Salute 20 Luglio 2020 14:36

Fermi e senza stipendio da 5 mesi, non c’è fase 2 per i medici fiscali Inps. Mattioli (SMI): «Lavoratori in malattia senza controlli»

«Molti di noi fanno parte di famiglie monoreddito e sono molto in difficoltà» spiega Piera Mattioli, Responsabile SMI Settore Medici Inps. Dopo una diffida all’Inps, l’istituto di previdenza ha convocato una riunione per il 23 luglio. I mille camici bianchi aspettano la firma della convenzione, ma la trattativa si è fermata nel novembre 2019

Fermi e senza stipendio da 5 mesi, non c’è fase 2 per i medici fiscali Inps. Mattioli (SMI): «Lavoratori in malattia senza controlli»

Se in questi mesi qualcuno, dopo essersi messo in malattia, avesse aspettato la visita del medico fiscale dell’Inps avrebbe solo perso tempo: quel medico non sarebbe mai arrivato. A causa dell’emergenza coronavirus il sistema delle visite fiscali di controllo è completamente paralizzato: una decisione che, se poteva avere senso nei mesi più difficili della pandemia, si fa fatica a comprendere adesso. Le conseguenze però non riguardano solo il tasso di assenteismo nella pubblica amministrazione o nelle aziende: mille medici fiscali sono infatti inattivi e senza stipendio da cinque mesi. Ora una formale diffida e messa in mora inviata dal sindacato SMI e dall’associazione di categoria ANMEFI il 16 luglio sembra aver convinto la dirigenza Inps a convocare una videoconferenza sul tema per il 23 luglio.

«Siamo un migliaio di persone senza stipendio – spiega a Sanità Informazione Piera Mattioli, Responsabile Nazionale SMI Settore Medici Inps -. Abbiamo scritto anche all’Enpam, ma senza risposta, per reiterare il bonus da loro erogato per un altro mese. Molti di noi fanno parte di famiglie monoreddito e sono molto in difficoltà». Eppure per i medici fiscali si stavano mettendo bene le cose con la firma di una convenzione che avrebbe garantito diritti importanti. A novembre 2019 però, sul più bello, la trattativa si è interrotta e poi il Covid-19 ha fatto precipitare la situazione.

«Veniamo pagati per quante visite facciamo – spiega Mattioli -. Ma siamo tenuti a fornire una disponibilità. Adesso è di 8 ore la disponibilità, 4 ore la mattina e 4 il pomeriggio. Ma in queste 8 ore è possibile che io faccia solo una visita. Nella convenzione infatti è importante che ci venga assegnata una retribuzione per la disponibilità. Poi una quota per le visite che effettuiamo e una per i rimborsi. La trattativa si è fermata quando dovevano parlare di questo, è lì il problema».

Nella diffida di SMI e ANMEFI si fa effettivamente riferimento al fatto che entro il 31 agosto del 2017 si sarebbe dovuta firmare la convenzione. «C’è una legge, un decreto attuativo, un atto di indirizzo – continua Mattioli -. Purtroppo l’atto di indirizzo è stato scritto con un titolo che è stato riconosciuto essere errato. Forse è stato fatto apposta. La convenzione era infatti tra INPS e i sindacati della medicina generale. Un titolo pensato per escludere soprattutto l’AMNEFI, che è quella più rappresentativa. Poi i ricorsi al TAR hanno ribaltato la situazione: l’associazione è stata riammessa ai tavoli. Tuttavia il 14 novembre 2019 si è interrotta la trattativa, non sappiamo per quale motivo».

Il fermo dei medici fiscali sta creando problemi seri a tutto il mondo del lavoro: «Sappiamo che attualmente i datori di lavoro chiedono le visite e queste non vengono effettuate», spiega la dirigente SMI che aggiunge: «Un esempio è quanto accaduto al Pio Albergo Trivulzio di Milano dove è successo che su 900 operatori sanitari che dovevano essere al lavoro ce n’erano 285, il 65% di assenteismo. Sicuramente qualcuno ha avuto paura e si è messo in malattia».

Non è stato facile, anche da un punto di vista emotivo, sopportare un fermo obbligato in un momento in cui c’era grande bisogno di medici: «Io mi sono offerta per dare una mano in fase emergenziale. Ma spesso cercavano rianimatori, pneumologici e soprattutto in Lombardia. Io con tre figli non mi sono potuta spostare ma se avessi potuto lo avrei fatto».

«Prima della chiusura – conclude Mattioli – andavamo a fare le visite e ne abbiamo viste di persone malate avendo lavorato fino al 9 marzo. Ho visto casi di polmoniti, di febbri persistenti che coinvolgevano tutta la famiglia. Mio marito, che fa il medico di famiglia, mi aveva fornito di mascherine. Certo, se ora torneremo a fare visite dovremo andare ben equipaggiati».

Articoli correlati
Gli invalidi parziali che lavorano non avranno più diritto all’assegno di assistenza. L’appello: «Sanare stortura»
CoorDown e Uniamo a Governo e Parlamento: «Intervenire subito per restituire un segnale positivo a favore dell’occupabilità delle persone con disabilità». Il question time di Orlando
di Isabella Faggiano
Lavoratori senza Green pass, nessuna sanzione disciplinare ma blocco dello stipendio
Cosa stabilisce il Decreto Green pass bis? Sospensioni dallo stipendio e assenza ingiustificata per chi non ha la certificazione. Mentre si rischia la sanzione se si va comunque al lavoro
Smi, Cgil Medici e Simet a Speranza: «Rilanciare medicina generale con contratto innovativo e dignitoso»
Pina Onotri, Andrea Filippi e Mauro Mazzoni, in rappresentanza dei tre sindacati, scrivono una lettera al Ministro della Salute sul contratto dei MMG e sul Pnrr
Invalidità civile, OMAR contro l’ipotesi INPS di vincolare importi al reddito
Ciancaleoni (Osservatorio Malattie Rare): «Non si può solo voler risparmiare, va migliorato il sistema. Occorre inserire tutte le patologie nelle tabelle e lavorare sul tema della rivedibilità». Su 700 malattie rare hanno un codice di esenzione solo 7 e solo queste sono inserite nelle tabelle INPS: una su 100. Fare un aggiornamento su tutte è però possibile, il modello esiste
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 3 dicembre, sono 264.261.428 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.235.680 i decessi. Ad oggi, oltre 8,08 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

«A Natale 25-30mila casi al giorno e 1000 decessi settimanali. Tutto dipenderà dal Governo». L’analisi del fisico Sestili

L’intervista al divulgatore scientifico Giorgio Sestili: «La curva continuerà a crescere di un 25-30% settimanale. Lo scenario drammatico in Austria e Germania si può ripropo...