Salute 7 Ottobre 2020 15:08

Giornata Psicologia, Lazzari (CNOG): «Nuovo lockdown sarebbe insostenibile, ora attivare rete psicologica pubblica»

Convegno al Tempio di Adriano dal titolo “Il diritto alla salute psicologica”. Stress in aumento nelle ultime settimane, ma giovani reagiscono meglio. Tra gli ospiti Neri Marcorè e Angelo Borrelli

«Lo stress psicologico è esploso durante la pandemia e non ha trovato una rete psicologica pubblica in grado di dare una risposta». La denuncia arriva da David Lazzari, Presidente del Consiglio Nazionale dell’ordine degli Psicologi, in apertura dei lavori del convegno “Il diritto alla salute psicologica” organizzato al Tempio di Adriano di Roma per celebrare la Giornata nazionale della Psicologia che si celebra ogni anno il 10 ottobre.

Al Convegno sono arrivati anche messaggi dal Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e dai ministri della Salute e dell’Istruzione Roberto Speranza e Lucia Azzolina. «Nella mia idea di nuovo Ssn c’è uno spazio importante per la vostra professionalità – ha sottolineato Speranza -. Leggerò con attenzione le vostre proposte e avremo modo di confrontarci tutti insieme nella Consulta delle professioni sanitarie».

L’AUMENTO DEL DISAGIO PSICOLOGICO

«C’è necessità di una messa a sistema della psicologia – ha sottolineato il Presidente del CNOG David Lazzari -. Dopo l’estate i livelli di stress sono tornati a crescere e siamo quasi ai livelli di marzo, si pensi solo che il 59% degli italiani ha un livello di stress medio-alto (tra 70 e 100). In queste condizioni il Paese non ha le risorse psicologiche per reggere un nuovo lockdown. Sarebbe insostenibile una seconda chiusura totale. Occorrono quindi provvedimenti e comportamenti responsabili per tenere la pandemia sotto controllo e l’urgente attivazione di una rete psicologica pubblica, a partire dal sistema sanitario, dall’assistenza di base e dalla scuola».

Tutti i dati mostrati durante il convegno mostrano un deciso aumento dei disturbi psicologici in questi mesi di pandemia: ansia, disturbi del sonno, irritabilità, depressione, problemi relazionali e alimentari i disturbi più osservati. Uno studio inglese ha rilevato inoltre un aumento dello stress del 10% rispetto agli anni passati che colpisce tutte le classi sociali. «Attenzione all’onda lunga di un disagio che, se non trattato, può compromettere la salute. Abbiamo il compito di sensibilizzare le istituzioni al diritto alla salute psicologica», sottolinea Lazzari.

I DATI DELL’ISTITUTO PIEPOLI

«La nuova normalità è essere più stressati. A sette mesi dall’inizio dell’emergenza, tra le cose con le quali gli italiani sono obbligati convivere c’è anche un maggior livello di stress. Gli psicologi per i cittadini sono una sorta di ‘mascherina della mente’, indispensabili per affrontare questa nuova normalità», sottolinea Livio Gigliuto, Vicepresidente dell’Istituto Piepoli, che ha presentato anche i dati di un’indagine svolta per Fondazione Pisa e Fondazione Charlie durante il lockdown secondo cui 4 giovani su 10 hanno chattato o fatto video-chiamate con amici o familiari ogni giorno, un quarto ha svolto attività fisica in casa e il 24% ha pregato almeno una volta alla settimana. Si registra anche un ritorno all’uso del diario (anche in questo caso, il 24% degli italiani lo ha scritto almeno una volta alla settimana). 5 giovani su 10 dichiarano di aver vissuto il lockdown da fidanzate e fidanzati, con qualche conflitto in più ma con buona tenuta delle relazioni.

«Sul futuro, gli adolescenti appaiono ragionevoli e lungimiranti – spiega Gigliuto -. Per il 70% la situazione si risolverà, ma ci vorrà molto tempo; in sette casi su dieci ci si dichiara attenti a non essere contagiati e metà degli intervistati spende con oculatezza, pensando che con l’emergenza ci siano meno soldi per tutti. Infine, la maggioranza dei giovani è ottimista sul mondo post-emergenza. Ad essere convinti che torneremo a vivere come prima sono soprattutto i membri della Generazione Z, i più giovani tra i giovani».

Tra gli ospiti della manifestazione anche l’attore Neri Marcorè che, tra le altre cose, ha recitato un monologo di Giorgio Gaber (“Gli oggetti”) e il Capo della Protezione Civile Angelo Borrelli che ha ricevuto il premio “Psicologi per la solidarietà”.

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato 

Articoli correlati
Lockdown controproducenti, in alcuni paesi hanno aumentato i contagi
Uno studio dell'Università della Finlandia orientale ha dimostrato che, in alcuni paesi, i lockdown sono stati inutili e controproducenti. In altre parole, i blocchi completi hanno aumentato la diffusione dei contagi
Cosa spinge un figlio ad uccidere il proprio padre?
Intervista alla psicologa e criminologa Cristina Brasi
di Stefano Piazza
La fuga dai social della gen Z
Pagliariccio (psicologo): «Tra le nuove generazioni c’è chi ritiene che l’utilizzo dei social sia faticoso, che generi un sovraccarico cognitivo, che non risponda ai propri bisogni personali. I giovani d’oggi abbandonano senza remore ciò che non li rende felici»
La Strage di Buffalo e il narcisismo patologico
Cosa può spingere un ragazzo qualunque a compiere una strage come quella di qualche giorno fa? Uno studio delle possibili motivazioni
di Stefano Piazza
Shanghai, misure draconiane per evitare i contagi. Cos’è il “sistema bolla”?
Dipendenti delle "aziende essenziali" fino al prossimo 1 maggio 2022, resteranno 24 ore su 24 in azienda. Sì, anche a dormire e mangiare
di Stefano Piazza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...