Salute 16 Ottobre 2020

Covid-19, Edcd stila le mappe della pandemia: in Italia solo una regione è ancora “verde”

Le proiezioni aggiornate ogni settimana del procedere della seconda ondata. L’Italia e la Germania sono ancora le meno colpite in Europa. Intanto la Gran Bretagna ha imposto la quarantena a chi arriva dall’Italia

Immagine articolo

Semaforo rosso e verde, le mappe che stabiliscono le “zone sicure” in Europa. L’Ecdc (Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie) ha cominciato a stilare un set di mappe preparate con intervalli settimanali. Le mappe includono informazioni sul tasso di notifica a 14 giorni di nuovi casi confermati di Covid-19 per 100mila abitanti a livello subnazionale, tasso di test settimanali nazionali Covid-19 per 100mila abitanti e il tasso di positività dei test.

Queste rilevazioni sono parte dell’attuazione di una Raccomandazione adottata dal Consiglio dell’Unione europea all’inizio di questa settimana su un approccio coordinato alla restrizione della libera circolazione in risposta alla pandemia.

Nel frattempo, con l’aumento dei casi nel nostro Paese, da domenica chiunque arrivi in Gran Bretagna dall’Italia dovrà sottoporsi a due settimane di isolamento. Una decisione che, secondo stime citate dal Times, riguarderà 300mila cittadini del Regno Unito che si trovano in Italia o stavano per arrivarci.

GLI INDICATORI DELLE MAPPE

Nelle mappe le aree sono segnate in:

  • verde se il tasso di notifica di 14 giorni è inferiore a 25 casi su 100mila abitanti e il tasso di positività del test inferiore al 4%;

  • arancione se il tasso di notifica di 14 giorni è inferiore a 50 casi per 100mila abitanti, ma il tasso di positività del test è del 4% o superiore o, se il tasso di notifica di 14 giorni è compreso tra 25 e 150 casi per 100mila abitanti e il tasso di positività del test è inferiore al 4%;

  • rosso se il tasso di notifica di 14 giorni è di 50 casi per 100mila abitanti o superiore e il tasso di positività del test è del 4% o superiore o se il tasso di notifica di 14 giorni è superiore a 150 casi per 100mila abitanti;

  • grigio se le informazioni sono insufficienti o se il tasso di test è inferiore a 300 casi su 100mila abitanti.

 

Per ora rimangono “sicure” solo la Calabria, il sud della Grecia, la maggior parte di Norvegia e Finlandia e alcune zone tra Germania del nord e Danimarca del sud. L’Italia rientra nel grado arancione insieme al resto della Germania. Gran Bretagna, Francia e Spagna sono diventate invece di colore rosso.

Nella seconda mappa si può notare come l’Italia rientri, per la maggior parte, nella classificazione che va da 50 a 150 casi per 100mila abitanti. Solo il Molise rientra tra 25 e 50 casi e la Calabria al di sotto dei 25. Francia, Spagna e Gran Bretagna figurano con i valori più alti: oltre 150 casi per 100mila abitanti.

Nell’ultima mappa è esplicitato il tasso di positività, ovvero il rapporto testati/positivi che, per essere in una situazione sicura, non dovrebbe andare oltre il 4%. Per il momento, secondo le rilevazioni del 16 ottobre, l’Italia rientra nella zona verde inferiore al 4% con la Germania, la Danimarca e la Scandinavia. In giallo, con un tasso superiore o uguale, Francia, Gran Bretagna e Spagna.

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid, Ecdc: «In Europa interventi inefficaci, situazione ad alto rischio. Servono misure immediate»
Situazione preoccupante secondo gli esperti del Centro europeo per il controllo delle malattie: le misure sono arrivate in ritardo e l'adesione non è stata ottimale
La Fimp replica a D’Amato: «Nel Lazio i Pediatri sono 757 e non 1100»
«Le critiche rivolte al nostro operato ci amareggiano, ma non ci abbattono perché il nostro ruolo e il nostro compito principale rimane quello di tutelare la salute dei bambini e di sostenere le famiglie» così il Segretario della F.I.M.P Teresa Rongai
«Futuri medici o solo studenti senza voce?»
di Sofia Salvetti, studentessa di Medicina
di Sofia Salvetti, studentessa di Medicina
Cos’è la pandemic fatigue? L’esperto ci spiega perché ne soffre il 60% degli europei
Spossatezza e sfiducia nelle regole, nella seconda ondata tanti sentono la pandemic fatigue. Cosa succede nel nostro cervello? Il professor Vitiello (coordinatore "Lavoro" OdP Lazio) spiega come contrastarla
Covid-19, Ricciardi: «Possiamo evitare lockdown ma non con coprifuoco. Politica in ritardo»
Il consulente del ministro Speranza: «Il coprifuoco non è stato efficace in Francia e in Spagna. Il Covid lo portano le masse di persone che si addensano nei locali o sui trasporti pubblici»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 ottobre, sono 41.705.699 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.137.333 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Ecm

ECM, De Pascale (Co.Ge.APS): «Entro fine anno azzereremo posizioni arretrate e Ordini potranno certificare formazione»

Il presidente del Co.Ge.APS racconta a Sanità Informazione i mesi appena trascorsi e anticipa il cambiamento di forma giuridica che il Consorzio avrà dal prossimo anno. E sulla riforma del sistema E...