica»
Al via i corsi Consulcesi con la collaborazione del dott. Andrea Grasso per formare medici e operatori sanitari a riconoscere e contrastare i danni fisici legati allo sport
Giornata vitiligine, Calzavara Pinton (SIDeMaST): «In arrivo il primo farmaco specifico»
Il dermatologo: «Attualmente non esistono farmaci approvati per il trattamento di questa malattia. La fototerapia è l’unico trattamento finora utilizzato, con indicazione specifica, per la vitiligine. Colpisce lo 0,5-2,0% della popolazione e può verificarsi a qualsiasi età anche se, frequentemente, i sintomi iniziali compaiono prima dei 20 anni»
Anoressia giovanile, Castelnuovo (Cattolica): «Fenomeno peggiorato con pandemia. Si parte anche dai 10-11 anni»
Intervista a Gianluca Castelnuovo, professore ordinario di Psicologia clinica Università Cattolica Milano: «Risultati evidenti con psicoterapia breve strategica»
“Alliance for woman’s Health”: per la cura della donna non solo farmaci
Per la prima volta gli esperti mondiali sulla ricerca dell’inositolo (EGOI) partecipano al congresso congiunto della Società Italiana di Fitoterapia e Integratori Ostetricia e Ginecologia (SIFIOG) e l’International Society of Dietary Supplements and Phytotherapy (ISDSP). Molte patologie ostetrico-ginecologiche richiedono, ormai, un approccio integrato
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...