Salute 13 Maggio 2015 18:12

Finora in Africa 11mila mortiAutocritica OMS: “Ci siamo fatti trovare impreparati”

L’appello del governo della Sierra Leone: “Manca personale qualificato”

Che fosse troppo presto per cantare vittoria qualcuno lo aveva previsto. Proprio nei giorni in cui la Liberia festeggia ufficialmente il suo status di “Ebola free”, l’incubo torna a fare capolino in Italia. Ci eravamo già passati a dicembre, con Fabrizio Pulvirenti, il medico di Emergency contagiato in Sierra Leone e guarito grazie alle cure dell’Istituto Spallanzani. Ora, a distanza di sei mesi, il secondo caso nel nostro Paese, l’infermiere sassarese , anche lui contagiato in Sierra Leone, anche lui volontario di Emergency, anche lui subito ricoverato allo Spallanzani. Analogie che, si spera, si ripeteranno anche per quanto riguarderà l’esito della faccenda.

Intanto, l’OMS dichiara ufficialmente che in Africa si è superata la soglia degli 11mila morti a causa di Ebola, e ammette la propria impreparazione nella gestione iniziale dell’epidemia. Le uniche certezze, ad oggi, sono l’assenza di un vaccino ed il ciclico ritorno – da oltre 40 anni –  del virus, che trova terreno fertile laddove mancano due elementi fondamentali: le condizioni igienico-sanitarie e strutturali di base e l’informazione, la conoscenza, in particolar modo quella degli operatori sanitari. Mentre per risolvere il primo problema servirebbero tempo e risorse ingenti, nel secondo caso è possibile, e necessario, intervenire, anche in vista di epidemie future. Lo sa bene  il ministro della Cultura e del Turismo della Sierra Leone, Peter Bayuku Konteh che di recente ha dichiarato: “Abbiamo bisogno di personale qualificato per gestire l’emergenza. Avevamo un solo medico preparato per curare l’Ebola nel nostro Paese ma è morto per la malattia”.

Un fattore importante da sottolineare è il “danno collaterale” causato da Ebola: molti abitanti dei Paesi colpiti sono deceduti  a causa di altre malattie non curate perché gli ospedali erano chiusi o perché i malati non vi si recavano per paura del contagio. Come anche le ripercussioni economiche in Stati già al collasso. Secondo la Banca Mondiale gli effetti negativi più pesanti sull’economia dei Paesi colpiti da Ebola non riguardano tanto i “costi diretti” (ovvero quelli relativi alle spese sanitarie, ai pazienti morti e alla mancanza di forza lavoro); il vero salasso viene dalla paura del contagio, che a sua volta spinge le persone a chiudersi in casa e ad evitare il contatto con gli altri, con conseguenze nefaste sia in ambito lavorativo che in quello dei trasporti. Anche il settore minerario e quello turistico sono ormai in ginocchio.

Articoli correlati
Epidemia di Ebola, paura in Uganda
Torna la paura in Uganda: nell'ultimo mese, almeno 64 persone sono state infettate da una specie rara di virus Ebola, per la quale non sono disponibili vaccini o trattamenti e il primo bilancio parla di almeno 30 morti
di Stefano Piazza
Focolaio di Ebola in Congo. Oms preoccupata, subito al via nuova campagna di vaccinazione
«Il tempo non è dalla nostra parte», ha affermato Matshidiso Moeti, direttore regionale dell'Oms per l'Africa
di Stefano Piazza
Tutte le emergenze sanitarie affrontate nel 2020 (di cui non si sente parlare)
Non solo Covid: la seconda più grande epidemia di Ebola nella Repubblica democratica del Congo, febbre gialla in Togo e Gabon, morbillo in Messico, la battaglia contro le malattie tropicali e quella costante contro Hiv, malaria ed epatite. Tutte le emergenze sanitarie del 2020 combattute dall'Organizzazione mondiale della sanità
Coronavirus, Parrino (Emergency): «Sono le popolazioni che sconfiggono i virus»
Intervista al responsabile delle field operations della ONG che ha allestito l’ospedale da campo a Bergamo: «Non è molto diverso dai miei giorni in Sierra Leone»
di Tommaso Caldarelli
Ebola, autorizzato in Europa il primo vaccino contro il virus
Si chiama Ervebo ed è lo stesso vaccino utilizzato in Congo in via sperimentale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 30 gennaio 2023, sono 670.393.844 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.824.175 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Salute

Kraken, la nuova variante di Omicron dietro il boom di contagi negli Usa

Secondo il Cdc, Kraken ha più che raddoppiato il numero di contagi ogni settimana, passando dal 4% al 41% delle nuove infezioni