Salute 22 Ottobre 2020 16:57

Covid-19, Ricciardi: «Possiamo evitare lockdown ma non con coprifuoco. Politica in ritardo»

Il consulente del ministro Speranza: «Il coprifuoco non è stato efficace in Francia e in Spagna. Il Covid lo portano le masse di persone che si addensano nei locali o sui trasporti pubblici»

Covid-19, Ricciardi: «Possiamo evitare lockdown ma non con coprifuoco. Politica in ritardo»

«Ci troviamo di fronte a un andamento esponenziale perché non abbiamo fatto quello che avremmo dovuto fare due settimane fa. Si può evitare il lockdown generale, ma non con le misure prese fino ad ora». Walter Ricciardi è convinto che la strada intrapresa dal Governo per contenere la seconda ondata non sia quella giusta. E lo ha detto senza mezze misure durante la conferenza stampa di presentazione del Festival della Salute Globale di cui è direttore scientifico: «Il coprifuoco non si è dimostrato efficace in Francia e in Spagna, il Covid non è portato dai metronotte – come qualcuno ha ironizzato – ma lo portano le masse delle persone che si addensano nei locali o sui trasporti pubblici».

Poi, si è soffermato sui dati: «Nelle aree metropolitane c’è un indice di trasmissione del 2,3. Il raddoppio dei casi può avvenire ogni giorno. Di recente, avevo detto che viaggiavamo sulla lama del rasoio e avevo previsto i 16.000 casi prima di Natale. Ma li abbiamo avuti ieri».

RICCIARDI: «POLITICA HA PAURA, TERRORIZZATA DA CRISI ECONOMICA»

Il fatto, secondo Ricciardi, è che la politica ha paura: «È in ritardo, non solo in Italia. I politici sono terrorizzati dalla crisi economica, dal prendere le decisioni che dovrebbero prendere al momento giusto e nel modo giusto. Il nostro compito è porci in modo lucido e responsabile – ha sottolineato -. La metodologia epidemiologica è una delle branche della medicina con la maggiore capacità predittiva. Era scontato che prima o poi ci sarebbe stato un evento del genere – ha aggiunto – era prevedibile, come lo è quello che accadrà domani e dopodomani alla luce delle decisioni prese».

RICCIARDI: «ABBIAMO GLI STRUMENTI PER POTER AGIRE, MA È IMPORTANTE NON SOTTOVALUTARE I RISCHI»

«Abbiamo capito che è tutto collegato, la distruzione dell’ambiente ha permesso che saltassero alcuni equilibri e la pandemia ne è l’esempio – ha precisato Ricciardi -. Abbiamo gli strumenti per poter agire, ma è importante non sottovalutare i rischi e le vulnerabilità, dalle pandemie influenzali all’antibiotico-resistenza, dal cambiamento climatico, alle popolazioni vulnerabili e al mancato accesso alle cure.

Le priorità, secondo il consulente del ministro della Salute Speranza, sono rendere le cure accessibili a tutti, finanziare la ricerca di nuovi farmaci e vaccini, contrastare le disuguaglianze e lottare contro i cambiamenti climatici. «Vanno rafforzati i nostri sistemi sanitari – ha continuato – per poter fronteggiare le emergenze e le possibili conseguenze, potenziata la nostra consapevolezza e coscienza civica».

Ricciardi ha parlato infatti di «cittadini poco consapevoli e informati dal punto di vista sanitario e scientifico. Gli investimenti sulla scuola e la sanità sono stati pochi e questo è il risultato – ha concluso -. Vittime della cattiva informazione e della disinformazione».

VELLA: «LA SALUTE GLOBALE RIGUARDA TANTI ASPETTI DELLA NOSTRA VITA»

La seconda edizione del Festival della Salute Globale presentata oggi sarà quindi l’occasione per discutere dell’attuale situazione sanitaria globale e delle ripercussioni sociali, economiche e culturali che sta causando. Quest’anno si terrà online dal 9 al 15 novembre 2020. Progettata dagli Editori Laterza e promossa da Comune e Università degli Studi di Padova, la manifestazione era stata rimandata ad aprile per la pandemia di Covid-19.

Il Covid-19 sarà inevitabilmente al centro di questa edizione che avrà una veste nuova e interattiva. Il programma è ricco di interventi con relatori illustri che affronteranno i temi della sostenibilità, dell’innovazione, delle partnership pubblico-private e delle azioni concrete da adottare come misure precauzionali per far fronte adeguatamente a potenziali disastri.

«Il Festival è rivolto ai cittadini – ha spiegato Stefano Vella, già Presidente dell’AIFA e Direttore del Centro per la Salute Globale dell’Istituto Superiore di Sanità e attualmente docente di Salute Globale presso l’Università Cattolica -. Non è un congresso scientifico. La salute globale non riguarda solo un aspetto della nostra vita. Si affronterà la questione della pandemia e il suo impatto sulla nostra vita, di patologie pschiatriche e psicologiche connesse al Covid».

E poi di salute globale: «A causa del Covid rischiamo di trascurare le malattie oncologiche e rare; si parlerà del cambiamento climatico, dello sviluppo sostenibile con un focus dedicato alle disuguaglianze e all’economia della salute, al benessere e alle migrazioni» ha concluso.

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Dopo il Covid-19, la pneumologia guarda al futuro
Parte la “Next generation. Pneumologi di domani a confronto” nell’Aula Magna dell’Università La Sapienza a Roma. Fino a domenica 5 dicembre i lavori in presenza e online del convegno SIP/IRS a cura di Francesco Lombardi e Carlo Vancheri
Dati ISS: Rt a 1,20 e incidenza in salita. Forte aumento casi non associati a catene già note
Ancora in salita Rt e incidenza sul territorio nazionale. Diminuiscono i casi rilevati tramite tracciamento contatti e anche l'Rt ospedaliero, che arriva a 1,09
Omicron, Cavaleri (Ema): «Servono due settimane per capire se evade l’immunità dei vaccini. Presto nuove autorizzazioni»
Il direttore della strategia vaccinale dell’Agenzia europea del farmaco elenca le prossime scadenze e i progetti in cantiere
Vaccino Covid 5-11 anni: il sì di AIFA e tutte le informazioni utili
Dopo il via libera di AIFA al vaccino Covid per i bambini l'Italia si prepara alle prime somministrazioni per metà mese. Subito attivata la rete dei pediatri per fornire supporto, in attesa di ricevere le dosi. C'è un rischio miocarditi?
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 3 dicembre, sono 264.261.428 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.235.680 i decessi. Ad oggi, oltre 8,08 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

«A Natale 25-30mila casi al giorno e 1000 decessi settimanali. Tutto dipenderà dal Governo». L’analisi del fisico Sestili

L’intervista al divulgatore scientifico Giorgio Sestili: «La curva continuerà a crescere di un 25-30% settimanale. Lo scenario drammatico in Austria e Germania si può ripropo...