Salute 16 Ottobre 2020 14:46

Covid-19, Ecdc stila le mappe della pandemia: in Italia solo una regione è ancora “verde”

Le proiezioni aggiornate ogni settimana del procedere della seconda ondata. L’Italia e la Germania sono ancora le meno colpite in Europa. Intanto la Gran Bretagna ha imposto la quarantena a chi arriva dall’Italia

Covid-19, Ecdc stila le mappe della pandemia: in Italia solo una regione è ancora “verde”

Semaforo rosso e verde, le mappe che stabiliscono le “zone sicure” in Europa. L’Ecdc (Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie) ha cominciato a stilare un set di mappe preparate con intervalli settimanali. Le mappe includono informazioni sul tasso di notifica a 14 giorni di nuovi casi confermati di Covid-19 per 100mila abitanti a livello subnazionale, tasso di test settimanali nazionali Covid-19 per 100mila abitanti e il tasso di positività dei test.

Queste rilevazioni sono parte dell’attuazione di una Raccomandazione adottata dal Consiglio dell’Unione europea all’inizio di questa settimana su un approccio coordinato alla restrizione della libera circolazione in risposta alla pandemia.

Nel frattempo, con l’aumento dei casi nel nostro Paese, da domenica chiunque arrivi in Gran Bretagna dall’Italia dovrà sottoporsi a due settimane di isolamento. Una decisione che, secondo stime citate dal Times, riguarderà 300mila cittadini del Regno Unito che si trovano in Italia o stavano per arrivarci.

GLI INDICATORI DELLE MAPPE

Nelle mappe le aree sono segnate in:

  • verde se il tasso di notifica di 14 giorni è inferiore a 25 casi su 100mila abitanti e il tasso di positività del test inferiore al 4%;

  • arancione se il tasso di notifica di 14 giorni è inferiore a 50 casi per 100mila abitanti, ma il tasso di positività del test è del 4% o superiore o, se il tasso di notifica di 14 giorni è compreso tra 25 e 150 casi per 100mila abitanti e il tasso di positività del test è inferiore al 4%;

  • rosso se il tasso di notifica di 14 giorni è di 50 casi per 100mila abitanti o superiore e il tasso di positività del test è del 4% o superiore o se il tasso di notifica di 14 giorni è superiore a 150 casi per 100mila abitanti;

  • grigio se le informazioni sono insufficienti o se il tasso di test è inferiore a 300 casi su 100mila abitanti.

 

Per ora rimangono “sicure” solo la Calabria, il sud della Grecia, la maggior parte di Norvegia e Finlandia e alcune zone tra Germania del nord e Danimarca del sud. L’Italia rientra nel grado arancione insieme al resto della Germania. Gran Bretagna, Francia e Spagna sono diventate invece di colore rosso.

Nella seconda mappa si può notare come l’Italia rientri, per la maggior parte, nella classificazione che va da 50 a 150 casi per 100mila abitanti. Solo il Molise rientra tra 25 e 50 casi e la Calabria al di sotto dei 25. Francia, Spagna e Gran Bretagna figurano con i valori più alti: oltre 150 casi per 100mila abitanti.

Nell’ultima mappa è esplicitato il tasso di positività, ovvero il rapporto testati/positivi che, per essere in una situazione sicura, non dovrebbe andare oltre il 4%. Per il momento, secondo le rilevazioni del 16 ottobre, l’Italia rientra nella zona verde inferiore al 4% con la Germania, la Danimarca e la Scandinavia. In giallo, con un tasso superiore o uguale, Francia, Gran Bretagna e Spagna.

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Sostegni Bis, Ianaro (M5S): «Emendamento per prevedere sequenziamento Covid nelle strutture sanitarie»
«L’attività di sequenziamento ha consentito al mondo di identificare rapidamente il virus del Covid 19 ed è fondamentale un continuo monitoraggio della situazione epidemiologica per evitare il sovraccarico delle strutture ospedaliere che da oltre un anno sono sottoposte a stress indicibili. Purtroppo è molto carente e poco integrata nel nostro Servizio sanitario nazionale e per […]
Covid, nuovo report Cabina di regia: «Continua calo incidenza». Da lunedì solo Vda in zona gialla
Pubblicato il report settimanale di ISS-Ministero Salute: tutte le Regioni e Pa hanno Rt compatibile con scenario di tipo 1
Covid e autopsie, perché sono state vietate ad inizio pandemia?
Fineschi (Sapienza): «Autopsie momento fondamentale dal punto di vista diagnostico». Ricci (Univ. Magna Graecia): «Con autopsie possibile distinguere tra morti di Covid e con Covid»
Via libera alla Certificazione verde Covid-19 in Italia
L’Italia anticipa la diffusione del documento digitale che rende più semplice l'accesso ad eventi e strutture in Italia e che faciliterà dal 1° luglio gli spostamenti in Europa. Tutte le informazioni
Allarme SIRU: «Natalità in calo, ritorniamo a prenderci cura della fertilità»
Antonino Guglielmino, presidente della SIRU: «Recuperiamo visite e interventi rimandati, ma soprattutto creiamo iniziative a favore del grave calo di desiderio di genitorialità»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 giugno, sono 177.438.001 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.842.377 i decessi. Ad oggi, oltre 2,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM