Salute 3 Aprile 2019

Fibrosi cistica, Fornaro (Lifc): «Legge 548/93 la svolta, ora monitorare risorse e uniformare cure su tutto il territorio»

«Ancora oggi mancano strumenti di monitoraggio per controllare l’uso delle risorse pubbliche e garantire a tutti i pazienti elevati e uniformi standard di cure da nord a sud» sostiene il presidente Lifc. Della stessa opinione Mariapia Garavaglia, prima firmataria della Legge: «Non possiamo paragonare il Veneto alla Puglia, dove stanno mettendo in dubbio anche l’utilizzo dei fondi vincolati per la fibrosi cistica»

Immagine articolo

La fibrosi cistica è la malattia genetica rara più diffusa che colpisce pancreas, fegato e polmoni. Negli anni ’80, era considerata una “malattia pediatrica” perché difficilmente consentiva di raggiungere l’età adulta. Ad oggi, non esiste una cura risolutiva ma grazie ai continui progressi e miglioramenti nelle cure, l’aspettativa di vita, che prima si fermava all’adolescenza, è arrivata a 37,2 anni. In Italia, infatti, la metà dei pazienti ha superato i 18 anni.

Gli enormi passi avanti nella prevenzione e nella cura della malattia sono stati fatti grazie all’introduzione della lungimirante Legge 548/1993,  che ha permesso la creazione di centri specializzati nella cura della malattia in ogni Regione, stanziato fondi per la ricerca, assicurato la gratuità dei farmaci oltre ad avere implementato lo screening neonatale. Per celebrare i suoi 25 anni, oggi la sala dell’Istituto di Santa Maria Aquiro presso il Senato della Repubblica ha ospitato l’evento “Fibrosi cistica: 25 anni di tutele e diritti dalla Legge 548/93: cosa è cambiato”.

A margine del convegno abbiamo intervistato Gianna Puppo Fornaro, il presidente della Lega italiana fibrosi cistica, l’associazione nazionale che si occupa dei pazienti e delle famiglie a 360 gradi, dalla qualità delle cure alla qualità della vita e promuovendo programmi di ricerca per migliorare la diagnosi precoce e la riabilitazione.

«Oggi è una giornata di grande gioia – commenta il Presidente Lifc (Lega Italiana Fibrosi Cistica Onlus) -. In questi anni abbiamo ottenuto tanti risultati: in tutte le Regioni c’è un centro di riferimento per questa patologia e un’associazione che lavora in sinergia con il centro, creando un ponte dove convergono tutte le necessità e le esigenze dei pazienti e dei clinici nel loro diritto ad un’assistenza di qualità. I pazienti con fibrosi cistica sono circa seimila, più del 50% di loro sono adulti – prosegue -. È necessario creare nuovi centri che possano accogliere questi pazienti adulti».

L’obiettivo primario è garantire la corretta ed omogenea applicazione della Legge su tutto il territorio nazionale: «L’importante è dare cure da nord a sud, non esistono pazienti di serie A e B. Noi chiediamo solo che la Legge venga applicata correttamente secondo il suo dettato, perché aveva già previsto tutte le sfaccettature della patologia. Non è difficile, non chiediamo risorse in più, solo che venga applicata» specifica Gianna Puppo Fornaro.

«Questa Legge ha cambiato la vita dei pazienti: ha rappresentato un salto di qualità per una malattia rara, perché ha stabilito intanto un finanziamento certo e un’organizzazione territoriale certa, i centri di riferimento regionali, l’accesso ai farmaci in modo adeguato, implementato gli screening neonatali e la diagnosi precoce – spiega con soddisfazione Mariapia Garavaglia, Presidente Fondazione Roche, Ministro della Salute ai tempi e prima firmataria della Legge 548/93. «Inutile nasconderci; la Legge non è stata applicata alla stessa maniera: non possiamo paragonare il Veneto alla Puglia, dove stanno mettendo in dubbio anche l’utilizzo dei fondi vincolati per la fibrosi cistica».

LEGGI ANCHE: MALATTIE RARE, IL GENETISTA DALLA PICCOLA: «CON TECNICHE GENOMICHE DIAGNOSI RAPIDE NEL 60% DEI CASI. IN PIANO NAZIONALE ARMONIZZARE PRESA IN CARICO DEI PAZIENTI»

Articoli correlati
Professioni sanitarie, l’ex ministro Mariapia Garavaglia: «Siano consapevoli del loro ruolo, fondamentale garantire sviluppo di carriera»
La presidente della Fondazione Roche sarà tra i relatori del Congresso ANTEL di Roma di settembre. Ai microfoni di Sanità Informazione sottolinea l’importanza del nuovo maxiOrdine: «L’adesione a un Ordine garantisce sia i professionisti che i cittadini utenti perché ora c’è la garanzia del percorso formativo e del controllo professionale»
Come ti diagnostico l’aneurisma con algoritmi e calcoli matematici. La ricerca dell’università di Perugia
«Il nostro obiettivo è consentire la diagnosi di alcune patologie vascolari anche nei pazienti che non possono sottoporsi a TC con mezzo di contrasto», spiega il ricercatore Danilo Costarelli
Telemedicina e cooperazione: la sfida, vinta, dalla Onlus GHT di Michelangelo Bartolo
GHT è un servizio di teleconsulto multi-specialistico e gratuito attivo in 15 paesi, curato da un pool di specialisti europei che nasce per rispondere ai quesiti medici che arrivano dai luoghi più disagiati del mondo. Ci spiega tutto il medico fondatore Bartolo
Arriva il master in “diritti dei pazienti” per migliorare la sanità
Fornire strumenti corretti ai pazienti per permettere loro di partecipare all’attività sanitaria regionale. Questo l’obiettivo del progetto triennale varato dalla Regione, prima in Italia, con l’Alta scuola di Economia e Management dei sistemi sanitari dell’Università Cattolica mediante una convenzione che prevede uno percorso formativo per operatori dei servizi sanitari in sinergia con il Patient Advocacy […]
Ricerca clinica, in Italia pochi fondi pubblici e troppa burocrazia. Mandelli (Fofi): «Serve credito di imposta totale per le aziende»
Il Presidente della Federazione Ordini farmacisti Italiani interviene sul tema della ricerca clinica: «Nonostante le difficoltà la capacità dei nostri ricercatori è così forte che vince ogni fatica e i loro successi sono i successi di una Italia che non si vuole arrendere»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone