Salute 13 maggio 2015

Finora in Africa 11mila mortiAutocritica OMS: “Ci siamo fatti trovare impreparati”

L’appello del governo della Sierra Leone: “Manca personale qualificato”

Che fosse troppo presto per cantare vittoria qualcuno lo aveva previsto. Proprio nei giorni in cui la Liberia festeggia ufficialmente il suo status di “Ebola free”, l’incubo torna a fare capolino in Italia. Ci eravamo già passati a dicembre, con Fabrizio Pulvirenti, il medico di Emergency contagiato in Sierra Leone e guarito grazie alle cure dell’Istituto Spallanzani. Ora, a distanza di sei mesi, il secondo caso nel nostro Paese, l’infermiere sassarese , anche lui contagiato in Sierra Leone, anche lui volontario di Emergency, anche lui subito ricoverato allo Spallanzani. Analogie che, si spera, si ripeteranno anche per quanto riguarderà l’esito della faccenda.

Intanto, l’OMS dichiara ufficialmente che in Africa si è superata la soglia degli 11mila morti a causa di Ebola, e ammette la propria impreparazione nella gestione iniziale dell’epidemia. Le uniche certezze, ad oggi, sono l’assenza di un vaccino ed il ciclico ritorno – da oltre 40 anni –  del virus, che trova terreno fertile laddove mancano due elementi fondamentali: le condizioni igienico-sanitarie e strutturali di base e l’informazione, la conoscenza, in particolar modo quella degli operatori sanitari. Mentre per risolvere il primo problema servirebbero tempo e risorse ingenti, nel secondo caso è possibile, e necessario, intervenire, anche in vista di epidemie future. Lo sa bene  il ministro della Cultura e del Turismo della Sierra Leone, Peter Bayuku Konteh che di recente ha dichiarato: “Abbiamo bisogno di personale qualificato per gestire l’emergenza. Avevamo un solo medico preparato per curare l’Ebola nel nostro Paese ma è morto per la malattia”.

Un fattore importante da sottolineare è il “danno collaterale” causato da Ebola: molti abitanti dei Paesi colpiti sono deceduti  a causa di altre malattie non curate perché gli ospedali erano chiusi o perché i malati non vi si recavano per paura del contagio. Come anche le ripercussioni economiche in Stati già al collasso. Secondo la Banca Mondiale gli effetti negativi più pesanti sull’economia dei Paesi colpiti da Ebola non riguardano tanto i “costi diretti” (ovvero quelli relativi alle spese sanitarie, ai pazienti morti e alla mancanza di forza lavoro); il vero salasso viene dalla paura del contagio, che a sua volta spinge le persone a chiudersi in casa e ad evitare il contatto con gli altri, con conseguenze nefaste sia in ambito lavorativo che in quello dei trasporti. Anche il settore minerario e quello turistico sono ormai in ginocchio.

Articoli correlati
Meningite, primi casi del 2019. Andreoni (Tor Vergata e Simit): «Profilassi indicata per bambini e fasce a rischio. Per gli adulti? Dipende…»
Si riaccende l’attenzione sulla Toscana per un caso di meningococco B. Anche all’Aquila un ricovero. L’intervista a Massimo Andreoni, responsabile Malattie infettive di Tor Vergata e past president del SIMIT
Febbre del Nilo, boom casi in Europa: sono 975. Italia paese con maggior numero di infezioni
Lo rileva bollettino Ecdc. Casi complessivi aumentati di 3,4 volte rispetto al 2017. Vittime per lo più pazienti affetti da altre patologie: in Serbia e Grecia più decessi
Vacanze esotiche e rischi per la salute: malaria e diarrea infettiva le patologie più diffuse, ecco rischi e precauzioni
Roberto Cauda (Gemelli): «Il vaccino rappresenta l’unico modo per poter contrastare delle malattie per le quali non esiste un’efficace terapia. Ma non sempre è necessario: prima di partire consultare i centri di medicina del viaggiatore»
di Isabella Faggiano
Dalla Chikungunya alla Dengue, tornano le malattie infettive. Ricciardi (ISS): «Siamo preoccupati…»
Il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità: «Stiamo monitorando anche un virus legato ai pipistrelli in Oriente. Popolazione senza vaccinazione più vulnerabile»
SIMIT su HIV, appello alle istituzioni: «Dobbiamo lottare contro il negazionismo. Ministero e ordini intervengano»
In merito al recente caso di cronaca dell’untore di Ancona e alle relative successive affermazioni, il professor Massimo Galli, Presidente SIMIT, Società Italiana Malattie Infettive e Tropicali, interviene sull’argomento. LEGGI ANCHE: UNTORE HIV ANCONA, LO PSICHIATRA: «FORSE MECCANISMO DI NEGAZIONE DELLA MALATTIA, MA NON PSICHIATRIZZIAMO TUTTO È tempo di intervenire «La recente vicenda dell’autotrasportatore di Ancona HIV […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...