Salute 16 Ottobre 2020 14:46

Covid-19, Ecdc stila le mappe della pandemia: in Italia solo una regione è ancora “verde”

Le proiezioni aggiornate ogni settimana del procedere della seconda ondata. L’Italia e la Germania sono ancora le meno colpite in Europa. Intanto la Gran Bretagna ha imposto la quarantena a chi arriva dall’Italia

Covid-19, Ecdc stila le mappe della pandemia: in Italia solo una regione è ancora “verde”

Semaforo rosso e verde, le mappe che stabiliscono le “zone sicure” in Europa. L’Ecdc (Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie) ha cominciato a stilare un set di mappe preparate con intervalli settimanali. Le mappe includono informazioni sul tasso di notifica a 14 giorni di nuovi casi confermati di Covid-19 per 100mila abitanti a livello subnazionale, tasso di test settimanali nazionali Covid-19 per 100mila abitanti e il tasso di positività dei test.

Queste rilevazioni sono parte dell’attuazione di una Raccomandazione adottata dal Consiglio dell’Unione europea all’inizio di questa settimana su un approccio coordinato alla restrizione della libera circolazione in risposta alla pandemia.

Nel frattempo, con l’aumento dei casi nel nostro Paese, da domenica chiunque arrivi in Gran Bretagna dall’Italia dovrà sottoporsi a due settimane di isolamento. Una decisione che, secondo stime citate dal Times, riguarderà 300mila cittadini del Regno Unito che si trovano in Italia o stavano per arrivarci.

GLI INDICATORI DELLE MAPPE

Nelle mappe le aree sono segnate in:

  • verde se il tasso di notifica di 14 giorni è inferiore a 25 casi su 100mila abitanti e il tasso di positività del test inferiore al 4%;

  • arancione se il tasso di notifica di 14 giorni è inferiore a 50 casi per 100mila abitanti, ma il tasso di positività del test è del 4% o superiore o, se il tasso di notifica di 14 giorni è compreso tra 25 e 150 casi per 100mila abitanti e il tasso di positività del test è inferiore al 4%;

  • rosso se il tasso di notifica di 14 giorni è di 50 casi per 100mila abitanti o superiore e il tasso di positività del test è del 4% o superiore o se il tasso di notifica di 14 giorni è superiore a 150 casi per 100mila abitanti;

  • grigio se le informazioni sono insufficienti o se il tasso di test è inferiore a 300 casi su 100mila abitanti.

 

Per ora rimangono “sicure” solo la Calabria, il sud della Grecia, la maggior parte di Norvegia e Finlandia e alcune zone tra Germania del nord e Danimarca del sud. L’Italia rientra nel grado arancione insieme al resto della Germania. Gran Bretagna, Francia e Spagna sono diventate invece di colore rosso.

Nella seconda mappa si può notare come l’Italia rientri, per la maggior parte, nella classificazione che va da 50 a 150 casi per 100mila abitanti. Solo il Molise rientra tra 25 e 50 casi e la Calabria al di sotto dei 25. Francia, Spagna e Gran Bretagna figurano con i valori più alti: oltre 150 casi per 100mila abitanti.

Nell’ultima mappa è esplicitato il tasso di positività, ovvero il rapporto testati/positivi che, per essere in una situazione sicura, non dovrebbe andare oltre il 4%. Per il momento, secondo le rilevazioni del 16 ottobre, l’Italia rientra nella zona verde inferiore al 4% con la Germania, la Danimarca e la Scandinavia. In giallo, con un tasso superiore o uguale, Francia, Gran Bretagna e Spagna.

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid, alcune persone potrebbero aver perso l’olfatto per sempre? L’ipotesi allarmante in uno studio
La perdita dell'olfatto a causa di Covid-19 potrebbe durare a lungo o addirittura per sempre. Uno studio rivela che una persona su 20 non l'ha recuperato dopo 18 mesi
Dall’Europa sì a quarta dose per over 60, a settembre i vaccini aggiornati
L'EMA e l'ECDC ufficializzano la loro raccomandazione di estendere la quarta dose agli over 60, almeno 4 mesi dopo la precedente. Nel frattempo confermano la possibile approvazione dei vaccini aggiornati in autunno
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.
Lavoro

Nasce “Elenco Professionisti”, il network digitale di Consulcesi Club dedicato agli specialisti della Sanità

L’obiettivo è aiutare il professionista a migliorare la sua visibilità all’interno della comunità medico-scientifica e facilitare i contatti tra operatori. Simona Gori...