Salute 13 Maggio 2015

Finora in Africa 11mila mortiAutocritica OMS: “Ci siamo fatti trovare impreparati”

L’appello del governo della Sierra Leone: “Manca personale qualificato”

Che fosse troppo presto per cantare vittoria qualcuno lo aveva previsto. Proprio nei giorni in cui la Liberia festeggia ufficialmente il suo status di “Ebola free”, l’incubo torna a fare capolino in Italia. Ci eravamo già passati a dicembre, con Fabrizio Pulvirenti, il medico di Emergency contagiato in Sierra Leone e guarito grazie alle cure dell’Istituto Spallanzani. Ora, a distanza di sei mesi, il secondo caso nel nostro Paese, l’infermiere sassarese , anche lui contagiato in Sierra Leone, anche lui volontario di Emergency, anche lui subito ricoverato allo Spallanzani. Analogie che, si spera, si ripeteranno anche per quanto riguarderà l’esito della faccenda.

Intanto, l’OMS dichiara ufficialmente che in Africa si è superata la soglia degli 11mila morti a causa di Ebola, e ammette la propria impreparazione nella gestione iniziale dell’epidemia. Le uniche certezze, ad oggi, sono l’assenza di un vaccino ed il ciclico ritorno – da oltre 40 anni –  del virus, che trova terreno fertile laddove mancano due elementi fondamentali: le condizioni igienico-sanitarie e strutturali di base e l’informazione, la conoscenza, in particolar modo quella degli operatori sanitari. Mentre per risolvere il primo problema servirebbero tempo e risorse ingenti, nel secondo caso è possibile, e necessario, intervenire, anche in vista di epidemie future. Lo sa bene  il ministro della Cultura e del Turismo della Sierra Leone, Peter Bayuku Konteh che di recente ha dichiarato: “Abbiamo bisogno di personale qualificato per gestire l’emergenza. Avevamo un solo medico preparato per curare l’Ebola nel nostro Paese ma è morto per la malattia”.

Un fattore importante da sottolineare è il “danno collaterale” causato da Ebola: molti abitanti dei Paesi colpiti sono deceduti  a causa di altre malattie non curate perché gli ospedali erano chiusi o perché i malati non vi si recavano per paura del contagio. Come anche le ripercussioni economiche in Stati già al collasso. Secondo la Banca Mondiale gli effetti negativi più pesanti sull’economia dei Paesi colpiti da Ebola non riguardano tanto i “costi diretti” (ovvero quelli relativi alle spese sanitarie, ai pazienti morti e alla mancanza di forza lavoro); il vero salasso viene dalla paura del contagio, che a sua volta spinge le persone a chiudersi in casa e ad evitare il contatto con gli altri, con conseguenze nefaste sia in ambito lavorativo che in quello dei trasporti. Anche il settore minerario e quello turistico sono ormai in ginocchio.

Articoli correlati
Ebola, non si arresta epidemia in Congo. Dalla UE altri 5 milioni di euro per fronteggiare la crisi
L’ebola continua a mietere vittime in Congo e per aiutare la nazione africana si muove l’Ue che sta intensificando l’aiuto umanitario con altri 5 milioni di euro. Il numero di morti confermate dell’epidemia è attualmente di oltre mille persone. Con l’annuncio odierno, il finanziamento totale dell’UE per affrontare la malattia nel paese ammonta a 17 […]
Epidemia morbillo a New York, parla il direttore dell’Istituto USA malattie infettive: «No ad esenzione vaccini per ragioni ‘filosofiche’»
ESCLUSIVA | Le interviste di Sanità Informazione al NYC Department of Health e al direttore del National Institute for Allergy and Infectious Diseases Anthony Fauci, che dichiara: «Il morbillo è una malattia molto pericolosa. Prima del vaccino causava la morte di 2-3 milioni di persone l’anno in tutto il mondo. Le autorità devono far capire meglio alla popolazione che i vaccini sono sicuri ed efficaci in modo che si sottoponga volontariamente alla profilassi»
L’ultimo articolo di Fernando Aiuti: «Vi spiego perché i vaccini sono sicuri. Senza di loro non avremmo mai sconfitto molte malattie infettive»
Ecco l’ultimo scritto dell’immunologo di fama mondiale pubblicato sull’Italian Journal of Prevention, Diagnostic and Therapeutic Medicine: «Il problema fondamentale è sostenere che il rischio beneficio è centinaia di volte a favore dei vaccini rispetto alla malattia. Inoltre è essenziale indicare alla popolazione le evidenze scientifiche»
di Fernando Aiuti
Meningite, primi casi del 2019. Andreoni (Tor Vergata e Simit): «Profilassi indicata per bambini e fasce a rischio. Per gli adulti? Dipende…»
Si riaccende l’attenzione sulla Toscana per un caso di meningococco B. Anche all’Aquila un ricovero. L’intervista a Massimo Andreoni, responsabile Malattie infettive di Tor Vergata e past president del SIMIT
Febbre del Nilo, boom casi in Europa: sono 975. Italia paese con maggior numero di infezioni
Lo rileva bollettino Ecdc. Casi complessivi aumentati di 3,4 volte rispetto al 2017. Vittime per lo più pazienti affetti da altre patologie: in Serbia e Grecia più decessi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...